El spègio…

      5929.mp3
      5929.mp3

ài davergiù l’armar dal spègio grìs
lassà serà da ani a scòndiléoro
senza pànder penséri a chìche passa

gai gatà dent recòrdi e sgoi putàti
‘mpontadi a ‘n cièl revèrs che féva còntra
su ‘n prà vesìn le stéle arènt al cör

ma ‘l védro lì paziènt che ‘l me spetava
‘nmacià de negro torbol ‘n te ‘n canton
el s’èra tegnù dent en bòcia strambo
empiturà lì ‘n mez, se ‘l vardo mi

e subìt la pasion l’à fat en slìnch
tirandome ‘n te ‘n strép för dai me ‘nsogni
en fior che ‘l cimegava dré na zópa

lontan en ghimpen strach ‘l zìfola cét
la porta no la resta pù seràda
cròda na stéla su la balanza dei mé dì

Giuliano

Lo specchio…

ho aperto l’armadio con lo specchio grigio | lasciato chiuso per anni come un nascondiglio | senza rivelare pensieri a chi gli passa accanto | ci ho trovato ricordi e voli fanciulli | impuntati al cielo bigio e imbizzarrito | su un prato vicino alle stelle accanto al cuore | ma il vetro era paziente e mi aspettava | una macchia nera torbida in un angolo | si era tenuto dentro un ragazzino strambo | stampato proprio in mezzo, se guardo io | e subito passione ha fatto un sussulto |  tirandomi per i capelli, fuori dai sogni, | un fiore che annuiva dietro ad un cespuglio | lontano un ciuffolotto fischia piano | la porta non rimane ormai più chiusa | cade una stella sul bilancio della mia vita

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

12 commenti su “El spègio…

  1. Da Facebook:

    Daniel Di Schuler ” Cròda na stéla su la balanza dei mé dì” Non serve sapere il dialetto di Diaolin Giuliano Natali per capire questa chiusura. Basta aver vissuto … un po’.

  2. Non c’è nulla di più accademico, anzi di reazionario, di tanta sperimentazione poetica di terza mano. Non c’è nulla di più dialettale di tanta poesia scritta in italiano più o meno corretto. Questa è, semplicemente, lirica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available