Rotolane…

      5938.mp3
      5938.mp3

Le nòt le è rotolane che le sgola
sora qoèrti de taoléte ‘n pöc sföiade
cunàde sol dal sófi de la val

remór de gril spavènte sui cantéri
se ‘mponta anca la ràgia par en cìn

me strózego parole mai contàde
sul solch dei dì pù pégri e malmaduri
pitùra che ‘mbastiss giornade dolcie

le sfrasa i me’ penseri come ‘l vènt
lassando che ‘l paress carezze cète

ma ‘l ciel detórn l’empìza doi lumàte
pàr bràse a tegnir sùte làgrime stràche

Giuliano

Pipistrelli…

le notti sono pipistrelli che volano | sopra tetti di tegole consunte | cullate solo dal respiro della valle | rumore di ghiri timidi sopra le travi | rallenta anche la lancetta per un attimo | mi trascino parole mai rivelate | sul solco dei giorni più lenti e fanciulli | pittura che imbastisce momenti dolci | che sfiorano i miei pensieri come vento | lasciandole sembrare mute carezze | ma il cielo intorno accende alcune lucciole | sembrano braci per asciugare lacrime stanche

Trasposizione inglese di Daniel Suchert di Schuler

Bats

Nights are bats flying
over roofs of flaking tiles
lulled only by the breath of the valley
sounds of scared dormouses above the rafters
also the hand of the clock slows for a while
I drag words never revealed
over the furrows of slower and callower days
paint that outlines sweet moments
that brushes against my thoughts as wind
allowing them to seem like mute caresses
but the sky around lights up some fireflies
they seem like embers to dry tired tears

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “Rotolane…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available