zìfole…

      5948.mp3
      5948.mp3

qoanche nasse na parùssa ‘n trà i cesoni
‘n zifolòt ‘l ciciola tèndro ninenane da putàti
e de torn i spini spìzi i tèn da cònt la melodia
come cùna al baticör , tantalàn de vita növa

par tut bàta la sò cà, croda ‘nsin, par carezarla,
‘n vel de rösa, ‘mprofumada da na lagrema de nòt
e i zirési ‘mbarlumàdi i ghe s’ciàra ‘l sò prim sgol

anca ‘ncöi, ‘n te ‘l bosch tut torc, è crodà en nìo tut vért
l’era ‘n ricc pien de castègne, ghèrbe fìsse a ligar làori
le ‘mpieniss i me’ penséri de ‘l profumo dei me ‘nsòni
‘ntortoladi a i òci töi, brase calde arènt ai passi

GIuliano

castagne…

quando nasce una cinciallegra tra i cespugli | un fischietto cinguetta teneramente una ninna nanna da bambini | ed intorno spine irte custodiscono la melodia | come culle al batticuore, annuncio di vita nuova | sembra cotone la sua casa, cade persino, come una carezza, | un velo di rosa profumata da una lacrima di notte | ed i ciliegi abbagliati le illuminano il primo volo | ance oggi, nel bosco umido, è caduto un nido verde | era un riccio di castagne, molto acerbe che legano le labbra | riempiono i miei pensieri del profumo dei miei sogni | attorcigliati agli occhi tuoi, braci calde accanto ai passi

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

6 commenti su “zìfole…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available