valzer…

      5959.mp3
      5959.mp3

sgocia làgreme de aotùn da sto ciél carugenóss
e le nùgole, garnìzz, le smamìss ‘l color del bosch
le mè ociàde le se sfonda ‘n mèz a ‘l tórbol fumegà
a bramàr en cìn de lùm par smorzàrme gio la sé
föie crèpa sto silenzio sota ‘l pestolìcc zidioss
anca ‘n ultima pavèla la scoriosa e la sparìss
scorla ‘n àon el sò vestì, sqoasi mizz de invern ‘mprendù
passa en cagn, el ‘n à ‘n festidi, come fùssia ‘n fil de vent

po’ me sènto sora ‘n sass,
con la voze tòa che smàca
dent ‘n de ‘l pèt a tegnir calt
l’èi sinzera istess de ‘l rìo
a contàr le sò reson
strozegandose na storia
che par nòt ma s’ciàra el dì

vèn matina, ès ancor mèa

Giuliano

valzer…

piange lacrime d’autunno  questo cielo caliginoso |  e le nuvole, di cenere, sbiadiscono il colore del bosco | il mio sguardo poi affonda dentro al grigio color fumo | a cercare un po’ di luce per spegnere la mia sete | foglie rompono il silenzio sotto il calpestìo nervoso | anche un ultima falena incuriosita si dilegua | un ontano scrolla le vesi, quasi madido di inverno freddo | passa un cane, indifferente, quasi fossi un filo d’aria | poi mi siedo sopra un sasso | con la voce tua che insiste | dentro al petto a farmi caldo | è sincera come il rivo | che racconta le sue ragioni | trascinandosi una storia | che sembra notte ma schiara giorni | ora è l’alba, sei ancora mia

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “valzer…

  1. Bella, bella, bella: mi piace caro Diaolin anche se, ancora una volta, intonata forse con la stagione, la trovo struggente e piena di malinconia: un sentimento che conosco bene e che tu riesci a trasmettere alla perfezione con la tua voce suadente.

    Mi sembra che debba passare più spesso a trovarti: le novità infatti si susseguono a tempi ravvicinati. La stagione ti ispira: complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available