‘n festìdi…

      5986.mp3
      5986.mp3

me sento le àle dei béghei sfietàrse calìva ‘n silenzio,
pù cète de ‘n màrden feruscol scondù dré ‘n canton a la pàissa,
‘mpontà
l’è colpi batèsti sul niènt
che no i par che i ghe fùssia
ma i slànega fónde
le nòt co le stéle ‘mpizàde che slùsega empò
desmissiàndo la sera dal susùr de na nugola stràca ‘mpicàda a na luna
l’ài viste dré ‘l vedro strìsarse qoél négro spavènt
linzöl da betòneghe col patuèl encrosà sora ‘l cào

me resta ‘n la mént na ànda ‘nfiamàda
‘na stéla che cròda, scaràgna ‘n te ‘l ciel
la smòrbia chi varda smorzandose ‘mprèsa

ma la ‘n à ‘n festìdi de chiche à vegià

Giuliano

indifferenza..

sento il fremere d’ali dei gufi tagliare la nebbia in silenzio | più quiete di una martora in caccia nascosta dietro ad un angolo in agguato | guardinga | sono colpi ritmati sul niente | ché sembrano muti | ma deformano profondamente | le notti di stelle incendiate che luccicano ostinate | risvegliando la sera dal rumore di una nuvola stanca appesa a una luna |  l’ho viste da dietro al vetro solcare quel timido nero | lenzuolo di comari col fazzoletto incrociato sul capo | mi resta in mente una freccia infiammata | una stella che cade, scheggia nel cielo |  ammorbidisce chi guarda spegnendosi rapida | ma è indifferente su chi ha vegliato

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available