le mè man…

      6001.mp3
      6001.mp3

no le me obédiss pù, dalbòn, le me caréze mòrbie
le slànega matìne a vardar védri sfrisonàdi
da dedi si furèsti che no i sento pù mèi

gài ancor dent el vìo de ‘n bàso tèndro su la pèl
slissàda co ‘l mè dir che la mè storia la sia ancöi
ma no i dà òdia empò, i è ‘ngremenidi a le mè man
e ronca la passion de na sonàda su le ponte
empresonàda fissa ‘n tra le fìzze de ‘l me viver

de för la néo sinzéra la sqoérge ‘l bosch che tàse
lassandome ‘n te ‘l cör strangossi da putàt
saor de làori dolci perdudi ‘n la mè nòt

Giuliano

le mie mani

non mi obbediscono più, davvero, le mie carezze morbide | deformano risvegli a guardare vetri tratteggiati | da dita ormai aliene che non sento più mie  | ho ancora dentro la vita di un tenero bacio sulla pelle | coccolata dal pensiero che la mia storia sia il presente | ma non mi danno retta, sono immobili sulle mie mani | e arranca la passione per una suonata sulle punte | imprigionata stretta nelle pieghe del mio vivere | fuori la neve sincera ricopre il bosco che tace | lasciandomi nel cuore angosce di ragazzo | sapore di dolci labbra perdute nella mia notte

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

4 commenti su “le mè man…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available