en sass en te ‘l pèt…

      6049.mp3
      6049.mp3

el smondola la mè ànema da spìgoi e cantoni
smacàndo fiss en mèz come ‘n batòcio òrbo
lassandola lì tonda ‘n te ‘n cùcio mòrbi al tébi
po’ de le volte ‘l ronca tegnèndo ‘n pè le nòt
sqoergiùde sol de stèle che le canta ‘n baticör
e le se pèrde via sul sólch de lùna frét
che ‘ndrìza strade stòrte a corerghe dre a ùn
che no ‘l la spèta empò
maturlo,
élo, dalbòn
no ‘l la finisse pù de smolinarme ént
ma ‘l làsso star paziènt,
se ‘l pòlsa tiro ‘l fià e s’ciàra anca la sera

Giuliano

una pietra nel petto…

mi smussa l’anima da spigoli e cantoni | battendo forte in mezzo come un battocchio cieco | lasciandola lì, rotonda, in un nido morbido al caldo | poi, alle volte, scava, disegnando notti in piedi | coperte solo di stelle che intonano un batticuore | e si dileguano sulla traccia di luna fredda | che raddrizza strade storte a rincorrere uno | che non l’aspetterà mai | pazzo, | lui, davvero | non la smette più di macinarmi dentro | ma lo ignoro paziente | se riposa tiro il fiato e si schiara anche la sera

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

1 commento su “en sass en te ‘l pèt…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available