sgol…

      6071.mp3
      6071.mp3

passa ‘n ombrìa ‘mprendùda,
de néo soléva
a ‘ncalmar via passión che slànega le nòt
la smòrza gió, senza dir niènt,
anca na luna pàlida
che la péstola qoél cól de baticöri
barlùm su i me’ penséri desperadi,
grópi
grópi de ént
zìfola ‘l vènt, lontan
auzàndo sbolfri bianchi
a ‘mpituràr el grìs co ‘l fum dei pràdi
che ‘l léva ‘ncantà mìzz
dal ghirlo mat
e ‘l tonda, él, feruscol
el gira ‘n na pirècola de torn
a ‘n pel da tèra
come na föia arbandonada a ‘n valzer
che no ‘l se ruerà mai
solienta su le ale de la sera
la sgocia sol na lagrema, rosàda
a ‘n sol che ‘l la careza e po’ ‘l sparìss

Giuliano

volo…

passa un ombra pregna | di neve leggera | a sminuire passioni che sfigurano le notti |  e spegne in silenzio | anche una pallida luna | che cammina su quel colabrodo di batticuore |  crepuscolo sui miei pensieri disperati | nodi, | groppi nell’anima |  fischia il vento, lontano | aizzando folate bianche | a dipingere il grigiore col respiro dei prati | che si alza incantato, tumido, |  dal turbine pazzo |  e gira, lui, dannato | gira in un capitombolo d’intorno | a un soffio dal suolo | come una foglia abbandonata sopra un valzer | che non potrà mai finire | da sola sulle ali della sera | palesa solo una lacrima, rugiada | a un sole che la carezza e poi scompare

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “sgol…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available