ti, che me às mi…

      6087.mp3
      6087.mp3

scorla le ràme de ste strìe sdentegade
tacade su le chìpe come schiràti ‘n pàissa
co le onge fonde ‘n de la pèl de la montagna
sgrifando fiss finché la brèghela zidiósa
con qoéla voze che la smòrza tut le storie
de valgun che pàssa sol par en menùt
e po’ ‘l se perde ‘n te i so’ ‘nsòni ramaissadi
a scolobiàrghe tut le nòt senza redèntio
dedré da ‘n védro a contàr stéle senza fin
negàde ‘n de na làgrema de sal sgociàda pian
sui làori ormai secàdi da ‘n pensér torbol
pogià a na man come caréza mòrbia
par negùn che pöl sentirla sòa

Giuliano

tu che hai me…

tremano i rami di queste streghe sdentate | attaccate alle chine come scoiattoli in attesa | con le unghie affondate nella pelle della montagna | graffiando forte finché urla esasperata | con la sua voce che spegne tutte le storie | di qualcuno che passa solo per un minuto | e poi si perde nei suoi sogni messi a nudo | ad agitare tutte le notti senza tregua | dietro ad un vetro a contare le stelle senza finire mai | annegate in una lacrima di sale gocciolata piano | sulle labbra ormai arse da un pensiero torbido | appoggiato ad una mano come morbida carezza | per nessuno che possa sentirla sua

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

8 commenti su “ti, che me às mi…

  1. bellissima, struggente e amara, come quella distanza, una risonanza che si avverte in petto in solitudine.
    Grazie poeta. Una morbida carezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available