Anca i redàtoi i scaveza le rame…

      6095.mp3
      6095.mp3

Pònti de paia a perìcoi
postadi tra ‘n refol de vent
e na lagrema mizza de sol
sbalegiàdi da i passi spaventi
sul sinter che solàgn se palésa
adadré che la ragia empegrìss
esta storia balèca
i carga sinzeri na muta canzon

delicat, en redàtol, polsa l’ala ‘n menut
ma la crepa, la rama
fata sol coi susùri de ‘nsogni
de un che se perde
‘n de ‘l grìss de na nugola tórcia
pogiada a la sòn de la val
e la envida a spetàr
che po’ ciutia na stéla
lum de nòt a vegiàr
su i strangossi de ti che no gh’ès

Giuliano

anche gli scriccioli spezzano i rami

ponti di paglia in bilico | appoggiati tra un refolo di vento | e una lacrima intrisa di sole | calpestati dai timidi passi | sul sentiero che appare, solitario | mano a mano che la lancetta impigrisce | questa storia confusa | trasportano sinceri una muta canzone | delicato, uno scricciolo, riposa l’ala un momento | ma si rompe, il ramo | fatto solo con le grida dei sogni | di uno che si perde | nel grigiore di una nuvola madida | appoggiata al sonno della valle | ed invita ad attendere | una stella che faccia capolino | luce di notti di veglia | sul desiderio di te sempre assente

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

3 commenti su “Anca i redàtoi i scaveza le rame…

  1. ***
    Che emozione ascoltarti e leggerti, Giuliano.
    In te, nella tua voce c’è il canto di un mondo perduto.
    E lo scricciolo sul ramo sei sogni sei tu e volerai.
    Ove non giungeranno le tue ali, lì la tua voce governerà il senso.
    Amico mio, io ci cammino da molto con te.
    Vivo il pensiero.
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available