Ascoltala dal vivo...


Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

la rondola…

      6127.mp3

la val la se’mbombìss tuta de nùgole
traversa ‘l ciel na rondola petìzza
la sfrasa la mè ca’ come ‘n susùr
contà da ‘nsògni növi e ‘n pel spavènti
scondudi ‘n la cardènza dei recòrdi

la sgola, alta pu ‘n su, ‘n vèrs a le stéle
smorzade da ‘l azùr che se smarìsse
e tut ‘n de ‘n tràt l’èi lì a vardarme fìss
la cìciola la storia dei sò viàgi
contandomela piàn come carézza

e mi la scolto tèndra la so’ vita
l’à dent en tòch de mi, mi perdù via
sentà su ‘l or de ‘l viver coi me ‘nsògni
pogiadi al bater d’ale silenziose
sul cant de qoela frìzza che la torna

e basa le me galte ‘n goc de sol

Giuliano

la rondine

la valle si addensa tutta di nuvole  | attraversa il cielo, impettita, una rondine | sfiora la mia casa come un grido | raccontato da sogni nuovi e timidi | nascosti nella credenza dei ricordi | vola, alta più su, verso le stelle | spente da quell’azzurro che si scolora | e in un attimo si ferma ad osservarmi attenta | cinguetta un po’ il racconto dei suoi viaggi | come volesse darmi una carezza | ed io la sento delicata la sua vita | ha dentro un po’ di me, di me smarrito | seduto sul confine della vita coi miei sogni | appoggiati al batter d’ali silenziose | sul canto di quella freccia che ritorna | e bacia le mie guance una lacrima di sole

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Commenti (2)

  1. Guido Leonelli

    Bravo Giuliano: tu come na róndola petizza. Ci ho pensato un po’ perché, fra tante belle immagini, già come altre volte, faccio fatica a trovare un filo conduttore, un messaggio. E chissà se l’ho trovato.

    Rispondi
    1. diaolin (Autore Post)

      Direi di sì…

      Grazie, Diaolin

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *