en ponta de pè…

      6140.mp3
      6140.mp3

Rilettura in inglese di Guido Comin PoetaMatusèl, il testo è in basso
Grazie Guido, ti voglio bene

      6140-guido.mp3

s’è serà la porta granda da le ràge ‘n fèr batù
gh’èra ént na storia dólcia de caréze anca co i òci
sèmpro ‘n sgiànz de sol ‘n trà i vedri a cantar giornàde ‘nsèma
e i voltìni de l’androna i rembomba ancor de ti
come qoanche anca le rondole le se feva ‘n nìo scondùde
lì ‘n tra mèz a ‘n trào mèz marc e ‘n celor de malta ‘n paia
no l’à fat en crèp seràndo ma ‘l l’à compagnada ‘l ghirlo
e anca ‘l snöl ongiù polito l’à lassà la féss panpian
sol en sgrisol su la schéna qoél sperèl serà dal tut
ma me resta ent el profumo de qoél sgol pogià sul vent
con el sol a tegnìr calt e ‘n sorriso cèt ‘n de ‘l cör

vöime ben sol qoanche as tèmp
anca ‘l fuss sol en menut
par mi e par ti
e po’ pu niènt

Giuliano

in punta di piedi…

si è richiusa la grande porta con le raggie in ferro battuto | c’era dentro una storia dolce di carezze anche con gli occhi | sempre un raggio di sole tra i vetri a cantare giornate insieme | e le volte dell’androne risuonano ancora di te | come quando anche le rondini | costruivano il nido di nascosto | lì in mezzo tra un trave marcio ed il soffitto di malta in paglia | non ha sbattuto chiudendo ma l’ha accompagnata il vortice | e la maniglia oliata bene ha fatto in modo faccia piano | solo un brivido sulla schiena quella finestra chiusa per sempre | ma mi resta dentro il profumo di quel volo sopra il vento | con il sole a riscaldare e un sorriso timido nel cuore | amami solo quando avrai tempo | anche fosse solo un minuto | per me  e per te | e poi più niente

Rilettura dell’amico Guido Comin PoetaMatusèl

On tiptoe

The big door shut with its wrought iron spokes
inside a sweet affair of caresses also with looks
always with a sunray piercing our window panes
singing our days together and the hallway vaults
now still resounding with your voice just as then
when even the swallows built their nest in secret
there between a half-rotten rafter and the ceiling
of straw and mortar and it didn’t slam in shutting
but the whirlwind did it gently and the well-greased
handle also lent a hand a mere shiver down my spine
that window shut forever but inside me still the scent
of that flight upon the wind with the sun only to warm
me and a timid smile inside me inside my heart

love me only when you’ve time
even only for a minute
for me and for you

then nothing else

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

8 commenti su “en ponta de pè…

  1. Con una serie di belle immagini, anche se non sempre molto scorrevoli (vedi il distico finale) trapela chiaramente il rammarico, forse il dolore, per una porta che, pur non sbattendo, si è chiusa per sempre alle spalle ma che non smorza del tutto la speranza, come il volo dell’immancabile rondine, anche soltanto di un attimo di amore.
    Lirica che ho molto apprezzato per il suo pur triste messaggio.

  2. Ciao Giuliano, sei sempre GRANDE è bello passare il tempo a leggere, guardare e ascoltare le cose contenute nel tuo sito.
    Io sono tornato alla musica e ho abbandonato in buona parte l’informatica e le nuove scoperte “dell’acqua calda” come giustamente dici tu.
    Ciao
    Fabrizio Fogli
    Jolanda di Savoia (FE)
    (ex dip. Foxel.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available