menùdola…

http://www.diaolin.com/wordpress/mp3/6180.mp3

la strénge fiss, ghìrlo de èrba,
le mè gambe strapaciàde da ‘l ertión
che ‘l emponta ‘l tó sul sgrèben
fin che cìmega ‘n fioràt
campana cèta
come sófi de caréza
su le gàlte screpolàde
da ‘l vènt sùt de tramontana
che ‘l envìda nòt pù lònghe
strassinàde da ‘n aotùn
crodà chi ‘mprèssa, de strabàuz,
la se slìssa come slànza
‘ntrà le fìzze del mè màntess
e la pòlsa sora ‘l cör
sqoàsi ‘l bàtia ‘l bòt apòsta
pò la ràmpega sul còl
stofegando ‘l mè susùr
en de ‘n  brèghel ‘mprofumà
pròpi arènt a ‘l mè sintér
sparmezà ‘ntrà ‘l ciel e ‘l rìo

Giuliano

convolvolo…

stringe intensamente, vortice d’erba, | le mie gambe demolite dalla salita | che si impunta sul canalone ripido | fino a quando fa capolino un fiore | campana muta | come la carezza di un respiro | sulle guance screpolate | dal vento asciutto di tramontana | che propone lunghe notti | trascinate da un autunno | presentatosi improvviso, con l’inganno | e poi striscia come serpe | tra le coste del mio petto | Si riposa sopra il cuore | che scandisce mezzogiorno quasi apposta | poi si arrampica sul collo | soffocando il grido stanco | in un urlo profumato | proprio accanto al mio sentiero | condiviso tra cielo e fiume