seboìto…

      6194.mp3
      6194.mp3

destrìgheme le nòt
tì,
bolìfa ‘n méz le stéle
che slàneghes ensògni
slìmegàdi da na làgrema saorìda

carézeme pan piàn
le storie che te cònto a pèzi e tòchi
dai mè làori ‘n pél morèi
l’è vére che me lìga
a qoél sintér giùst pestolà

ensìn na föia, rossa
de àser, mìzza
la porta ‘n schena al vènt
la mè canzon, spavènta
perduda ‘n de i recòrdi

a disegnar na strada che la va
denànzi al pass, soléva

Giuliano

agitato…

sbrogliami le notti| tu, | favilla tra le stelle | che sciupi sogni | persi in una lacrima di sale | accarezza piano piano | le storie che ti racconto mano a mano | dalle labbra un po’ più scure | sono anelli che mi legano | a quel sentiero appena amato | persino una foglia, rossa | di acero, turgida | trasporta in schiena al vento | la mia canzone, timida  | abbandonata nei ricordi | per tracciare una strada che va | davanti al passo, leggera

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

6 commenti su “seboìto…

  1. carezeme panpian
    le storie che te conto a pèzi e tòchi ….
    danno la misura di un Amore lento e dolce condito di carezze e poesia.
    Bellissima lirica.
    e poi… destrigheme le nòt, Ti.
    Fantastica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available