La solita slòica…

      6261.mp3

nadàl, Santa Lùzia, befane e facére
ninöi, matelòti e campane che sòna
tut fèste, colori slusènti e lumàte
tacàde a le rame de ‘n petc batù gió
se ‘l è bèl par en cant, se l’è brut par rognàr

bòne gènt par la strada le ‘ntòna canzon
che se perde ‘n de l’aria de bata, bombass
zifolòti lontani i ‘mpitùra  la sera de fis’ci
e sperèi che se sèra dré a camini che fuma
l’è rasa, l’è crèpi e bolìfe, fogolàri broènti

sota ‘l pònt, su le ròste, cartoni che scorla
al sofi de ‘l arfi dei làori morèi, enghiaciàdi
par dar paze a le man ‘ntortolàde dal frét

e sul corer de mosche ‘ncoloride de bianch
se ‘mprofùma de dolc le tibàne pù negre
disegnando ‘n de’l cör desidèri par tuti

par valgùn sot a ‘n àrbol: mandorlati e cerèle
par valgùn, lìve arènt, i diaolìni ‘n de i dedi

Giuliano

la solita solfa…

Natale, Santa Lucia, befane e Krampus | giochini, bambini e campane che suonano | festa grande, colori abbaglianti e  scintille nel cielo | appese ad i rami d’un abete abbattuto | per cantare se è bello o lamentarsi se è brutto | brava gente, giù in strada, che intona canzoni | che si perdono nell’aria di cotone, bombaso | fischietti lontani dipingono la sera di suoni | le finestre si chiudono dietro a camini che fumano | è resina, crepitii e faville nelle stufe roventi | sotto il ponte, sulle rive, cartoni che vibrano | al soffio del respiro di labbra annerite, ghiacciate |  per calmare le mani contorte dal freddo | e sul volo di mosche diafane | si profumano di dolcezza i pertugi più scuri | disegnando nel cuore un desiderio per ognuno | per qualcuno sotto ad un albero: torroni e dolciumi | per qualcun altro, lì accanto: le mani gelate

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

8 commenti su “La solita slòica…

  1. ***
    Magia della voce?
    Affetto per un amico che attendo per una passeggiata muta ad ascoltar silenzio?
    Una cartolina di Natale …
    Che poi sia buono per tutti, il Nascituro a sperarci e tanti cuori e sguardi lucidi in mani gelate.
    Ma è Natale, Giuliano.
    Dies Natalis Solis Invicti.

  2. Perfetta coerenza tra l’immagine del babbo natale e il contenuto della lirica. L’immondezza di quel sacco di regali ben descrive quanto dici e la vergogna che risulta evidente nel finale della tua bella riflessione. Grazie Giuliano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available