lustro…

      6337.mp3

se ghe vorìa na tompestàda
a ‘ndrizar tuti qoéi penséri che smolìna
dent ‘n de l’ànema mai stràca
tuta rebòtoi e spini spìzzi
metudi lì su la sò pèl, carta da védro

i sponge e i ràssa ogni valgùn che ‘l se arvesìna
cognerìa meterlà a ‘l avèrt, a ‘l arbandón
che ‘l tèmp revèrs el se la lùstria
o lassarla nar a salti e pirli
gio ‘n tra i cròzzi a smondolarse
par pò gatarla lavada e néta
‘n font a na möia, negàda mìzza

ma la se ‘mponta
e ‘l cör el smàca…

Giuliano

lucido…

ci vorrebbe la grandine | a raddrizzare tutti quei crucci  che rovistano | dentro all’anima mai stanca | bitorzoluta, piena di spine acuminate | sulla sua pelle, carta vetrata | pungono e raschiano ogni qualcuno che le si struscia accanto | dovrei esporla alle intemperie, abbandonarla | ché il tempo greve se la smussi | o lasciarla cadere a salti e giravolte | giù, tra le rocce per mondarsi | per poi trovarla lavata e pulita | sul fondo di un ansa del fiume, annegata e turgida | ma si trattiene | e il cuore palpita

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available