‘l or…

      6367.mp3

e mi che me ‘mpensava che ‘l fuss giust
qoél ór, embastì sù, a la bòna e via
me son fermà a cosìr qoél tòch de scàmpol
gatà, adadré, su l’onda del mè nar
tegnèndo l’ucia fìssa su ‘l pont lònch
che tùt se ‘ndrìzia drit dré a le mè smanie
pensava che oramai la néssa ‘n gió
envezi s’è ‘ngiomà ‘l rochèl de torn
e i ‘nsògni come cóspi su la fràona
i smàca fiss resón che par furèste
e i lassa lì, mprendudi a ‘n baticör,
stradèi perdudi ‘n lònga a campi arsi

despónto ‘n cìn la strìsa, tutta spìzzi,
e rèsta fili al vènt desmentegàdi
se i tìro sfrànzo tràme pestolàde
se i mòlo par tut pièn ma scognossù

Giuliano

il confine…

ed io che immaginavo fosse giusto | quell’orlo, imbastito, a pressapoco | mi sono ritrovato a cucire quel pezzo di scampolo | trovato proseguendo sull’onda del mio incedere | tenendo stretto l’ago sul punto lungo | che tutto si raddrizzi seguendo le mie smanie | pensavo che oramai fossi in discesa | invece, il rocchetto, si è ingarbugliato nuovamente | e i sogni come zoccoli sul selciato | battono intense ragioni aliene | e lasciano sul suolo, intrisi in un batticuore | sentieri persi accanto a campi arsi | sciolgo un poco la striscia fatta a pizzo | e restano fili al vento dimenticati, | se tiro dilanio trame già percorse | se lascio sembra fitto ma sconosciuto

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available