cant de ‘n grilét a na luna

      6380.mp3

sconfióna la nùgola spéssa
che ‘l sófi de aotùn che te scònde
‘l te fés da corona
precìss come còcoi de lèpz
al scorlar de la bòzza sinzéra
e fàite ninàr da sta canta de gràgole
perdùde ‘n de ‘l erba secàda dal vènt
sqoasi a farte ‘l amor tute ‘nsema, petìzze
putàna che ès ti, che esibìses la sbògia
e làghes strangossi, mandòle scordàde,
strengiudi ‘n de n véder stranià da ‘l tò lum
po’ pességa na cima a tegnìrte su ‘l vél
e sùbito ‘l cant ‘l se sconfonde a la nòt
te spèto, doman, e ‘ncòrdo l’archét
veràs che te baso
veràs…

Giuliano

canto di un grillo a una luna…

spintona la nuvola turgida | ché il soffio d’autunno che ti ricopre | ti adorni con corone di fiori | come fossero bolle di vinacce svampite | quando scuoti la fiasca sincera | e fatti cullare dal canto di battole | sperse nell’erba inaridita dal vento | quasi a farti all’amore, tutte insieme, gelose | puttana tu sei che esibisci il tuo petto | e permetti singhiozzi a mandòle scordate, | avvinghiate allo sguardo straniato al bagliore | poi si affretta una cima a nasconderti il viso | e, improvviso, quel canto si scioglie nel buio | io ti attendo, domani, mentre intono l’archetto | vedrai che ti bacio, vedrai

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available