el presèpi…

      6439.mp3

Co la bèna de na ruspa a farghe qoèrt
su la chìpa de ‘n rivòcc che è na par sóra
gh’è na tenda de remenghi ‘ngremenidi
tràti lì, come mondizie de scondon

Uno negro, i làori sgionfi e i òci fondi
éla rìzza, ‘l sguardo bas perdù ‘n la nòt
en putàt che ‘l giùga e ‘l ride con en sóres
‘l lo ziménta con en spàch ligà a la cóa

vèn lì un con en capèl da la viséra
e ‘l envìa ‘l motor del cànchen, tuto fùm
tut de ‘n tràt sparìsse tende e bambinèl
‘l à netà bèn bèn la ròsta dal pericol de brentana

l’è tut bèl, regolà via come ‘n de stùa
da lontan vèn canti e lùm de vin brulè
spalà via ‘l festìdi spórch parte la festa
mandorlati e panettoni a profusion

resta lì ‘n tapé balèch
come cros da sqoèrger via

Giuliano

il presepe…

con la benna di una ruspa come tetto | sulla ripa di un rigagnolo straripato | c’è una tenda di senzatetto infreddoliti | abbandonati come immondizia, di nascosto | uno negro, le labbra gonfie e gli occhi intensi | ricciolina, lei, lo sguardo perso nella notte | un bambino gioca e ride con un topo | lo perseguita con un filo attaccato alla coda | arriva uno con il cappello con la visiera | ed avvia il motore del mezzo, è tutto fumo | d’improvviso scompare tenda e bambinello | ripulita bene la riva dal pericolo di piena | è tutto bello, come in su salotto al caldo | da lontano vengono canti e luminarie dal sapore di vino caldo | ripulito il fastidio sporco parte la festa | mandorlati e panettoni in quantità | resta lì un tappeto storto | come croce da coprire

Musica: Johann Sebastian Bach – Magnificat in D major, BWV 243 – Nikolaus Harnoncourt

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

4 commenti su “el presèpi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available