El tòni…

      6450.mp3

anca ancöi se sente ‘n l’aria,
‘n qoél profumo de castègne
brustolàde su le bràse de ginéoro,
qoéla vóze che te cònta del Nadal
pien de ordégni che ‘mbarlùma
‘nsìn el cör che pòlsa al scur
l’è na slòica che i ne vende
al mercà de le gènt pèrse
che ga ‘l vìzi maledeto
de arivàr sèmpro pu prest
sqoasi ‘n ròcol par i osèi
che i va dré a la coa pu lònga
e risade e tanti auguri
i è ‘l farlèt de chiche magna
le speranze e i ‘nsògni nudi
sparpaiadi da le gènt
par soménza a ‘n viver nöo
po’ se sèra ‘l uss de ca’
cavà ‘l tòni de belezza
chiche è ént resta de ént
chiche è för no l’è negun
resta ciàcere e bosìe

par valgùn l’è ancor pu frét

Giuliano

la tuta da imbianchino…

anche oggi si sente nell’aria,| in quel profumo di castagne | abbrustolite sulle braci di ginepro, | quella voce che racconta del Natale | pieno di cose che abbagliano | persino il cuore nascosto al buio | è una storia che ci vendono | al mercato delle anime perse | che ha preso il brutto vizio | di aprire sempre prima | quasi fosse un roccolo per uccelli | che inseguono lo stormo grande | e risate e auguri cari | sono lo strame di chi si ciba | di speranze e sogni nudi | sparpagliati dalla gente | come sementi di vita nuova | poi si chiude l’uscio di casa | tolta la tuta di imbianchino | chi è entrato resta dentro | e chi è fuori non esiste | solo chiacchiere e fandonie | per qualcuno è ancora più freddo

La canzone in sottofondo è del maestro Bepi De Marzi cantata dai suoi Crodaioli: Piccola canta di Natale

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “El tòni…

  1. Al mercato delle anime perse chi e dentro resta dentro e chi è fuori non esiste. Perfetta fotografia del Natale consumistico. Il freddo per chi resta fuori rende l’ idea del calore che dovrebbe essere un vero Natale. Grazie Diaolin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available