This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Fri Apr 19 16:23:47 2024 / +0000 GMT

làgreme...



parerìa che 'ncöi, el dì fus un de qoei solàgni

scondudi, fòrsi, en de na nugola de bata

'nrapolàda a rampegàrse 'n cima 'l dòš

par cercar, dedré na stéla 'mparmalósa,

qoél sol smamì che 'l giùga, gualìo che 'n matelàt

a scondiröl de dré 'n canton su 'n trà le àre

e dent de mi me sento fòrt na voze che la sgrìfa

come che 'l fus che te strusìasti arènt

col tò parlarme tèndra de qoéi cruzi

strengiudi 'n de 'n strangóš che às zacà gió

par no lašar dolor che se palésia

e tut parés azùr, parsìn la brùma

te vedo ti che vègnes sui mè di

lasandote cunàr sul vènt ferùscol;

lontan, se vede 'l ciel, tamiš che scorla

uzàr för dai sò busi 'n vel de zucher

flanèla freda al giö che tègno dent

regal che m'ài gatà, davèrti i òci

e a mi me parerìa sol na trivèla

postàda sora 'l vènt la gira 'n tondo

soléva 'n de qoél sgól che 'l dura 'n cìn,

par pò calmarse cèt, crodando mòrbia

sul petalo de 'n fior che è li che varda

e 'ncolorìs la sera dai sòi òci

l'è làgreme che lasa 'n bòn odor

Giuliano

sembrerebbe che oggi, fosse uno di quei giorni solinghi

nascosti, forse, in una nuvola di cotone

attorcigliata ad arrampicarsi in cima al dosso

per cercare, dietro ad una stella permalosa(timida),

quel sole sbiadito che gioca, come un ragazzino,

a nascondino dietro un angolo su in mezzo alle soffitte

e dentro di me sento una voce intensa che graffia

quasi fossi tu che ti strusci addosso a me

con quel modo tenero di parlare dei tuoi problemi

stringendoli in un angoscia digerita

per non lasciare che il dolore abbia il sopravvento

e tutto sembrasse azzurro, anche la brina

ti vedo che riempi i miei giorni

lasciandoti cullare sul vento birichino

lontano, si vede il cielo, setaccio che vibra

per spingere fuori dai suoi buchi un velo di zucchero

flanella fredda al giogo che sento dentro

regalo ritrovato, appena aperti gli occhi

e mi sembrerebbe solo una trivella(seme d'acacia)

appoggiata sopra il vento che gira in tondo

soffice in quel suo volo che dura un attimo

per poi calmarsi tranquillo, cadendo morbida

sul petalo di un fiore che è li che osserva

e colora la sera tramite i suoi occhi

sono lacrime che lasciano un buon profumo

Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. MS Word saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com