This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Wed Jan 29 7:58:58 2020 / +0000 GMT

malfidènt



el conta che qoél altro 'l susùria paròle

'n la récia de un che 'l se tèn su le sòe

na rèchia la par, ma l'èi sol porcarìe

contade 'n de 'n fis-cio, la destrìga 'l doman

l'è el el colpevole, qoél altro 'l sassìn

valgun el se 'nmàcia anca l'ànema slöza

e mi, che t'ài vìst sol via 'n lònga al murét

postà lì, fegùra, a tenderghe ai màli,

'mpiantava 'n fioràt su 'n na sféssa sul mur

par darghe colori a la grava che spénge

lassandoghe 'n baso che 'l sbròchia de aotùn

po' négro me arìva 'n pefèl con el stèmpel

con su tut na slòica de còmmi e de articoi

el diss che 'l fioràt el metia 'n perìcol

le gènt che le pasa e prezìpitia 'l mur

cogneves vardarlo coi òci de 'n bòcia

par rènderte cont de 'l sgiànz de color

ma ti, malfidènt, voleves che 'l rónchia

e adèss te fas grànt con na zàpa su 'n fior

Giuliano

malfidente

sta raccontando che l'altro sussurri parole | nell'orecchio di uno che non si sa chi sia | sembra una preghiera, ma è solo dileggio | raccontato in un sibilo | distruggendo il futuro | è lui il colpevole e l'altro l'assassino | qualcuno si spora anche l'anima lurida | ed io, che ti ho visto solo vicino al muretto | appostato, canaglia,  a fare la guardia, | io piantavo un piccolo fiore sulla crepa nel muro | per dare un colore al ghiaione che preme | lasciandogli un bacio che sbocci d'autunno | poi nero mi arriva un avviso col timbro | con sopra una serie di comma ed articoli | racconta di un fiore che mette in pericolo | la gente che passa e rovini il muro | dovevi osservarlo con occhi bambini | per renderti conto del colore dipinto | ma tu, mal fidente, volevi un disastro | e diventi uomo con una zappa su un fiore

Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. MS Word saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com