This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Sun Apr 14 1:02:32 2024 / +0000 GMT

Aotùn...




se 'mpìza lùm, come bolìfe su 'n tra 'l qoèrt
le pòrta dré céndro de dì che brùsa ancora
de dent en l'anima che sofia 'n mèz le bràse
auzàndo föghi cetàdi gió da 'n pèz da i làori tébi

pòlsa 'n salgàr co' la sò ciòma bionda da furèst
su 'l or del rìo revèrs empiturà de aotùn 'mbombì

la cala 'mprèssa la mè nòt, garnìz tut negro gremenos,
e tut le storie le devènta 'n valzer de parole
'n de la testa che la tonda a pass balèch
sui salesàdi frédi del mè narghe 'ncòntra al viver

par che me créssia 'nsìn doi ale, de piume enfosinade,
metùde lì, dalbòn, par en buton en mèz a 'n baticör de stéle
pogiandome, soléo, su l'angonìa de la val muta

e tut deventa ciel

Giuliano

Autunno...

si accendono lumi come scintille su nel tetto | portano ceneri di giorni che bruciano ancora | dentro l'anima che soffia tra le braci | aizzando fuochi ormai quietati da labbra tiepide  | riposa un salice con la sua chioma bionda forestiera | sull'argine del rivo furioso colorato d'autunno intenso | cala rapida la mia notte, fuliggine tutta nera ed irrequieta | e tutte le storie diventano un valzer di parole | nella testa che gira a passo sghembo | sul selciato freddo del mio andare incontro al vivere | sembra mi crescano persino due ali, di piume nere, | messe lì, apposta, per una spinta verso il batticuore di stelle | appoggiandomi, leggero, sul canto grave della valle muta | e tutto diventa cielo.
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com