This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Tue Sep 22 17:00:41 2020 / +0000 GMT

valzer...




sgocia làgreme de aotùn da sto ciél carugenóss
e le nùgole, garnìzz, le smamìss 'l color del bosch
le mè ociàde le se sfonda 'n mèz a 'l tórbol fumegà
a bramàr en cìn de lùm par smorzàrme gio la sé
föie crèpa sto silenzio sota 'l pestolìcc zidioss
anca 'n ultima pavèla la scoriosa e la sparìss
scorla 'n àon el sò vestì, sqoasi mizz de invern 'mprendù
passa en cagn, el 'n à 'n festidi, come fùssia 'n fil de vent

po' me sènto sora 'n sass,
con la voze tòa che smàca
dent 'n de 'l pèt a tegnir calt
l'èi sinzera istess de 'l rìo
a contàr le sò reson
strozegandose na storia
che par nòt ma s'ciàra el dì

vèn matina, ès ancor mèa

Giuliano

valzer...

piange lacrime d'autunno  questo cielo caliginoso |  e le nuvole, di cenere, sbiadiscono il colore del bosco | il mio sguardo poi affonda dentro al grigio color fumo | a cercare un po' di luce per spegnere la mia sete | foglie rompono il silenzio sotto il calpestìo nervoso | anche un ultima falena incuriosita si dilegua | un ontano scrolla le vesi, quasi madido di inverno freddo | passa un cane, indifferente, quasi fossi un filo d'aria | poi mi siedo sopra un sasso | con la voce tua che insiste | dentro al petto a farmi caldo | è sincera come il rivo | che racconta le sue ragioni | trascinandosi una storia | che sembra notte ma schiara giorni | ora è l'alba, sei ancora mia
Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. HTML saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com