This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Fri Aug 23 20:01:00 2019 / +0000 GMT

silènzi...




Te scontrava su la strada de la scöla

co i cavèi che te scondéva i òci mòri

el paréva suzedéss tut de scondon

e qoéi pàssi en mèz al parco 'n pel pù pégri

i slentàva tut la sgàia de 'n tò dir

pròpi 'n lònga a le banchéte, 'l sguardo bass

anca 'l tèmp 'l se deva pàze 'n sol menùt

i colombi a sbecolàr en mèz a 'l spiàzz

tut taséva cèt lassando 'l cör cantar

e ogni volta me son dit "doman te 'l digo"

te dimando "che as en nòm?" con en sorìso

fòrsi l'era 'l desidèri anca de ti

ma 'l s'è stofegà 'n te 'l tàser de 'n susùr

scondù font 'n de la cardènza dei recòrdi

Passa 'l tèmp senza redènzio e 'l ciél l'è azur

ma 'l tò nòm l'è 'n sguardo nét restà lì nut

Giuliano

silenzio...

ti incontravo sulla strada della scuola | coi capelli che nascondevano gli occhi scuri | sembrava tutto accadesse di nascosto | e quei passi in mezzo al parco un po' più lenti | allentavano la voglia di una sola tua parola | sfioravamo le panchine, lo sguardo basso | anche il tempo prendeva fiato per un momento | i colombi beccavano in mezzo allo spiazzo | il silenzio concedeva un canto al cuore | e ogni volta mi son detto "domani te lo chiedo" | ti domando "qual'è il tuo nome?" con un sorriso | chissà se era pure il tuo sentire | ma si è spento nell'attesa di un sussurro | ormai celato nella cesta dei ricordi | passa il tempo senza redentio e il cielo è azzurro | ma il tuo nome è quello sguardo ancora nudo

 

Un piccolo ricordo di una sconosciuta rimasta nel cuore da quando ero ragazzo, a scuola a Bolzano. La incontravo ogni mattina, per 3 anni, nei giardinetti di via Dante e pensavo che un giorno le avrei chiesto come si chiamasse.

 

Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. MS Word saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com