This page was exported from nalènt... [ http://www.diaolin.com/wordpress ]
Export date: Mon Feb 26 4:25:49 2024 / +0000 GMT

Canchen nr. 19




Sbalànzo tacà su a na soga, de soga

Che la strenge a mazàrme de ént

Senza che sentiss mal par dalbòn

La fa 'n sólch ligeròt en te 'l còl

Che me ùsia pan pian senza 'l cào

Da lontan ciama uno, l'è 'n brèghel

Cola mént mi me 'l cerco e no 'l gàto

Vardo' n giò en vers a tèra, giarèi

Gh'è qoel un de qoel brèghel sgaùss

Tacà ai pèi, 'l tira en gió, l'ultim strep

Cardine nr. 19

Dondolo appeso a una corda, di corda

Che stringe per uccidermi l'anima

E il dolore non pare ci sia per davvero

Striscia un solco leggero sul collo

Che mi abitui a vivere senza testa, pian piano

Da lontano un tipo che chiama, è un urlo

Con la mente lo cerco, non c'è

Guardo in basso il terreno, ghiaino

C'è quel tipo di quel grido vano

Appeso ai miei piedi, che tira, un ultimo strappo

 

 

 

Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. MS Word saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com