C

ca’ = s.f. – casa, cucina; for en te ca’ in cucina; el la mena ’n ca’ detto dello sposo che accoglie la sposa novella nella casa paterna; el me la mena ’n ca’ espressione per indicare che è nato un maschio, perchè a suo tempo anche lui alloggerà la sposa nella casa paterna, secondo la tradizione.

cabarè = s.m. – vassoio.

cabia = s.f. – gabbia; prigione.

cabice = s.f. pl. – caviglie, malleoli.

cabiot = s.m. – bugigattolo; casotto in legno usato come ricovero di attrezzi o di animali da cortile.

caca = s.f. – cacca; cosa sudicia.

cacagnh = agg. – bloccato, fermo cfr, anche encagnà.

cacedrel = s.m. – secchia di rame con manico (mobile e a semicerchio) di ferro, usata per 1’acqua potabile; cfr. anche calcedrel.

cacia = s.f. – caccia.

caciador = s.m. – cacciatore; caciador dala lipa cacciatore buono a nulla.

caciarol = s.m. – caposquadra di operai.

cadena = s.f. – catena; passamano a catena; serie; intelaiatura di legno del letto; molla del1’orologio.

cadenac’ = s.m. – catenaccio, chiavistello.

cadenela = s.f. – catenina.

cadin = s.m. – catino di legno.

Cadrobi = top. in comune di Sover.

cafè = s.m. – caffè; cafè bianc caffelatte, latte e caffè d’orzo; cafè bon caffè, quello bollito in un pentolino; cafè de ca’ surrogato di caffè, caffè lungo e acquoso; cafè de grani; caffè (Coffea arabica); cafè de orz surrogato di caffè, ottenuto dall’orzo; cafè en polver caffe macinato; cafè negro puro caffè (al pl, cafedi).

cafeda = s.f. – caffè casalingo, ottenuto dal seme di alcune leguminose (Lupinus angustifolius e Lupinus hirsutus); surrogato di caffè.

cafedar = s.m. – alcune varietà di lupino (Lupinus augustifolius, Lupinus hirsutus).

cafetera = s.f. – caffettiera (bricco in rame per il caffe).

cagar = vr. – cacare.

cagarela = s.f. – diarrea; cfr. anche corea.

cagion = s.f. – cagione, causa, motivo.

cagn = s.m. – cane; no trovar en cagn non trovare alcuno; sol come en cagn solo come un cane; se dar ai cagni darsi alla disperazione.

cagna = s.f. – cagna; grillotalpa; tenaglia da idraulico; fatica; vita da cani; servizio militare.

cagnar = s.m. – canile; bugigattolo sporco.

cagnara = s.f. – cagnara, chiasso; sciocchezza, casa di nessun valore; bugia.

cagnon = s.m. – fieno di monte, cervino (Nardus stricta).

cagnot = s.m. – cagnolino; percussore a scatto nelle armi da sparo.

Cagnoti = soprannome di famiglia a Cembra.

caia = s.m. – avaro, spilorcio.

caiar = vr. – cagliare; inacidire; p.p. caià cagliato, detto del latte inacidito e rappreso; cfr. anche agro.

cal = s.m. – callo, callosità.

calandar = s.m. – calendario; far calandari almanaccare.

calandra = s.f. – cuneo di pietra o di legno.

calamar = s.m. – calamaio; calamaro; occhiaia livida.

calar = vr. – calare.

calc = s.f. – calce viva, calce idraulica; far for la calc’ bagnare la calce viva.

calcagiara = s.m. – rullo compressore.

calcagn = s.m. – calcagno; na tonda sul calcagn (fare) dietro front.

calcagner = s.m. – calzascarpe; cfr. anche calzarol.

calcar = vr. – calcare, premere.

calcara = s.f. – fornace per la calce viva.

calcedrel = s.m. – secchio di rame (con manico in ferro, mobile e a semicerchio) per 1’acqua potabile; cfr. anche cacedrel.

calcin = s.m. – base dell’albero tagliato, rocchio.

calcin = s.m. – fondo della calce.

calcina = s.f. – calce idraulica o latte di calce.

calcinoci = s.m. pl. – calcinacci.

calcol = s.m. – calcolo; ghe far calcol tener conto, misurare, stare nel conto.

calcola = s.f. – calcola (parte del telaio).

calcolar = vr. – calcolare, considerare, giudicare; no i me calcola non mi stimano, non mi considerano.

calcrevada = s.f. – indolenzimento dei muscoli (dovuto ad eccesso di sforzo fisico).

caldel = s.m. – cataplasma.

caldera = s.f. – caldaia, grande paiolo di rame.

calendra = s.f. – calendario solare.

calendrini = s.m. pl. – piastrine metalliche che si applicano alle calzature per non scivolare.

caliar = s.m. – calzolaio.

Caliarei = soprannome di famiglia a Sover.

calibro = s.m. – equilibrio.

calin = s.m. – colino, calin dal lat colino di legno con cui si filtra il latte, attraverso un panno.

calio = agg. – sporco di caligine.

caliva = s.f. – caligine, fuliggine; foschia.

caliverna = s.f. – galaverna, nebbione; fumo stagnante; polverone.

calmela = s.f. – innesto di un tralcio.

calo = s.m. – calo, diminuzione.

calonega = s.f. – canonica.

caloros = agg. – caloroso.

calota = s.f. – piccolo tino di legno, forato, usato per scolare la ricotta; cfr. anche carota; calotta, copricapo senza tesa; fegura del calota brutta figura.

calt = agg. – caldo; date na calda riscaldati.

calugen = s.m. – caligine; umore che si condensa sulle incrostazioni di fuliggine.

calumar = vr. – spiare per curiosità; indagare per interesse personale; adocchiare.

calvario = s.m. – calvario.

calvestro = s.m. – capestro, cappio; pedale del calzolaio; cinghia che tiene ferma la scarpa sulle ginocchia del calzolaio.

calzarol = s.m. – calzatoio, calzascarpe; cfr. anche calcagner.

Calzeranega = top. – Calceranica al Lago.

calzet = s.m. – calzino.

calzoni = s.m. – sovrappantaloni per proteggere calze e calzoni dalla neve.

camamilia = s.f. – camomilla.

cambi = s.m. – cambio, baratto.

cambialeta = s.f. – bigliettino, attestato rilasciato agli scolari più buoni.

cambiar = vr. – cambiare; cambiarghe l’aqua al merlo orinare.

cambiazion = s.f. – cambiamento.

cambra = s.f. – specie di erpice di ferro a 2 punte.

camel = s.m. – fame.

camelaoi = s.m. – vacca robusta ma che dà poco latte; vacca buona per il traino.

camerin = s.m. – stanzino; cfr. anche stanziol.

cameron = s.m. – stanzone.

camin = s.m. – camino, focolare; canna fumaria, comignolo; cappa del camino.

caminada = s.f. – cappa del camino.

caminal = s.m. – cappa della fucina.

Camineri = soprannome di famig1ia a Sover.

camis = s.m. – camice.

camiSa = s.f. – camicia; involucro; armatura provvisoria di una costruzione; darghe le so camiSe congedare, licenziare.

camosc’ = s.m. – camoscio.

camol = s.m. – verme della farina e degli alimenti in genere; tignola.

camp = s.m. – campo.

campagna = s.f. – campagna; far campagna rasa distruggere ogni cosa.

Campagnoi = soprannome di famiglia a Cembra.

campana = s.f. – campana; mannaia usata dal macellaio per uccidere le bestie; campane moccio; cfr. anche rogele.

campanela = s.f. – designazione di vari fiori appartenenti al genere delle campanulacee.

campanel dela vaca = s.m. – campanaccio, campano.

campanil = s.m. – campanile; paese natio; campanil dele strie Campanil Basso nel gruppo delle Dolomiti del Brenta.

campanò = s.m. – rintocchi delle campane a festa; dicerie.

campar = vr. – campare, vivere.

campòt = s.m. – campicello; tratto del rosario compreso tra dieci grani.

campigol = s.m. – pascolo in mezzo al bosco; campicello.

Campigol = top. in montagna a Sover.

campirlot = s.m. – capriola, capitombolo.

camufolo = agg. – che cambia, che sta guastandosi (detto del tempo).

can = s.m. – cane; can dai biSi cattivello, biricchino; can da l’ua briccone.

Cana = soprannome di famiglia a Piscine.

cana = s.f. – canna; tibia; cappello a mezza tuba; ne le cane in miseria; en cana in miseria, in bolletta; elegante.

canagola = s.f. – strumento di ferro per misurare il diametro degli alberi; soggolo.

canaia = s.f. – canaglia.

canal = s.m. – canale, cunetta; chiassaiola; la fa canal detto di una bestia che non resta gravida. canaline = s.f. pl. – venditrici ambulanti (provenienti dal Veneto) di posate e stoviglie di legno. canalini = s.m. pl. – viandanti.

canaluz = s.m. – gola, esofago; briccone.

canapè = s.m. – divano, sofà.

canarin = s.m. – canarino; gradazione di colore giallo.

Canarini = soprannome di famiglia a Sover.

canchen = s.m. – cardine; giò dai cancheni giù di morale, poco stimato; pipa da fumo.

candeler = s.m. – candelabro.

candola = s.f. – caraffa; barattolo.

candolòt = s.m. – barattolo di latta.

canederli = s.m. pl. – cibo caratteristico formato impastando pane, farina, uova e salsiccia in forma di grossi gnocchi rotondi.

canela = s.f. – cannuccia di legno; canaletta di irrigazione dei prati da cui dipartono le diramazioni più piccole (rogiai); rotaia; cfr. anche rodana; scorza di cannella; color canela del colore caratteristico della cannella.

canelini = s.m. pl. – specie di confetti a forma di cannello.

caneva = s.f. – cantina.

canevela = s.f. – canapella, tessuto di canapa.

canevina = s.f. – canapella, tessuto di canapa.

canicola = s.f. – canicola, il periodo piu caldo dell’estate, compreso tra il 22 luglio e il 24 agosto. canistra = s.f. – zaino militare.

cano = s.m. – canapa; semi di canapa.

canocial = s.m. – cannocchiale; binocolo.

canol = s.m. – cannula che prolunga il ferro da calza; ricciolo di cappelli.

canon = s.m. – cannone; tubo di scarico della grondaia; tubo per acquedotto, ricavato da un tronco d’albero.

canopa = s.f. – galleria nella miniera.

canta = s.f. – cantata (profana) popolare.

cantaran = s.m. – canterano; cassettone.

cantarin = agg. – canterino.

cantar = vr. – cantare; cantar da cuco cantar a vuoto, essere senza soldi; cantar e portar la cros trafelare, essere obbligato da pesanti condizioni e sopportare in silenzio, far buon viso a cattivo gioco; cantarle criticare apertamente e ad alta voce.

canter = s.m. – trave di legno da costruzione, del diametro di circa 10 centimentri.

cantinela = s.f. – travicello per il supporto delle tegole del tetto, di circa 3 o 5 cm. di spessore.

canto = s.m. – canzone, canto.

cantòn = s.m. – cantone, spigolo; angolo, lembo.

cantonac’ = s.m. – canto sguaiato.

canucia = s.f. – cannello della pipa; cannuccia per sorbire le bibite.

canzeleria = s.f. – ufficio comunale.

canzòn = s.f. – canzone; narrazione; morale di una favola.

cao = s.m. – capo; estremità, bandolo; cavo, tralcio; meter en cao tra le rece minacciare un castigo; pl. cavi.

caodan = s.m. – capodanno; cfr, anche prim de l’an.

caoleva = s.m. – squilibrio; tracollo.

caora = s.f. – capra; treppiede di legno per appoggiare la gerla da caricare; caora dala grasa treppiede per la gerla del letame; caora muSa capra senza corna; caora sciantona capra dal pelo lungo.

caorar = s.m. – pastore di capre.

caoret = s.m. – capretto.

capace = agg. – capace, abile.

capararse = vr. – accaparrarsi.

capel = s.m. – cappello; capèl da ua cappello sporco e logoro da contadino.

capela = s.f. – cappella; cappello del fungo; capocchia, testa di un oggetto; recluta.

capelada = s.f. – errore, indelicatezza, brutta figura; sproposito; cfr. anche scapelada.

capelan = s.m. – cappellano; dicesi dello sposo che si accasa presso la famiglia della sposa; cfr. anche sora poder.

capelar = s.m. – venditore di cappelli.

capel da pret = s.m. – rovo erbaiolo (Rubus saxatilis);- cfr. anche pretin.

capelet = s.m. – cappellotto; parte iniziale di una soletta di cemento.

capeta = s.f. – bossolo; centina.

capetani = s.m. – capitano.

capi = s.m. – cappio, nodo, fiocco.

capidoro = s.m. – regolo.

capinar = vr. – camminare, partire.

capir = vr. – capire; capirsen intendersi, conoscere il mestiere, essere esperti.

capit = s.m. – cappio, nodo.

capitar = vr. – capitare, accadere, arrivare.

capitel = s.m. – capitello, cappelletta, nicchia con un’immagine sacra, edicola.

capitianata = s.f. – capitanato, prefettura.

capo = s.m. – capo, capoccia; unità, singolo oggetto.

capocomun = s.m. – sindaco.

capon = s.m. – cappone.

caporion = s.m. – caporione, capobanda,

capot = s.m. – capppotto; far capot dicesi quando si vince completamente al gioco.

capovila = s.m. – capoluogo.

capriol = s.m. – capriolo.

capriz = s.m. – capriccio.

caprizios = agg. – capriccioso.

capuc’ = s.m. – cappuccio.

capus = s.m. – cavolo cappuccio.

capusara = s.f. – campo di cavoli; gioco della cavolaia; seno prosperoso.

caputole = s.f. pl. – capriole, capitomboli.

capz = s.m. – capsula, cartuccia, detonatore.

car = s.m. – carro.

car = agg. – caro, costosa.

carabinier = s.m. – carabiniere (carubinier).

carador = s.m. – carrettiere.

carampana = agg. f. – grinzosa, trasandata; vecchia cadente.

carbit = s.m. – carburo di calcio.

carbon = s.m. – carbone.

carbonar = s.m. – saettone (tipo di serpe innocua ma aggressiva, lunga da 90 a 120 cm., col ventre giallo e il dorso scuro. Si ciba di topi, uccelli, lucertole, ecc.).

carbonar = s.m. – carbonaio,

carbonara = s.f. – carbonaia, fornace.

cardenza = s.f. – credenza, armadio di cucina.

cardenza = s.f. – credito; cfr. anche credenza.

carecia = s.f. – mazza sorda, sala di palude (’Typha latifola).

caredel = s.m. – carrettino; orsa minore; anche car piciol.

carega = s.f. – seggiola; carega empaiada seggiola impagliata.

careghet = s.m. – seggiolino, slittino; persona bizzarra ma spiritosa e simpatica.

caregheta = s.m. – seggiolaio (colui che aggiusta o fabbrica seggiole spostandosi da un paese all’altro), seggiolaio ambulante; persona di poco conto, uomo da poco, fantoccio,

caregiada = s.f. – carreggiata.

caregon = s.m. – seggiolone.

carel = s.m. – carrello.

carena = s.f. – nuvolaglia bassa.

carentani = s.m. pl. – moneta austriaca da 5 centesimi (o da un soldo) di svanzica. (La svanzica era pari alla lira austriaca di 100 centesimi o di 20 soldi; i carantani, moneta divisionara dei fiorini di Vienna, erano indicati nei documenti di compravendita col segno X; 60 carantani erano equivalenti al porino, 54 caragnese oppure a 45 troni.

careo = s.m. – cumino dei prati (Carum carvi).

caret = s.m. – carretto.

careta = s.f. – carriola.

caretar = vr. – prepararsi a partire col carro; avviare, instradare.

carevici = s.m. – pimpinella, cimicina ed altre varietà delle ombrellifere (Pimpinella saxifraga, Cicuta virosa, ecc.).

carga = s.f. – carico, peso, soma; carga de legnade scarica di botte.

cargadora = s.f. – posto sopraelevato da cui si carica il fieno o la legna sulla treggia o sul carro, piano di caricamento.

cargar = vr. – caricare; cargar la malga iniziare l’alpeggio; cargà stort caricato storto, caricato male, ubriaco.

cargazion = s.m. – caricamento; cargazion de stomec digestione difficile, indigestione.

cargnèi = s.m. pl. – abitanti della Carnia.

cargoz = s.m. – slitta per il trasporto di sassi.

car grant = s.m. – orsa maggiore.

cariola = s.f. – lettuccio scorrevole su rotelle, carrozzino per i bambini; cfr. anche baldresca.

carità = s.f. – carità, elemosina.

Carlini = soprannome di famiglia a Sover.

carmat = s.m. – curro, piano (su rulli di legno) per il trasporto dei massi.

Carmen = n.pr. – Carmine, Carmelo; abitin del Carmen scapolare della Madonna del Carmine. Carnedo = top. – maso a Montalto di Sover.

carnera = s.m. – dicesi di uomo gigantesco; grosso camion.

carneval = s.m. – carnevale; dicesi inoltre di situazioni o fatti divertenti; bruSar el carneval vecchia tradizione secondo la quale per salutare il carnevale, che se ne va, la sera dell’ultimo giorno si accende un grande falò, attorno al quale si canta e si suona.

Il privilegio di accendere il falò spetta agli sposi che per ultimi si sono uniti in matrimonio: la coppia dovrà, però, offrire regali a tutti coloro che si sono affaccendati nei preparativi; qualora non venga rispettato tale impegno gli sposi dovranno subirsi lo smacalut, specie di rumorosa serenata a base di campanacci e coperchi.

caro = agg. – caro, affezionato, gradito; tegnirghe de caro stare a cuore, avere in pregio; far caro accarrezzare.

carobola = s.f. – carruba.

carogna = s.f. – carogna; dicesi inoltre di persona malvagia.

carol = s.m. – tarlo; carie.

carola = p.p. – tarlato; cariato.

carota dala poina = s.f. – piccolo tino di legno, forato, usato per scolare la ricotta; cfr. anche calota.

Caroza = soprannome di famiglia a Piscine.

caroza = s.f. – carrozza.

carpa = s.f. – tignola; bruco della patata; persona avara ed egoista.

carpela = s.f. – rampone da ghiaccio, ghiaccino di ferro a 4 o 6 punte da legare con cinghie sotto lo scarpone; carpela da snot rampone snodato.

carpen = s.m. – carpino (Carpinus betulus); dicesi di persona avara; dur come l carpen duro, tenace.

car piciol = s.m. – orsa minore; cfr. anche caredel.

carta = s.f. – carta; documento; le carte documenti anagrafici o di lavoro; carta de stima elenco delle suppellettili in dote ad una sposa o di quelle lasciate in eredità.

cartain = s.m. – giravolta.

cartela = s.f. – cartina, bustina; cartela de levà bustina di lievito.

cartiòn = s.m. – garbuglio, cosa intricata; problema spinoso.

cartòn = s.m. – cartone.

carubinier = s.m. – carabiniere; cfr. anche carabinier.

cas = agg. – casso, vuoto, vano; indica anche la polpa di un ortaggio alterata.

casa = s.f. – cassa di legno.

caSa = s.f. – casa; famiglia.

casabanc = s.m. – comò, cassettone a 3 o 4 cassetti; casabanc a pulpit cassettone con sovrapposti alcuni tiretti tra i quali quello centrale, più ampio e chiuso da un piano inclinato simile ad un leggìo; casabanc giò in fond dicesi di cosa lasciata con negligenza per terra.

CaSagranda = cognome.

caSalin = agg. – casalingo.

caSament = s.m. – casamento, grande casa.

casar = vr. – cancellare.

caSara = s.f. – locale della malga o del caseificio in cui si stagiona il formaggio.

CaSari = soprannome di famiglia a Cembra.

caSaro = s.m. – casaro.

caSat = s.m. – formella di formaggio casalingo; prov. col lat de gati, no se fa caSati.

caSel = s.m. – caseificio.

casela = s.f. – cassetta portatile a tracolla, usata dai merciai ambulanti.

caSelada = s.f. – quantita di prodotti caseari ottenuta dalla lavorazione per conto di un solo socio del caseificio.

caSelin dal lat = s.m. – luogo dove si lascia il latte a riposare, perchè affiori la panna; ripostiglio dove si lasciano i prodotti caseari.

caSentar = vr. – stabilirsi in una casa, ambientarsi.

CaSete = soprannome di famiglia a Piscine.

casetin = s.m. – cassetto, tiretto.

caSin = s.m. – bordello; fracasso, disordine.

Caslir = top. – in Comune di Sover.

caSo = s.m. – caso.

cason = s.m. – cassa di grandi dimensioni, cassone; cassa del letto o del carro.

caSot = s.m. – casino; casupola, catapecchia; chiasso, confusione.

castagn = agg. – di colore castano.

castegna = s.f. – castagna; castegne rosare, castegne moronare marroni; castegne negrare castagne domestiche; castegne mate frutti dell’ippocastano.

castegnar = s.m. – castagno (Castanea vesca); castegnar dala fever ippocastano (Aesculus hip- pocastunum).

castel = s.m. – castello; impalcatura.

castelada = s.f. – botte per il trasporto delle vinacce.

Castelir = top. – in comune di Sover.

castrà = s.m. – carne di montone castrato; castrato (agg.).

castrica = s.f. – gastrite.

castròn = s.m. – castrone; nar giò come ’n castron cadere come un sacco di patate.

castronada = s.f. – balordaggine.

catalet = s.m. – cataletto, barella usata per il trasporto della bara.

catar = s.m. – catarro.

Catina = n.pr. – Caterina; diminutivo Catinota.

catio = agg. – cattivo.

catram = s.m. – catrame, bitume.

cava = s.f. – cava; el dì dela cava il giorno della visita militare.

cavada = p.p. f. – estratta, levata.

cavadenti = s.m. – dentista.

cavaforme = s.m. – attrezzo di ferro usato dal calzolaio per rilevare le forme delle calzature.

caval = s.m. – cavallo.

cavaler = s.m. – baco da seta, filugello; cavaliere.

cavalet = s.m. – cavalletto, pietica; cavalet dala legna cavalletto di legno, con quattro gambe, utilizzato per segare la legna a mano.

cavaloc = nella loc. a cavaloc’ a cavalcioni.

cavaoci = s.m. – libellula.

cavar = vr. – cavare, levare, spillare; cavarse for svestirsi.

cavarsela = vr. – trarsi fuori da impicci e fastidi.

cavascaragne = s.m. – pinzetta utilizzata per togliere schegge (cfr. scaragne) dal corpo.

cavastuai = s.m. – cavastivali.

cavasuri = s.m. – cavatappi.

cavel = s.m. – capello; cfr. il proverbio: cavei e travai no ’n manca mai.

caveriada = s.f. – capriata, piloni di sostegno per coperture, ecc.

cavez = s.m. – relazione amorosa, filo; en cavez de filo un breve approccio.

cavez = s.m. – collare.

caveza = s.f. – cavezza.

cavezal = s.m. – capezzale.

cavezal = s.m. – mostro immaginario a due gambe e piedi asinini.

cavezara = s.f. – capezzagna, capitagna; far la cavezara a le sorele sposarsi prima delle sorelle più anziane.

cavic’ = s.m. – cavicchio, chiodo cilindrico di legno; piantar dn cavic’ piantare un chiodo, una grana, un debito; cavici de legn chiodini di legno da calzolaio.

cavicia = s.f. – caviglia; uncino sotto la punta del timone del carro; vite di legno per fissare la parancarola dela stroza.

caza = s.f. – mestolo di rame per l’acqua.

cazo = s.m. – pene; esclamazione di meraviglia, stizza, ammirazione, ecc.; no se vede ’n cazo non si vede un bel niente.

cazol = s.m. – bazza, mento appuntito e sporgente.

cazola = s.f. – cazzuola.

cazole = s.f. pl. – castagne di piccola dimensione.

cazot = s.m. – cazzotto, pugno; smorfia che precede il pianto nei bambini.

cazot = s.m. – mestolo; cazot del lat mestolo per scremare il latte.

cazotari = s.m. pl. – venditori ambulanti di mestoli, cucchiai, forchette e stoviglie di legno.

cec = s.m. – assegno bancario.

cec = s.m. – cilecca; far cec sbagliare bersaglio.

ceca = agg. f. – dicesi di cosa appena asciugata, ma ancora un po’ umida.

cefo = s.m. – ceffo, faccia arcigna o ghignante.

cela = s.f. – secchio di rame; bigonciolo per il latte.

celet = s.m. – secchiello.

celòr = s.m. – soffitto.

cembran = agg. – cembrano, della valle di Cembra.

Cencio = n.pr. – Vincenzo; anche Cenci.

cendriol = s.m. – portacenere.

cendrada = s.f. – ceneracciolo.

cendro = s.f. – cenere.

Ceni = soprannome di famiglia a Sover.

ceniseli = s.m. pl. – farinaccio selvatico (Chenopodium album); cfr. anche farinel.

centena = s.f. – centina; cfr. anche zentena.

centefem = s.m. – centesimo.

centimetro = s.m. – centimetro; metro del sarto.

centura = s.f. – cintura.

cep = agg. – macilento, patito, smunto, magro; di cattiva qualità.

cepa = s.f. – cippo.

cera = s.f. – cera, espressione del viso, aspetto fisico.

ceraspagna = s.f. – ceralacca.

cercar = vr. – cercare; cercar for scegliere, cernere; cercar chi che l’a rota ficcare il naso nelle faccende personali altrui, cercare inutili grattacapi.

cerega = s.f. – chierica, tonsura rotonda al sommo del capo.

cerega = s.f. – sopracciglio.

ceregot = s.m. – chierichetto; cfr. anche chirichet.

cerela = s.f. – girella, carrucola; pasticca dolce, rotonda.

ceriola = s.f. – Candelora, festa della purificazione della Beata Vergine Maria, il 2 febbraio; cfr. il proverbio: da la ceriola l’ors el varda fora.

cerner = vr. – cernere, scegliere.

cernir = vr. – cernere, scegliere.

cerona = s.f. – aspetto fisico che denota ottima salute; viso aggrondato.

cerot = s.m. – cerotto.

cervel = s.m. – cervello; giudizio, intelligenza; gnanca ’n te l’anticamera del cervel non avere neppure la più pallida idea (di q.c.).

cervelet del de = s.m. – polpastrello.

cervo = s.m. – cervo.

ceSa = s.f. – cespuglio, siepe; l’e in ceSa e in bolletta, al verde.

ceSa = s.f. – chiesa; cfr. anche geSia.

cesacul = s.m. – rinculo; a cesacul indietreggiando.

cesar = vr. – terminare, sospendere, cedere, indietreggiare.

Ceschini = soprannome di famiglia a Piscine.

Cesco = soprannome di famiglia a Sover.

ceSelar = vr. – cesellare.

ceso = s.m. – latrina.

ceSo = p.p. – ceduto (nei documenti di compravendita).

ceSon = s.m. – gran cespuglio; siepe.

cesponi = s.m. – le spighe del fien cervino (Nardus stricta).

cesta = s.f. – cesta, canestro, paniere, corbello; dicesi anche di chi si comporta come una banderuola; ciapar na cesta buscarsi un insuccesso; prov. lodete cesta che ’l manec l’e rot.

cestar = s.m. – cestaio.

cestel = s.m. – cesto, panierino, cestino.

cestolar = vr. – barcollare; cestolant barcollando.

ceston = s.m. – gerla, fatta con i rami di nocciolo o di betulla, della capacita, in genere di due staia (o di 45 kg.).

cet = agg. – quieto, calmo; cfr. anche ceto.

cetarse = vr. – quietarsi.

cetilena = s.f. – acetilene; pila elettrica tascabile.

cetin = s.m. – bigotto; cfr. anche pisa aquasanta.

cetirse = vr. – quietarsi; zittire.

ceto = agg. – quieto, calmo; cfr. anche cet.

cever = s.m. – tinozza.

che = pron. agg. e cong.; che? che cosa; che ghel cosa c’e; che po che cosa poi?; che sonte mi? che ne so io?; che sònte mi? che cosa sono io?; con che quando, dove.

Chechi = soprannome di casato a Sover.

chegadure = s.f. pl. – caccole.

cheganbraghe = s.m. – dicesi di persona paurosa.

chegar = vr. – cacare.

chegarela = s.f. – diarrea; cfr. anche cagarela e corea.

chegole = s.f. – caccole, sterco degli ovini.

chelera = s.f. – chellerina, cameriera di una osteria.

Chelodi = cognome.

chi = avv. – qui, qua; cfr. anche chive; chi e là qui e là, una cosa e un’altra; chi l’è me qui è di mia proprietà.

chiamper = s.m. – gancio di ferro, con anello in testa e punta aguzza, che viene conficcato nei tronchi d’albero per trascinarli.

chiape = s.f. pl. – piedi.

chichera = s.f. – chicchera, tazza; en chichera dicesi di chi è elegante nel vestire; cfr. anche in cana.

chichirighighi chicchirichi = voce imitativa del canto del gallo.

Chiei = soprannome di famiglia a Sover.

chiocir = vr. – cavare; chiocciolare.

chiotole = sf. pl. – moccio secco; caccole o sterco essiccato sul pelo dei bovini; cfr. anche ciotole.

chipa = s.f. – discarica, luogo in cui si scaricano materiali di riporto.

chipar = vr. – scaricare; travolgere; annientare.

chirichet = s.m. – chierichetto; cfr. anche ceregot.

chitara = s.f. – chitarra, strumento musicale; frangicagliata, batterella a forma di chitarra (con otto corde) usata dal casaro per frantumare la cagliata; dicesi di donna facile e leggera.

chive = avv. – qui, qua.

chiznera = s.f. – bambinaia.

chiznerar = vr. – cullare; curare i bambini.

ciaberlar = vr. – ciarlare.

ciac = s.m. – bottone automatico.

ciaca = s.f. – ciac, colpo.

ciacerar = vr. – chiacchierare.

ciacere = s.f. – chiacchiere.

ciaceron = s.m. – ciarlone.

ciachete = voce imitativa che ripete il rumore dovuto ad un colpo.

Ciaci = soprannome di famiglia a Sover.

ciacolar = vr. – chiacchierare.

cial = s.m. – acciaio.

cialar = vr. – rinforzare la tempra di un oggetto di ferro e acciaio; acciaiare; cfr. anche recalzar.

cialin = s.m. – acciarino; cane dell’arma da fuoco; attrezzo di ferro per arrotare coltelli; rivestimento in acciaio del trinciafieno, nel punto dove passa la lama; acciarino del calzolaio.

cialòn = s.m. – acciaio tenero.

ciamar = vr. – chiamare.

cianc = s.m. – mancino.

cianca = s.f. e agg.- mano sinistra; curva di un tubo; biella del tornio a pedale.

ciancanir = vr. – lavorare con la mano sinistra.

ciancanaro = s.m. – mancino; cfr. anche ciancarol e cianc.

cianciarele = s.f. pl. – passatelli, impasto di farina e uova, tuffato, in forma di cilindretti, nel brodo.

ciancarol = s.m. – mancino.

ciant = s.m. – vestito, abito; anche vesti.

ciao = s.f. – chiave; ciao col bus chiave femmina; na volta par un la ciao del volt una volta a te, una volta a me la buona fortuna.

ciaola = s.f. – cornacchia, gracchio.

ciapar = vr. – acchiappare, prendere, ricevere, captare, incassare; ciapar el parol non ricevere 1’assoluzione dei peccati; ciaparle buscarle; ciapar su accingersi.

ciaparola = s.f. – mannaia piccola a lama larga e manico corto usata per sminuzzare paglia, frasche, rami, ecc..

ciapela = s.f. – orma, impronta del piede; ciapele (pl.) ciabatte.

ciapelar = vr. – camminare, calpestare e lasciare la traccia; muoversi avanti e indietro senza una meta precisa.

ciapelin = s.m. – ambulante, viandante.

ciapelon = s.m. – colui che continua a camminare avanti e indietro per irrequietezza o senza una meta precisa; ciapelon come le vache che fa dicesi di chi si muove nervosamente.

ciapin = s.m. – presina; cfr. anche patina.

ciapole = s.f. pl. – mollette per fermare i panni ad asciugare.

ciapot = s.m. – ciarpame, pattume, spazzatura; al fig. dicesi di persona piccola e sgraziata.

ciapotar = vr. – lavorare maldestramente; cfr. anche sciapotar.

ciapoton = s.m. – ciarpone; cfr. anche sciapoton.

ciar = agg. – chiaro, diluito, rado; ciare volte di rado; ciari de luna tempi duri.

ciarabotana = s.f. – cerbottana; erba angelica.

ciara de oo = s.f. – albume dell’uovo.

ciareSa = s.f. – ciliegia.

ciareSar = s.m. – ciliegio (Prunus avium).

ciareSarol = s.m. – biancospino (Crataegus oxya- cantha).

ciareSine = s.f. – frutti del biancospino.

ciarlatan = s.m. – ciarlatano.

cias = s.m. – chiasso.

cias = s.m. – uomo che in montagna prepara la legna o il fieno al posto di carico (cargadora).

ciascada = s.f. – percossa dovuta ad una frasca.

ciasche = s.f. pl. – frasche.

ciascun = agg. e pron. – ciascuno.

ciaspar = vr. – annaspare; razzolare, raspare.

ciasponar = s.m. – pero cervino (Nardus stricta).

ciata = s.f. – zampa, in senso spregiativo mano.

ciate de galina = s.f. pl. – zampe di gallina; porri della cute (anche oci).

ciate de ors = s.f. pl. – ditola gialla (Clavaria flava).

ciausc = agg. – spettinato.

ciausp = agg. – spettinato.

ciavada = s.f. – coito; inganno, imbroglio.

ciavar = vr. – possedere una donna; ingannare, imbrogliare, danneggiare.

ciavarol = s.m. – chiavistello; bietta; saliscendi; chiave di volta.

ciavat = s.m. rospo; ciavati rospi; soprannome degli abitanti di Brusago.

ciavata = s.f. – ciabatta; in senso spregiativo: piede.

ciavedel = s.m. – chiavistello, catenaccio.

ciavela = s.f. – gamba.

cica = s.f. – cosa di nessun valore; mozzicone di sigaretta, cicca, tabacco da masticare.

cicar = vr. – masticare tabacco; rodersi dalla rabbia.

cichet = s.m. – rimprovero; bicchierino; schizzo.

cicia = s.f. t. inf. – carne.

cicio = agg. – grasso.

ciciolar = vr. – bisbigliare.

cicion = s.m. – ciccione.

cicot = s.m. – mozzicone di sigaretta.

cicuta = s.f. – cicuta maggiore (Conium maculatum).

ciel = s.m. – cielo; trà dal ciel giò caduto dal cielo, giunto inaspettatamente.

cifa = s.f. – smorfia; grinza.

cig = s.m. – grido, strillo, urlo.

cigaia = s.f. – cicala; donna che urla.

cigaiola = s.f. – spagnoletta.

cigaiola = s.f. – donna piagnucolona.

cigala = s.f. – cicala.

cigar = vr. – gridare, strillare.

cigola = s.f. – cipolla.

cigola dei pradi = s.f. – cipolla canina.

cigolin = s.m. – cipollina.

cigolar = vr. – cigolare, stridere.

cigolari = s.m. pl. – soprannome dato ai meridionali.

cigolon = s.m. – cipollone; grosso orologio da tasca.

Cigoti = soprannome di famiglia a Cembra.

cigotol = s.m. – torsolo; tutolo; cfr. anche tors.

cilenc = agg. – strabico, guercio; vardar de cilenc guardare in tralice.

cima = s.f. – cima, sommità, punta, estremità; l’e na cima è una cima d’uomo.

cimal = s.m. – cima di un albero.

cimar = vr. – tagliare le punte o le estremità; sorpassare, scavalcare, varcare, superare; el l’a cimada ce l’ha fatta.

cimarot = s.m. – cima del tronco d’albero cresciuto stentatamente e non commerciabile.

cimegar = vr. – ammiccare, fare l’occhiolino.

cimes = s.m. – cimice.

CimeSi = soprannome di famiglia a Piscine.

cimiter = s.m. – cimitero; anche zimiteri, quadro.

cin = avv. – un po’.

cinc = agg. – cinque; cfr. anche zinque.

cincio = agg. – alticcio, brillo.

cinghen = s.m. – zingaro; cfr. anche zigainer.

cinin = avv. – un pochino.

cinque = agg. – cinque (a Grumes).

cioc = s.m. – ceppo da ardere; ciocco, ceppo per spaccare la legna.

Cioc = soprannome di famiglia a Sover.

cioca = s.f. – ceppaia, base di una pianta tagliata, comprese le radici; ceppo familiare; cioca de bora toppo, pedale tagliato.

cioca = s.f. – fisarmonica a bottoni.

ciocara = s.f. – albero genealogico.

ciochet = s.m. – piccolo ciocco di legno; pattino del freno; chi che a en bel ciochet, el se lo tegna par marzet.

ciocolata = s.f. – cioccolato.

ciode = s.f. pl. – venditrici ambulanti di mestoli e stoviglie.

ciodini = s.m. pl. – funghi chiodini (Armillaria mellea).

ciodo = s.m. – chiodo; ciodi da mus chiodi da maniscalco; ciodo da canter chiodo da carpentiere, usato nelle capriate.

ciof = s.m. – ciuffo di capelli, ciocca.

cioita = s.f. – civetta; donna frivola.

cioite = s.f. pl. – ranuncoli, bottoni d’oro (Trollius europaeus).

ciolar = vr. – ingannare.

ciolt = s.m. – chiodo.

cioma = s.f. – chioma.

ciombol = s.m. – cespo, arbusto; anche ciop e ciuSol.

cionca = agg. f. – mozzata; a cionca canzonando.

cioncar = vr. – mozzare, tagliare, troncare; cioncar le ale tarpare le ali.

ciopa = s.f. – michetta, panino rotondo a due guance.

ciopi = s.m. pl. – cespi, arbusti piccoli, conifere di piccola dimensione.

ciorla = s.f. e agg. – vacca magra; cosa di poca resa, di scarso valore.

ciorlana = s.f. – mazza di acciaio per i fori da mina, fino a m. 1,5.

ciot = s.m. – montone (anche tot).

ciot = agg. – zoppo; el va ciot va zoppo (anche in senso morale).

ciotole = s.f. pl. – caccole appiccicate alla lana delle pecore (anche chiotole); ciccioli.

Ciotoni = soprannome di famiglia a Montesover.

cipres = s.m. – cipresso.

CiSoi = soprannome di famiglia a Cembra.

ciSolar = vr. – bruciacchiare, bruciare leggermente.

citolar = vr. – bruciacchiare; crogiolare.

citole = s.f. pl. – ciccioli; cfr. anche fricole.

citolona = agg. f. – freddolosa.

ciuc = s.m. – ubriaco.

ciuc = agg. – vano, vuoto (detto di frutta); ciuce detto di castagne vuote.

ciuca = s.f. – zucca; borraccia ricavata dalla zucca; seme della zucca.

ciucara = s.f. – pianta della zucca.

ciucari = s.m. pl. – varietà di piccole mele.

Ciuchi = soprannome di famiglia a Cembra.

ciuciaoo = s.f. – gallina che rompe e mangia le proprie uova.

ciuciar = vr.- succhiare; ciucià dala trota rinsecchito, detto di persona deperita.

ciuciarol = s.m. – succhiotto di pezza.

ciuciarot = s.m. – succhiotto di pezza.

ciucio = s.m.- poppatoio, succhiotto.

ciuciol = s.m. – succhiotto di pezza; peduncolo, appendice; ciuciol dela stria escrescenza carnosa.

ciu, ciu = voce di richiamo per il maiale.

ciucol = s.m. – frutto della zucca.

Ciudati = soprannome di famiglia a Sover.

ciuf = s.m. – ciuffo, chioma.

ciufa = s.f. – pappa, minestra di granoturco e latte.

ciufaitera = agg. f. – spettinata, scarmigliata.

ciurlar = vr. – ciurlare, vacillare, tentennare.

ciurlo = s.m. – sempliciotto; bevanda di orzo tostato.

cius = s.m. – cespo.

ciuschiona = agg. f. – spettinata, arruffata.

ciuSol = s.m. – cespo; conifera nana usata per pulire i camini.

ciuspi = s.m. pl. – cespi, detto di capelli arruffati.

ciutar = vr. – apparire, comparire, spuntare, far capolino; la luna la ciuta spunta la luna.

ciutera = s.f. – borraccia.

ciuti, ciuti bao = espressione scherzosa usata coi bambini, facendo capolino.

clec = voce imitativa del rumore provocato da uno scatto metallico.

Clenca = soprannome di famiglia a Sover.

clinchete, clonchete = voce imitativa del rumore di un passo pesante e lento.

clinto = s.m. – clinton, varieta d’uva e relativo vitigno; cfr. anche grinto.

clis = s.f. – eclisse.

cloc = s.m. – colpo, pugno, percossa.

co = prep. – con.

co = avv. – quando.

coa = s.f. – coda; cola coa ’n tra le gambe umiliato; coa dela camiSa lembo della camicia allo scoperto; coa dela rava radice della rapa.

coada = s.f. – covata.

coanio = s.m. – ultimo della nidiata; cfr. anche squanio.

coar = vr. – covare.

coatorno = s.m. – coturnice; cfr. anche quatorno.

cobia = s.f. – coppia, paio; legame; na cobia de luganeghe un grappoIo di salsicce; cobie de campane più suonate di campane intervallate da una pausa: per la morte di un uomo venivano suonate tre cobie, per la morte di una donna do cobie.

cobiar = vr. – accoppiare, appaiare; sposare; assoggettare; castigare; cobiar la lana raddoppiare i fili di lana.

coc = nella locuzione: 1a va de coc detto delle nocciole che si liberano con facilita dell’involucro.

coc’ = s.m. – piccolo slittino.

coche = s.f. t. inf. – castagne.

coco = s.m. t. inf. – uovo.

Coco = soprannome di famiglia a Sover.

cocol = s.m. – coccolo, beniamino; cocoli i bambini preferiti, i coccoli.

cocoli = s.m. pl. – piccole bolle, bolle di sapone.

cocolar = vr. – coccolare, vezzeggiare.

cocondria = s.f. – ipocondria.

cocumer = s.m. – cocomero.

codogn = s.m. – mela cotogna; fig. pugno.

codognar = s.m. – cotogno.

codoma = s.f. – cuccuma, bricco.

coercio = s.m. – coperchio.

coerger = vr. – coprire (anche scoerger).

coert = s.m. – coperto, tetto.

coerta = s.f. – coperta; c.f.r. anche cuerta.

coertel = s.m. – tettuccio.

coertor = s.m. – copertura; sovraccoperta usata per i battesimi o per i defunti.

coga = s.f. – cuoca.

cogn = s.m. – cuneo, bietta; cogn da caliar forma da calzolaio.

cognara = s.f. – foro nel masso, eseguito con punta e mazza, per inserirvi un cuneo di faggio: i cunei di legno bagnati per alcune ore, dilatandosi, rompono il masso.

cogner = vr. – dovere; ind. pres.: cogno, cognes, con, cognen, cogneo, con.

cognizion = s.f. – cognizione, conoscenza.

cognoser = vr. – conoscere; cognoser en tei botoni valutare esattamente una persona a prima vista.

cogo = s.m. – cuoco; cfr. anche coSiner.

coidor = s.m. – ingolla, attrezzo formato da una pertica terminante con un canestro, per cogliere i frutti dagli alberi.

coin = s.m. – codino di capelli.

coinome = s.m. – cognome.

coion = s.m. – testicolo; minchione, siocco; nar giò i coioni girare le scatole.

coionir = vr. – canzonare.

coir = vr. – cogliere, spiccare la frutta dagli alberi.

coiusberi = s.m. pl. – testicoli; for dei coiusberi fuori dai piedi.

col = s.m. – colino, filtro.

co1 = s.m. – collo, gola.

cola = s.f. – colla.

colar = vr. – colare, filtrare, setacciare.

colar = s.m. – collare.

colarin = s.m. – collarino, bavero.

colarina = s.f. – collare; giogo, giogaia; collottola.

colazion = s.f. – colazione del mattino.

colazionar = vr. – far colazione.

col del pe = s.f. – caviglia; cfr. anche cavicia.

coler = s.m. – noccio1o (Corylus avellana); cfr. anche noSelar.

colera = s.f. – collera, ira.

colera = s.f. – colera.

colet = s.m. – colletto.

colica = s.f. – colica, dolori di ventre.

co1m = s.f. – culmine del tetto.

colm = agg. – colmo, pieno, colmato; convesso.

colmai = s.m. pl. – tegole per il colmo del tetto.

colmidura = s.f. – colmatura, linea del culmine.

Colombi = soprannome di famiglia a Sover.

colomia = s.f. – economia.

color = s.m. – colore; cfr. il proverbio: soto i bei colori se sconde i gran malori.

coloso = s.m. – colosso.

colp = s.m. – colpo, colpo apoplettico; de colp subito, a prima vista.

colpa = s.f. – colpa; causa.

coltrine = s.f. pl. – cortine, tendine.

comacio = s.m. – pennacchio; collare del cavallo.

comandar = vr. – ordinare; comandar en bicer ordinare un bicchiere di vino in osteria.

comander = agg. – prepotente; autoritario.

comanderesa = agg. f. – saputella, saccente, petulante, autoritaria.

comandesa = agg. f. – autoritaria e petulante; badessa; cfr. anche comaresa.

comare = s.f. – mammana, levatrice; chiacchierona e intrigante.

comaresa = agg. – saputella, petulante e invadente.

Comaroni = soprannome di famiglia a Sover.

comasi = s.m. pl. – gambali.

combalcona = s.f. – gioco infantile che consiste nell’indovinare il numero dei fagioli tenuti nascosti nella mano. Chi prende 1’iniziativa del gioco lo propone agli altri giocatori dicendo combalcona: il secondo giocatore risponde allora quanti ’n zona. Il capogioco chiede a sua volta quanti ’n vos; a questo punto il secondo g. tenta di indovinare rispondendo ad esempio, tre al gioc. Chi non indovina paga il pegno; chi vince, invece prende 1’iniziativa e il gioco ricomincia.

combia = s.m. – commiato, congedo.

coinbinar = vr. – combinaie.

combinazion = s.f.- combinazione, caso fortuito; indumento femminile che «combina» copribusto e mutandine.

combo = s.m. – commiato; la va ’n combo al manz dicesi della vacca in calore.

come = avv. cong. – come; come l’afen del ciomela coperto di piaghe; come ’I cagn del patana sempre in giro; come ’n fior ’n te na recia a pennello; come ’n soldo ’n costa in gran fretta, a gambe levate; come vala? come va?.

comedar = vr. – accomodare (anche compdar).

comede = s.f. – colubrina, buon Enrico (Chenopodium Bonus-Henricus); cfr. anche sarcraut.

comedia = s.f. – commedia, spettacolo teatrale; finzione; far comedia far complimenti.

comendarar = vr. – spadroneggiare; cfr. anche scomandarar.

comesari = s.m. – commissario.

comesure = s.f. pl. – fessure nel legname.

cominigar = vr. – comunicare; portare l’Eucarestia in casa agli ammalati.

comisionato = s.m. – commissionario.

comodir = vr. – accomodare, sistemare, riparare, aggiustare; cfr. anche comedar.

comodin = s.m. – comodino.

comot = s.m. – sedile contenente un vaso da notte, usato talvolta per persone inferme; seggetta per persone inferme.

compagn = s.m. – compagno.

compagn = agg. – eguale, simile.

compagnar = vr. – accompagnare; accostare tra loro cose diverse con gusto e stile.

companadec = s.m. – companatico.

compare = s.m. – compare, padrino, compagno e socio di baldorie e bravate (anche brumol); compare del’anel testimonio di nozze.

comparir = vr. – comparire, apparire, pavoneggiarsi.

comparisenza = s.f. – appariscenza, aspetto esteriore.

compensà = s.m. – legno compensato.

competer = vr. – competere; appartenere.

compir = vr. – completare, compiere.

compieta = s.f. – compieta, preghiera vespertina dei fedeli in chiesa, recitata soprattutto al posto del «vespero».

complimentos = agg. – complimentoso, riguardoso.

complot = s.m. – complotto.

componer = vr. – comporre, accomodare.

comprativa = s.f. – cooperativa; cfr. anche coprativa.

comun = s.m.. – ufficio comunale, comune, municipio.

comunela = s.f. – comunella.

comunicato = s.m. – notiziario.

conavan = s.m. – fiordaliso (Centaurea cyanus).

concertina = s.f. – tipo di fisarmonica; cfr. anche zermonica.

concia = s.f. – concia, condimento; en concia in composta.

conciar = vr. – condire; acconciare.

conciar = s.m.- condimento.

conciliar = vr. – conciliare; p.p. concilia.

concordar = vr. – concordare; p.p. concorda.

condut = s.m. – gabinetto.

conduta = s.f. – nel gioco delle palline il sasso che serve d’appoggio per la pallina da lanciare col pollice.

confesirse = vr. – confessare (spec. i peccati); cfr. il prov.: confesarse e no mendarse, l’e la strada de danarse.

confesionari = s.m. – confessionale.

confet = s.m. – confetto.

confidanza = s.f. – confidenza.

confin = s.f. – confine.

confonder = vr. – confondere; mescolare.

conforma = avv. – conforme, secondo il caso, come.

confratei = s.m. pl. – confratelli, coloro che sono iscritti alla stessa confraternita.

confront = s.m. – confronto; a confront in paragone, a paragone di.

confuSon = s.f. – confusione, disordine, baraonda.

conge = s.m. – congedo militare.

congial = s.f. – bigoncia, tino a doghe senza coperchio e con spallacci, utilizzato per il trasporto a schiena dell’uva e del mosto.

congrega = s.f. – congrega, compagnia.

conostrel = s.m. – deformazione del tronco del pino ove la fibra risulta più dura; al fig. forte, tenace, robusto.

conostro = s.m. – colostro, primo latte delle mucche dopo il parto.

consen = s.m. – cosa, coso; cfr. anche laor.

consenar = vr. – cosare, fare qualcosa.

conserva = s.f. – marmellata; salsa.

consister = vr. – consistere.

consolacor = s.m. – tonico, cordiale, corroborante.

consolat = s.m. – codirosso; cfr. anche scoaros.

consult = s.m. – consulto, consiglio.

consumazion = s.f. – consumazione; tisi.

cont = s.m. – conto, calcolo; par so cont per conto suo, per conto proprio; far cont fare assegnamento, fare un proposito; a bon cont a buon conto.

contadin = s.m. – contadino.

contamenti = s.m. pl. – conteggi.

contar = vr. – contare, numerare; far assegnamento; narrare, raccontare.

contegiar = vr. – conteggiare; p.p. contegià.

content = agg. – contento, allegro, soddisfatto.

content = s.m. – contentino; darghe ’n content dargli un contentino.

contentarse = vr. – contentarsi.

continuar = vr. – continuare.

contra = avv. – contro; nar contra opporsi, andar contro.

contrabandier = s.m. – contrabbandiere.

contradir = vr. – contraddire; se contradir contraddirsi.

contradot = s.f. – controdote, portata dal vedovo che si rimarita.

contrari = agg. – contrario.

contrat = s.m. – contratto; a contrat a cottimo.

convegnir = vr. – convenire, concordare; p.p. convegnù.

conventin = s.m. – correntino, listello di rinforzo.

conversar = vr. – conversare, discorrere.

convincer = vr. – convincere; p.p. convtnt.

convuls = s.m. – attacco di convulsioni.

coo = s.f. – covone; pl. coo.

cop = s.m. – coppa, vaso, scodella; tegola curva.

copar = vr. – accoppare, uccidere.

copiar = vr. – copiare, imitare.

copin = s.m. – nuca, collottola.

coprativa = s.f. – cooperativa; cfr. anche comprativa.

cor = s.m. – cuore; grumolo, parte centrale di alcuni vegetali, germoglio.

coradela = s.f. – frattaglie (polmone, milza, fegato, cuore, ecc. degli animali macellati).

coradura =, s.f. – interiora degli animali macellati.

coral = s.m. – corallo.

coram = s.m. – cuoio; coram garba a scorze de pec’ cuoio battuto a mano su di un sasso.

coramela = s.f. – correggia di cuoio che serve ad affilare i rasoi o i coltelli.

Corbei = soprannome di famiglia a Cembra.

corda = s.f. – corda.

cordela = s.f. – fettuccia, piccola corda; nervo (in senso anatomico).

cordol = s.m. – cordonata; cordone intrecciato.

cordon = s.m. – cordone; stringa di filato; recinzione, cordonata.

corea = s.f. – diarrea; cfr. anche cagarela, direa, sghita.

coreger = vr. – correggere, castigare; p.p. coregiù.

coregia = s.f. – correggia, stringa da scarpe, in pelle.

corer = vr. – correre; p.p. cors; gerundio corant correndo; cori cori diarrea; en bel cori va te n’ pia cola coa de veludo un bel nulla; en bel cori va te ’n pia col maneghin de oro un bel nulla, gioco col quale si prometteva in premio «un bel nulla» per tenere buoni i bambini.

coreSin = s.m. – cuoricino; grumolo; germoglio adatto all’innesto o al trapianto.

coreSon = s.m. – cuore generoso, gran cuore, buon cuore.

corf = s.m. – corvo.

cori = s.m. pl. – parte triangolare compresa tra il calcagno e la soletta dei calzini.

coriandoli = s.m. pl. coriandoli.

coridor = s.m. – corridore.

coridor = s,m. – corridoio.

corier = s.m. – corriere, corridore; corier dele dame vagheggino.

coriera = s.f. – autocorriera.

corios = agg. – curioso, ficcanaso.

corispondenza = s.f. – cartolina postale.

corlo = s.m. – curro (rullo cilindrico su cui si fanno scorrere oggetti pesanti); verricello sulla parte posteriore del carro.

corlo = agg. – torto con forza.

cormela = s.f. – colonna o palo di legno; palo da vite.

corn = s.m. – corno, antenna; bernoccolo, protuberanza en corno! un bel niente!; en corno de fra Luca! un niente di niente!; corn dala polver corno per versare la polvere da sparo dentro la canna dello schioppo.

cornal = s.m. – corniolo (Cornus mas); san e dur come ’n cornal sano e robusto (come un corniolo).

cornicio = s.m. – conduttura tramite cui si fa defluire 1’acqua ai terreni sottostanti.

cornis = s.f. – cornice.

corona = s.f. – corona, ghirlanda; corona del rosario.

corona = s.f. – moneta austriaca del valore di mezzo fiorino d’argento di Vienna (e pari a 1 lira italiana o austriaca).

corp = s.m. – corpo; corpo de diole esclamazione di stizza.

corpet = s.m. – corpino, corpetto.

corponon = inter. – di stizza e ammirazione; cfr. anche orponon.

cort = s.f. – corte, luogo ove si ammassa il letame.

cort = agg. – corto, basso di statura; poco intelligente; cort de gabana di scarsa intelligenza.

cortame = s.m. – legname di misura inferiore alla media.

cortel = s.m. – coltello; cortel da caliar trincetto da calzolaio.

cortio = s.m. – cortile; pollaio; oggetti in di- sordine.

cos = s.m. – baco, qualsiasi tipo di insetto parassita della frutta; larva, acaro del formaggio.

coscrit = s.m. – coscritto, coetaneo.

coSen = s.m. – cosa o oggetto o persona di cui non ci si ricorda il nome.

coSer = vr. – cucire; cfr. anche coSir; coSì cucito; coSi e taSi ipocrita.

coSer = vr. – cuocere.

coset = s.m. – cosciotto, lombata, lombo.

così = avv. – così; cfr. anche cosita.

coSidura = s.f. – cucitura.

coSin = s.m. – cugino.

cosin = s.m. – cuscino.

coSina = s.f. – cucina.

coSina = s.f. – cugina.

coSinar = vr. – cucinare.

coSindara = s.f. – cuoca.

coSindora = s.f. – sarta.

coSiner = s.m. – cuoco.

coSinet = s.m. – cuscinetto.

coSir = vr. – cucire; p.p. coSì.

coSita = avv. – cosi; cfr. anche così.

coSo = s.m. – cosa, oggetto; cfr. anche coSen.

cospi = s.p. pl. – zoccoli con suola di legno e tomaia costituita da un pezzo di tela o cuoio.

cost = s.m. – costo; pensione, retta; de cost a pensione, colui che e a pensione; aven do costi abbiamo due pensionanti.

costa = s.f. – costa, costola; fianco della montagna; stecca; en costa di lato; eser en costa essere in urto con qualcuno; come en soldo ’n costa a gambe levate, velocemente; coste stecche dell’ombrello; barbabietole da orto.

costar = vr. – costare; p.p. costà.

costera = s.f. – costa, pendio, fianco della montagna.

costringer = vr. – costringere; p.p. costringiù.

costumanza = s.f. – usanza, consuetudine, tradizione.

costumar = vr. – costumare, essere in uso; castigare; p.p. costumà castigato.

costume = s.m. – costume, completo femminile composto da giacca e gonna.

cot = agg. – cotto; innamorato.

cota = s.f. – cottura; passione amorosa.

coteSia = agg. f. – sciatta, trasandata.

cotidiana = s.f. – cattivo umore; bater la cotidiana avere la luna storta.

cotrinal = s.m. – pitale, vaso da notte.

cozal = s.m. – cote, pietra che serve ad affilare le lame.

cozar = s.m. – portacote, piccolo recipiente di legno o corno (talvolta assai decorato con intagli o pittura) in cui si tiene a bagno nell’acqua il cozal, la cote per affilare la falce. Il cozar si porta legato alla cintura.

crac = s.m. – voce imitativa del rumore prodotto da qualche cosa che si spezza; bottone automatico.

cracagnol = s.m. – tracagnotto.

cracagnot = s.m. – tracagnotto.

cracheSa = s.f. – trappola; arnese o cosa sgangherata e sfasciata; persona in cattive condizioni di salute.

cracheSar = vr. – crocchiare, scricchiolare.

craiz = s.f. – portantina di legno a forma di seggiola, munita di due bretelle, per il trasporto a spalla: serve per portare le merci in montagna.

craiz = s.m. – criterio; cfr. anche cria.

craizera = s.f. – portantina di legno a forma di seggiola, munita di due bretelle, per il trasporto a spalla: serve per portare merci in montagna; cfr. craiz.

cranic = s.m. – martinicca; cfr. anche macanicola.

crapa = s.f. – testa.

crapon = s.m. – testa grossa, zuccone (detto di persona poco intelligente).

crauti = s.m. pl. – crauti, cavoli cappucci (a volte mescolati con barbabietole) salati, tagliati a liste sottili, fermentati e inaciditi; eser en crauti essere sfiniti, distrutti; anche craoti.

cravel = s.m. – massacro, rovina.

creanza = s.f. – creanza, buona educazione.

creanza = s.f. – incrostazione di sudiciume sui piedi o sulle ginocchia, roccia.

creatura = s.f. – creatura, bambino.

creda = s.f. – creta, argilla.

credenza = s.f. – credenza, armadio da cucina; cfr. anche cardenza.

credenza = s.f. – credenza, credito, convinzione.

creder = vr. – credere, reputare; credo, credes, el cre (o el crede), creden, credeo, i crede.

credulon = agg. – credulone.

crema = s.f. – lucido da scarpe; cfr. anche patina.

cremotartaro = s.m. – cremor tartaro, che si forma nelle botti.

crep = s.m. – colpo; crepa, fenditura; crepito; de crep di botto; (a Grumes crep).

crepacor = s.m. – crepacuore.

crepadi = s.m. – alba.

crepagiorno = s.m. – alba.

crepar = vr. – morire; scoppiare; spaccarsi, fendersi; crepa el di albeggiare.

crepentar = vr. – mettere alle strette; scricchiolare.

crepentada = s.f. – scricchiolio, specie delle ossa o dei muscoli soggetti ad eccessivo sforzo.

crepolar = vr. – crepitare, scricchiolare, specialmente delle articolazioni ossee.

creSema = s.f. – cresima.

creSemar = vr. – cresimare; schiaffeggiare, picchiare.

creser = vr. – crescere; creser come l’dì crescere molto e con facilità in statura.

cresiment = s.m. – escrescenza.

creson = s.m. – crescione d’acqua (Nasturtium officinale); pl. gemme di pino.

Crestani = soprannome di famiglia a Sover.

cret = agg. – discreto, fidato; creta segreta, persona che tiene il segreto; donna che secondo il diritto austriaco «attribuiva» la paternità del figlio illegittimo.

cria = s.m. – criterio (anche craiz).

cric = s.m. – crocchia di capelli.

cridar = vr. – gridare, sgridare.

crighel = s.m. – caraffa, bicchiere da un quarto di litro (anche tozola).

criminal = s.m. – criminale, devastatore.

crispole = escl. – di stizza.

Cristele = n.pr. – Cristiano (anche Cristelin, Cristelon, Cristelot, Chitele).

Cristeloni = soprannome di famiglia a Sover.

crister = s.m. – clistere.

cristo = s.m. – puntello a forma di croce; persona malridotta.

cristonar = vr. – bestemmiare.

criticar = vr. – criticare, biasimare.

criticon = s.m. – criticone.

crivel = s.m. – crivello, setaccio.

crivelar = vr. – crivellare, setacciare.

crocefis = s.m. – crocefisso, croce.

crocola = s.f. – testa, teschio, cranio.

crodar = vr. – cadere, crollare; crodar i oci cascare dal sonno; crodar i oci su vargot adocchiare. crofen = s.m. – sgonfietto, dolce lievitato.

croma = agg. – cromato.

cromatica = s.f. – fisarmonica a soli bottoni.

cromer = s.m. – merciaio, venditore ambulante (anche clomer).

crompa = s.f. – spesa giornaliera.

crompar = vr. – comperare; partorire.

crona = s.f. – crepaccio, balza; guglia.

cronc = agg. – ammalato.

cros = s.f. – croce, sofferenza.

croSara = s.f. – incrocio; in anatom. bacino.

croSetina = s.f. – crocetta; crocevia.

crosnobol = s.m. – crociere.

croSol = s.m. – crogiolo.

crovata = s.f. – cravatta.

croz = s.m. – roccia, rupe, dirupo.

Crozi = soprannome di famiglia a Sover.

crucola = s.f. – testa, teschio, cranio.

cruo = agg. – crudo.

cruziar = vr. – crucciare, torturare, patire, affliggere.

cruzio = s.m. – cruccio.

cua = s.m. – furbacchione.

cucar = vr. – sbirciare, guardare di soppiato, curiosare.

cucer = s.m. – cocchiere.

cuceta = s.f. – cuccetta, letto a una piazza; cucete letto matrimoniale (a 2 piazze o a 1 piazza e mezza)

cuchet = s.m. – bicchierino di liquore.

cucia = s.f. – cuccia, covile, giaciglio, letto.

cuciar = s.m. – cucchiaio; cuciar de legn cucchiaio dj legno.

cuciarse = vr. – accovacciarsi; cucià giò accucciato, accovacciato.

cucio = s.m. – cuccia; fa cucio ordine impartito al cane perchè non si muova.

cuciolon = avv. en cuciolon accovacciato.

cuco = s.m. – cuculo; al fig. rimbambito, grullo; gioco del rimpiattino; cfr. il prov. quan che canta ’l cuco, varda che ghe sia soldi ’nte scarsela.

cuco = s.m. – uovo.

cucon = s.m. – zaffo, tappo della botte.

cucon = agg. – curiosone.

cuerta = s.f. – coperta da letto (anche coerta).

cuertal = s.m. – coperta ornamentale, copriletto, drappo.

cufer = s.m. – baule dei lavoratori (emigranti).

cugnà = s.m. – cognato.

cul = s.m. – culo, deretano; fondo (del paiolo della bottiglia, ecc.); cruna dell’ago; averghe cul avere una fortuna sfacciata; tor par el cul canzonare; dal cul en su rovesciato, capovolto, fallito, crollato; col cul su drit prono.

culada = s.f. – colpo ricevuto nel sedere.

culate = s.f. pl. – chiappe, natiche.

Cu1on = soprannome di famiglia a Sover.

cuna = s.f. – culla; conca, cavità.

cunar = vr. – cullare.

cunel = s.m. – coniglio; al fig. pauroso, vile (anche cunicio).

cuneta = s.f. – cunetta, fossato di scolo lungo le strade.

cunicio = s.m. – coniglio (anche cunel).

curar = vr. – curare; mondare (legumi, frutta, verdura).

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print