L’ombrìa de le me’ gènt

      6880.mp3

Sul salesà, gió par la vècia fràona ‘ntrà i salgàri
s’è ‘mprimà, fonda, l’ombrìa de le me’ gènt
l’à bagnà i sassi smondoladi, come aqoa da na rógia
che la se sfanta ‘n de ciapèle pu’ smarìde del bombàss

Vècie rodàne le me ‘nstrada vers al tó
istess che ràgie de ‘n orlòi ‘ncantà da ‘n pèzz
negùn, che tìria sù la sosta ‘nrugiolìda
l’è sol pavèle le parole del futuro
no vedo càncheni a réger sperèi crèmpeni

Entant, l’ombrìa la sfonda ‘n tra le fughe
tàse i maròchi sota i passi mòrbi e sói
ogni qoaltrat sbròca na nenia da poréti
a maledir chiche no gh’è e no varda ‘n gió
nianca speranza dent ‘n de i òci negri e roti

E la me ombrìa, la s’à metuda ‘n te ‘n canton
come ‘n calzot ensema a strace da lavar

Giuliano

L’ombra della mia gente

sul selciato, scendendo per il vecchio  acciottolato in mezzo ai salici | s’è impressa, profonda, l’ombra della mia gente |  ha inumidito i sassi smussati, come l’acqua di una roggia | che evapora in impronte più evanescenti del bombaso  |  vecchie tracce mi incalzano verso la forra |  come lancette di un orologio imbambolato da tempo |  nessuno che ricarichi la molla rugginosa | e le parole sono farfalle di futuro |  non vedo cardini a supporto di finestre ormai distrutte |  Intanto, l’ombra affonda tra le fughe |  tacciono i ciottoli sotto i passi lievi e soli | ed ogni tanto sbrocca una nenia di pezzenti |  a maledire chi non c’è e non li sostiene |  neppure la speranza avvince gli occhi neri e rotti |  E la mia ombra si è rintanata in un angolo buio |  come un calzino insieme a stracci da lavare

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

kinzéri par sèmpro…

      6871.mp3

Se ‘mpìza ‘n lumìn ‘n de na nòt scura e négra
el s’ciàra la val con en sgiànz, primavéra
pogià lì sul cör de na ànema dólcia
‘l strangóssa caréze e ‘n ciuciòt de fortuna
se sfanta matina e, ‘ntorn, i zirési e brugnàre de röse
i ‘mpitùra de fèsta el bósch che lambìca

L’è ‘n nèno, redàtol che sgninfa pasión
tegnù al calt de ‘n fior coi òci che ride
la cuna del nono la sdindòna paziènta
e ‘l tó, salesà, denanzi a la porta
deventa bombàss anca ‘n mèzz ai penséri
e tut l’è ligér come fén sora ‘l vènt

sperante che ‘l gàtia en mondo pu bèl
magari l’autàn a cosìrghelo ‘ntorn

Giuliano

Si accende una luce in una notte scura e nera | rischiara la valle con un raggio di primavera | appoggiato sul cuore di un anima dolce |  brama carezze e un succhiotto di fortuna | la matina si scioglie e e ciliegi  ed i pruni color delle rose | dipingono a festa l’umore del bosco | È un piccolo scricciolo, vagisce passioni | stretto al caldo di un fiore dagli occhi felici |  la culla del nonno dondola quieta |
e la stradina, selciato, davanti alla porta |  si muta in bambagia anche dentro ai pensieri | e tutto è leggero come il fieno sul vento | speriamo che trovi un mondo migliore | dovremmo aiutarlo a cucirselo addosso

Auguri a Leone e a tutti quelli che gli vogliono bene

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons