Na storia desperada…

      6885.mp3

Mi te conterìa la storia de la gènt
che la rosega raiss de ortighe màte
e l’èi stada brava e bòna, come pöchi

te la conterìa dalbòn, col nass ‘mbuzzà,
parché l’èi na sghigognàda che pitura na bosìa
ma chi vöss che te la ‘mbùtia, se l’è mort?

le è sgaùse le parole trate lì su ‘n tómol bass
le disegna ‘n mondo stràch de repèzi a cul desqoèrt
e doi pugni, tera negra, con en sguazz de aqoa santèl
i scancèla tuti i torti, chi vendétte no se ‘n fa

te la conterìa pu bèla se parlass de chiche è chive
Ma che vöss che dighia, Nane?
Che ès ti sol che fas del ben?
No la sentess sota i dedi la pistola che as cargà?
Se la sbara o la sta cèta la fa ‘n sólch ‘n te ‘l cör empò

Conterìa, sinzero e s’cèt, na storia dólcia,
ma l’è sol soldi a l’encant de ‘n dio furèst
par cromparse na orazion che te pòrtia ‘n paradiss
e che credes che la còntia adess che ‘l sass?

Giuliano

Una storia senza speranza

Ti racconterei una storia della gente | che si mastica radici delle ortiche | e che in vita è stata buona e comprensiva | te la narrerei davvero, col tappo al naso | ché si tratta di canzone dal sentore di menzogna | ma chi vuoi che mi contrasti se è già morto? | Sono vuote le parole sciorinate su di un tumulo | disegnano un mondo stanco di rammendi a culo scoperto | e due pugni, terra nera, con una lacrima d’acquasantiera | cancelleranno tutti i torti per sopire il desiderio di vendetta | te la racconterei più bella se parlasdi di chi è qui | Ma cosa vuoi che ti racconti, Nane? | Credi di essere il solo a far del bene? | Non lo senti, sotto le dita, il cane dell’arma che hai caricato? | Se poi spara o fa silenzio lei ti scava a fondo il cuore | Racconterei, sincero e schietto, una dolce storia | ma son solo soldi al mercato di un dio forestiero | per comprarti un’orazione che ti apra al paradiso | e a cosa pensi che serva ora che lo sai?

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons