la mè zibòga…

      7553.mp3

l’ai töta en man par darghe na caréza
come a la mìna che me sgnàola arènt
ma me sentiva ‘ndòss el fret de ‘n brut susùr
parlarghe ghe voléva, come sèmpro
ma no la s’è lassà contar le mè reson
embesuida dré a le sò paturnie
l’à gatà lì en furèst a s-ciapotàr
nianca pù bon de darghe ‘n baso tébi
sol na roncada gréva e na manada
la s’è ‘nzispada seca la zibòga
e no la me la perdona pù
el sento dent ‘n de ‘l cör
no sai che dirte, amor
no sai che darte

amor de la me storia

Giuliano

la mia fisa…

l’ho presa in braccio per l’ultima carezza | come alla gatta che mi fa le fusa accanto | ma lo sentivo addosso il gelo di un brutto momento | avrei voluto parlargli come in un canto | ma non ha voluto le spiegassi il senso, la mia fisa | abbarbicata alle sue attese | si è ritrovata uno sconosciuto alla tastiera | un incapace di baciarla con passione |  solo una mano greve e una grattata | si è seccata ed alterata la mia fisa | e non me lo perdona più | lo sento dentro al cuore | e io non so che dirti, amore mio | non so che darti | amore della mia storia

Questo/a opera è pubblicata con una Licenza Creative Commons
Free Cultural Works

na rèchia…

      7546.mp3

vardo fõr ‘n tra i védri grisi la mè val
rossa, verda e a màce bianche
spórch de néo su ‘n mèz al bósch
l’èi lì muta che la scólta ‘l rìo che ronca

cèt en ciciolàr de osèi su par le fràone
el te ‘ncanta ‘nsin en gat en paissa al frét
gh’è na nugola, la se strozéga sui qoèrti
fum de ràsa ent ‘n de i pòrteghi che tase

sol na pìta stormenìda ‘n te ‘n canton
e la lùm che ciuta för da le coltrine
la me cònta de na storia desagràda
för da ‘n làpis come engiòstro

la rogièla ghirigori su ‘n te ‘l fòli
me la scrivo e me la cònto su par mi
negùn scolta ‘l vènt maródech
fat de canti maledeti de strabauz

prima o dopo ‘l torna a tàser
nianca ‘n gèst par sugàr làgreme
sol na riga su le galte, de scondon

gh’è ‘n pomàr crodà par tèra
tut sgauss come la nòt
e negun che ‘ntònia ‘n cant

Giuliano

un requiem…

osservo, dietro una vetrata grigia, la mia valle | rossa, verde, a macchie bianche | sporca di tracce di neve nel bosco | muta ascolta il gioco del rivo | quieto il cinguettìo di uccelli tra i vicoli | che si ammalia pure un gatto in caccia al freddo | una nuvola si trascina sopra i tetti | fumo di resina dentro i portici tranquilli | e la luce che trapela dalle tendine | mi racconta di una storia dissacrante | uscita da una penna come inchiostro | traccia segni, ghirigori su di un foglio | me la scrivo e la racconto solo per me | con nessuno ad ascoltare il vento triste | intriso di canti maledetti, sconosciuti | prima o poi tornerà calmo | neppure un gesto oper asciugare le lacrime | solo un solco sulle guande, quasi nascosto | anche un melo rovinato a terra | svuotato come la notte buia | e nessuno intona un requiem

Suite Bergamasque nr 3 Debussy

 

Questo/a opera è pubblicata con una Licenza Creative Commons
Free Cultural Works