Mi ‘l sai bèn…

Mi ‘l sai bèn che la mè storia
la se perde dopo mòrt
vècio fior de primavera
ciutà su ‘n tra ‘n fiòch de néo
pogià live a l’arbandon
come na pavèla bianca

La se strucherà a le slòiche
de na predica de femena
senza tonega o patuèl
con negùn che ghe la crede
lassà ent en de na voze
de recòrdi de matàde

Mi el sai bèn che l’èi senèstra
e no gh’è che ‘n cant solagn
a contarme la sò rèchia

Tràme sot a ‘n tomolón
o, par grazia, brusà fõra
vorìa en cant de ‘n ostarìa
par salùt da le me gént
tut en brèghel, pò ‘l sia nòt

Giuliano

Io lo so..

Io lo so che la mia storia | si perderà con le mia fine | come un fiore di primavera | sbucato tra un fiocco di neve e l’altro | abbandonato lì da solo | come una farfalla bianca | E la stringerà una nenia | di una predica di donna | senza tonaca né velo | con nessuno che la ascolti | lasciata sfuggire dalla voce | nei ricordi di pazzie | Io comprendo sia difficile | e rimanga solo un canto monotòno | per gestire questo requiem | Mettimi pure sotto un tumulo di terra | o, per grazia tua, bruciato | voglio solo un canto da osteria | come saluto dalla mia gente | un urlo caldo e poi la notte

Questo/a opera è pubblicata con una Licenza Creative Commons
Free Cultural Works

Che sàss de le mè not?

      7581.mp3

Che sàss de qoei mè ‘nsògni
nadi gió ‘n tra le parole
lassàdi ‘n schéna a ‘n vent
perdù dent ai recòrdi
de mi che no son mi?

Te par che, en fin dei cònti,
fuss sta sol trèi sonade
trate lì a la bòna empò.

Ma mi me sento el cör
machegn come peratole
coìde malmadure
che ‘mpasta boca e denti
le strénge ensìn massèle

E ti che me la còntes
come fuss sta na fortuna
lassarme vìo, de föra,
e mi me scolto ‘n cant
color su l’aria sùta
con ent na lagremòta

Dal cör…
la sgócia e bòn

Giuliano

Cosa ne sai delle mie notti?

Cosa ne sai di tutti i miei sogni | abbandonati alle parole | portate via dal vento | perduto nei ricordi  | di me che non sono più io? |  Tu dici che, nonostante tutto, | erano poche suonate | messe insieme alla bell’e meglio. | Ma io sento il mio cuore | insipido come pere | colte ancora acerbe |  che impastano bocca e denti | e stringono le mascelle | E tu che mi racconti | come fosse fortuna marcia | lasciarmi vivo, fuori | ed io che ascolto un suono, | colorato, sull’aria tersa | mentre scende una lacrimuccia | dal cuore… | gocciola e basta

Musica: La Gitane

Questo/a opera è pubblicata con una Licenza Creative Commons
Free Cultural Works