El màntess…

      6893.mp3

Gh’è na gràgola ‘n cosìna
la ghe sòna su a na ràgia
sghigognade a baticör
e anca ‘l gat che ‘l rónca fiss
el se ‘ncanta a darghe òdia

L’aria mèstega la brìgola
gh’è doi mosche ‘mbesuìde
a tondar che par na pàris
sqoasi ‘l fuss ‘l cant de na ciòca
a smorbiàr matìne crùe

El fornèl, bóca davèrta,
spèta ‘n past da brusàr föra
ma lì arènt gh’è ‘n màntess frét
e doi man che cerca pàze
zimentade da i diaolìni

E no ‘l sòna niènt en tut
sol en còcol de aria, vöit
l’è smorzà ‘l termosifon

Giuliano

il mantice…

sento una battola in cucina |  fa la serenata ad una lancetta | strimpellate a batticuore | pure il gatto, tra le fusa | si è ammaliato a farle caso  |  l’aria mesta formicola |  e due mosche rimbambite |  in un girotondo come un ballo |  quasi fosse il canto di una fisarmonica | ad ammorbidire giorni crudi |  il fornello a bocca aperta | aspetta un pasto da bruciare | ma lì accanto c’è un mantice freddo |  e due mani in cerca di pace | tormentate dai geloni | e non suona proprio niente |  solo una bolla d’aria, vuota | è un termosifone, spento

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

Na storia con ti…

      6891.mp3

T’ài lagàda lì su ‘l uss
con na rösa ‘n de le man
e le làgreme ‘n te ‘l cör

par amor de qoél amor
metù ‘n ment da na carezza
lagà nar gió ‘n trà le ciasche
de na val sèmpro pù fonda
rudolà gió par i tóvi
‘n trà spinare e na riciàra
campirlòti e nò susùri
par sfantarse ‘n de ‘n pensér.
Mi me ‘l vedo ogni qoàl trat
che ‘mpitura ‘l bósch, ‘l aotùn,
l’è ‘l recòrdi de ‘n bel sgol
‘n do che ‘l vènt l’era ‘n sofèr
che ‘l ne carga a babilòn
e tut par calt e ligér

Con na làgrema ‘n te ‘l cör
e na rösa ‘n de le man
T’ài lagada lì su ‘l uss

Giuliano

Ti ho lasciata sola, sull’uscio di casa | con una rosa nella mano | e le lacrime nel cuore | per amore di quell’amore | instillato da una carezza | lasciato cadere tra i cespugli | di una valle sempre più profonda | rotolato nella forra | in mezzo ai ricci ed un groviglio di spine | a capitombole, in silenzio | per svanire in un pensiero. Io lo incontro ogni qualvolta | che l’autunno dipinge il bosco | è il ricordo di un bel volo | con il vento come cocchiere | che ci carica sulle spalle | e tutto appare caldo e lieve | con una lacrima nel cuore | e una rosa nella mano | ti ho lasciata, sola sull’uscio

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons