Canchen nr. 31

      7170.mp3

Slòica da mat
la stremiss anca ‘l gat:

Scorla la tèra
no se ferma la guèra
Möre la gènt
bàte fiss el torment
I poreti a scavar
cagni gròssi a vardar
Entant i pu siori
i varda ‘l mondo a colori
A i altri ghe resta
sol le man ‘ntorn la testa
Scorla la tèra
carga ‘l s’ciòp gh’è la guèra

Cardine nr. 31

Filastrocca di un matto
che spaventa anche il gatto:

Trema la terra
non si ferma la guerra
Muore la gente
Batte il cuore, invadente
Poveri a scavare
cani grossi a guardare
Intanto i signori
vedon tutto a colori
Ed agli altri resta
le mani attorno alla testa
Trema la terra
prepara lo schioppo, è la guerra

 

P.S.: qui la musica è la “Marcia Funebre per una marionetta” di Gounod

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

Canchen nr. 30

      7159.mp3

L’èi rossa la guèra col sànch de la gènt
el se ‘ngrùma ai vestidi par meterghe prèssa
a qoéi che i se créde de véncer segùri
opùra a no pèrder dal tut la so’ fàcia
da cul

L’èi bianca la guèra sui pràdi de néo
strisàdi dal ross de na vita poréta
de cristi tacàdi a na cros de monéda
che scórla e sdindòna ‘n scarsèla
de i altri

L’èi negra la guèra par chiche ‘l futuro
‘l lo vede ‘n na tènda ìmpiantada su ‘l ór
metùda lì apòsta par dàrghe ‘l contènt
a chiche, tranquillo,  ‘mpienìss le musìne
de mòrt

L’èi guèra, la guèra, la ‘mbràga la gènt
che gramùsa, poréta, anca ‘n tòch de pan biot
vanzà su na tàola de acòrdi sul fil de ‘n rasór
esibì gió par tera, come a ‘n càgn che scaìna
‘n ghinòcio

Cardine nr. 30

È rossa la guerra col sangue della gente
che si raggruma alle vesti per dare uno sprone
a chi ha in testa di vincere comodamente
oppure a non perdere del tutto la sua faccia
da culo

È candida la guerra sui prati di neve
solcati dal rosso di una povera vita
di cristi attaccati a una croce di soldi
che vibra e tintinna nelle tasche
degli altri

È nera la guerra per chi il suo futuro
lo vede in una tenda piantata sul confine
messa lì apposta per fare contento
chi, accanto al camino, riempie il marsupio
di morte

È guerra, la guerra, imbriglia persone
che smaniano, povere, anche un tozzo di pane
rimasto sul desco di accordi sul filo del rasoio
donato, per terra, come a un cane che piange
in ginocchio

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons