Malegnàzz…

ma i sèntes i brèghei che ‘ntòna la nòt?
i bàte sui smòleri come cospi de vozi
i slànega ‘l scur, sdindòna traslàmpe
e rùmega gréve paròle ‘nventàde
par onger el scur de mesèrie maldìte
piture de sgàia ‘n de gnàpe scazàde
bestiéme a valgun che ne guèrna la vita
par star come aéri precisi de ancöi
le colpe le è colpe e sperante no i sàpa
qoei pöri laóri che ‘ntonerà rèchie
postadi ‘n ghinòcio denanzi al gabàn
fat su con doi scòrzi sventadi dal ghirlo
ma ti sarass brào ‘n de bosìè dré ‘n turibol

Giuliano

Maligno…

ma le senti le urla che intona la notte? | scandiscono sul selciato come zoccoli di voci | dilaniano l’oscurità, ondeggiano i lumi | e ribollono nere parole inventate | per dipingere il buio di miserie taciute | pitture di bava nelle bocche sdentate | bestemmie imprecate contro il potere | per essere oggi uguale al tuo ieri | le colpe sono colpe, speriamo nascoste | di quelli che un giorno canteranno un sol requiem |  in ginocchio prostrati davanti a un cappotto | costruito con i resti della furia del vento | ma resterai buono nelle menzogne di un prete

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons