D

da = prep. – da, di, a; nar su da Mont andare a Montesover.

daben = agg. – dabbene, buono.

dacordo = loc. avv. – d’accordo, al f. dacorda; dacordo come trei rode ’n te ’n car, in completo disaccordo.

dai = inter. – imperativo del verbo dare, voce usatissima per incitare qualcuno; dai e dai, batti e ribatti; insistere.

dalamit = s.m. – dinamite.

dalbon = loc. avv. – davvero; cfr. anche dalver.

dalet = s.m. – lettime; cfr. anche farlet.

dalmedre = s.f. pl. – calzature con suole di legno e tomaia completa, alta, di tela e di cuoio cfr. anche sgaloze; in dialetto Trentino si dicono sgalmere.

dalmedron = s.m. – detto di chi cammina in modo rozzo e rumoroso; fig. rozzo.

Dalpalù = cognome.

dalsinchè = loc. cong. – in modo che; cfr. anche talsinchè.

dalver = loc. avv. – davvero; cfr. anche dalbon.

Dami = soprannome di famiglia a Sover.

dan = s.m. – danno.

danà = agg. e s.m. – dannato.

dapartut = avv. – dappertutto; cfr. anche dapertut.

dapertut = avv. – dappertutto; cfr. anche dapartut.

da quan che = loc. cong. – da quando.

dar = vr. – dare; bastonare (ind. pres.: don, das, da, den, deo, da); denteghela gliela diamo; te ’n don te ne do; dar da dir infastidire; dar da ment dar retta; dar de volta ritornare; dar de volta ’I cervel impazzire, sragionare; darghe dare a lui, a lei, a loro (piu usato ghe dar); darghe corda dargli corda, incoraggiare, aiutare qualcuno (anche ghe dar corda); darghe dre affrettarsi (anche dar sota); darghe entro urtare, imbeccare, imboccare (anche ghe dar entro); darghe tedio dare ascolto; darghe terz assecondare; dar giò governare le bestie; imboccare; bastonare; dar na volta dare un giro di chiave, fare un giro; darsela nella loc. a darsela gioco a rincorrersi, acchiappino; dar su porgere in alto; affibbiare; insorgere; se dar ai cagni disperarsi.

daSa = s.f. – frasche di conifere staccate dalla pianta.

davera = avv. – davvero.

daverger = vr. – aprire; cfr. anche averger.

davert = p.p. e agg. – aperto; cfr. anche avert.

Davide = n. pr. – Davide.

dazi = s.m. – dazio.

daziogi = nella loc. – biSon tor daziogi accettare giorno per giorno; con rassegnazione ciò che capita (1’espressione e tratta dalle parole «dacci oggi il nostro pane quotidiano» presenti nel «Padre Nostro»). de = prep. – di; de dopo dopo pranzo, pomeriggio.

dè = s.m. – dito; ve la feo su par i dedi la fate troppo facile; me la ligo ’ntorno al dè me la lego al dito; dè de mez dito medio; dè piciol dito mignolo.

debiter = vr. – durare, battere, scorrere; la debate de poc dura poco.

debite = s.f. pl. – debiti.

debol = agg. – debole.

debolon = s.m. – mancamento, stato momentaneo di debolezza fisica.

deca = s.f. – decagrammo.

decadù = agg. – deperito per vecchiaia o per malattia.

decider = vr. – decidere; p.p. decidest e decidù.

deciduda = p.p. e agg. f. – decisa, deliberata, risolta.

decretar = vr. – decidere, stabilire, ordinare.

dedal = s.m. – ditale.

dedentro = avv. e s.m. – didentro; nel me dedentro nel mio intimo.

dedicar = vr. – dedicare; prestare le proprie cure.

dedot = s.m. – ditino.

dedrè = loc. avv. e s.m. – di dietro; deretano.

defender = vr. – difendere; cfr. anche difender.

defora = avv. – fuori, di fuori; defora via a parte; di contrabbando.

degià = avv. – già, di già.

deguio = escl. – sinon. di perdio, perdiana, perbacco, ecc.

delbon = avv. – davvero; cfr. anche davera.

delevar = vr. – liquefare, fondere (dei metalli).

delibrar = vr. – liberare.

delicat = agg. – delicato, cortese, civile, distinto.

deligerir = vr. – digerire; cfr. anche digerir e desligerir.

del tut = avv. – del tutto, interamente.

dema = s.f. – modo, stato di sottomissione a condizioni miserevoli.

demisoria = s.f. – dimissorio, detto della licenza di scuola elementare.

demò = avv. – soltanto, appena.

demoni = s.m. – demonio; vivace, indiavolato.

denanteri = avv. – avantieri.

denanzi = avv. – dinanzi, davanti, di fronte, prima; cfr. anche enanzi.

denegar = vr. – rinnegare; negare; cfr. anche renegar.

dent = s.m. – dente; dent da l’ocio dente canino; far denti essere stizzoso; denti de cagn denti di leone (Taraxacum officinale).

dent = avv. – dentro; cfr. anche ent.

denzolar = vr. – slacciare, sbottonare; cfr. anche desbotonar.

deole = escl. – sinonimo di perdio, perdiana, perbacco.

depoSit = s.m. – deposito.

deputato comunale = s.m. – consigliere comunale.

derdana = s.f. -ultimo giovedì di gennaio in cui si fa il tradizionale smacafam.

derimpet = avv. – dirimpetto; cfr. anche viSavì.

deroc = s.m. – diroccamento, rovina, sfacelo.

derocà = agg. – diroccato.

deSagrà = agg. – dissacrato; scatenato; sciolto da ogni convenzione e che si comporta irrazionalmente provocando danni a sè e agli altri.

deSarmar = vr. – disarmare.

deSaSi = s.m. – disagio; cfr. anche diSaSi.

deSatarse = vr. – agitarsi.

desbarazar = vr. – sbarazzare, sbrogliare.

desbastir = vr. – levare l’imbastitura, sbastire.

desbotonar = vr. – sbottonare, slacciare; cfr. anche denzolar.

desbranar = vr. – disimpacciare.

desbrigar = vr. – sbrigare, sbrogliare; affrettare; liberare; eliminare fisicamente una persona o un animale.

desbrocar = vr. – sbullettare, levare le brocche o i chiodi.

desbroiar = vr. – sbrogliare.

desbuzar = vr. – disintasare.

descadenà = agg. – scatenato, sfrenato.

descader = vr. – decadere.

descagnar = vr. – disincagliare, disimpegnare, liberare.

descalzar = vr. – scalzare, disincagliare; cfr. anche desgaiar.

descantar = vr. – disincantare; scaltrire.

descapit = s.m. – discapito.

descargar = vr. – discaricare, scaricare.

descartar = vr. – scartare, levare la carta.

descartiar = vr. – districare, sgrovigliare, dipanare.

descasar = vr. – scassare, levare dalla cassa.

descentrà = agg. – scentrato, fuori centro, sballato, fuori fase.

desciodar = vr. – schiodare, levare i chiodi.

desciolar = vr. – slacciare; sciogliere il nodo; sbrigare in fretta; desc’iolete! sbrigati!, muoviti! descobiar = vr. – sdoppiare il filo.

descoerger = vr. – scoprire; liberare dai panni, dagli indumenti.

descognar = vr. – sbiettare, estrarre i cunei; sconnettere.

descolar = vr. – scollare; p.p. descolà.

descolorir = vr. – scolorire; p.p. descolorì.

descolpar = vr. – discolpare.

descolz = agg. – scalzo, a piedi nudi.

descomod = agg. – scomodo; cfr. anche senestro.

descompagnà = agg. – spaiato, scompagnato; dissimile.

descontent = agg. – scontento.

descontentar = vr. – scontentare.

descordar = vr. – scordare, dimenticare.

descorer = vr. – discorrere, parlare; cfr. anche discorer; p.p. descorest; i à descorest si dice, corre voce.

descoSir = vr. – scucire.

descreditar = vr. – screditare.

descrofar = vr. – sbrogliare, sgarbugliare.

desdebitarse = vr. – sdebitarsi.

desdir = vr. – disdire, ritrattare.

desdopiar = vr. – sdoppiare; cfr. anche descobiar.

desdot = agg. – diciotto.

desdromenzar = vr. – svegliare; se desdromenzar svegliarsi; cfr. anche desmisiar e svegiar.

deSe = agg. – dieci.

desender = vr. – cedere, arrendersi alle ragioni altrui.

deSert = agg. e s.m. – deserto, incolto, disabitato; detto di persona squallida, derelitta, vuota; l’e na deSerta e una donna squallida; a la deSerta in abbandono.

deSesete = agg. – diciassette.

desfamar = vr. sfamare.

desfantarse = vr. – dileguarsi, diradarsi.

desfantole = s.f. pl. – ghiandole.

desfar = vr. – disfare, scomporre, demolire, annullare; sciogliere.

desfasar = vr. – sfasciare, levare dalle fasce; p.p. desfasà.

desferenziar = vr. – districare una controversia, dirimere una contesa.

desferenziarse = vr. – districarsi; sbrigare le proprie faccende, anche se complicate.

desfida = s.f. – disfida, sfida.

desfidar = vr. – disfidare.

desfigurar = vr. – disfigurare, sfigurare.

desfilar = vr. – sfilare, estrarre cose infilate; asportare fili dal tessuto.

desfizar = vr. – sfilzare, estrarre cose infilzate; levare le grinze.

desfodrir = vr. sfoderare.

desformar = vr. – sformare, deformare.

desfrit = s.m. – soffritto.

desgaiar = vr. – disimpegnare, levare materiale pericolante; effettuare il disgaggio; far piazza pulita; scialare.

desgalar = vr. – bagnare la calce viva.

desgelar = vr. – sgelare.

desgesar = vr. – levare il gesso.

desghiaciar = vr. – sgelare, sghiacciare.

desgiachetar = vr. – levare la giacca.

desgionfar = vr. – sgonfiare.

desgravar = vr. – sgravare; alleggerire.

desgrazià = agg. – disgraziato, sciagurato; sfortunato.

desgregiar = vr. – dirozzare.

desgropar = vr. – sciogliere un groppo; slacciare; fig. sciogliere il nodo alla gola.

desgrostir = vr. – scrostare.

desgualivar = vr. – disguagliare.

desguidar = vr. – svitare.

desgustar = vr. – disgustare.

deSiderar = vr. – desiderare.

desigual = avv. – di seguito; a mano a mano; continuando nell’ordine.

Desimoni = cognome a Cembra.

deSìn = s.m. – decino, moneta d’argento da dieci carantani di Vienna; moneta di rame da dieci centesimi di lira italiana.

deSina = s.f. – decina.

desipol = s. e agg. m. – dissipatore, sciupone; discolo sprecone; indisciplinato.

deSister = vr. – desistere, recedere; terminare, smettere.

deslatar = vr. – slattare, svezzare.

desligar = vr. – slegare, sciogliere.

desligerir = vr. – digerire; cfr. anche deligerir e digerir.

desligerir = vr. – alleggerire.

deslogar = vr. – slogare; disnodare.

deslutar = vr. – deludere.

deslutarse = vr. – scoraggiarsi, avvilirsi.

desmagonar = vr. – sgomberare il magone.

desmalgar = vr. – scaricare la malga, ossia chiudere le malga per fine alpeggio.

desmentegar = vr. – dimenticare.

desmentegon = agg. – dimenticone, smemorato.

desmeter = vr. – smettere; p.p. desmetù.

desmisià = agg. – sveglio; furbo, vivace.

desmisiar = vr. – svegliare; cfr. anche desdromenzar.

desmoiar = vr. – ammollare, mettere a mollo.

desmolar = vr. – slegare, allentare; smottare.

desmontar = vr. – smontare.

desmudandar = vr. – levare le mutande.

desnivir = vr. – snidare, stanare.

desnotarse = vr. – annullare la propria adesione; dimettersi, ritirarsi.

desnove = agg. – diciannove.

desnudar = vr. – svestire, spogliare, mettere a nudo; sfoderare.

deSobedient = agg. – disubbidiente.

desomia = agg. – stravolto.

deSonor = s.m. – disonore.

desora = avv. – disopra.

deSorden = s.m. – disordine.

desot = avv. – disotto.

despacar = yr. – spacchettare.

despareciar = vr. – sparecchiare.

despegnir = vr. – disimpegnare; sgrovigliare; liberare.

despegolar = vr. – disimpacciare, districare.

desperar = vr. – disperare, darsi alla disperazione; far perdere la pazienza.

desperazion = s.f. – disperazione; scompiglio, furia.

desperder = vr. – disperdere; abortire, detto delle mucche.

despersia = s.f. – nella locuz. en despersia sparpagliato, smarrito, perso.

despetenar = vr. – spettinare.

despetolar = vr. – disimpacciare, districare; togliere le caccole dal vello delle bestie.

despiantar = vr. – spiantare, sradicare; smontare un impianto.

despiaSer = vr. – dispiacere; p.p. despiaSù.

despompar = vr. – sgonfiare; p.p. despompà.

despreSiar = vr. – spregiare, biasimare; ingiuriare.

desprezar = vr. – disprezzare.

desridolar = vr. – srotolare, svolgere; cfr. anche desrodolar.

desrodolar = vr. – srotolare, svolgere; cfr. anche desridolar.

desrugiolir = vr. – dirugginire.

destacalos = agg. – detto di pesca spiccace.

destacar = vr. – distaccare; dividere i contendenti.

destadiar = vr. – tediare, infastidire; distrarre, sviare.

destagnade = agg. f. pl. – sterminate, uccise.

destagnar = vr. – levare lo stagno.

destanar = vr. – stanare; p.p. destanà

destemprà= agg. – stemperato; tiepido, mitigato; che ha perso la tempera, detto dei metaIli.

destender = vr. – distendere; sciorinare il bucato.

destinar = vr. – destinare; deliberare; decidere.

destinguer = vr. – distinguere; scorgere.

destor = vr. – distogliere; p.p. destot.

destrani = s.m. – nostalgia della casa lontana.

destregiarse = vr. – destreggiarsi, barcamenarsi con abilita a proprio vantaggio.

destrigar = vr. – districare; sbrigare; eliminare, ammazzare, sterminare; cfr. anche strigar.

destrigarse = vr. – districarsi, sbrogliarsi; sbrigarsi, fare presto.

destro = agg. – destro; comodo; lesto; abile.

destropar = vr. – stappare, sturare.

destruger = vr. – distruggere; p.p. destrut distrutto; privato di ogni energia fisica o morale.

desturbo = s.m. – disturbo.

deSuSarse = vr. – disusarsi, disabituarsi.

desvegiar = vr. – svegliare; cfr. anche desmisiar e desdromenzar; a ve desvegiar a svegliarvi.

desvestir = vr. – svestire; me desvestiso mi svesto.

desviar = vr.- sviare; distrarre.

desvolger = vr. – svolgere; dipanare.

deszolar = vr. – slacciare, sbottonare; cfr. anche denzolar e dezolar.

Deto = n. pr. Benedetto.

devastar = vr. – devastare, distruggere.

deventar = vr. – diventare, divenire; riuscire, avere esito.

devoltar = vr. – rivoltare; distogliere; abbattere;. ve devolto anca se fusao de croz vi abbatto anche se foste di roccia.

devot = agg. – devoto, bigotto.

devozion = s.f. pl. – devozioni, pratiche religiose, preghiere.

Dezima = n. pr. – Decima.

dezime = s.f. pl. – imposte.

dezipar = vr. – sgualcire, sciupare, rovinare; bastonare.

dezolar = vr. – slacciare, sbottonare; cfr. anche denzolar.

dì = s.m. – giorno; al di d’ancoi al giorno d’oggi; dì dre giorno dopo; dal dì di giorno; da ’n dì a ’n dì da un giorno all’altro, fra breve; dì d’opra giorno feriale, lavorativo; en dì par volta giorno per giorno.

diagio = inter. – esclamazione di stupore.

dialet = s.m. – dialetto, vernacolo.

diaol = s.m. – diavolo; poro diaol pover’uomo; bon diaol buon uomo; al f. diaola; cfr. anche diaolo. Diaolini = soprannome di famiglia a Sover.

diaolini = s.m. pl. – formicolio doloroso alle dita delle mani prodotto da freddo intenso o da percossa violenta.

diaolo = s.m. – diavolo; cfr. anche diaol.

diari = s.m. – diario.

dieta = s.f. – digiuno, astinenza.

difalcar = vr. – diffalcare, sottrarre.

difender = vr. – difendere.

diferent = agg. – differente.

difet = s.m. – difetto, magagna.

difidar = vr. – diffidare.

difizil = agg. – difficile.

difront = avv. – di fronte.

digerir = vr. – digerire; tollerare, sopportare; cfr. anche deligerir e desligerir.

digor = s.m. – fieno del secondo taglio; cfr. anche ligor.

dileta = agg. f. – diletta.

dimandar = vr. – domandare.

dindolar = vr. – dondolare; oscillare.

dindonar = vr. – dondolare, gingillare.

Dio = s.m. – Dio; l’e ’l so Dio e il suo diletto, la sua passione preferita; Dio sol lo sa nessuno lo sa; come Dio vol come capita; che Dio vel meriti espressione di ringraziamento; la ven giò che Dio la manda piove a dirotto; Dio santo esclamazione di gioia, stupore, stizza, contrarietà; ira de Dio flagello, furia, rabbia.

diportamento = s.m. – comportamento, contegno.

diporto = s.m. – diporto, sollazzo, svago, divertimento.

dir = vr. – dire, ind. pr.: digo; dis, dis, diSen, diSeo, dis; ger. digant; mi digo credo, suppongo, mi sembra; ai dit ho detto; ai bu dit avevo detto; diSean dicevamo; ai da te dir ho da dirti; dar da dir disturbare; dir de bo e de vaca criticare severamente o coprire di improperi; manda po a dir e poi fateci sapere; dir a averte carte dire chiaro e tondo; dit e fat detto e fatto, subito.

direa = s.f. – diarrea; cfr. anche sghita.

direto = agg. e avv. diritto, difilato.

direzion = s.f. – direzione; indirizzo; comando; senso di marcia.

dirlindai = agg. – stravagante.

dirodi = soprannome di famiglia di Gresta (suggerito dall’interessato )

diSaSi = s.m. -’ disagio.

diSatenzion = s.f. – disattenzione, distrazione.

discorer = vr. – discorrere, conversare, raccontare, correr voce; discorer la reSon trattare 1’argomento.

diSegn = s.m. – disegno.

disender = vr. – sottostare, dipendere; subordinare.

disgionger = vr. – disgiungere, disunire.

dispensier = s.m. – dispensiere nel signif. di commesso di negozio.

dispet = s.m. – dispetto.

dispiazer = s.m. – dispiacere.

disponer = v.r. – disporre; comandare.

distrat = agg. – distratto, disattento.

dita = s.f. – ditta, impresa; l’e na dita e una canaglia.

divers = agg. – diverso, differente.

divertiment = s.m. – divertimento.

divot = agg. – devoto; bigotto; (cfr. anche dgvot).

dizembre = s.m – dicembre.

do = agg. – due; (cfr. anche doi); do pasi pochi passi; do d’ agost due agosto, festa dei maschi (il 2/12 S. Bibiana, festa delle femmine); en do e do quatro in fretta; come do e do quatro per davvero.

do = avv. – dove; (cfr. anche endò).

dobar = vr. – addobbare, ornare, abbellire.

dobe1on = s.m. – gioco a carte simile al gioco a scopa, ma con 52 carte (da il «due bello» di spade). document = s.m. – documento.

dodes = agg. – dodici.

dodeSezento = agg. – milleduecento; (cfr. anche milidoizento).

Dodo = soprannome di famiglia a Sover.

doi = agg. – due; (cfr. anche do); a doi a doi a due a due; doi e doi quatro per davvero.

doia = s.f. – doglia col signif. di polmonite; doia dopia polmonite bilaterale.

doie = s.f. pl. – doglie del parto.

doizento = agg. – duecento.

dolari = s.m. – dollari; (cfr. anche taleri).

dolc’ = agg. – dolce; dolc’ de sal scipito; dolcion molto dolce; en dolce con comodo e con calma.

doler = vr. – dolere; rincrescere; el se ’n dol gli rincresce, se ne duole; si offende.

Dolfo = n.pr. – Adolfo.

do1ori = s.m. pl. – artrosi; artrite.

dom = s.m. – duomo.

doman = avv. – domani; mattina; aeri de doman ieri mattina; stadoman stamane; doman de la doman domattina.

domandar = vr. – domandare; (cfr. anche dimandar).

domenega = s.f. – domenica.

domesca = s.f. – covone.

domestegar = vr. – addomesticare.

dominar = vr. – dominare, spadroneggiare; sovrastare.

donar = vr. – donare.

donca = cong. e avv. dunque.

dopi = agg. – doppio.

dopo = avv. – dopo, poi; dietro; in seguito; el dopo? e dopopranzo?; dopo mezdì pomeriggio; de dopo dopopranzo, pomeriggio.

doprar = vr. – adoperare.

dormer = vr. – dormire; (cfr. anche dromir).

dos = s.m. – dosso, collina; rialzo, prominenza.

dota = s.f. – dote, beni apportati dalla moglie al marito.

dotor = s.m. – dottore nel signif. di medico.

dotorel = s.m. – dottorino; saccentone, ciarlone.

dotrina = s.f. – lezione di dottrina cristiana.

dova = s.f. – doga; fig. resistente, consistente, nerboruto.

doveri = s.m. pl. – compiti di scuola.

dozena = s.f. – dozzina.

drac’ = s.m. – staccio, grande staccio in rete di ferro o di nocciolo.

dragac’ = s.m. – carriola a fondo piano per il trasporto di sassi.

dragiar = vr. – setacciare.

dragiari = s.m. – ambulanti che vendevano e riparavano stacci da contadino.

drama = s.m. – dramma, vicenda dolorosa.

dramar = vr. – diramare; (cfr. anche sdramar).

drante = s.m. – idrante.

drapi = s.m. – drappi, paramenti.

dre = avv. – dietro; dopo; al seguito; dre che ’l studia sta studiando; dre che ’l lava occupata a lavare; ghe nar dre seguire; corteggiare qualcuno; curare qualche cosa; ghe dar dre affrettare; dre a familia in attesa del nascituro; dre man di mano in mano; di seguito, ordinatamente; dre schena all’indietro; crodar en dre schena cadere all’indietro; el ghe va dre si sottintende l’oggetto che passa nelle mani del ladro; (cfr. anche dreo).

drecia = s.f. – treccia.

dreghe = avv. – dietro a lui, dietro a loro.

dreo = avv. – dietro; dreo man a mano a mano; (cfr. anche dre).

drit = agg. – diritto, in linea retta; furbo, scaltro; incorruttibile; star su drit stare eretto; parlar drit parlare bene; el drit il verso giusto; drita diritta; destra; dritta; furba; a drit e a rovers diritto e rovescio (tipo di punto usato nei lavori a maglia).

drizar = vr. – raddrizzare; rizzare; filare velocemente; far rigar diritto; (cfr. anche endrizar).

droc’ = s.m. – traccia lasciata nell’erba camminando; (cfr. anche stroc’).

dromedari = s.m. – dromedario; fig. persona lenta, pesante.

dromir = vr. – dormire; dromir come ’n cioc dormire profondamente.

dropar = vr. – adoperare, utilizzare; te dropo ti utilizzo, mi servi; (cfr. anche doprar).

dubi = s.m. – dubbio.

Duchesi = soprannome di famiglia a Sover.

duet = s.m. – duetto.

dugo = s.m. – gufo; allocco, grullo, citrullo.

dur = agg. – duro; resistente, robusto; ostinato; la è dura! voce dei boscaioli per avvertire che la polenta e cotta ovvero che e 1’ora del pasto.

durada = s.f. – durata.

durar = vr. – durare; resistere.

duraSe = s.f. pl. – duracine, detto di ciliegie con polpa consistente attaccata al nocciolo.

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

1 commento su “D

I commenti sono chiusi