F

F

Facenda = cognome.

facenda = s.f. – faccenda, affare, lavoro da fare, lavoro domestico; vicenda.

facera = s.f. – maschera per la faccia; cfr. anche muSera.

Fachinati = soprannome di famiglia a Cembra.

facia da conventin = s.f. – faccia doppia, detto di persona falsa.

facia franca = s.f. – faccia tosta.

facoltà = s.f. – facoltà, potere; bene, proprietà, possesso.

fada = s.f. – fata, maga; strega; donna furba e intrigante.

Fadanei = soprannome di famiglia a Cembra.

fadanel = s.m. – fanello (uccelletto dei passeriformi).

fadiga = s.f. – fatica.

fadigos = agg. – faticoso.

fagian = s.m. – fagiano.

fagot = s.m. – fagotto, involto; rigonfiamento prodotto da sgualcitura e da increspatura.

faic = agg. – incapace.

faifa = s.f. – pipa da fumo.

faimalon = s.m. e agg. – detto di chi fa malanni, maldestro, sciupone che rompe tutto.

faìra = s.f. – betonica, donna pettegola e curiosa.

fal = s.m. – fallo, errore.

falir = vr. – sbagliare; fallire il bersaglio; p.p. falà; falada fallata, sbagliata; fallita.

falc = s.f. – falce fienaia.

falcar = s.m. – manico della falce fienaia.

falda = s.f. – falda, striscia sovrapposta; piega; balza de1 vestito; pendice di un monte.

faliva = s.f. – favilla, parte minuta di materia incandescente; piccolo fiocco di neve.

falon = s.m. – fallo, errore; vuoto nel seminato a causa della semente non germogliata; errore di fabbricazione.

falopa = s.f. – faloppa, bozzolo scarto; fig. poltrone, fiacco; panzana.

fals = agg. – falso, mendace; stonato.

fam = s.f. – fame, appetito; en poc de fam appetito; fam, se, son o poc de bon niente di buono.

fama = s.f. – notorietà (in bene o in male).

famà = agg. – affamato; pl. famadi.

famàdega = s.f. – carestia.

famei = s.m. – famiglio; cavalletto di ferro o di legno di cui si può regolare l’altezza con ganci fissi per sistemare padelle sul treppiede.

familia = s.f. – famiglia; cfr. anche meSa.

famoSo = agg. – famoso; abilissimo.

fanaiz = s.m. – sermone con castigo finale.

fanal = s.m. – fanale, lampione.

fandogna = s.f. – fandonia; pl. fandognade.

Fani = n.pr. – Francesca, Fanny.

fant = s.m. – fante; bater el cul al fant picchiare qualcuno.

fantolin = s.m. – fantolino, bambino in fasce.

fao = s.m. – favo, vespaio.

fao = s.m. – faggio; cfr. anche foo (Fagus silvatica).

faolenza = s.f. – poltroneria; influenza virale.

faorite = s.f. – favoriti, basette.

far = vr. – fare; partorire; ind. pres.: fon, fas, fa, fen, fdo, fa; a la far; a farla; da la far da farla; come fas al far come fai a farlo; al far a far; ve feo su vi sporcate; far de men rinunciare; fando facendo; a ghela far a fargliela; con el me far col mio modo di fare; faSean facevamo; p.p. fat; far boche fare smorfie; beffeggiare; sbadigliare; far broche aver paura; far da sentinela sorvegliare, vegliare; far denti essere stizziti; far ent le maneghe rimboccare la maniche; far entorn avvolgere; far fora spiattellare q.c.; sparlare di qualcuno; sbrogliare; far fora i faSoi sgusciare i fagioli; far fora na reSon chiarire una controversia; discutere; far for la calc’ spegnere la calce viva; far giò pulire; dipanare; disfare; far giò la polver spolverare; no me lago far giò non mi lascio offendere o superare; far giò strope cogliere vimini; confessarsi; far giò ’l nas pulire il naso; far giò le mance sgranare le pannocchie di granoturco; far giò valgun ale boce vincere qualcuno al gioco delle bocce; far la bela fare lo spareggio, ripetere la partita quando il gioco termina in pareggio; far lengue beffare mostrando la lingua; farse benedir farsi benedire, detto di donna che dopo il parto va in chiesa per la purificazione; mandar a farse benedir mandare alla malora qualcuno o q.c.; farse om farsi uomo; sposarsi, detto di adolescenti maschi; farse su insudiciarsi; far star giò ’l fia mozzare il fiato; puzzare; annoiare; far su el let rifare il letto; far su fond vangare profondamente; cfr. anche il prov.: de pu che se fa de men se a; a farla granda esagerando.

farina = s.f. – farina; farina bianca farina di frumento; farina gialda farina di granoturco; faina mora farina di grano sareceno.

farinel = s.m. – farinaccio selvatico (Chenopodium album); cfr. anche ceniscli.

farinos = agg. – farinoso.

fariSeo = s. e agg. – falso, ipocrita.

farlet = s.m. – strame secco per rifare la lettiera alle bestie, lettime; cfr. anche dalet.

fas = s.m. – fascio, fascina.

fasa = s.f. – fascia, benda; fascia da neonato.

faseta = s.f. – fascetta, benda.

fasina = s.f. – fascina di rami o sterpi, ecc.; no l’a tute le fasine al coert non ha la testa a posto.

faSoi = s.m. pl. – fagioli; far fora i faSoi sgusciare i fagioli; faSoi bagi fagioli dal baccello largo, giallo e venato di rosso, sgranati freschi; faSoi sechi fagioli sgranati secchi.

faSolar = s.m. – pianta del fagiolo.

fat = agg. – fatto; maturo, stagionato; fat adaSi pigro; calmo; lento cfr. anche lèmpo; che non ha riflessi pronti; posapiano; uso a ponderare.

fata = nella loc. nar de fata andare e agire rapidamente.

fateze = s.f. pl. – fattezze, fisionomia, sembianze, forme.

fatura = s.f. – fattura, modo di lavorazione; fattura del vestito.

faturar = vr. – fatturare; lavorare, manipolare; adulterare; faturar legnam levare la corteccia alle piante abbattute.

favela = s.f. – favella, parlantina.

Fazi = soprannome di famiglia a Cembra.

fazil = agg. – facile.

fazion = s.f. – rendimento, resa, risultato, effetto.

fazol = s.m. – fazzoletto; fazol da col fazzoletto da collo, sciarpa di seta; cfr. anche folar; fazol da nas fazzoletto da naso; fazol da testa fazzoletto da testa; cfr. anche patuel; fazol de’sialin scialle, usualmente di lana, per coprire insieme la testa e le spalle.

febrar = s.m. – febbraio; cfr. anche feorar.

fede = s.f. – fede religiosa; anello nuziale; credito.

fegura = s.f. – figura, aspetto, ritratto; canaglia.

fegurona = s.f. – figurona, ottima impressione; magnifico aspetto.

fel = s.f. – fiele; cfr. anche bila.

feleSi = s.m. pl. – felce maschio (Aspidium plixmas).

Felipi = soprannome di famiglia a Cembra.

femena = s.f. – femmina; donna; moglie. Prov.: co le ciacere no se sgionfa femene; co le femene dei altri e ’l teren enghiacià no ve ne ’npacià.

femenela = s.f. e m. – femminuccia; donnaiolo.

fen = s.m. – fieno; prim fieno di primo taglio; ligor (o digor) fieno di secondo taglio; terzol fieno di terzo taglio; quartol fieno di quarto taglio; a fen a soccida (contratto che prevede 1’impegno di allevare il bestiame altrui, disponendo del latte come compenso).

fenarol = s.m. – botola da cui si fa passare il fieno.

fenir = vr. – finire; fenila! finitela!; cfr. anche fornir.

feorar = s.m. – febbraio; cfr. anche febrar.

feoron = s.m. – febbrone; erpete, sfogo che produce ulcerazione alla bocca; cfr. anche fioron.

fer = s.m. – ferro; pl. feri attrezzi o utensili da lavoro; feri a la caSa ordine di riporre gli attrezzi al termine del lavoro; fer a do man coltello per scarnare; coltello da artigiano a doppia impugnatura; fer da caliar piede di ferro da calzolaio; fer da caval ferro di cavallo; coltello per tagliare le unghie dei cavalli; cfr. anche piatol; fer da far strada tenaglia per fare strada alla sega; cfr. anche stradarol; fer dai rizi arricciacapelli; fer dai serci ferro con terminale adunco per sollevare i cerchi del fornello di cucina; fer dale scarpe calzascarpe; cfr. anche calcagner e calzarol; fer dal fen tagliafieno, lama della taglierina da fieno; attrezzo con lama a mezzaluna che si aziona col piede per tagliare fieno dalla massa; fer dal foc attizzatoio; fer da mina barramina, barra di acciaio per eseguire fori da mina, da cm. 50 a cm. 150; fer da ocei tenaglia da calzolaio per fare gli occhielli.

fera = s.f. – fiera, mercato; confusione.

ferar = vr. – ferrare; cfr. anche enferar.

ferar = s.m. – fabbro ferraio.

Ferar = soprannome di famiglia a Cembra.

Ferari = soprannome di famiglia a Sover.

ferata = s.f. – ferrovia; treno ferroviario.

feriada = s.f. – inferriata.

ferida = s. e agg. f. – ferita.

ferir = vr. – ferire; p.p.: feri.

ferle = s.f. pl. – grucce, stampelle.

ferm = agg. – fermo; sodo; stabile.

fermar = vr. – fermare; trattenere; fissare; p.p.: fermà bloccato, fermato.

fersene = s.f. pl. – morbillo; cfr. anche rauscio.

fertig catova! = escl. – basta, e finita!

festa = s.f. – festa; giorno festivo; dimostrazione di gioia.

festidi = s.m. – fastidio, preoccupazione; briga; svenimento; n’ai en festidi non me ne importa niente.

feston = s.m. – festone, ornamento; gran festa.

festona = s.f. – festa grande; sagra.

fetio = agg. – effettivo.

fetor = s.m. – fetore.

fever = s.f. – febbre; cfr. feoron febbrone.

fià = s.m. – fiato, respiro; tirar el fià prendere fiato, riposare un po’; fià lonc sospiro profondo.

fiac = agg. – fiacco; stanco.

fiaca = s.f. – fiacca, spossatezza, svogliatezza; flemma; modo mellifluo, moina, imbonimento.

fiadegar = vr. – ansare.

fiamaz = s.m. – nativo della Val di Fiemme.

fianc = s.m. – fianco.

fianela = s.f. – flanella.

fiap = agg. – fiacco; vizzo; sgonfio; cfr. anche flap.

filò = s.m. – visita; amoreggiamento; riunione serale durante la quale si tagliavano castagne, si scartocciavano pannocchie, si sgusciavano fagioli. Il termine deriva da.l’antica tradizione delle riunioni serali durante le quali si filava la lana: era un lavoro riposante e un incontro gradito in quanto favoriva le relazioni umane e per i giovani un’occasione di approcci amorosi. Il padrone di casa, al termine del lavoro, offriva castagne e vino; in analogia con il termine filò venne poi denominata sfoiò la riunione per scartocciare il granoturco e sfaSolò quella per sgusciare fagioli; pl. filò; en cavez de filò un breve approccio.

filon = s.m. – filone (pane di forma allungata); uomo astuto e attento,prolungamento filiforme delle piante; viticcio.

filonder = s.m. – partecipe al filò.

filoSomia = s.f. – fisionomia.

filotea = s.f. – filotea (libro di preghiere, meditazioni e pratiche devote).

filza = s.f. – grinza; cfr. anche fiza.

fin = s. e agg. – fine, conclusione; sottile; raffinato, gentile.

fin = prep. – fino; fin che basta moltissimo; fin en te un tutti fino all’ultimo.

finanza = s.f. – guardia di finanza.

fine = s.f.- fine; en fin alla fine, in conclusione.

finestra = s.f. – finestra; finestrol finestrella.

fineze = s.f. pl. – finezze, delicatezze; maniere gentili, eleganti.

finferla = s.f. – finferla, cantarello giallo (Cantharellus luteus).

finferlo = s.m. – fungo gallinaccio (Cantharellus cibarius).

finizion = s.f. – fine, fine del lavoro; conclusione.

fino = igg. – astuto, sottile, perspicace.

finocio = s.m. – finocchio.

finta = s.f. – finta, finzione.

fioc = s.m. – fiocco, nastro; nodo; fiocco di neve.

fiocar = vr. – fioccare, nevicare; l’a fiocà e nevicato; p.p. fiocà fioccato, nevicato; caduto dall’alto, piovuto dal cielo; giunto in gran copia.

fiocheSinar = vr. – fioccare poco e a fiocchi minutissimi.

fio-fio = loc. – paura.

fiol = s.m. – figlio; pl. poi. Prov.: chi che a fioi tuti i boconi no i è soi; an tin tan, fiol de ’n can, fiol de ’n bec, aSen sec filastrocca con cui si tira a sorte chi deve iniziare un gioco.

fiola = s.f. – figlia; pl. fiole.

fiopa = s.f. – genzianella.

fior = s.m. – fiore; s.f. fioretta del vino; fior de tai s.m. pellicola che si forma fra i sassi e la terra umida, o fra i sassi stessi e che un tempo veniva applicata alle contusioni e alle ferite per favorirne la guarigione; fiori gialdi ranuncoli (Ranunculus acer).

fioranzeSi = s.m. pl. – luppolo (Humulus lupulus); cfr. anche broscanzoli e bruscanzoli.

fioret = s.m. – fioretto, rinuncia, mortificazione, piccolo sacrificio.

Fioreti = soprannome di famiglia a Cembra.

fiorida = agg. – fiorita; che ha esito favorevole; le va tute fioride le cose vanno tutte per il giusto verso. fiorini = s.m. pl. – fiorini (moneta di Vienna in argento corrispondente a due corone austriache); fiorini abuSivi fiorini ammessi al corso, ma con valore di circa 85/100 di quelli di Vienna.

fioron = s.m. – febbrone, erpete sulle labbra; cfr. anche feoron.

Fiorum = s.m. – fiorume del fieno.

fioz = s.m. – figlioccio.

firma = s.f. – firma; ditta.

fis = agg. – fisso, sodo.

fisar = vr. – fissare;- p.p. fisà.

fistera = s.f. – temperatura ambiente elevata; bater la fistera andare a lune.

fistona = agg. f. – spettinata.

fit = s.m. -affitto, pigione; interesse su depositi di denaro.

fit = agg. m. – fitto, folto, denso,

fitalin = s. e agg. m. – affittuario, inquilino.

fitanza = s.f. – affittanza; appalto.

fitar = vr. – affittare, dare in affitto.

fiza = s.f. – grinza; piega; ruga della pelle; cfr. anche filza.

fizol = s.m. – matassina; fascetto; ciocca; dim. fizolet.

flanela = s.f. – camiciola di flanella.

flap = agg. – fiacco; poltrone; sgonfio; vizzo; flaccido; cfr. anche fiap.

flea = termine con cui i boscaioli danno a gran voce l’avvertimento di pericolo.

flec = s.m. – fetta abbondante, pezzo; cfr. anche sflec.

flepa = agg. f. – molle, vizza; fiacca.

flicar = vr. – combinare un guaio a qualcuno; giocare qualcuno con malizia; cfr. anche fracar e fricar; prov.: chi te la flica e chi te la fa, el pu coion el resta ’nbroià.

flinc = s.m. – fringuello.

floc = s.m. – fermo costituito da un paletto di legno conficcato in terra.

flope = s.f. pl. – genzianelle di varie specie; cfr. anche sciopete e siorine.

flopi = s.m. pl. – genzianelle.

floster = s.m. – sottofondo compatto artificiale; massicciata.

foc = s.m. – fuoco; pl. foghi; nè foc nè loc ne famiglia, ne casa; foc de s. Antoni erpete (dermatite di origine virale); foghi fuochi artificiaIi.

focol = s.m. – roncola grande.

fodra = s.f. – fodera.

fodrar = vr. – foderare; no eser ne fodrà ne ’nbastì non avere alcun elemento per trarre una conclusione.

fodreta = s.f. – federa.

fodro = s.m. – fodero.

fogar = vr. – frugare, grufolare.

fogara = s.f. – falò; braciere.

fogarol = s.m. – frugone; abile cercatore di lumache.

foghin = s.m. – gioco nel quale con le indicazioni di aqua, foghin e foc si orienta il giocatore verso 1’oggetto che deve scovare; fochino, cfr. anche enpizamine.

foglar = s.m. – focolare, fornello di cucina; cucina economica; cfr. anche fogolar; foglar avert caminetto rustico a ridosso del muro in cucina.

fogolar = s.rn. – focolare; cucina economica; cfr. anche foglar.

fogor = s.m. – impetigine, infiammazione cutanea; cfr. anche sfogor.

foia = s.f. – foglia; dim. foiata. Prov.: se ’l fioca su la foia ven ’n invern che fa voia.

foial = s.m. – mucchio di foglie.

foiar = s.m. – bosco di latifoglie; bosco di proprietà privata tanto di latifoglie che di conifere.

foiarola = s.f. – piante di granturco.

foiol = s.m. – lentiggine.

folar = vr. – follare, rassodare i panni di lana; causare la snervamento della lama, specie nella falce fienaia, usandola male o sbattendola contro i sassi; battere male la falce; folà p.p. follato, feltrato.

folar = s.m. – fazzoletto da collo; cfr. anche fazol da col.

foleto = s.m. – folletto; ragazzo vivace e svelto.

foli = s.m. – foglio; giornale quotidiano; cfr. anche sfoi.

folia = s.f. – volant (striscia increspata di stoffa o di pizzo applicata alla veste o alla sottana o alla camicetta).

folicole = s.f. pl. – follicoli; frutti secchi.

fo1t = agg. – folto.

fonc = s.m. – fungo; fonc dal pin agarico delizioso (Lactarius deliciosus); fonc dal sanc agarico delizioso; fonghi dal pan poliporo confluente, funghi del pane; fonghi mati funghi velenosi.

fondament = s.m. – fondamento; base.

fondeza = s.f. – profondità; cfr. anche fondità.

fondita = s.f. – profondità; cfr. anche fondeza.

fongarol = s.m. – abile cercatore di funghi.

fongon = s,m. – frugone, bastone di ferro per ravvivare il fuoco.

fongonar = vr. – frugare; sfoconare; cfr. anche sfongonar.

fontana = s.f. – fontana; lavatoio all’aperto.

font = agg. e s.m. – fondo, profondo; s.m. piatto fondo; fondo rustico.

fontanela = s.f. – ferita che non si cicatrizza e che spurga di continuo; fontanella.

fonzic = s.m. – bambino piccolo e vivace.

fonzion = s.f. – funzione religiosa; funzioni, compiti, faccende.

foo = s.m. – faggio; cfr. anche fao.

for = avv. – fuori; for da mat fuori di senno; en ven for de quele si dicono cose da pazzi; for dale paiole fuori dalle fasce, cresciuto; for de briscola, fuori di senno, fuori del seminato; for dei coioni fuori dai piedi; for dele bale fuori dai piedi; for de mez fuori di mezzo; for de nio fuori dal nido; fuori di casa; fig. svezzato, emancipato; for en cima a la bina aver esaurito tutte le energie, non poterne piu, essere sfinito; for en te ca’ in cucina.

fora = avv. – fuori; portarla fora scamparla, salvare la pelle; dar en fora sporgere dalla linea verticale; farla fora districarla, metterla in chiaro; nar fora uscire; ammattire, fora e for loc. avv. di continuo, sempre.

foradola = s.f. – arrotolato di pasta alimentare.

forador = s.m. – grossa trivella a mano; trivella con cui si foravano pali di legno per ricavarne tubi da acquedotto.

forar = vr. – forare, bucare.

foravia = avv. – a parte, separatamente; sottobanco, di straforo; altrove, fuori paese, fuorivia.

forbes = s.m. – cervo volante.

forbeSa = s.f. – forbici; forbeSa da bandar forbici da lattoniere; forbeSa da coram forbici da calzolaio; forbeSa da toSar macchinetta tosatrice; forbeSa da vigne cesoia per potare.

forbeSi = s.m. pl. – le travi inclinate della capriata.

forbir = vr. – forbire, pulire, tergere.

forca = s.f. – forca (attrezzo agricolo a quattro rebbi); fig. mascalzone, impertinente.

forcola = s.f. – forca a tre rebbi.

forcolot = s.m. – forca a due rebbi; porta vergelli per l’uccellazione; fig. ragazzo discolo, impertinente. forma = s.f. – forma; forma de fer forma da calzolaio; forma de legn forma da scarpe.

formai = s.m. – formaggio; quel dal formai giustiziere; formai de pezota formaggio prodotto artigianalmente, formaggio nostrano.

forment = s.m. – frumento; cfr. anche farina.

formentac = s.m. – granoturco; cfr. anche farina.

formenton = s.m. – grano saraceno; cfr. anche farina.

Formenton = soprannome di famiglia a Piscine.

formiga = s.f. – formica; formighe intirizzimento doloroso delle dita; intorpidimento e formicolio in una parte del corpo; cfr. anche formigolament.

formigolament = s.m. – formicolio, brulichio; cfr. anche formighe.

forn = s.m. – forno; forn dal pan forno del pane a conduzione famigliare, aggettante dalla facciata della casa.

fornas = s.f. – fornace.

fornaSela = s.f. – cucina economica; cavita quadrangolare nel focolare ove trovasi la brace.

fornel = s.m. – fornello; stufa.

Forneri = soprannome di famiglia a Cembra.

fornimenti = s.m. pl. – finimenti per bardare.

fornir = vr. – finire; fornisela! finiscila! cfr. anche fenir.

forsi = avv. – forse.

fort = agg. avv. – forte; f. forta; parlar fort parlare a voce alta; ciapar da fort inacetire (del vino), inacidire (di altri alimenti).

fortaia = s.f. – frittata di farina di spessore sottile; schiacciata di farina, latte, acqua con o senza uova; torta dolce.

forza = s.f. – forza, gagliardia; a forza de insistendo con forza.

fos = s.m. – fosso; fossato per lo scolo dell’acqua; ruscello.

fosa = s.f. – fossa, tomba; col pe ’n la fosa prossimo a morte.

fosat = s.m. – fossato; ruscelletto.

foSin = s.m. – fuliggine.

foSina = s.f. – fucina (bottega del fabbro); officina.

foSinal = s.m. – fucina (focolare del fabbro).

frabica = s.f. – fabbrica.

fracar = vr. – comprimere, pigiare; giocare qualcuno con malizia; sorprendere; cfr. anche flicar e fricar.

fracas = s.m. – fracasso; disastro; grande quantità.

frachel = s.m. – piccolo boccale di vetro della capacita di poco più di un quarto di litro (misura corrispondente a meta della metà e a un quarto della mosa. )

fraco = s.m. – fracco, scarica; mucchio, grande quantità di cose.

fradel = s.m. – fratello; uguale; simile; pl. fradei; fradel a metà fratellastro.

fraga = s.f. – uva fragola, uva isabella.

fragar = vr. – trapanare per ottenere un foro a forma di tronco di cono.

fraghe = s.f. pl. – fragole (Fragaria vesca); cfr. anche fragole.

fragnocola = s.f. – schiocco fatto con due dita; bernoccolo.

fragole = s.f. pl. – fragole (Fragaria vesca); cfr. anche fraghe.

fraia = s.f. – baldoria; moltitudine, gran quantità.

fraiar = vr. – scialare; fare baldoria; cfr. anche sfraiar.

Fraine = masi di Piscine di Sover.

Fraini = soprannome di famiglia a Sover.

franc = s.m. – surrogato di caffè (preparato di cicoria torrefatta, marca Franck).

franc = agg. – franco; al f. franca franca, libera; farla franca farla franca.

francada = s.f. – raccomandata (lettera raccomandata).

francazion = s.f. – affrancazione; assicurazione.

Francia = soprannome di famiglia a Sover.

franco = agg. – franco, schietto, sincero, libero, sicuro, disinvolto; cfr. anche franc.

francolin = s.m. – francolino di monte.

frantum = s.m. – frantumi.

frantumar = vr. – frantumare, rompere; p.p. frantumà.

Franzele = n.pr. – diminutivo di Franz, Francesco.

fraona = s.f. – vicolo in pendio fra le case.

fraSar = vr. – rasentare; combaciare; cfr. anche sfraSar.

frasen = s.m. – frassino.

frat = s.m. – frate; confratello.

frata = s.f. – taglio a raso di un bosco.

frataz = s.m. – frettazzo; dim. fratazin; cfr. anche sfratac’.

Frati = soprannome di famiglia a Sover.

fredeSin = s.m. e agg. – freddolino.

fredolin = s.m. e agg. – freddo umido.

fredolos = agg. m. – freddoloso.

fredon = s.m. e agg. – freddissimo.

fregandara = s.f. – donna addetta a lavare e strofinare pavimenti.

fregar = vr. – fregare, strofinare; lavare i pavimenti col bruschino; lavare i panni stropicciandoli; fig. imbrogliare; rubare.

fregoloti = s.m. pl. – minestra di latte e farina bianca a grumi; grumi di sporcizia; minuzzoli.

frenar = vr. – frenare, rallentare; rattenere.

fresc = agg. – fresco; star fresc capitar male, trovarsi in una situazione pericolosa; meter en fresca mettere al fresco le vivande.

frescar = vr. – rinfrescare.

frescheri = s.m. pl. – villeggianti (che vanno a godersi il fresco in montagna); i ven ai freschi vengono in villeggiatura.

fret = s.m. e agg. – freddo; nè calt nè fret indifferente; fret come la mort freddissimo.

fric = agg. m. – folto.

fricir = vr. – giocare qualcuno con malizia; cfr. anche fracar e flicar.

fricole = s.f. pl. – ciccioli; cfr. anche citole e fritole.

frignar = vr. – frignare; cfr. anche sofrignar.

friSon = s.m. – frosone (uccello dei passeriformi); friSon ruso beccofrusone (uccello dei passeriformi).

frito = s. e agg. m. – fritto; fegato; rovinato, malconcio.

fritole = s.f. pl. – ciccioli; cfr. anche fricole.

friza = s.f. – freccia.

frizon = s.m. – puntone nella capriata del tetto; bastone puntato.

froboli = s.m. pl. – bioccoli di polverume; cfr. anche gatei.

froboloti = s.m. pl. – minutaglie; frutti cresciuti stentatamente e sotto la misura normale.

frodo = s.m. – frodo, contrabbando.

frolir = vr. – frollare.

front = s.m. – fronte; confronto; parte anteriore; de front a confronto; (per «fronte» cfr. anche vis). frosca = s.f. – frasca.

frosena = s.f. – fiocina; mannaia da macellaio.

frotola = s.f. – frottola, fandonia.

frustagn = s.m. – fustagno.

frut = s.m. – frutto (delle piante).

frutar = vr. – fruttare, rendere.

frutar = s.m. – pianta da frutto.

fruz e via = inter. – zac e via.

fuc’ = agg. – perdente al gioco.

fugacia = s.f. – focaccia dolce.

fugoni = s.f. pl. – raffiche di vento.

fulmin = s.m. – fulmine.

fulminante = s.m. – zolfanello.

fum = s.m. – fumo.

fuma = s.f. – pipa da fumo.

fumadro = s.m. – funaio.

fumana = s.f. – caligine; nebbia; fumata.

fumar = vr. – fumare; fumarla intuire qualche cosa, mangiare la foglia; el la fuma si arrabbia.

fumegar = vr. – affumicare; p.p. fumegà.

fumeghera = s.f. – fumata, abbondante nuvola di fumo.

fument = s.m. – suffumigio; suffumigio con incenso o profumi per deodorare un ambiente; suffumigio apotropaico con incenso contro la tempesta e la grandine.

fumeSel = s.m. – correggia di cuoio; fune di pelle bovina intrecciata.

fumola = s.f. – pennacchino (Apera spicaventi).

fumolin = agg. – suscettibile.

fun = s.f. – fune; cfr. anche fumadro.

furest = s.m. e agg. – forestiero; a la furesta in altri paesi, all’estero.

furestai = s.m. pl. – forestali, addetti alle foreste.

furia = s.f. – furia, impeto, fretta.

furlan = s. e agg. – friulano.

Furlan = cognome derivato dai tessitori giunti dal Friuli.

fus = s.m. – fuso; mozzo della ruota.

fuSel = s.m. – fusello.

fust = s.m. – fusto; tronco; recipiente per liquidi.

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print