L

la = art. – la; pr. pers. e dim. la.

la = avv. – la; de là di là.

labela = s.f. – schiacciata di pane molto sottile, per lo più di farina di segala; fig. teglia bassa smaltata.

lac = s.m. – lago.

lac = s.m. – laccio; nodo.

lacet = s.m. – nastro; fiocco del nastro; stringa da scarpe.

laca = s.f. – lacca; incrostazione; vernice; scarpe de laca scarpe di vernice.

ladin = agg. – ladino; facile, liscio, scorrevole.

ladra = s.f. – tubo di gomma per travasare vino o acqua da un recipiente all’altro.

ladraria = s.f. – ladreria.

lafredor = s.m. – raffreddore; cfr. anche rafredor.

lagar = vr. – lasciare; ind. pres. lago, laghes, laga, laghem, lagao, laga; lagame lasciatemi; lagheme star lasciami in pace; laganteghela lasciamogli la ragione; laga che i cantia ’n dom lascia dire senza tenerne conto; laga che i dighia lascia che dicano; laga che i diSes lascia che dicano (diSes dicessero); lagarse meter sota i pei lasciarsi sopraffare.

lagato = s.m. – legato, lascito, disposizione testamentaria.

lagnon = agg. – lagnoso, lamentoso.

lagrema = s.f. – lacrima; cfr. anche lagrima; lagreme de avez resina dell’abete bianco; cfr. anche raSa.

lagrima = s.f. – lacrima; cfr. anche lagrema.

laico = s.m. – laico; indipendente (libero da legami di associazione o congregazione); per est. libero dall’osservanza di regole religiose, morali, sociali e quindi scapestrato, torzone; grossolano, ignorante; pl. laichi.

laiSer = s.m. – lazzarone; straccione; scherz. poltrone; furbo, simpatica canaglia.

laita = s.f. – costa dirupata.

Lalo = n.pr. – Flavio (anche Lario).

lam = s.m. – amo da pesca.

lama = s.f. – lama da taglio; cerchione metallico che riveste la ruota del carro.

lambic = s.m. – alambicco (apparecchio per la distillazione).

lambicar = vr. – lambiccare; stillare; fig. affaticare, far vita difficile, faticosa.

lamentarse = vr. – lamentarsi; cfr. anche limentarse.

lamenton = agg. – lagnoso.

lamp = s.m. – lampo, baleno.

lampa = s.f. – lampada; lampadina; lume.

lampar = vr. – lampeggiare; cfr. anche slampegiar.

lampedina = s.f. – lampadina.

lampion = s.m. – fanale, lampione.

lana = s.f. – lana; lana gregia lana sucida.

langher = s.m. – arpione (asta di legno munita di uncino per estrarre dal torrente il legname galleggiante); arpione da boscaiolo con cui si guida la direzione di caduta dell’albero che si sta tagliando.

lanternin = s.m. – piccola lanterna cieca, lanternino; lanternin da spion piccola lanterna usata dal ladro.

laòr = s.m. – coso, oggetto qualsiasi; cfr. anche consen; pl. laòri.

laorante = s.m. – lavorante dipendente; cfr. anche lavorante.

laorar = vr. – lavorare; funzionare; laorar en fieta impiallacciare.

laorentòn = s. e agg. m. – lavoratore instancabile; laborioso.

laorerac = s.m. – lavoraccio.

laòro = s.m. – lavoro; pl. laòri.

laoro = s.m. – labbro; pl. laori; cfr. anche slefi.

lapa = s.f. – lappa, bardana i cui capolini si appiccicano facilmente ai vestiti; fig. persona appiccicosa; cfr. anche petola.

lapida = s.f. – lapide.

lapis = s.m. – lapis, matita.

larc = agg. – largo.

lares = s.m. – larice.

largà = s.m. – resina liquida del larice; cfr. anche raSa.

lart = s.m. – lardo.

largarola = s.f. – sacca di resina nelle conifere.

lasar = vr. – lasciare, abbandonare; concedere, permettere; e più in uso lagar.

lasi = s.m. pl. – falde di roccia.

lasit = s.m. – lascito, legato; eredita; cfr. anche lagato.

lasta = s.f. – lastra di pietra a superfici piane.

lastacia = s.f. – lastrone; scivolo su di un lastrone levigato dai pantaloni dei ragazzi che vi giocano. lastarol = s.m. – figlio adottato e allevato.

lasteSela = s.f. – piccola lastra; cfr, anche lasteSola.

lastefola = s.f. – piccola lastra; cfr, anche lasteSela.

lastic = s.m. – elastico; ripiano molleggiato del letto; pl. lastichi.

lastòn = s.m. – lastrone; piastra.

lastra = s.f. – lastra di vetro.

lastrec = s.m. – lastrico.

lat = s.m. – latte; lat ai ghinoci stizza; seccatura; far vegnir el lat ai ghinoci far cadere le braccia, far prudere le mani; lat de’ pigna latticello, latte di zangola residuato della lavorazione del burro; cazot del lat spannarolo, mestolo per scremare il latte.

Lata = soprannome di famiglia a Sover.

lata = s.f. – latta, sottile lamiera; palo, pertica; dim. latola.

lavabo = s.m. – lavata di capo.

lavadure = s.f. pl. – lavature, rigovernature, beverone.

lavaman = s.m. – lavamano, catino per lavarsi.

lavandara = s.f. – lavandaia.

lavar = vr. – lavare.

lavatic = s.m. – lavativo, clistere.

lavec = s.m. – laveggio (recipiente di cucina per lo più di bronzo, a forma conica, con tre piedi divergenti e manico di ferro ad arco, da posare sul fuoco o da appendere alla catena del focolare). Anche bronz. Si differenzia, nella forma, dalla ola.

lavin = s.m. – lavina, frana di sassi o di sabbia sui versanti montani; terreno franoso.

lavinari = s.m. pl. – operai addetti a lavori di imbrigliamento delle acque in montagna.

lavoar = s.m. – lavabo, servizio di brocca e catino su mobile di legno a due ante.

lavorante = s.m. – lavoratore dipendente dell’artigiano o del bottegaio.

lazeron = s.m. – lazzarone, mascalzone; cencioso, pezzente.

lea = s.f. – limo, sabbia fine di torrente; melma; amalgama di cenere, fuliggine, intonaco, polvere di carbone all’interno delle canne fumarie.

leada = s.f. – strato sottile di limo o di sabbia o di cenere.

lebz = s.m. – vino aspro e leggero, di scarsa gradazione; vinello.

leca = s.f. – lamiera a cavallo di due tini per evitare lo spargimento di vino durante il travaso; leccarda.

lecar = vr. – leccare; lecarse i bafi leccarsi i baffi, gustare molto il cibo; essere felici per una sod- disfazione morale, gongolare.

lechet = s.m. – mal vezzo, abitudine; leccornia data al toro prima della monta.

leco = s.m. – eco.

ledrar = vr. – rincalzare la terra attorno alle piante.

lega = s.f. – lega di metalli; compagnia di amici; combriccola.

leger = vr. – leggere. Ind. pres. legio, leges, lec’ (o lege), legen, legeo, lec’ (o lege); p.p. legiù; legiù agg. colto, istruito.

leger = agg. – leggero; cfr. anche liger.

legindar = s.m. – lettore assiduo.

legitimo = agg. – legittimo; schietto, genuino.

legn = s.m. – legno in genere; bastone.

legna = s.f. – legna da ardere; legna verda legna verde; fig. gioventù immatura, acerba.

legnada = s.f. – bastonata.

legnam = s.m. – legname da opera.

legnar = s.m. – legnaia.

legnos = agg. – legnoso, stopposo.

lela = s.f. – fiacca; cfr. anche lipa.

lemoSina = s.f. – elemosina.

lempo = agg. – pigro; fiacco.

Lena = n.pr. – Maddalena.

lendri = s.m. pl. – lendini, uova del pidocchio.

lengua = s.f. – lingua; far le lengue canzonare mostrando la lingua; lengua de pegora (Salvia pratensis); lenghe de francolin lingue di francolino, consigliate scherzosamente a chi non sa che cosa mangiare o a chi non sa che cosa cucinare.

lent = agg. – lento, non teso.

lent = s.f. – lente; lenticchie; lentiggini; piccola quantità; na lent un poco; na bona lent più che poco; pl. lent.

lentar = vr. – allentare.

lentin = s.f. – pochino; na lentin un pochino.

leoro = s.m. – lepre.

lepegòn = s.m. – pigrone.

les = s. e agg. m. – lesso; lessato.

leSem = agg. – insipido, sciapo.

Lesi = n.pr. – Alessio.

lesiva = s.f. – lisciva.

lesna = s.f. – lesina da calzolaio; lungaggine; fig. ciarlone.

let = s.m. – letto a una piazza; far su el let rifare il letto.

letòn = s.m. – letto a due piazze.

letra = s.f. – lettera, missiva.

letrico = agg. – elettrico.

levà = agg. – levato, alzato, rimosso; s.m. – lievito.

levar = vr. – levare, alzare; rimuovere; sorgere; alzarsi dal letto; lievitare; sente levadi? formula di saluto per dare il buon giorno; levarse en pe alzarsi in piedi; p.p. levà; levà col cul descoert levato (dal letto) di malumore.

lì = avv. – lì; lì per lì sul momento.

liber = s.m. – libro (a Faver).

liberar = vr. – liberare; cfr. anche librar e delibrar.

librar = vr. – liberare.

librar = s.m. – libraio.

libret de ciocolata = s.m. – tavoletta di cioccolato.

libro = s.m. – libro; registro; quaderno della spesa.

lifracar = vr. – scroccare; nar lifracant andare scroccando.

lifrocon = s.m. – scroccone; fannullone; cfr. anche slifrocon.

ligam = s.m. – legame; legaccio.

ligar = vr. – legare; ligarsela ’ntorno al de legarsela al dito, ricordarsi di un’offesa o di un torto subito.

liger = agg. – leggero; cfr. anche leger.

ligerina = agg. f. – leggerina, frivola, di scarso giudizio.

ligor = s.m. – fieno di secondo taglio; cfr. anche digor.

lima = s.f. – lima; fig, persona furba.

limada = agg. f. – limata; lisciata; consunta.

limadura = s.f. – limatura; minute particelle che si staccano sotto l’azione della lima.

limentarse = vr. – lamentarsi; no cada limentarse non cada in animo di lamentarsi; cfr. anche lamentarse.

limenton = agg. – lagnoso; cfr. anche lamenton.

limòn = s.m. – limone; grande lima.

limoSina = s.f. – elemosina.

limpido = agg. – limpido.

lin = s.m. – lino (tessuto); seme di lino.

lingera = s.m. – monello, scavezzacollo; teppa.

lingia = s.m. – persona astuta e scaltra.

liniar = vr. – delineare; segnare linee; tracciare; picchettare, segnare il tracciato di lavori da eseguire.

linterna = s.f. – lanterna; lampada.

linzol = s.m. – lenzuolo; linzol dal fen telo robusto per il trasporto del fieno a spalla.

lioro = s.m. – poppe delle vacche e delle capre; cfr. anche piet.

lipa = agg. – pigro; inerte.

lipa = s.f. – fiacca (anche lela).

lipegarse = vr. – trascinarsi innanzi a stento; farsi avanti di prepotenza.

lipera = s.f. – vipera; cfr, anche lipra.

lipra = s.f. – vipera; cfr. anche lipera.

liquirizia = s.f. – liquirizia; cfr. anche merda de gat e sugo de gorizia.

lira = s.f. – lira, moneta italiana da 100 cent. o 20 soldi corrispondente a un trono veneto o a una corona austriaca o a una svanzica; ciapar na lira de pù guadagnare di più; va faten na lira col tonco! va a quel paese!; lira abuSiva lira austriaca o svanzica; cfr. anche svanzeghe.

Liscioti = soprannome di famiglia a Cembra.

lisia = s.f. – liscia e bussetto da calzolaio; bucato; cfr, anche bugada.

lisiva = s.f. – liscivia; cfr. anche lesiva.

lisivon = s.m. – ranno già usato in precedente lavaggio.

listes = agg. e pron. – lo stesso, la stessa cosa; ugualmente; cfr. anche istes; listesient lo stesso, il medesimo; ugualmente (con valore rafforzativo).

lita = s.f. – lite, litigio, contesa; causa civile.

litegadòri = s.m. pl. – litiganti, leticoni.

litegar = vr. – litigare, adire le vie legali.

litera = s.f. – testiera del letto; letto a una piazza e mezza; scorlar la litera far l’amore a letto.

litrat = s.m. – ritratto; ritratto fotografico.

live = avv. – lì, ivi.

livel = s.m. – livello; livella; fig. impaccio, limite.

livera = s.f. – leva (asta di acciaio azionata a mano per spostare materiali pesanti, detta anche stanga o pal de’ soalza.

liverin = s.m. – palanchino, leva di primo genere.

lo = pr. per. e dim. – lo.

lobia = s.f. – poltrone; astuto, scaltro.

loc = s.m. – luogo.

loca = s.f. – laghetto, pozza d’acqua; pozzanghera; acquitrino.

loco deto = s.m. – luogo di decenza, cesso.

lodar = vr. – lodare; no la va en sia lodato non va in alcun modo.

loden = s.m. – loden, panno pesante di lana.

Lodi = soprannome di famiglia a Cembra.

lodola = s.f. – allodola.

1odra = s.f. – piccolo otre di pelle di capra; pl. lodere.

lòdria = s.f. – lontra; fig. fame canina; ingordigia.

1òf = s.m. – mostro immaginario; orco, leone, lupo; magnar come ’n lof mangiare come un lupo, divorare; f. lova.

1òfer = agg. – fannullone e scroccone.

loferon = agg. – ingordo.

logar = vr. – allogare; collocare; nascondere.

logia = s.f. – terrazza annessa alla casa.

logio = s.m. – alloggio.

loi = s.m. – loglio, zizzania del frumento dai fiori velenosi.

lola = s.f. – lolla; fiacchezza; cfr. anche lela.

Lona = soprannome di famiglia a Sover.

lonc = agg. – lungo; lonco come l’an de la fam spilungone, allampanato; femm. longa; en longa lunghesso, rasente, vicino; a la longa lungo andare; li en longa all’incirca.

lonfante = s.m. – elefante.

longar = s.m. – tronco intero dell’albero abbattuto; palo.

Longhi = soprannome di famiglia a Sover.

lontan = avv. – lontano.

1òpa = s.f. – loppa, scoria di carbone; torba; restar de lopa rimanere a mani vuote.

lopegon = agg. – pigrone.

loquestra = s.f. – orchestra; cantoria della chiesa.

lora = s.f. – pevera, imbuto grande di legno per botti; mulinello d’acqua, gorgo.

lorel = s.m. – imbuto piccolo da cucina cfr. anche orel.

Lorenzan = n.pr. – Lorenzo; anche Lorenz, Lorenzin.

lori = pron. – loro.

lorina = s.f. – orina; cfr, anche pipi.

lorinar = vr. – orinare.

losc = agg. – losco, strabico.

lot = s.m. – lotto (gioco); sorte; lotto (sottomultiplo della libbra di Vienna); lotto di tabacco da fiuto (che corrispondeva a 20 grammi).

lotere = s.f. pl. – stanghe che si agganciano al carro appaiate ed inclinate e servono per caricare o scaricare le botti.

loteria = s.f. – lotteria; vaso della fortuna.

lotòn = s.m. – ottone.

lovarie = s.f. – leccornie, ghiottonerie.

luce = s.f. – luce; luce elettrica; lume; ampiezza, vano.

lucianela = s.f. – lumicino.

ludro = s.m. – ludro; fig. persona cupida, avida; sporco figuro; magnar come en ludro mangiare avidamente.

luganeghe = s.f. pl. – salsicce, salamini casarecci di solo maiale o misto ad altre carni; luganeghe mate spighe di amaranto (Amarantus caudatus).

lugherin = s.m. – lucherino.

lui = s.m. – luglio.

Luis = n.pr. – Luigi.

lulo = s.m. – succhiotto, tettarella.

lum = s.f. – lume, luce; lumino, lucerna. Prov.: a lum de candela nè femene nè tela.

lumac = s.m. – chiocciola, lumaca; pl. lumaci.

lumaciara = s.f. – allevamento di chiocciole in luogo recintato; lumacone ignudo (lumaca grande, scura, senza chiocciola di cui si osserva la direzione di marcia per trarne previsioni sul tempo).

lumata = s.f. – lucciola (insetto); lumate lucciolio avvertibile a causa di acuto dolore fisico o di capogiro; veder le lumate vedere le stelle.

lumin = s.m. – lumino a olio; lumin da not lume da camera (formato da un lucignolo incerato inserito in una girellina di sughero galleggiante nell’olio.

luminiera = s.f. – lucerna a petrolio.

luna = s.f. – luna; umore, vena, estro; ogni ciar de luna raramente.

lunar = s.m. – lunario.

lunastic = agg. – lunatico.

lundi = s.m. – lunedì.

lupia = s.f. – lupa; cupidigia; fame da lupo; cfr. anche lodria.

lupolo = s.m. – luppolo (Humulus lupulus); cfr. anche broscanzoli.

luSer = vr. – splendere, luccicare.

luso = s.m. – lusso.

luSor = s.m. – chiarore, bagliore; lucentezza.

lustrabatedei = s.m. – mendicante; seccatore assiduo per casa.

lustrar = vr. – lustrare, lucidare; lustrarse riaversi, riprendere la lucidità mentale.

lustrin = s.m. – lustrino, ornamento; ghiaccio levigato e luccicante.

lustro = agg. – lustro, lucido, luminoso; s.m. lucido; lustro fin lucido a spirito per mobili.

luz = s.m. – luccio.

luzia = s.f. – fame da lupo; cfr. anche lupia e lodria.

Luzia = n.pr. – Lucia; Filastrocca: Santa Luzia, mama mia porta roba ’n caSa mia. Se la mama no ghen mete resta voide le scudelete.

Luziani = soprannome di famiglia a Sover.

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print