M

m = s.f. – emme; esprime di solito, approvazione; in risposta, ad una chiamata significa «eccomi»; in risposta ad una richiesta significa “va bene” o “sono d’accordo”.

macaco = agg. e s.m. – insipido, insulso, sciocco; passato di patate, zucche, fagioli freschi ed altri ortaggi condito con olio o burro o grasso; cfr. anche macheco.

macanicola = s.f. – martinicca.

macaròn = s.m. – gnocco di patate; fig. scioccone, semplicione, grullo o anche bonaccione; cfr. anche manghitol.

macheco = s.m. – passato di patate, zucche, fagioli freschi ed altri ortaggi condito con olio o burro o grasso; fig. persona sciocca; cfr. anche macaco.

machegn = agg. – tristo, stentato; ammuffito; insipido; pl. macheni.

machineta = s.f. – macchinetta; accendisigari, accendino.

macia = s.f. – macchia; fig. persona bizzarra, macchietta; furbone.

madoca! = inter. – per esprimere disappunto o meraviglia.

Madona = s.f. – Madonna, Maria madre di Gesù; chiesa ove si venera la Madonna; quadro rappresentante la Madonna; Madona da spaSem Madonna addolorata; l’e come na Madona da spaSem è una santarellina; cfr. i prov.: Madona serenela, quaranta dì carpela; Madona serenela sete volte se la ciapela; Madona e esclamazione di meraviglia; no saver na Madona non sapere nulla di nulla.

madona = s.f. – suocera.

madone = s.f. pl. – ombreggiature e fiamme nella tinteggiatura murale.

madonega! = inter. – come madona!

madosca! = inter. – come madona!

madrac’ = s.m. – persona grassa di aspetto sgradevole.

madreguida = s.f. – filiera per viti.

madrela = s.f. – madrevite; dado del bullone.

madrigna = s.f. – matrigna.

madur = agg. – maturo.

madurar = vr. – maturare; giungere a suppurazione.

madurenza = s.f. – suppurazione.

maestà = s.f. – l’insieme di architrave e stipiti.

Maestri = soprannome di famiglia a Sover.

maestro de posta = s.m. – impiegato postale.

mafia = s.f. – mafia; eleganza ostentata.

magagna = s.f. – magagna, difetto fisico o morale; acciacco.

maganzi = s.m. – soprannome dei nativi dell’alta Valfloriana.

magazinier = s.m. – magazziniere, commesso di negozio, commesso presso lo spaccio della Famiglia Cooperativa.

magio = s.m. – maggio.

magiolini = s.m. pl. – miosotide, non ti scordar di me.

Magnacarboni = soprann. di famiglia a Sover.

magnar = vr. – mangiare; corrodere; consumare. ind. pres. magno, magnes, magna, magnan, magnao, magna; l’a magnà’n pal de fer e una schiena dritta; magna mal, poc e ciare volte fare la fame; magnar a marcio dispet mangiare piùche a sazietà el magnar il cibo; magna fin che dura ’l tes de ca’ nutriti bene prima di partire perche può accadere che tu faccia la fame; magnagnochi soprannome dei nativi di Sover; magnar giò mangiare di tutto senza criterio; sfruttare qualcuno; magnar mel e spudar merda sopportare senza reagire, trattare cordialmente una persona antipatica o indegna, cfr. anche enghiotir do1c’ e spudar amar; magnar su consumare avanzi di pasti precedenti; da magnar edule, commestibile.

magnari = s.m. pl. – cibi, vivande.

magnaria = s.f. – mangeria, illecito guadagno.

magnon = s.m. – mangione, forte mangiatore; (de spefa greva dicesi di mangione che costa molto a tavola.).

mago = s.m. – minchione; ingenuo.

magon = s.m. – magone, ventriglio; gozzo; nodo alla gola, dispiacere, accoramento.

magra = s. e agg. f. – penuria, miseria; siccità come agg. magra (senza grasso).

mai = avv. – mai; mai tes mai sazio.

mai = s.m. – maglio.

maia = s.f. – maglia, indumento; maion maglione; maia par sota maglietta, canottiera.

mal = s.m. – male; dolore; svenimento; sventura; aversen a mal risentirsi, offendersi; ghè vegnù mal è svenuto; en fin el cor el fa mal è un dolore lancinante; nar de mal guastarsi, andare a male; dim. maleSin; mal dela bareta malattia delle vacche il cui cuore si riveste di una pellicola; mal dela preda ipertrofia prostatica; mal del’ors emorroidi (anche moroide); mal sec deperimento organico dei bovini; mal rosin mal rossino dei maiali; mal giald itterizia; malcadù epilessia; mali malefatte, bricconate: malanni, malattie.

malà = agg. – ammalato, malato; malà come ’n sas; femm. malada; accr. maladona molto malata.

maladic’ = agg. – malaticcio.

malament = avv. – malamente, in malo modo.

malan = s.m. – malanno.

malaparada = s.f. – brutta piega degli avvenimenti.

malarse = vr. – ammalarsi.

malavoia = s.f. – malavoglia.

malbinà = agg. – malvestito, male in arnese; fig. pessimo soggetto.

malconcià = agg. – condito male o scarsamente.

malcontent = agg. – malcontento, scontento.

maldeSor = s.m. – spreco causato da negligenza.

maldit = s.m. – maldicenza.

maldivot = agg. – scarsamente devoto.

maledido = agg. – maledetto; cattivo; molesto; orribile.

maledrecio = agg. – maledetto; molesto; s.m. – briccone.

maleducà = agg. – maleducato.

malegnaza! = inter. – malannaggia!, corbezzoli!, cavolo!

malegrazie = s.f. pl. – sgarbi.

malespeSe = s. f. pl. – maggior onere causato da cattiva direzione dei lavori.

malfidenza = s.f. – diffidenza.

malga = s.f. – malga, complesso rustico per 1’alpeggio dei bovini comprendente la stalla, la dimora per gli addetti, 1’impianto per la lavorazione del latte e il pascolo. Prov.: el prim dì che i carga la malga no i ne fa formai.

malgar = s.m. – malgaro, gestore della malga.

malgualìo = agg. – disuguale; non spianato.

mal logà = agg. – mal sistemato, allogato male.

Malia = n.pr. – Amalia.

malmadur = agg. – immaturo, acerbo.

malmes = agg. – malmesso; trasandato; malandato, malconcio; (anche malmetù).

malor = s.m. – malore; magagna.

malora = s.f. – rovina; fallimento.

malpentirse = vr. – pentirsi.

malposol = agg. – indisposto; malaticcio.

malsan = agg. – malsano.

malsaorì = agg. – di cattivo sapore; fig. insoddisfatto.

malsegur = agg. – insicuro.

maluc = agg. – grullo; cfr. anche mauc

maluSar = vr. – viziare.

malvist = agg. – malvisto.

malvolintera = avv. – malvolentieri.

mamalugo = agg. – mammalucco, sciocco.

mamera = agg. – sciocco, grullo.

mamolar = vr. – biascicare mangiando; (anche momolar).

man = s.f. – mano; manciata; parte; lato; en te man in mano; dar na man dare una mano, aiutare; co’ le man scorland a mani vuote; man sbuSe mani bucate; man longhe mani lunghe, propense al furto; averghe su la man essere avvezzo, avere pratica del mestiere; a man a man a mano a mano; tegnir a man conservare, risparmiare; man de bianc mano di bianco, scialbatura; dar na man de bianc fig. schiaffeggiare.

mana = s.f. – manna, fortuna.

manada = s.f. – manata.

managio = s.m. – rancio militare; a managio a mangiare.

manara = s.f. – mannaia, scure.

manarin = s.m. – accetta che si usa con una mano.

manarina = s.f. – accetta con lama piccola.

manarot = s.m. – accetta, piccola scure.

mancar = vr. – mancare.

mancia de gialdo = s.f. – pannocchia di granoturco; far giò le mance sgranare le pannocchie.

manco = avv. – meno; de manco di meno.

mancomal = avv. – meno male.

mandar = vr. – mandare.

mandolin = s.m. – mandolino.

mandorlato = s.m. – mandorlato, torrone.

mandra = s.f. – mandra.

mandròn = s.m. – recinto all’aperto per le mandrie; fig. disordine.

Mandròn = top. in montagna di Sover.

manec = s.m. – manico; picciolo; ansa; manfano; farghe el manec ingrandire, esagerare, infiorare il discorso.

manece = s.f. pl. – manopole, guanti col pollice diviso dalle altre dita; cfr. anche manopole.

manecia = s.f. – manicotto di pelo per riparare le mani dal freddo; manecia da caliar manopola di pelle da calzolaio.

manecin = s.m. – polsino.

manega = s.f. – manica; far ent le maneghe rimboccare le maniche; fig. combriccola.

maneta = s.f. – manetta; manico; maniglia; averghe maneta saperci fare.

manghen = s.m. – mangano, argano, verricello.

manghitoli = s.m. pl. – gnocchi di patate; cfr. anche macaroni.

maniera = s.f. – maniera, modo; a do maniere in due modi, a doppio senso.

manifest = s.m. – manifesto, avviso pubblico.

manipol = s.m. – tovagliolo; cfr. anche mantin.

manopole = s.f. pl. – manopole, muffole, guanti col pollice diviso dalle altre dita.

manovera = s.f. – manovra.

manset = s.m. – manichino della camicia; al pl.manseti bottoni gemelli del polsino.

mansion = s.f. – mansione.

mantegnir = vr. – mantenere, conservare.

mantela = s.f. – mantello; cfr. anche tabar.

mantelin = s.m. – camicina per bambino; cfr. anche tabarel camicina da neonato.

mantes = s.m. – mantice; pl. manteSi, fig. polmoni.

mantin = s.m. – tovagliolo.

manual = s.m. – manovale.

Manuele = n.pr. – Emanuele.

manz = s.m. – manzo.

maoc = agg. sciocco; femm. maoca; cfr. anche mauc.

maona = s.f. – compagnia, casa o famiglia ove regna l’abbondanza.

Maoni = soprannome di famiglia a Sover.

maora = s.f. – macchia sulla superfice del frutto prodotta da un parassita; marcescenza; cfr. anche maura.

Maoro = n.pr. – Mauro.

mar = s.m. – mare.

maraman = s.m. – marame, accozzaglia.

marangon = s.m. – falegname; boscaiolo che squadra i tronchi d’albero.

marangona = s.f. – ascia per squadrare tronchi d’albero.

Marani = soprannome di famiglia a Cembra.

marantec = agg. – stupido.

marasca = s.f. – marasca, visciola, amarena; maschera.

marascalt = s.m. – maniscalco; veterinario empirico.

marascar = s.m. – marasco, pianta del visciolo (Prunus cerasus).

marasial = s.m. – maresciallo; fig. tipo autoritario (sia uomo che donna).

maravea = s.f. – meraviglia; se far mili maravee stupirsi per cose da nulla; sorprendente bellezza.

marc = s.m. – romano (contrappeso sull’asta della stadera); marco; contrassegno.

marc’ = agg. – marcio; fig. tisico; femm. marcia; cfr. anche marcio.

marca = s.m. – mercato; a bonmarcà a buon mercato, a basso prezzo.

marcante = s.m. – mercante.

marcanzia = s.f. – mercanzia.

marcapont = s.m. – marcapunto da calzolaio.

marcar = vr. – marcare; segnare; prender nota; pedinare; segnare i punti al gioco; p.p. marcà marcato, segnato.

marcheSe = s.m. – mestruo.

marchi = s.m. pl. – pesi per la basculla; moneta tedesca.

marcia = s.f. – marcia; pus; perdita al gioco senza fare nemmeno un punto, cappotto.

marciar = vr. – marciare, andare; andarsene, partire; marciar en zighera andare eleganti (il sigaro dava il tocco di eleganza ed era segno di festa).

marcio = agg. – marcio; cfr. anche marc’.

marcolfa = s.f. – strega, fattucchiera.

marden = s.m. – martora.

mardi = s.m. – martedi.

marducheo = s.m. – mardocheo; persona bonaria, scherzosa.

mare = s.f. – madre, mamma; madre dell’aceto (sostanza viscosa e gelatinosa prodotta da acetobatteri; no l’è quel so mare non è quella la questione (so mare per matrice, fonte, legge), mare de legn matrigna; mare del vin feccia.

maregiar = vr. – meriggiare; cfr. anche marigiar.

Maregiati = top. – fondi agrari adiacenti ai masi del Marigiat, nel Comune di Sover.

marel = s.m. – cumulo; piccolo covone di grano saraceno; grappolo di salsicce; mazzo; mannello; cfr. anche marendel.

marenda = s.f. – desinare, pasto del mezzogiorno.

marendel = s.m. – covone di grano saraceno; fascio non legato; cfr. anche marel.

marendol = s.m. – merenda; merendina.

marenghin = s.m. – marengo d’oro da 20 franchi; mez marenghin mezzo marengo, moneta da 10 franchi.

margarite = s.f. pl. – margherite; miosotide, non ti scordar di me; cfr. anche magiolini; cfr. le filastrocche di chi sfoglia le margherite; el me ama, no ’l me ama, el me vol ben, el n’a en festidi; en bel, en brut, en vedov, en put.

margaritine = s.f. pl. – coccinelle, insetti; cfr. anche sgola en paradis.

mari = s.m. – marito.

Maria = inter. – (di stupore).

maric’ = s.m. – meriggio, luogo ove meriggia il bestiame; fig. disordine.

maricole! = inter. – (di stupore).

maridarse = vr. – maritarsi; ammogliarsi; sposarsi.

maridoz = s.m. – matrimonio mal riuscito; matrimonio affrettato.

Mariel = soprannome di famiglia a Sover.

marigiar = vr. – meriggiare, riposare (del bestiame) in luogo ombroso nelle ore calde del meriggio; per est. pernottare del branco in transu- manza; cfr. anche maregiar.

Marigiat = top. – Marigiat, masi nel Comune di Sover.

marigiati = s.m. pl. – abitanti del Marigiat.

marin = s.m. – materiale da sparo mine; marocca.

marine! = inter. – (di stupore).

Marini = soprannome di famiglia a Sover.

Marion = n.pr. – Maria; (anche Marieta, Marietina, Mariolina, Mariota, Mariotina).

marioneta = s.f. – marionetta; fig. persona senza carattere.

mariSe! = inter. – (di meraviglia).

marmelada = s.f. – marmellata; (anche conserva e marmolada).

marmita = s.f. – marmitta con la parte superiore larga e la parte inferiore molto piu stretta.

marmolada = s.f. – marmellata; cfr. anche marmelada e conserva.

maroc = s.m. – masso, macigno.

Marochi = soprannome di famiglia a Sover.

marodec = agg. – malato, indisposto.

maronada = s.f. – marronata, madornale sciocchezza; errore.

mars! marsch! = ordine di marciare o di allontanarsi.

martel = s.m. – martello.

martel = s.m. – uva ursina con le cui foglie si prepara un infuso medicinale diuretico.

martelar = vr. – martellare; contrassegnare le piante in piedi.

martin = s.m. – martinetto; el bate ’l so martin batte la luna o insiste nelle proprie idee; battipalo; mazzapicchio.

Martin = n.pr. – Martino. Prov.: da San Martin le rave ’n te ’l cadin; Martin sacheta operaio battipalo: persona immaginaria.

marugol = s.m. – spugnola falsa (Gyromitra esculenta); clava; fig. grullo, scimunito; marugol da giò bastonatura, pestaggio.

marz = s.m. – marzo.

marzadega = agg. f. – marzolina, relativa al mese di marzo.

marzait = s.m. – castigo.

marzarol = agg. – marzolino; nato di marzo.

marzemin = s.m. – marzemino, vino e vitigno.

mas = s.m. – maso, casa rurale isolata con piccolo podere intorno o vicino; pl. mafi.

masa = avv. – troppo; de masa di troppo; masa tant troppo.

masa = s.f. – massa, catasta.

masacro = s.m. – massacro; fig. ragazzo vivace che provoca danni.

maSadòr = s.m. – massaio, contadino del maso.

masalar = s.m. – dente molare.

masarie = s.f. pl. – masserizie; corredo; corredo di attrezzi da lavoro.

maSarini = s.m. pl. – abitanti del maso.

mascio = s.m. – maschio; porco da riproduzione.

masela = s.f. – mascella.

maSer = s.m. – mucchio di frasche.

maSera = s.f. – macero.

masnada = s.f. – masnada; combriccola, compagnia rumorosa.

masnar = vr. – macinare; tramare; rimuginare; p.p. masna, femm. masnada.

masnin = s.m. – macinino.

maSon = s.m. – stallo, pollaio; fig. disordine; nar a maSon appollaiarsi, fig. coricarsi.

masteg = s.m. – filone, strato, giacimento compatto di argilla o creta e altri sedimenti.

mastegar = vr. – masticare; biascicare.

mastela = s.f. – mastello.

mat = s. e agg. – matto; falso, finto; mat come ’n corlo tanto matto; cfr. il prov.: l’e bel veder mati ’n piaza ma negun dei soi.

mataciuc = nella loc. a mataciuc alla carlona.

matade = s.f. pl. – pazzie; buffonate, atti allegri e fantasiosi.

Mate = n.pr. – Matteo. Prov.: da San Mate da le montagne tirete ’ndre.

matec’ = agg. – mattacchione, strambo.

matel = s.m. – giovanotto; f. matela; matelot ragazzino.

matematico = s.m. – persona originale, bizzarra; individuo ingegnoso; indovino.

materia = s.f. – materia purulenta, pus.

materie = s.f. pl. – giochi, scherzi, divertimenti; giocattoli.

materion = s.m. – baloccone; cfr. anche smaterion.

Matio = n.pr. – Mattia.

matità = s.f. – pazzia.

matoc = s.m. – pazzerellone, buffone.

matociòn = s.m. – mattacchione.

matolico = s.m. – burlone.

matòn = s.m. – mattone.

matordes = s.m. – mattacchione, bizzarro.

matrimoni = s,m. – matrimonio.

Mattevi = cognome.

matuela = s.m. – mattacchione, strambo.

maturlinada = s.f. – mattana.

maturlo = s.m. – mattacchione, pazzerellone.

mauc = agg. – grullo.

maura = s.f. – marcescenza della frutta; cfr. anche maora.

mauz = s.m. – gioco a carte.

ma va la! = inter. – ma va la!

maz = s.m. – mazzo; mazet mazzetto.

maza = s.f. – mazza, grosso martello a due bocche quadre; maza de’ legn mazza di legno a due bocche tonde.

mazar = vr. – ammazzare, uccidere; avvilire; p.p. maza.

mazel = s.m. – macello; disastro, strage.

mazoche = s.f. pl. – capsule dei semi del papavero comune; tè de mazoche infuso sonnifero di rosolaccio.

mazocola = s.f. – mazzocchio; nappa; fig. testa.

mazon = s.m. – ragazzo testardo e disobbediente.

mazorana = s.f. – maggiorana.

mazot = s.m. – mazzuolo, maglio di ferro a due teste, da muratore; mazot da la carne mazzuolo di legno batticarne.

mazuchera = s.f. – raffreddore, rinite.

me = pr. me, mi.

me = agg. – mio; f. mea; chi l’è me qui e mio (anche de mi).

Meano = soprannome di famiglia a Sover.

mear = s.m. – migliaio.

mearina = s.f. – migliarini, pallini minuti da caccia cal. 10, 12 (piccola piuma).

mecleSia = agg. f. – poveretta, miseranda.

meda = s.f. – mucchio, catasta.

medaia = s.f. – medaglia; medaie del Papa racemi fruttiferi, dopo il distacco delle valve, delle monete del Papa (Lunaria rediviva).

medema = agg. f. – medesima.

medemaistro = s.m. – assenzio (Artemisia absinthium).

medeSem = agg. – medesimo; anche medeSim.

medeSina = s.f. – medicina, farmaco.

medichi = s.m. pl. – medici; anche el dotor.

mei = s.m. – miglio (Panicum miliaceum).

mei = avv. e agg. – meglio; cfr, anche meio,

meio = avv. e agg. – meglio; cfr. anche mei.

mel = s.f. – miele; mel de sauc conserva di frutti di sambuco.

melens = agg. – melenso, pigro; sciocco, ottuso, insulso.

melisia = s.f. – essenza di melissa; cfr. anche aqua de melisia.

melitar = s.m. – militare, soldato; cfr. anche soldà.

melona = s.f. – zucca; fig. testa grossa.

meloti = s.m. pl. – cellette del favo d’api; dolc’ come i meloti dolcissimo.

memoria = s.f. – memoria; ricordo; immagine ricordo.

men = avv. e agg. – meno; de men di meno; far de men rinunciare.

menada = s.f. – tiritera, lungaggine, monotono ripetersi di un discorso, lavoro interminabile; cfr. anche smenada; partita di merce trasportata.

menadè = nella loc. a menadè a menadito.

Menar = vr. – menare; dimenere; condurre; agitare; mescolare; masturbare.

menarola = s.f. – menarola, trapano a mano.

menda = s.f. – rammendo; beffa, scherno; emenda.

mendar = vr. – rammendare; emendare; mendarse emendarsi.

mendechè = nella loc. a ogni mendechè di quando in quando, ogni tanto; senza scadenze; inopinatamente.

mendico = agg. – malaticcio, debole.

Menec = n. pr. – Domenico; anche Minico, Ghino, Meneghin, Ghinoto, Ghinara, Ghinoldi, Ghineto, Dominico, Menegaldo, Meneghinat.

Meneghei = soprannome di famiglia a Sover.

Menegheti = soprannome di famiglia a Sover.

menestra = s.f. – minestra.

menestrar = vr. – mescolare la minestra; maneggiare; amministrare.

menestro = s.m. – mestolo, ramaiolo; (anche cazot).

menestròn = s.m. – minestrone; fig. miscuglio; fig. confusione.

menomal = avv. – meno male, poco male; (anche mancomal).

menSola = s.f. – mensola.

ment = s.f. – mente, intelletto; memoria; averia ’n ment avrei intenzione; dar da ment dar retta.

Mente = n.pr. – Clemente.

menu = agg. – minuto, piccolo, esiguo.

menudola = s.f. – villucchio, convolvolo.

menut = s.m. – minuto, momento.

menzonar = vr. – menzionare, citare; segnalare; informare; el me a menzonà me ne ha accennato. mercol = s.m. – mercoledì.

mercola = s.f. t. inf. – merda, nella loc. na mercola un bel niente.

merda = s.f. – merda; na merda loc. che esprime negazione, netto rifiuto; en merda fig. un borioso, un presuntuoso; merda de gat frutto della lantana (Viburnum lantana); liquirizia (Glycyrryza glabra), anche sugo de gorizia.

Merica = America; via per le Meriche in America.

merla = s f. – femmina del merlo; fig. sbornia.

merler = s.m. – filetto, gioco della tria.

merlo = s.m. – merlo; fig. minchione, sciocco; merlo da l’aqua tuffetto o merlo acquaiolo.

merluz = s.m. – merluzzo.

mes= s.m. – mese.

meSa= s.f. – complesso di persone e cose che compongono la famiglia e la casa; provvista per un lungo soggiorno in montagna compreso I’equipaggiamento; per estens. famiglia.

meSal = s.m. – parte centrale di un tronco; cfr. anche mezal.

mesa reversa = s.f. – rito del venerdì santo in cui si rivive la Passione del Signore composto di tre parti: 1) liturgia della parola, 2) adorazione della Croce, 3) orazione finale e benedizione.

mesedar = vr. – mischiare, mescolare, maneggiare; cfr. anche misiar.

mesedo = s.m. – mescolamento; miscuglio, intruglio.

meso = s.m. – messo comunale; cfr. anche scorsor, servo del comun.

mestega = s.f. – donna rozza.

mestura = s.f. – mistura, miscuglio.

meSura = s.f. – misura.

metà = s.f. – metà; a metà detto di chi ha in comune solo il padre o solo la madre: fradel a metà fratellastro.

meter = vr. – mettere; ammettere; ind. pres.: meto, metes, met, meten, meteo, met; meterghela tuta mettercela tutta; meter su far nascere, provocare, istigare; no sai endò el meter non so identificarlo (con riferimento a persona); metente ammettiamo, supponiamo; meterghe su i oci adocchiare; meter i osi ’n maSera mettere le ossa a macero ossia andare a letto; meter seziòn seminare zizzania; p.p. metù e mes; metù via sepolto, imprigionato; metuda ripresa, ritornata; mes via messo in concia (di vivande), messo a posto; ben mes messo bene, robusto; ben mesa bella donna prosperosa. Metilde = n.pr. – Matilde.

mez = agg. e avv. – mezzo; en mez in mezzo, tra i piedi, d’impaccio; for de mez fuori di mezzo; a mez a meta; de mez en travers frammezzo, detto di ostacolo imprevisto.

meza = s.f. – mezza, bicchiere da poco più di mezzo litro, metà della mosa e il doppio del frachel; cfr.; meza ghigogna mezza vigogna, mezzalana; tessuto di qualità scadente; fig. persona di mezza taglia.

mezacaSa = s.f. – corrente del tetto.

mezal = s.m. – parte centrale del tronco d’albero; cfr. anche meSal.

mezaluna = s.f. – lunetta; mezzaluna, utensile domestico.

mezana = s.f. – acciarino della ruota.

mezaria = s.f. – mezzeria.

Mezaun = top. – Mezzauno, loc. del Comune di Sover.

mezbatù = s.m. – panna del latte a metà lavorazione del burro.

mezdì = s.m. – mezzogiorno.

mezelan = s.f. – mezzalana, mezza vigogna, stoffa rigida di lana e canapa miste.

mezena = s.f. – mezzena, ciascuna delle due parti dell’animale macellato diviso per il lungo.

mezet = s.m. – toppa nelle suole delle scarpe.

Meztodesc = top. – Mezzocorona, paese nella valle dell’Adige.

mi = pr. – io; mi no io no; L’e sta ’l mi no non si sa chi sia stato (a combinare il guaio, perchè nessuno confessa); mive io, mi, me.

micaria = s.f. – inezia; minuzzolo.

Michelini = soprann. di famiglia a Cembra e a Sover.

micheta = s.f. – michetta, panino a forma rotonda.

miga = avv. – mica, niente, affatto; ne miga per nulla.

mignatole = s.f. pl. – moine; cfr. anche mignognole.

mignognole = s.f. pl. – moine; cfr. anche mignatole.

mignol = s.m. – mignolo; cfr. anche dè piciol.

migol = s.m. – midollo.

migol = s.m. – briciolo; dim. migolin.

migola = s.f. – briciola.

mila = agg. – mille; mila.

mileSem = agg. e s.m. – millesimo.

mili = agg. – mille; milidoizento milleduecento (anche dodeSezento).

milifoi = s.m. – millefoglio (Achillea millefolium).

miliodori = s.m. – reseda odorosa.

min = s.m. – gatto, micio; cfr. anche gat.

mina = s.f. – mina, ordigno esplodente; gatta; fig. sbornia.

minaciar = vr. – minacciare.

minarola = s.f. – arella costituita da una tavola di legno su cui si mettono ad essiccare funghi o frutti; cfr. anche arela.

minela = s.f. – mina, misurino antico di legno, tutto d’un pezzo. di forma cilindrica, diviso in due parti disuguali da un diaframma. La parte maggiore contiene 1 kg. di granaglie o farina, o sale, l’altra mezzo kg. circa.

minerai = s.m. pl. – lavoratori addetti alle mine esplodenti.

mini = s.m. pl. – bioccoli di polverume; amenti, gattini (amenti del Salix capraea e del sorbo montano).

Minico = n.pr. – Domenico; cfr. Menec; femm. Minica, Ghina.

ministrar = vr. – amministrare.

minoli = s.m. pl. – amenti, gattini; (anche gatei, mini, minoti).

minoti = s.m. pl. – amenti, gattini; (anche gatei, rnini, minoli).

miola = s.f. – lucertola; cfr. anche gnola.

mira = s.f. – mira; seopo, fine; mirra.

mirar = vr. – ammirare; prendere la mira, mirare.

mirin = s.m. – mirino.

miser = s.m. – suocero.

miSeria = s.f. – miseria; pigrizia; indisposizione.

miSerion = s.m. – pigrone, poltrone.

miSero = agg. – miserabile, poveretto.

misiar = vr. – mescolare; maneggiare; cfr. anche mesedar.

misiot = s.m. – mescolanza; confusione di cose.

mismas = s.m. – miscellanea; confusione di cose, disordine, soqquadro.

mister = s.m. – mestiere, lavoro, professione, arte; faccenda; en mister en te man un mestiere, un’arte acquisita.

mistero = s.m. – mistero.

misterot = s.m. – lavoretto.

mistro = s.m. – mistura; bevanda dissetante analcolica.

mitar = vr. – imitare; assomigliare.

miz = agg. – mezzo, bagnato fradicio; molle; vizzo; fig. ubriaco fradicio.

mm = esprime affetto, compiacimento, ammirazione, ironia, dubbio, dissenso, impazienza, ira.

mo = avv. – ora, adesso.

mobilia = s.f. – mobilia.

mocarla = vr. – smoccolarla; smetterla; svignarsela.

moche = s.f. pl. – moine.

mochen = s.m. – nativo della Val dei Mocheni; dialetto dei Mocheni nativi dell’alta valle del Fersina.

mocol = s.m. – moccolo; pezzetto di legno; tutolo del gran turco (sostitutivo, un tempo lontano, della carta igienica).

mòcola = agg. e s.f. – mozzata; vacca senza corna o con corna mutilate; bestemmia.

modine = s.f. pl. – modani, assicelle fissate nei punti ove si vuole indicare l’angolazione del manufatto in costruzione; sagome di legno.

modo = s.m. – modo; stato; condizione; cfr. anche dema.

moi = agg. molle, fradicio, bagnato; umido.

moia = agg. e s.f. – molle, bagnata; piccola ansa del torrente; pozzanghera; en moia in molle.

moia = s.f. – tirabrace, molle del camino del focolare.

Moieri = soprannome di famiglia a Cembra.

moine = s.f. pl. – smancerie.

mol = agg. – molle, tenero, soffice; fiacco.

mol = s.m. – mollica.

mola = s.f. – mola abrasiva.

molar = vr. – mollare, lasciare la presa; picchiare; affilare; sgelare; molarghele picchiarlo; mola bon avanti, andiamo!; molarse da l’os cedere; intenerirsi; largheggiare.

molec = agg. – molliccio; cfr. anche tec e moslec’.

moleSin = agg. – soffice, morbido.

molestar = vr. – molestare.

moleta = s.m. – arrotino.

moletòn = s.m. – flanella di cotone.

mò1ger = vr. – mungere cfr;. anche monger.

Moli = soprannome di famiglia a Sover.

molin = s.m. – mulino.

molinar = vr. – macinare.

molinar = s.m. – mugnaio.

Molinari = soprannome di famiglia a Cembra.

molinel = s.m. – mulinello; vortice d’acqua; molinel dal gran mulinello, ventilabro, arnese con ventola a pale larghe da azionare a mano: con esso si separa il grano dalla pula. E’ fornito di una tramoggia e di un cesto di vimini (val) per la ricezione del grano pulito; molinel del vent mulinello, vortice del vento; cfr. anche ghirlo.

molinela = s.f. – rocca, fuso per filare a mano la lana.

molton = s.m. – montone, maschio adulto della pecora; cfr. anche ciot e monton.

moltura = s.f. – molitura del grano; compenso in natura al mugnaio per la macinazione.

moment = s.m. – momento, istante; a momenti quanto prima.

Momi = n. pr. – Girolamo (anche Girolo).

momolar = vr. – biascicare.

mona = s.f. – vulva; fig. sciocco, stupido; no valer na mona non valere niente.

monada = s.f. – stupidaggine, idiozia; bagatella.

monauni = s.m. – persona volubile; banderuola.

monc = agg. – monco; mozzato; spuntato.

moncar = vr. – mozzare, spuntare.

moncet = s.m. – moccoletto; mozzicone.

monco = agg. monco, mancante di un arto.

mondar = vr. – mondare; sbucciare.

mondol = s.m. – mondina, castagna mondata e quindi lessata; castagna mondata e poi abbrustolita in apposita padella.

mondura = s.f. – uniforme, divisa; abito; cfr. anche montura.

monec = s.m. – sagrestano.

moneda = s.f. – moneta spicciola; denaro; moneda abuSiva moneta ammessa al corso, ma con valore ridotto rispetto alla moneta ufficiale.

monega = s.f. – monaca, suora; monaca, scaldaletto di rame a brace; fig. stupido, sciocco.

Moneghi = soprannome di famiglia a Cembra.

monger = vr. – mungere; cfr. anche molger.

mont = s.m. – monte; nar a mont sciogliere un contratto, annullare un gioco.

Mont = top. – Montesover, frazione di Sover; nar su da Mont andare a Montesover.

montagna = s.f. – montagna. Prov.: en montagna se no se n’ porta no se n’ magna.

Montalt = top. – Montalto, frazione di Sover.

montan = s.m. – fringuello peppola.

montanar = s. e agg. m. – montanaro; femm. montanara.

Montei = soprannome di famiglia a Cembra.

monteri = s.m. pl. – nativi di Montesover, fraz. di Sover, soprannominati gardenai.

montinela = s.f. – piccola slitta per il trasporto della legna, del fieno, del letame, con due travi longitudinali allocate su scivoli, le cui estremità posteriori fatte strisciare a terra servono da freno di emergenza.

monton = s.m. – montone, maschio adulto della pecora; cfr. anche ciot e molton.

montura = s.f. – uniforme, divisa; vestito; cfr. anche mondura.

monzegot = s.m. – mozzicone; torsolo; cfr. anche tors.

mora = s.f. – morra (gioco).

mora = s.f. – mora, frutto del rovo di macchia e del gelso; more de roa more frutti del rovo di macchia (Rubus fruticosus).

morar = s.m. – gelso.

morbi = agg. – morbido, umido; detto di vegetazione rigogliosa.

morbin = s.m. – morbino, vivacità, voglia matta.

morca = s.f. – morchia, feccia dell’olio; bollicine del burro che frigge; cispa.

morder = vr. – mordere.

mordignon = s.m. – mordiglione, piegaferro.

mordon = s.m. – morso; cfr. anche mors.

Morei = soprannome di famiglia a Sover.

morel = agg. – scuro, livido.

morel = s.m. – rullo di legno; cfr. anche corlo.

morena = s.f. – collana di castagne infilzate.

morenela = s.f. – barbazzale, catenella metallica che gira attorno alla barbozza degli equini.

morir = vr. – morire. Ind. pr. moro, mores, mor, morin, morio, mor; p.p. mort.

moro = agg. – bruno, scuro di carnagione o di capelli; tendente al nero; moro, negro.

moroide = s.f. pl. – emorroidi; (pl. mal de l’ors).

moròn = s.m. – castagna marrone; fregamento con le nocche delle dita.

moronar = s.m. – marrone, varieta di castagno che produce marroni.

moros = s.m. – innamorato, fidanzato.

mors = s.m. – morso; cfr. anche mordon.

morsol = s.m. – piccolo morso; bocconcino; dim. morselet.

mort = s.f. – morte; en pont de mort in punto di morte; s.m. – morto; p.p. di morir; el s’e mala e po l’è mort detto di chi vuol tagliare corto; cfr. il prov.: ogni mal a la so scusa, ogni mort a la so buSa.

mortal = s.m. – mortaio, pestello; mortaretto.

mortic = s.m. – gemma, occhio di vite.

mortolin = s.m. – morticino.

mosa = s.f. – mossa, movimento.

mosa = s.f. – misura per liquidi (in creta, vetro e ceramica) corrispondente a lt. 1.04 (il doppio della meza e il quadruplo del frachel).

moSa = s.f. – farinata di granoturco o di frumento, acqua e latte; intriso; cfr. anche trionfo e triSa; moSa da todesc intriso di farina di granoturco cosparso di burro fuso.

MoSaneri = soprannome di famiglia a Cembra.

mosar = vr. – mostrare.

moSarola = s.f. – museruola.

mosca = s.f. – mosca; ma che volente far, tor le mosche a arar? ma che pretendete, 1’impossibile? moscarola = s.f. – moscaiola a cassetta; pigliamosche di vetro a forma di bottiglia panciuta; armadietto uso dispensa; moscarola dei boi paramosche dei buoi.

moscat = s.m. – moscerino.

moscol = inter. di meraviglia; po moscol! certamente!; moscol de ciavat esclamazione di stizza. moscolar = vr. – nevicare a falde minute; frullare.

moscoleto = s.m. – birichino, vivace; trottolino.

MoSer = cognome a Giovo.

moSina = s.f. – salvadanaio; fig. risparmio; far moSina risparmiare soldi.

moslec = agg. – molliccio, floscio; cfr. anche molec e tec..

most = s.m. – mosto d’uva.

mostador = s.m. – pigiatoio, pestello di legno per pigiare l’uva; mazza della zangola; estens. tronco d’albero molto rastremato.

mostarda = s.f. – marmellata di mirtillo rosso.

mostrin = s.m. – bambino, vivace, birichino.

mostrine = s.f. pl. – mostrine.

Mostro = s.m. – mostro; portento; cosa o persona brutta; mostro! esclamazione di sorpresa, perplessità, difficoltà, gaiezza, incredulità ecc.; poro mostro povero diavolo.

mota = s.f. – mucchio, gran quantità; cfr. anche mucia.

motivar = vr. – motivare; accennare; spiegare; cfr. anche motuar.

moto = s.m. – moto; cenno; maniera; con en po de moto con bella maniera, con un po di garbo; al moto evidentemente.

motuar = vr. – motivare; cfr. anche motivar.

mover = vr. – muovere; p.p. movest e movù; movete! spicciati!.

mucel = s.m. – mucchietto; gioco in cui il mucchietto di quattro fagioli è il bersaglio del tiro effettuato con un altro fagiolo.

muchi = s.m. pl. – tafani delle vacche.

mucia = s.f. – mucchio, gran quantità; cfr. anche mata.

mucio = s.m. – mucchio; l’e sora ’l mucio è ricco; nar en te ’n mucio accasciarsi, fig. andare a catafascio.

muda = s.f. – muta, rinnovo del pelo o del piumaggio.

mudande = s.f. pl. – mutande.

mudar = vr. – mutare, cambiare; a se mudar a mutarsi d’abito o di biancheria.

mufa = s.f. – muffa.

mufa = giunto a bicchiere o a manicotto per tubazioni.

mul = s.m. – mulo; broncio.

mula = s.f. – mula; cavallo dei pantaloni.

mularia = s.f. – frotta di ragazzi; ragazzaglia.

mur = s.m. – muro.

murar = s.m. – muratore; cfr. anche murador.

murador = s.m. – muratore; cfr. anche murar.

mus = s.m. – muso; viso, faccia; broncio; dal mus enanzi con la faccia in avanti; de mus en giò con la faccia a terra; sul mus in faccia, con tutta franchezza; i ghe tol for el mus dale rove far rigare diritto.

muSa = s.f. – asina; argano girevole che sostiene la caldaia del caseificio.

muSaragn = s.m. – toporagno.

muSarola = s.f. – museruola.

muscio = s.m. – muschio; musc’io de montagna lichene islandico.

muSica = s.f. – musica; fisarmonica.

muSina = s.f. – salvadanaio; risparmio; cfr. anche moSina.

musni = s.m. pl. – tarli.

muso = s.m. – mulo; asino.

muSon = s.m. – musone.

mut = agg. – muto.

mutegòn = s.m. – taciturno.

mutolòn = s.m. – tumulo; mucchio di terra o detriti; rialzo di terra; cfr. anche tumolòn.

muz = s.m. – dovere, obbligo.

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print