P

pabie = s.f. pl. – polvere bianca nelle screpolature del viso costituita da minutissimi frammenti di pelle secca.

pabol = s.m. – pascolo; foraggio; a pascol a mangiare.

pac = s.m. – pacco.

paca = s.f. – colpo, botta, manata, pacca.

paceca = s.f. – melma, fanghiglia; cfr. anche palceca, palta, pacioca.

pachia = s.f. – pacchia, cuccagna.

paciar = vr. – placare, pacificare; cfr. anche pacificar.

paciarana = s.f. – pacchianata, baggianata.

pacificar = vr. – pacificare, tranquillizzare, calmare; cfr. anche paciar.

pacifico = agg. – pacifico, quieto, tranquiIlo, placido; pl. pacifichi.

pacioca = s.f. – fango, mota; poltiglia; cfr. anche paceca.

paciocon = s.m. – pacioccone; paffuto e bonario.

padela = s.f. – padella; padela dai buSi padella col fondo bucherellato da caldarroste.

padeleta del ghinocio = s.f. – rotula; cfr. anche rodela.

padeloti = s.m. – soprannome dei nativi di Grauno.

padrenostro = s.m. – preghiera del Padre nostro.

paes = s.m. – paese, villaggio.

paeSan = s. e agg. m. – paesano, del paese; ala paeSana secondo le tradizioni del paese, alla contadinesca, alla buona.

Paf = soprannome di famiglia a Sover.

pagafrati = s.m. pl. – mazza sorda (Thpha latifollia); ven el pagafrati arriva la resa dei conti o arriva il fustigatore.

pagar = vr. – pagare.

pagnoca = s.f. – pagnotta; fig. bonaccione.

pagnoco = s.m. – bonaccione.

pago = agg. – nella loc. nol se tegn de pago è riservato, dignitoso, schivo.

paia = s.f. – paglia.

paiarol = s.m. – sigaretta confezionata a mano con tabacco ordinario, dozzinale.

paiazo = s.m. – pagliaccio, buffone; persona poco seria.

paieta = s. e agg. – grullo, tonto.

paina = s.f. – cera d’api; favo dell’alveare.

paiola = s.f. – pagliuzza; erba loglierella mazzolina (cfr. anche erba sedola); for da le paiole fuori dalle fasce, cresciuto; parar for le paiole far rigare diritto.

paion = s.m. – pagliericcio, saccone di tessuto pesante riempito di scartocci di granturco e usato come materasso; cfr. anche sdramaz e sfoiaz.

paisa = s.f. – esca; pastura.

paisar = vr. – adescare selvaggina o pesce con l’esca.

pait = s.m. – tacchino; torta di pasta sfoglia e mele.

paita = s.f. – tacchina; fig. fiacca.

paiz = s.m. – vernice mordente per legno.

pal = s.m. – palo; pal de fer foraterra di ferro; leva di ferro; cfr. anche livera e soalza.

pala = s.f. – badile; rupe.

palada = s.f. – palata; a palade a palate, in grande quantità.

paladicia = s.f. – palancata, recinto di assi di legno conficcate nel terreno.

paladina = s.f. – laringite dei cavalli o dei muli.

palanc = s.m. – palanca, trave o tavola robusta; palo lungo e robusto; palanchi le due travi portanti del carro o della slitta.

palanca = s.f. – moneta da 10 cent. di lira italiana; le palanche i quattrini.

palancarola = s.f. – traversa di legno che tiene uniti i due scivoli della stroza (slitta) o le due palanche del carro; cfr. anche parancarola.

palanchin = s.m. – palanchino, leva di acciaio usata per smuovere massi; palo robusto di legno in funzione di leva.

palaz = s.m. – palazzo.

palceca = s.f. – pantano, fango; cfr. anche paceca, palta, pacioca.

palc = s.m. – palco.

pales = agg. – palese; noto.

paleSar = vr. – palesare, manifestare, rivelare.

palido = agg. – pallido.

palmon = s.m. – polmone; cfr. anche mantes.

palota = s.f. – paletta; sessola per farina e granaglie.

palatine = s.f. pl. – ali degli uccelli al primo stadio di formazione.

paloton = s.m. – uccellino da nido.

palotone = s.f. pl. – ali degli uccelli nello stadio avanzato di formazione.

palpar = vr. – palpare, palpeggiare.

palpitaziòn = s.f. – palpitazione.

palta = s.f. – pantano, fanghiglia; cfr. anche palceca, paceca, pacioca.

paltegana = s.f. – topo delle chiaviche.

paltòn = s.m. – pantano; poltiglia.

paltorecia = s.f. – partoriente, puerpera; cfr. anche partorecia.

palù = s.m. – palude.

pampalugo = s.m. – mammalucco, sciocco.

pamperlo = s.m. – punto vinto al gioco delle bocce; fig. grullo.

pampian = avv. – piano piano, adagio; a bassa voce.

pan = s.m. – pane; culet del pan estremità del filone di pane; forme di pane; bec filone, bina piccia di quattro pani uniti, ciopa coppia di pani, roSeta, micheta rosetta, michetta; gramola o taia o bufet (pane lavorato a gramola; pan dai fighi,pan da l’oio, pan da l’ua, pan de segala, pan rostì, pan brustolà; pan biot pane scusso; pan enprestà, pinza renduda pan per focaccia; pan de bando pane a tradimento; pan de cuco pan cuculo (Oxalis acetosella); pan e vin acetosella; minestra di pane abbrustolito nel burro e immerso nel vino preparata per lo più quale ricostituente a persone debilitate; cfr. anche supa de caval; aver pan en man avere un lavoro sicuro; cfr. il prov. pan e nos, magnar da spos.

panada = s.f. – panata, pancotto, minestra di pane, acqua o brodo, burro e sale.

panara = s.f. – madia; cassa di legno ove si macella e si pela il maiale.

panaric’ = s.m. – patereccio, giradito.

pancera = s.f. – panciera.

panceta = s.f. – pancetta di maiale; panceta dela gamba polpaccio.

pancia = s.f. – pancia, ventre; uzzo della botte; a pancia a occhio e croce, a un dipresso; far pancia, far goba, sporgere.

panciarin = s.m. – pancino.

panciavaca = avv. – a pancia in giù, bocconi.

panciòn = s.m. – pancione.

pan de cuco = s.m. – pan cuculo (Oxalis acetosella).

pander = vr. – svelare, manifestare, spiegare, parlare.

pandolo = s.rp. – smargiasso, convinto di fare lo spiritoso mentre fa pena; vanesio.

pane = s.f. – pane, filetto della vite.

paneSel = s.m. – pannicello per bambini.

panet = s.m. – panetto, pezzo di pane; filone di pane.

paneta = s.m. – bonaccione, buono come il pane.

panic’ = s.m. – panico, miglio, pianta graminacea e il suo seme (Setaria italica).

panigal = s.m. – uomo grande e grosso e bonaccione.

panina = s.f. – panno, stoffa in pezza.

panoel = s.m. – lumino a olio.

panòn de zucher = s.m. – pane di zucchero, grande cono di zucchero, in commercio anteriormente alla prima guerra mondiale.

pantac’ = s.m. – ventraia, stomaco e intestini dei bovini macellati; trippa; cascar come ’n pantac’ rovinare a terra.

panta1òn = s.m. – pantalone; semplice, bonaccione; citrullo.

pantinac’ = s.m. – stomaco dei bovini macellati; trippa.

Pantoi = soprannome di famiglia a Sover.

Paolazzi = cognome.

paòn = s.m. – pavone.

paoper = agg. – povero, misero; sciocco; disadattato; cfr. anche pauper.

paosa = s.f. – pausa; riposo; luogo di riposo; (cfr. polsa).

paosar = vr. – pausare, sostare; riposare.

papa = s.f. – pappa; cibo.

paparel = s.m. – pappatore; parolaio, venditore di fumo; nativo del Meridione.

pape = s.f. pl. – pappa; minestrina; minestra di latte e farina di granturco; pape de ciucoi minestra di zucca, acqua, latte, burro e sale; pape de crauti minestra di crauti, acqua, sale e pepe; pape de faSoi bagi minestra di fagioli sgranati, farina gialla, acqua, latte, burro e sale; pape de lin impiastro caldo di semi o di farina di lino; pape gialde minestra di farina gialla, latte, burro e sale.

papin = s.m. – schiaffo, manrovescio.

papolar = vr. – spappolare qualche cosa in bocca, biascicare.

par = prep. – per; par el pù, par la pù per lo più; par gnent per niente; gratuitamente; inutilmente; par la quale per la quale, raccomandabile, ammodo, perbene; no ’l se ’nteresa par la quale non si interessa affatto; par mal per male, malattia, sofferenza; par man per mano; tor par man prendere in giro, canzonare; par mez frammezzo, in mezzo; a meta; tegnirghe par mez tenere contro; par mi per me, per conto mio, quanto a me; par quel per quello; non ha importanza; par sora in soprappiù; in aggiunta; nar par sora traboccare; par sorte per caso; par sot per sotto; di sotto; par un per uno, per ognuno.

par = agg. – pari; al par de ti al tuo livello, quanto te, pari a te.

par = s.m. – paio, coppia.

paracar = s.m. – paracarro.

parada = s.f. – parata; en parada in abito da festa; en parada all’inseguimento della preda.

parador = s.m. – scivolo, valletta o canalone ripido lungo il quale si fa slittare a valle il legname; cfr. anche to, sitela, boal.

parafulmin = s.m. – parafulmine.

paragon = s.m. – paragone, confronto.

paraguide = s.m. – cacciavite.

paraltro = avv. – per altro; di solito, normalmente.

paramente = s.f. pl. – paramenti, addobbi; vesti.

parancarola = s.f. – traversa di legno che tiene uniti e paralleli i due scivoli della slitta (stroza) o le due palanche del carro cui viene fissata con viti mordenti dalla testa a occhiello (torcel) o con grossi cavicchi (cavici); cfr. anche palancarola.

parar = vr. – parare, scansare; scacciare; spingere, mandare innanzi; parar via, progredire velocemente; mandar via.

parchè = avv. e cong. – perchè.

pardonar = vr. – perdonare.

pare = s.m. – padre, papa.

parè = s.f. – parete.

parec = s.m. – apparato, addobbo; forma esterna.

pareciar = vr. – preparare; apparecchiare.

parecio = s.m. – preparazione; allestimento; addobbo.

parent = s.m. – parente; femm. parenta.

parer = vr. – parere, sembrare; el par pare, sembra; ve parel gnent? vi pare niente?

parer = s.m. – parere, opinione.

parfin = avv. – perfino.

parfum = s.m. – profumo.

pari = agg. – pari; allo stesso livello; alla stessa condizione sociale; ari dre ai toi pari va, tratta con i tuoi pari, rimani nella tua condizione sociale; s.m. parità, pareggio; uguaglianza.

pariana = s.f. – tramezzo; tramezza di carne e frattaglie.

pariglia = s.f. – pariglia, coppia; contraccambio.

parimenti = avv. – parimenti, ugualmente; altrettanto.

paris = s.f. – danza a coppie in cui si cambia la dama.

parlada = s.f. – parlata caratteristica quanto a cadenza, inflessione di voce e lessico; discorso.

parlar = vr. – parlare; parlar col pizec parlare agitando le mani; parlar come ’n libro stampà parlare con ostentata precisione di termini; parlar da gras usare linguaggio licenzioso; parlar drit parlar bene, dire il vero; parlar e’n ponta parlare in punta di forchetta, con affettazione; parlar en ponta de pè parlare con affettazione.

parlent = agg. – parlante; ciarliero, loquace.

parmal = s.m. – risentimento; el n’a parmal si offende, si adonta.

parma1òs = agg. – permaloso; cfr. anche permalos.

parochia = s.f. – parrochia; scherz. nasone.

parol = s.m. – paiolo di rame in cui si cuoce la polenta; secchio per la malta; dim. parolet.

parolot = s.m. – ramaio.

part = s.f. – parte; a la part a meta, a soccida; far la part dividere in parti, distribuire; dividere a metà.

part = s.m. – parto.

partender = vr. – pretendere.

partida = s.f. – partita, competizione al gioco.

partir = vr. – partire; avere inizio; andare in estasi.

partorecia = s.f. – partoriente, puerpera; cfr. anche paltorecia.

parusa = s.f. – cincia; parusa flinca cinciallegra (Parus major); parusa molinela cincia minore o cinciarella (Parus caeruleus); parusa piciola cincia mora (Parus ater).

pas = s.m. – passo; agg. – passito, appassito, vizzo, secco; femm. pasa.

pasada = s.f. – passata; ripassata.

pasaman = s.m. – passamano, nastro, pizzo, spighetta di guarnizione; passaggio di cose dall’uno all’altro a catena, cfr. cadena; corrimano.

pasandoman = avv. – dopodomani.

pasar = vr. – passare, transitare, trasferire, trascorrere; p.p. pasà; la pasa par così e così le cose stanno in questo modo; otanta e pasa ottanta e oltre; pasa otanta oltre ottanta.

pascolar = vr. – pascolare.

pasera = s.f. – passero.

paset = s.m. – fermaglio, forcina; passetto, piccolo passo; listello di legno; battiscopa di legno; paset de sicureza spillo da balia.

pasienza = s.f. – pazienza; bavaglino; cfr. anche pazienzia.

pasiòn = s.f. – angoscia, amarezza, tristezza causata da grave dispiacere.

Pasqua = s.f. – Pasqua, festa. Prov.: Pasqua marzadega, mortalità e famadega.

past = s.m. – pasto; past uSà consuetudine.

pasta = s.f. – pasta, impasto; pastasciutta; paste pastasciutta; paste dolci.

pastela = s.f. – pastella, impasto, intriso; pomata.

pastolo = s.m. – mistura; pastone per l’alimentazione delle galline.

pastòn = s.m. – pastone, miscuglio; impasto di malta.

pastor = s.m. – pastore.

pastran = s.m. – pastrano.

pastrocia = s.f. – pastrocchio, intruglio; bambola di pezza.

pastura = s.f. – pastura, mangime.

pasturar = vr. – pasturare; attirare la selvaggina o il pesce con la pastura (esca); cfr. anche paisar. paSubio = agg. – mingherlino.

pat = s.m. – pianerottolo della scala.

pat = s.m. – patto, accordo, condizione.

Pat = top. – Monte Pat, località montana di Sover.

pata = s.f. – patta, pareggio; conguaglio; epatta, età della luna (numero di giorni trascorsi dall’ultimo novilunio) al primo gennaio di ogni anno; pata e calendra calendario solare e lunare.

pataca = s.f. – patacca, medaglia o moneta di poco pregio.

pataflòn = s.m. – uomo grande e grosso, ma fiacco; pataffione; straordinaria grandezza di certe cose.

patalet = s.m. – patta, pistagna; brocchetta; striscia di tessuto che ricopre la bottoniera dei pantaloni, pattina.

patana = s.m. – patacca, cosa o persona senza pregio; persona sciatta; nar come ’l cagn del patana fuggire da tutti.

Patane = soprannome di famiglia a Sover.

patapum = inter. – patapum, voce imitativa di un tonfo; anche patapunfete.

patar = s.m. – foro da mina profondo da 20 a 40 cm.

patata = s.f. – patata; patate a bronzon patate cotte assieme a carne e salsiccia nel laveggio di bronzo; patate rebutade patate che prolificano irregolarmente; patate rostide patate sminuzzate (a volte insieme con polenta) e arrostite con lardo o sego o strutto.

patatar = s.m. – forte mangiatore di patate.

patatonfie = s.f. pl – patate grosse; anche patatonfle.

patatrac = voce imitativa di una rottura per lo più seguita da un crollo rumoroso; crollo; disastro. patatranc = s.m. – andazzo, solito ritmo di vita, tran tran.

patela = s.f. – nella loc. no sai neguna patela non so nulla.

patina = s.f. – presina di stoffa o di maglia per maneggiare utensili caldi di cucina; cfr. anche ciapin. patina = s.f. – lucido da scarpe; cfr. anche crerna.

patir = vr. – patire; guastarsi.

patoc = agg. – identico, autentico; marc’ patoc marcio fradicio; mat patoc completamente pazzo.

paton = s.m. – colpo dato col pugno; manata.

patron = s.m. – padrone, proprietario; capo; capofamiglia; festa dei patroni penultima domenica di carnevale, festa riservata ai padroni.

patròna = s.f. – padrona; moglie del padrone; proiettile d’arma con cartuccia; cartuccia.

patua = s.m. – dialetto; parlata caratteristica del luogo.

patuel = s.m. – fazzoletto da testa.

patugo = s.m. – passato di patate, fagioli, ortaggi vari e olio.

patuir = vr. – pattuire.

pauper = agg. – misero, povero gramo; sciocco; disadattato; anche poro pauper; cfr. anche paoper. paura = s.f. – paura, timore.

pauròs = agg. – pauroso; spaventato.

paus = s.m. – pausa; paus del gal pausa nel canto del gallo.

pausa = s.f. – pausa, sosta; riposo; luogo dove si riposa; cfr. anche paosa.

pausar = vr. – pausare, far pausa, sostare; riposare; cfr. anche paosar.

pavana = s.f. – scorreggia non rumorosa.

pavel = s.m. – farfalla; l’e nà via come ’n pavel e ’morto senza accorgersi.

pavela = s.f. – farfalla; moneta d’argento italiana da lire 5 con 1’effige di Vittorio Emanuele III; cfr. anche paveleta e colombina.

paveleta = s.f. – farfallina; moneta d’argento italiana da lire 5 con 1’effige di Vittorio Emanuele III; cfr. anche pavela e colombina.

paviment = s.m. – pavimento.

pazaia = agg. – pazzoide, mattoide, stravagante; pazzerellona.

paze = s.f. – pace; patta, pareggio nel gioco.

pazena = agg. f. – intonata, in stile, che armonizza; na cravata pazena intonata col vestito.

pazient = agg. – paziente; femm. pazienta.

pazienzia = s.f. – pazienza; cfr. anche pasienza.

pazoldo = agg. – pazzerellone; stravagante.

pè = s.m. – piede; pl. pei; sedimento (madre del1’aceto, fondi del caffe, feccia del vino); misura di lunghezza pari a cm. 35; en pè ritto in piedi; nar a pè andare a piedi; me levo ’n pè mi alzo in piedi o alzo un piede; a pè pian allo stesso livello; alt de’ col de pè vanitoso; a’pei gionti a piedi uniti; pè de porc piede di porco, leva di ferro; pè pian piede piatto.

peaci = s.m. pl. – piedoni.

peada = s.f. – pedata, calcio.

peadin = s.m. – piccola pedata dolorosa.

peadòn = s.m. – calcio violento.

peagn = s.m. – passaggio a piedi; passerella su di un torrente;

peagna = s.f. – penero, frangia dell’ordito.

pec = s.m. – abete rosso.

peca = s.f. – pecca, magagna; pastoia, ceppo per i piedi; orma, traccia.

peca = s.m. – peccato; rammarico; compassione; pena.

peche = s.f. pl. – orme; far peche lasciare le tracce; fuggire.

pechenar = vr. – picchiare con la martellina per staccare l’intonaco dai muri; giocare alla scoccetta con le uova; possedere una donna.

peciat = s.m. – piccolo abete rosso.

pecina = s.f. – pecceta, bosco di abeti.

pecioi = s:m. pl. – erba brusca o coda cavallina.

peclin = s.m. – aringa salata e affumicata.

pecumia = s.f. – briga, fastidio.

pedac = s.m. – sedimento nei liquidi; anche pè.

pedal = s.m. – pedale.

pedalar = vr. – pedalare; fig. correre, andar veloci.

pedalina = s.f. – pedale della bicicletta, pedivella.

pedonar = vr. – camminare veloci; allontanarsi alla svelta; pedinare.

Pedri = cognome.

pefel = s.m. – rapporto; richiamo, ramanzina.

pegio = agg. e avv. – peggiore, peggio.

pegn = s.m. – pegno.

pegola = s.f. – pegola, pece; sorte avversa, sfortuna; persona attaccaticcia, uggiosa; cfr. anche zoa. pegolòn = s.m. – persona attaccaticcia, fastidiosa.

pegora = s.f. – pecora; cfr. anche besa; fig. sbornia.

pegorar = s.m. – pecoraio.

pegorin = s.m. – agnellino.

pegoron = s.m. – pecorone; fig. servile, imbelle.

Pegoti = soprannome di famiglia a Sover.

pegriSia = s.f. – pigrizia.

pegro = agg. – pigro, lento.

pel = s.m. – pelo; superficie di un liquido; par un pel per un pelo, per poco.

pel = s.f. – pelle; pel de galina pelle d’oca.

pelà = agg. – pelato; calvo; f. pelada pelata; ustionata.

pelada = s.f. – testa calva; ustione.

pelagra = s.f. – pellagra, malattia da avitaminosi; fig. miseria.

pelam = s.m. – pelame; peluria.

pelanda = s.f. – puttana.

pelandine = s.f. pl. – pelatrici; raccoglitrici di foglie di gelso o di frutti dagli alberi.

pelar = vr. – pelare; scorticare; cogliere frutti dagli alberi; sbucciare; fig. imporre prezzi esagerati. pelarse = vr. – cambiar pelle o cambiar piume.

pelegrin = s.m. – pellegrino.

pelegrina = s.f. – pellegrina, mantelletta.

pelegrinagio = s.m. – pellegrinaggio.

peleSina = s.f. – pellicina.

pelicia = s.f. – pelliccia.

peliciot = s.m. – pellicciotto.

peliSiòn = s.f. – carnagione.

pelon = s.m. – scottatura da levar la pelle; scossa elettrica.

pelos = agg. – peloso.

peloSòn = agg. – molto peloso.

pelotin = s.m. – pelino, piccolo pelo.

peluc = s.m. – peluzzo.

pelum = s.m. – peluria, lanugine.

pena = avv. – appena.

pena = s.f. – penna.

penir = vr. – penare, patire.

penarol = s.m. – penna; asticciola per il pennino.

penato = s.m. – pennato, attrezzo di ferro adunco e tagliente per la potatura delle viti.

pence = s.f. pl. – pantofole o pianelle di pezza; cfr. anche pince e pocene.

pender = vr. – pendere.

pindol = s.m. – pendolo, orologio a pendolo; en pendol in bilico.

pendolar = vr. – pendolare, oscillare; vacillare.

penel = s.m. – pennello.

penetrar = vr. – penetrare.

peniza = s.f. – moneta spicciola.

penochi = s.m. pl. – pennacchi di varie specie botaniche.

pensada = s.f. – pensata, idea, trovata.

pensadina = s.f. – pensierino.

pensar = vr. – pensare, riflettere, escogitare, supporre; el se a pensà ha escogitato, ha supposto; cfr. anche empensar.

pensier = s.m. – pensiero; ansia, preoccupazione.

penSion = s.f. – pensione.

pentirse = vr. – pentirsi; p.p. pentì.

pentiSiòn = s.f. – pentimento; perdita della caparra per annullamento del contratto.

penultim = agg. – penultimo.

penzina = s.f. – benzina.

peot = s.m. – piedino.

peotin = s.m. – piedino.

pep = s.m. – smorfia piagnucolosa; fig. schiacciato; torpido.

pepe = s.f. pl. – t. inf. babbucce; scarpette.

per = s.m. – pera; interruttore elettrico a forma di pera.

Peraci = soprannome di famiglia a Sover.

perar = s.m. – pero.

peratola = s.f. – pera del piraster.

peratolara = s.f. – sottospecie del pero con frutti piccoli e saporiti.

perbaco = inter. di meraviglia.

percaciar = vr. – procacciare.

percaciarse = vr. – intromettersi, ingerirsi; inserirsi, non richiesto, in una compagnia.

percant = s.m. – predicozzo, ramanzina.

perder = vr. – perdere, smarrire; spandere; p.p. perdù; perederse ’n t’en cuciar de aqua perdersi in un bicchier d’acqua, smarrirsi per nulla, perdersi d’animo; perderse via perdere i sensi, svenire; svanire.

perdio = inter. di meraviglia o disappunto.

perdizere = inter. di meraviglia o disappunto.

perdon = s.m. – perdono.

perdonanza = s.f. – perdono.

perfet = agg. – perfetto.

perfeziòn = s.f. – perfezione.

perfido = agg. – perfido.

perfil = s.m. – filo, cordone costituente un orlo o un limite; cordolo; ritaglio.

perfilar = vr. – profilare, delineare i contorni.

pergamena = s.f. – pergamena, cartapecora.

Pergen = top. – Pergine in Valsugana.

pergenaiter = s.m. – nativo di Pergine.

pergola = s.f. – pergola, pergolato.

pericolos = agg. – pericoloso.

perma1os = agg. – permaloso; cfr. anche parmalos.

permeso = s.m. – permesso, licenza; permeso? formula di cortesia per chiedere il permesso di fare qualche cosa.

pernera = agg. f. – pezzata, detto di gallina con piumaggio a chiazze.

pernis = s.f. – pernice, starna.

Pero = n.pr. – Pietro; (anche Peracio, Perolin, Peron, Perota, Peroto, Peroton, Pierino, Pierone). Peroito = soprannome di famiglia a Sover.

Peroni = soprannome di famiglia a Montesover.

perpetua = s.f. – perpetua, domestica del sacerdote.

pers = agg. – perso, perduto, smarrito.

persec = s.m. – pesca; persec tacalos pesca duracina; persec destacalos pesca spiccace; pl. perseghi. perseche = s.f. pl. – fette di mela seccate al sole su arelle; su l’as dele perseche, a secco, al1’asciutto; sul lastrico.

persegar = s.m. – pesco.

persemol = s.m. – prezzemolo.

personal = s.m. – personaggio importante.

personale = s.m. – personale, i dipendenti di un’impresa.

persuader = vr. – persuadere.

persue = s.f. pl. – scarpe chiodate con il puntale di ferro.

persut = s.m. – prosciutto.

pertega = s.f. – pertica, asta lunga e sottile; ripiano di legno alla sommità del castelletto che riveste la stufa grande della stua; misura agraria, ora in disuso.

pertegai = s.m. – sottotetto, solaio; soppalco, secondo piano all’interno dell’aia; fig. tipo strano.

peruca = s.f. – parrucca.

pes = s.m. – peso; soma; misura di peso corrispondente a kg. 8,4.

pes = s.f. – pesce; trota.

peSa = s.f. – pesa; bilancia, stadera.

peSar = vr. – pesare; essere pesante.

pesat = s.m. – pesciolino.

pesataro = s.m. – pescivendolo.

pescar = vr. – pescare; trovare; prendere a caso.

pesegar = vr. – affrettare; cfr. anche spesegar.

pesina = s.f. – piscia, orina; pozza di orina d’animali,

Pesine = top. – Piscine, fraz. di Sover, dal lat. p i s c i n a e (conche, bacini, piscine) secondo la Dott. Laura Nones nella sua tesi di laurea sul dialetto della Val di Cembra, oppure dalla voce dialettale pecine (bosco di abeti rossi) secondo mons. Giuseppe Biasiori nella sua pubblicazione «Torna al tuo paesello» ed. Artigianelli, Trento 1963. da notare che, in ogni caso, esiste un pozzo d’acqua.

pesineri = s.m. – nativi di Piscine, fraz. di Sover.

peSo = s.m. – peso, oggetto metallico graduato che serve nelle operazioni di pesatura; romano, contrappeso; fig. importanza; agg. peSo pesante.

pesta = s.f. – peste; persona o cosa insopportabile.

pestador = s.m. – pigiatoio; pestello.

pestar = vr. – pestare; calpestare; pillare; frantumare; camminare; pestar mal camminare male. pestifero = agg. – pestifero, puzzolente; fastidioso.

pestin = s.m. – pestino; grande catino in pietra in cui due mole ruotano agitando violentemente la massa delle cariossidi di orzo o miglio decorticandole.

pestin = s.m. – pestino (ad es. per decorticare miglio od orzo); pestin dala sal pestello per il sale.

pesto = agg. – pesto, ammaccato, bastonato; s.m. te cargo en pesto ti riempio di botte.

pestolament = s.m. – calpestio, scalmiccio, pesticcio.

pestolar = vr. – scalpicciare; calpestare; pesticciare.

pestòn = s.m. – pestata violenta.

pestum = s.m. – pesto, poltiglia; miscuglio.

pet = s.m. – peto, scorreggia.

pezent = s.m. – pezzente, lacero, straccione.

pezet = s.m. – pezzettino; un breve tratto di tempo; en pezet dopo, poco dopo.

Pezini = soprannome di famiglia a Sover.

pezol = agg. – pezzato, a macchie, a chiazze.

pezo1òna = s.f. – pezza grande; banconota di grosso taglio.

pezot = s.m. – fetta di polenta o di torta.

pezota = s.f. – pezza piccola; formai de pezota formaggio nostrano; pezota bagnada lembo della camicia bagnato di pipì; as la pezota bagnada si dice al ragazzetto pretenzioso per umiliarlo; al pl. pezote piccole pezze; tagli di carne suina posti in concia o ad affumicatura.

pezoter = s.m. – moccioso; piscione; ragazzetto imberbe.

piaga = s.f. – piaga; fig. persona noiosa.

pian = agg. avv. e s.m. – sommesso; piano, piatto, spianato; adagio; for pian in posizione orizzontale, senza dislivelli; panpian adagio o a voce bassa.

piana = s.f. – trave; trave orizzontale della capriata.

pianaci = s.m. – spiazzi; piccoli pianori che interrompono gli scoscendimenti.

Pianaci = top. – maso della frazione di Piscine di Sover.

pianger = vr. – piangere.

piangimarenda = s.m. e f. – piagnone, che piange miseria; cfr. anche spiangin e piangin.

piangin = s.m. – piagnucolone; cfr. anche spiangin e piangimarenda.

pianta = s.f. – pianta, vegetale; pianta del piede; pianta topografica.

piantada = s.f. – impianto a viti.

piantagia = s.f. – piantaggine (Plantago media).

piantar = vr. – piantare; abbandonare, smettere.

pianteren = s.m. – pianterreno.

piantola = s.f. – piccola incudine, da affondare nel terreno, per battere la falce fienaia.

piantòn = s.m. – piantone, palo; colonnina di sostegno.

piaSent = agg. – piacente; simpatico.

piaSer = vr. – piacere, riuscire gradito.

piastra = s.f. – piastra, lastra.

piastrela = s.f. – piastrella, mattonella.

piat = s.m. – piatto, recipiente; trar sul piat rinfacciare.

piat = agg. – piatto, piano, appiattito.

piatanza = s.f. – pietanza.

piatol = s.m. – coltello da maniscalco per tagliare le unghie ai cavalli.

piatola = s.f. – piattola, pidocchio del pube; fig. persona molto noiosa.

piatolòn = s.m. – persona lagnosa; persona attaccaticcia.

piaza = s.f. – piazza; posto; far piaza fare posto; let a do piaze letto a due posti.

Piaza d’Alber = top. – zona comprendente i masi dei Sveferi, Sloseri e Rofi nel comune di Sover. piazarol = s.m. – monello, briccone, piazzaiolo.

piazer = s.m. – piacere; favore; cortesia; servizio gratuito.

pic = s.m. – piccone; mannaia da macellaio per abbattere i bovini.

pica = s.f. – grappolo, racemo.

picaia = s.f. sing. – frattaglie (cuore, milza, polmoni e fegato degli animali macellati).

picar = vr. – appiccare, appendere; propendere; pendere; picar la testa piegare la testa da un lato. picegola = s.m. – piccino, bambino; cfr. anche picena.

picena = s.m. – piccolo, piccino; cfr. anche picegola.

piche = s.m. – picche, tessuto di cotone con disegni a rilievo.

pichera = s.f. – attaccapanni.

pichet = s.m. – picchetto, paletto, piolo.

piciol = agg. e s.m. – picciolo; bambino. Prov.: se vos la verità, va dal pù piciol dela ca’; el pù piciol il piu giovane dei ragazzi.

piciolin = agg. – piccino.

picol = s.m. – picciolo, peduncolo; gambo; ghiacciolo pendente; pl. picoi.

picolar = vr. – ciondolare; sonnecchiare seduto con la testa penzoloni.

piconar = vr. – lavorare col piccone.

piederlo = agg. – grosso, massiccio, robusto.

piega = s.f. – piega; andamento; tendenza.

pien = agg. – pieno; piena piena; pregna.

pienient = agg. – pieno zeppo; s.m. pienone.

piet = s.m. – poppa delle bestie; pl. pieti.

pietòs = agg. – pietoso, che muove a pieta.

Pifania = s.f. – Epifania.

piferums = loc. – «prega per noi».

pigna = s.f. – zangola cilindrica a doghe usata per preparare il burro in casa; fig. taccagno, spilorcio.

pignat = s.m. – pignatta.

pignata = s.f. – pignatta.

pignol = s.m. – pinolo; persona pedante, pignola.

pigolar = vr. – pigolare; cfr. anche piolar.

pigoz = s.m. – picchio.

pila = s.f. – mortaio, pila, vaso tutto d’un pezzo (di pietra o ricavato da un tronco d’albero) in cui si pesta, si frantuma; serie, mucchio di oggetti sovrapposti; piedritto.

pilegar = vr. – carpire, prendere, portar via; toccare.

pileghe prais = loc. – «a ufo, a spese altrui».

pilonar = vr. – pillare, ribattere l’orzo con il correggiato per separare il seme dalle spighe; pillare. pilòni = s.m. pl. – pile grandi; pilastri, piedritti; fig. gambe robuste o lunghe.

pimperlo = agg. – grullo; cfr. anche pamperlo.

pimpignegol = s.m. – peduncolo; appendice; prolungamento; cfr. anche pimpignol.

pimpignol = s.m. – peduncolo; appendice; cfr. anche pimpignegol.

pin = s.m. – pino.

Pina = n.pr. – Giuseppina; cfr. anche Bepinota e Giusepa.

pinaitro = agg. e s.m. – relativo alla Valle di Pinè; nativo della Valle di Pinè.

pince = s.f. pl. – pantofole; cfr. anche pence e pocene.

Pincia e Sinela = loc. per indicare due amici inseparabili.

pinciar = vr. – premere, comprimere; fig. possedere una donna.

pindol = agg. – sciocco. s.m. – pendaglio; orecchino;

pinza = s.f. – schiacciata di farina acqua o latte cotta in olio; schiacciata di farina di segala cotta nella cenere; far na pinza spiaccicare; pinza de formentac’ focaccia sottile di farina di granturco cosparsa di burro fuso.

pinza = s.f. – pinza, tenaglia.

pinzot = s.m. – focaccetta sottile di farina e acqua cotta nella padella appena unta di burro.

piobic = nella locuz. a piobic prestazione di lavoro senza compenso a favore della comunità; lavoro da ricambiare se a favore di privati.

piocera = s.f. – nido di pidocchi.

piocio = s.m. – pidocchio; piocio refat villano rifatto.

piocios = agg. – pidocchioso, meschino.

piolar = vr. – pigolare; cfr. anche pigolar.

piomba = s.f. – massa di fieno; fig. sbornia.

piombar = vr. – piombare, cadere; misurare col piombino.

piombin = s.m. – piombo, pendolo del muratore; piombino, sigillo.

piòmp = s.m. – piombo; a piòmp perpendicolarmente.

piona = s.f. – piallone; piallone fisso su quattro piedi.

pioo = s.m. – aratro; spartineve.

piòp = s.m. – pioppo montano o alberella.

pio pio = s.m. – pigolio; voce di richiamo per i pulcini; fig. paura.

pioventi = s.m. pl. – spioventi.

piover = vr. – piovere; el pioo piove; el pioo come Dio la manda piove a dirotto; piovù giò venuto dall’alto; che bel co ’l piò sul fen «è bello quando piove sui lavoratori stanchi per le fatiche della fienagione»; cfr. i prov.: se ’I pioo da la Madona tuta l’entrada l’e bona; se ’l pioo da le Pentecoste tute le entrade le e nose; se el pioo el di de l’Asensa, per quaranta di no sen senza; se ’l pioo el dì de l’AsenSion, rava e formenton; se ’1 pioo ’nanzi tonar deve le gambe a scampar; se ’l tona ’nanz piover stè pur sodi e no ve mover.

pioveri = s.m. pl. – piogge continue, frequenti.

pipa = s.f. – pipa; va sule pipe va a quel paese.

pipacul = s.m. – paura; tremarella; cfr. anche pio pio.

pipar = vr. – pipare, fumare la pipa; fumare; carpire; succhiare.

pipatet = s.m. – persona ingenua, scioccherella; gioco alle carte il cui esito è affidato alla sorte.

pipi = s.f. – pipì, orina; cfr. anche lorina e pis.

piramidòn = s.m. – pastiglia medicinale in genere.

pirè = s.m. – purè, passato di patate con l’aggiunta di burro e latte.

pirecola = s.f. – capriola, salto, volteggio, capitombolo, piroetta.

piret = s.m. – rocchetto di filo; rocchetto della rocca da filare.

pirla = s.f. – giravolta; fig. persona stravagante, mattoide.

pirlar = vr. – girare, ruotare su se stesso, prillare; voltare; saltare; correre; pirlarghe drè correre dietro a qualcuno; sragionare.

Pirli = soprannome di famiglia a Sover.

pirlo = s.m. – trottola; gioc del pirlo gioco della trottola.

pirola = s.f. – pillola.

piron = s.m. – forchettone.

piròna = s.f. – forchetta.

pis = s.m. – piscio, orina; cfr. anche pipì e lorina.

pisagol = s.m. – pene.

pisanbraghe = s.m. – ragazzetto imberbe.

pisanlet = s.m. e f. – chi piscia a letto.

pisaquasanta = s.m. e f. – bigotto, bigotta; cfr. anche cetin e cetina.

pisar = vr. – mingere, orinare.

pisaroi = s.m. pl. – pannolini assorbenti per bambini; cfr. anche pisaroti.

pisaroti = s.m. pl. – pannolini assorbenti per bambini; cfr. anche pisaroi.

piSei = s.m. pl. – piselli; cfr. anche biSi.

piSol = s.m. – pisolo.

pisòni = s.m. pl. – pezze assorbenti per l’igiene dei bambini a letto.

pisot = s.m. – piscialletto, ragazzetto che si da atteggiamenti da adulto; femm. pisota e pisotera.

pistac = s.m. – pistacchio; no ’l val en pistac non vale niente.

pistar = vr. – affrettarsi, andare veloci.

pistola = s.f. – pistola.

pistolar = vr. – borbottare; mormorare preghiere.

pistòr = s.m. – panettiere, prestinaio.

pistoria = s.f. – panificio.

pita = s.f. – gallina; pita pita voce di richiamo per le galline; cfr. anche pola pola e pula pula; fig. sbornia.

pitar = s.m. – pitale; orcio, vaso di terracotta panciuto destinato a contenere olio o strutto o miele o uova conservate nella calce.

pitardel = s.m. – pettirosso; cfr. anche piterdel e petuz.

pitenca = s.m. e f. – pitocco, mendicante.

piterdel = s.m. – pettirosso; cfr. anche pitardel e petuz.

piti = s.m. pl. – sassolini; gioc ai piti gioco eseguito con cinque sassolini lisci e rotondi di misura adatta: si gareggia in precisione ed agilità nel lanciarli in aria e ripigliarli.

pitoc = s.m. – pitocco, mendicante; assiolo, piccolo uccello rapace notturno.

pitocar = vr. – pitoccare, mendicare; scroccare.

pitocaria = s.f. – pitoccheria, miseria; roba di nessun valore.

pitocon = s.m. – pitoccone, chi mendica con insistenza lamentando miseria; tirchio.

pitòr = s.m. – pittore, decoratore; imbianchino.

pitost = avv. – piuttosto; cfr. anche putost.

pitota = s.f. – gallina piccola; pigna, strobilo delle conifere.

piubicar = vr. – pubblicare; procedere alle pubblicazioni di matrimonio; p.p. piubicà reso pubblico.

piubico = s. e agg. m. – pubblico.

piuma = s.f. – piuma.

piumin = s.m. – piumino; volano, giocattolo consistente in un pallina in cui sono infisse tre piume e che si lancia in aria con una paletta; saccone di piume che si usa come coperta .

piva = s.f. – piva; cannuccia.

pivel = s.m. – pungiglione.

pivial = s.m. – piviale.

piz = s.m. – pizzo, merletto.

piz = s.m. – spicchio; gheriglio; pinolo.

piz = s.m. – vetta del monte.

pizatoli = s.m. pl. – pezzettini; dadini di patate, carote ed altri ortaggi tagliati.

pizbeghel = s.m. – piantaggine minore (Plantago lanceolata) e piantaggine montana, detta anche erba da tai.

pizcar = vr. – prendere, pizzicare.

pizec = s.m. – pizzico, piccola quantita.

pizegar = vr. – pizzicare, toccare appena.

pizeghin = s.m. – pizzichino; far pizeghin fare economia, risparmiare.

pizoc = s.m. – pizzicotto; cfr. anche spizoc.

pizocar = vr. – pizzicottare; cfr. anche spizocar.

pizon = s.m. – piccione; gras come ’n pizon grassone.

pizpor = s.m. – punta d’acciaio per eseguire fori nella roccia; trapano con lingua lunga e sottile.

placa = s.f. – placca; medaglia; moneta metallica.

placidato = agg. – tacitato; saldato, pagato.

Placido = n.pr. – Placido.

placido = agg. – placido, quieto, tranquillo.

plafon = s.m. – soffitto.

plao = nella loc. vestì da plao vestito decorosamente, ma non da festa ne da lavoro.

platea = s.f. – salone.

plebe = s.f. – massa di gente.

plecia = s.f. – placca fradicia; foglia esterna floscia del cavolo; testa fradicia del fungo passato; pl. plece.

pleo = s.m. – cadenza caratteristica di una parlata.

plic = s.m. – plico, nel signif. di mazzo abbondante; en plic de soldi un mucchio di danaro.

plic’ = s.f. – branda; nar en la plic’ andare in branda.

plic’ ploc’ = voce imitativa del camminare nel fango o nell’acqua; l’e tut en plic’ ploc’ e tutta una poltiglia.

plinfete plonfete = voce imitativa dell’affrettarsi buttando tutto all’aria.

plindernar = vr. – traslocare.

plota = s.f. – lastra; chiusino; piastra della cucina economica.

Plotegheri = soprannome di famiglia a Cembra.

plucher = s.m. – stronzo più grosso del normale.

plus = s.f. – blusa.

po = inter. – poh; po si dai ma si, va là; po ve che lascia correre, lasciamo là.

pò = avv. – dopo, poi; e pò dopo e dopo; inoltre.

po ben = inter – ebbene.

poc = agg. – poco; a ogni poc a poco a poco; nè poc nè miga nè punto nè poco; dim. pocolin.

pocene = s.f. pl. – pantofole; cfr. anche pence e pince.

pocini = s.m. pl. – pusigni; manicaretti, golosità solitamente soddisfatte in segreto dalle donne.

pocio = s.m. – intingolo, sugo per lo più di carne..

pocotrop = agg. – nè tanto nè poco; alquanto.

podar = vr. – potare.

podarol = s.m. – potatoio, ronchetto a lama ricurva e adunca fissato ad un manico di legno.

poder = s.m. – podere, fondo agricolo; proprietà immobiliare.

poder = vr. – potere; no podo veder non posso tollerare; demò che podo appena posso; no poderghen pù non resistere piu; posean potevamo; el el pol egli può; lori i pol essi possono; ind. pres.: podo, podes, pol, poden, podeo, pol

podina = s.f. – roncolina a lama curva e all’apice adunca, fissa o a serramanico.

podinel = s.m. – coltello a lama fissa e curva all’apice.

pogiar = vr. – poggiare, appoggiare; posare, deporre; tirarsi da parte, scostarsi.

pogiol = s.m. – poggiolo, balcone; cfr. anche ponteSel.

poia = s.f. – pollastra.

poiam = s.m. – fiacca.

poiana = s.m. – fannullone.

poiat = s.m. – pulcino; negà come ’n poiat bagnato fradicio.

poina = s.f. – ricotta; cfr. il prov.: cola poina pù se ’n magna, men se camina la ricotta non dà forza.

poinela = s.f. – vescia; cfr. anche slofa.

pola = s.f. – pollone, gemma avventizia.

pola = s.f. – gallina.

po1a = s.f. – polla, sorgente.

pola pola = voce di richiamo per le galline; cfr. anche pita pita.

polastro = s.m. – pollastro.

poledro = s.m. – puledro; fig. ragazzetto.

polegana = s.m. – chi. tasta o indaga facilmente; sornione, furbo.

polegar = vr. – palpare, tastare; fig. indagare.

polenta = s.f. – polenta, preparata con farina gialla di granturco cotta in acqua salata, rimestata nel paiolo fino ad ottenere un impasto consistente; lof de polenta ghiotto di polenta; polenta brustolada polenta abbrustolita a fette sulla piastra; polenta conciada strati di polenta a fette intramezzati di burro fuso e formaggio; polenta da boscher polenta gialla d’impasto solido; polenta de formenton polenta di grano saraceno; polenta gialda polenta di granturco; polenta mora polenta di grano saraceno; polenta mora conciada fette di polenta di grano saraceno disposte a strati inframmezzati da abbondante formaggio e burro fuso.

polentar = s.m. – mattarello per rimestare la polenta.

poles = s.m. – pollice; alluce.

polinar = s.m. – pollaio.

polini = s.m, pl. – pidocchi pollini.

politicòn = s.m. – politicone, chi sa barcamenarsi nel proprio interesse.

polito = agg. – pulito; educato; avv. bene; far polito comportarsi educatamente o far bene qualche cosa.

poliza = s.f. – polizza.

polizainer = s.m. – poliziotto.

polpeta = s.f. – polpetta.

pols = s.m, – polso; tempia; fig. forza, ricchezza, potenza finanziaria.

polsa = s.f. – riposo; pausa; posto di riposo; cfr. anche pausa.

polsar = vr. – riposare; cfr. anche pausar.

polset = s.m. – polsino; cfr. anche polsin.

polsin = s.m. – polsino; cfr. anche polset.

poltron = s.m. – poltrone, fannullone; dim, poltronat.

poltronar = vr. – poltrire.

poltroniSia = s.f. – poltroneria.

polver = s.f. – polvere; polver da sciop polvere nera; polver de cafè caffè macinato.

polveron = s.m. – polverone; subbuglio.

pòm = s.m. – mela; pòm canada mela Renetta del Canadà; pom dala roSa mela mantovana; pom da l’oio mela oleosa; pom ros mela a polpa rossa; pom rugiol mela renetta francese;. pom seslarol mela lugliatica; pom sloreng mela selvatica; pom gentil mela gentile; pom ciucar mela piccola.

pomar = s.m. – melo.

pòmega = s.f. – pomice.

pomodor = s.m. – pomodoro; pl. pomidori.

Pomodori = soprannome di famiglia a Cembra.

pomol = s.m. – pomello; maniglia; capocchia.

pompa = s.f. – pompa, macchina; rigoglio, magnificenza; na pompa de verdura verdura rigogIiosa. pompete = t. inf. imitativo di una caduta.

pompier = s.m. – pompiere, vigile del fuoco.

poncet = s.m. – cuneo in acciaio non temperato che viene inserito nella pietra per spaccarla; il relativo foro nella pietra.

ponf = voce imitativa del tonfo; cfr. anche ponfete.

ponfete = voce imitativa del tonfo; cfr. anche ponf.

pont = s.m. – ponte; pont dele patate palchetto in legno ove si conservano le patate al buio e al fresco.

pònt = s.m. – punto; ciascuno degli elementi della cucitura; cfr. anche punto; pont a cros punto croce; pont endrè impuntura, cucitura.

ponta = s.f. – punta; en ponta de pè in punta di piedi; de ponta di punta, con puntiglio.

pontal = s.m. – puntale.

pontar = vr. – puntare.

pontara = s.f. – salita, erta. Prov.: sule pontare se vede i boni boi, sule pontare se cognos i amici

pontarol = s.m. – piccola salita.

pontat = s.m. – ponticello.

pontel = s.m. – puntello.

ponteSel = s.m. – poggiolo, balcone; ballatoio.

pontilios = agg. – puntiglioso.

pontirol = s.m. – punteruolo.

pontura = s.f. – puntura; iniezione.

popo = s.m. – bambino; pl. popi; a popi t. inf. a passeggio.

popola = s.f. – bocciolo, gemma; popola dei oci pupilla.

popolà = agg. – popolato.

por = agg. – povero.

por = s.m. – porro, ortaggio; porro, verruca.

porca miSeria = inter. di stizza o meraviglia.

porcel = s.m. – piccolo porco; fig. persona sporca, sudicia.

porcelini = s.m. pl. – semi del colchico.

porco = s.m. – maiale, porco; cfr. anche rugant; i n’a par i porchi ne hanno in sovrabbondanza; porco boia esclamazione di stizza o meraviglia.

poret = agg. e s.m. – povero, poverino; meschino; mendicante; pl. poreti; poreti come la not poverissimi; poreti ma lovi poveri si, ma scialacquoni; poret, lov e mal divot povero, ma ingordo e godereccio.

poretat = agg. e s.m. – poverino; poveruomo.

poro = agg. – povero; con riferimento a persone defunte, si dice poro Lorenz, pora Filomena; poro gram povero gramo; poro pauper, povero gramo.

porporina = s.f. – porporina, polvere metallica per colorire.

portabaldachini = s.m. – baciapile, bigotto.

portadora = s.f. – cardine; bandella.

portament = s.m. – portamento.

Portaneli = soprannome di famiglia a Cembra.

portantina = s.f. – lettiga.

portar = vr. – portare; recare; condurre; ger. portant portando; portar for portar fuori; scagionare, difendere; portarse for na spala lussarsi una spalla.

portauce = s.m. – portaaghi; astuccio cilindrico in legno per deporvi aghi.

portec = s.m. – portico.

portegon = s.m. – portico per il ricovero del carro agricolo.

portela = s.f. – sportello; porticina; chiusino.

portinar = s.m. – portinaio.

pos = s.m. – bacio; cfr. anche bos.

poSade = s.f. pl. – posate da tavola.

poseder = vr. – possedere.

poses = s.m. – possesso, proprieta.

posibol = agg. – possibile.

posla = s.f. – posola, bretella; cfr. anche poSola, spalazi e tirache.

poSola = s.f. – posola, bretella; cfr. anche posla, spalazi e tirache.

posta = s.f. – posta, servizio posta;le; de me posta da me solo; da so posta da se stesso; a posta apposta; star da so posta stare solo; tappa della diligenza; appostamento.

postar = vr. – postare, poggiare, appoggiare; postarse appostarsi; mettersi in vedetta; coricarsi; me posto en moment mi corico un momento, faccio un riposino.

postern = agg. – posto dietro, a tramontana; luogo non soleggiato; a postern a bacio.

posteSel = s.m. – posticino; piccolo impiego.

postic’ = agg. – posticcio.

postin = s.m. – postino, portalettere.

posto =’ s.m. – posto, luogo; spazio; impiego, lavoro retribuito.

potrela = s.f. – putrella, travata, travicello.

poz = s.m. – pozzo; dim. pozat.

Poza = cognome.

poza = s.f. – pozza, pozzanghera; poza del stomec punto celiaco, bocca dello stomaco.

prà = s.m. – prato; pl. pradi.

pradeSel = s.m. – praticello.

pratender = vr. – pretendere; cfr. anche partender.

pratenSion = s.f. – pretesa esagerata, pretensione; pl. pretenSion.

pratica = s.f. – pratica; perizia; esperienza; abilita.

praz = s.f. – mannaia da macellaio per abbattere le bestie.

preamboli = s.m. pl. – cerimonie inutili.

precauzion = s.f. – precauzione.

precis = agg. – preciso, esatto; identico.

preda = s.f. – pietra; cote; pila dell’acqua santa; cfr. anche breda.

predica = s.f. – predica; prediche corte e luganeghe longhe (raccomandazione scherzosa relativa ai lunghissimi sermoni dei quaresimali di un tempo).

predicar = vr. – predicare; fig. brontolare sgridare; da che pulpit che ven la predica dicesi di chi predica bene e razzola male.

preferenza = s.f. – preferenza.

premenir = vr. – espiare.

premer = vr. – premere, stare a cuore; p.p. premù o premest; me e premù mi e molto dispiaciuto.

prèmi = s.m. – premio.

premierot = agg. e s.m. – nativo o abitante del Primiero.

premura = s.f. – premura, sollecitudine; urgenza, fretta.

prenzipal = agg. e s.m. – principale; padrone, capo.

prenzipi = s.m. – principio, inizio; el prim prenzipi i primi elementi.

penzipiar = vr. – incominciare, iniziare.

presa = s.f. – premura, fretta; pressa, macchina per pressare.

preSa = s.f. – presa, appiglio; piccola quantità; presa di tabacco.

preSada = s.f. – urto, contraccolpo.

Presanon = top. – Bressanone.

presapoc = avv. – pressapoco.

preSar = vr. – ammalare per fatica.

preSempio = per esempio.

preSent = agg. e s.m. – presente; dono, regalo.

preSentiment = s.m. – presentimento, presagio.

preSepi = s.m. – presepio.

presion = s.f. – pressione.

preson = s.m. – attrezzo di legno con palo pressatoio per pressare il fieno sulla slitta o sul carro; cfr. anche scarubia.

preSon = s.f. – prigione.

preSoner = s.m. – prigioniero.

preSor = s.m. – presame, caglio.

prest = avv. – presto.

pret = s.m. – prete.

pretendios = agg. – pretenzioso; esigente.

pretenSion = s.f. – pretesa; cfr. anche pratenSion.

pretenSios = agg. – pretensioso; cfr. anche pretenSivo.

pretenSivo = agg. – pretensioso; cfr. anche pretenSios.

pretini = s.m. pl. – rovo erbaiolo (Rubus saxatilis).

pretòr = s.m. – pretore.

prevaler = vr. – prevalere; cfr. anche emprevaler.

prezentenar = vr. – circuire, incalzare, accerchiare la selvaggina.

prezi = s.m. – prezzo, costo; pl. prezi; pù a prezi, più a buon prezzo, più conveniente.

prezios = agg. – prezioso.

prezipitar = vr. – precipitare; rovinare.

prezipizi = s.m. – precipizio; rovina.

prim = agg. – primo; de prim dapprima, a prima vista; prim de l’ an Capodanno; cfr. anche caodan.

prima = avv. – prima; prima che l’è al piu presto.

primarol = agg. – primaticcio.

primarola = s.f. – primipara, bestia che è al primo parto.

primavera = s.f. – primavera; cfr. il prov.: par en fior no se resta de far primavera, par en aSen no se resta de far fera.

primizia = s.f. – primizia.

prinzipe = s.m. – principe.

privar = vr. – privare; togliere.

privilegià = agg. – privilegiato, favorito.

privo = agg. – privo.

pro = s.m. – utile, vantaggio; prep. (lat.) pro a favore.

procento = s.m. – percentuale; tasso di interesse.

proces = s.m. – processo giudiziale; accusa; discussione.

procesion = s.f. – processione, corteo.

prodel = s.m. – trapelo, bilancino (cavallo od altro animale da tiro aggiunto di rinforzo al traino in un tratto di strada particolarmente faticoso).

produr = vr. – produrre, rendere.

profano = agg. – profano; ateo.

profeso = s.m. – religioso che ha fatto la professione solenne dei voti.

profesion = s.f. – atto solenne di un religioso nell’emettere i voti.

profil = s.m. – contorno; bordo, profilo.

profilante = s.m. – assistente al canneggio; delineatore.

profitar = vr. – profittare, trarre profitto; p.p. profità.

profum = s.m. – profumo.

progenio = s.m. – sussurro, commento della gente.

proget = s.m. – progetto; proposito.

progres = s.m. – progresso.

proibir = vr. – proibire.

prole = s.f. – prole, figliolanza; prole frutto degli animali o della terra.

prolongar = vr. – prolungare; prorogare, protrarre.

prometer = vr. – promettere; p.p. prometù.

promision = s.f. – promessa; promessa di matrimonio.

promos = s.m. – compromesso, obbligazione, accordo.

promotor = s.m. – promotore; provocatore.

pronevò = s.m. – pronipote.

pront = agg. – pronto.

pronunziar = vr. – pronunciare.

propagar = vr. – propagare, diffondere; spargere.

propoSit = s.m. – proposito.

propri = agg. – proprio.

prosac = s.m. – zaino; cfr. anche prusac.

prosimativa = s.f. – approssimazione; a na prosimativa ad approssimazione.

prosimo = s.m. – il prossimo.

prosimo = agg. – prossimo.

proteger = vr. – proteggere.

protestar = vr. – protestare; lamentarsi.

protocol = s.m. – protocollo, registro.

prova = s.f. – prova.

provana = s.f. – propaggine, provanatura.

provanar = vr. – propagginare rami o tralci.

provar = vr. – provare.

proveder = vr. – provvedere; fare acquisti, fare provviste; partorire; essere incinta.

proverbi = s.m. – proverbio; pl. proverbi.

proveSer = vr. – rendere con abbondanza, produrre; prosperare.

provianda = s.f. – vettovaglia, approvigionamento.

providenza = s.f. – provvidenza.

provin = s.m. – provino, prova, esame, assaggio.

proviSori = agg. – provvisorio.

provocar = vr. – provocare, causare; stuzzicare, molestare.

prozent = s.m. – interesse, compenso; provvigione.

prozion = s.f. – porzione.

prudel = s.m. – bicchierino da 1/10 di 1t. per grappa; formato ridotto del litro bollato da osteria; cfr. anche pudel.

prudent = agg. – gentile, educato; prudente.

prudenza = s.f. – buona educazione, creanza.

prusac = s.m. – zaino; cfr. anche prosac.

prusiera = s.f. – silicosi.

pù = agg. e avv. – de pù di più.

pudel = s.m. – bicchierino per grappa da circa 1/10 di 1t.; copia in piccolo formato del litro bollato in uso nelle osterie; cfr. anche prudel.

puf = s.m. – debito di chi ordina ma non paga le consumazioni; enpiantar el puf lasciare insoluto il debito.

pugn = s.m. – pugno.

pula pula = voce di richiamo per le galline; cfr. anche pola pola.

pules = s.m. – pulce; pl. puleSi.

pulpit = s.m. – pulpito; fig. seno muliebre prosperoso.

pult = s.m. – comò, cassettone con sovrapposti alcuni tiretti tra cui quello centrale più ampio chiuso da un piano inclinato simile ad un leggìo.

puntual = agg. – puntuale.

pur = avv. – pure; cfr. pura.

pur = agg. – puro; f. pura sola, schietta.

pura = avv. – pure, eppure.

purament = avv. – solamente.

purchè = cong. – purchè.

purga = s.f. – purga; espiazione.

purgar = vr. – purgare; espiare.

purgatori = s.m. – purgatorio.

purificar = vr. – purificare; pulire.

puro = agg. – netto; schietto; solo, da solo.

purtrop = avv. – purtroppo.

puSel = s.m. – foruncolo.

puSel = s.m. – agopuntura (un tempo praticata in zona).

pusol = s.m. – mazzolino di fiori o di fronde.

pustole = s.f. pl. – orticaria.

put = s.m. – giovanotto; femm. puta ragazza da marito.

putana = s.f. – puttana; fig. uomo scaltro, astuto.

putanaria = s.f. – confusione, disordine; affare losco.

putanega = inter. di stizza.

putaner = s.m. – puttaniere.

putat = s.m. – ragazzino; femm. putata.

putel = s.m. – ragazzo; femm. putela.

putelon = s.m. – ragazzo alto e bene sviluppato.

putiferio = s.m. – putiferio, clamore, disordine.

putost = avv. – piuttosto; cfr. anche pitost.

putrefat = agg. – putrefatto, imputridito.

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “P

  1. Ho il piacevole sospetto che tu sia il Giuliano Diaolin di Sover. Sono una tua compaesana e stavo cercando su Google la ricetta delle Pape gialde per il mio bambino che deve portare a scuola una ricetta dei nonni fatta con la farina gialla. La ricetta non l’ho ancora trovata ma sono contenta di averti incontrato su internet ho ammirato le foto e apprezzato l’iniziativa di tenere vivo il nostro dialetto.
    Ciao

I commenti sono chiusi