S

sabion = s.m. – sabbia.

sabo = s.m. – sabato.

sac = s.m. – sacco; dim. sachet; sac e segala loc. che significa dar fondo alle provviste, dilapidare. sacabanc = s.m. – cassettone.

sacramentar = vr. – bestemmiare.

sacramento = inter. di gioia e anche di collera o stupore.

sacranon = s.m. e inter. – persona stramba e noiosa; esclamazione di fastidio o di rabbia.

sacrataifel = inter. di stizza.

sacrefizi = s.m. – sacrificio.

sacrestia = s.f. – sagrestia.

sacrimpante = inter. di collera o di meraviglia.

sadegar = vr. – ansare.

saeta = s.f. – saetta, fulmine.

sagiar = vr. – saggiare; assaggiare; tastare; palpare.

sagio = s.m. – assaggio; campione; saggio.

sagoma = s.f. – sagoma, forma esterna; fig. tipo bizzarro.

sagra = s.f. – festa popolare animata da varie iniziative; sagra dela salata festa della Madonna delle Grazie, protettrice di Piscine, che cade il due luglio ossia quando la produzione della lattuga e al colmo.

saibana = s.m. – vagabondo, trasandato.

sal = s.f. – sale; fig, senno, giudizio.

sala = s.f. – sala; corridoio, andito o ingresso di una casa; canale d’acqua; cfr. anche salet.

salà = agg. – salato; costoso; salà come ’l foc salatissimo.

salabraco = s.m. – discolo e fanfarone.

salam = s.m. – salame; fig. minchione.

salari = s.m. – salario, retribuzione.

salarin = s.m. – saliera da tavola; cfr. anche salarol.

salarol = s.m. – saliera da tavola; cfr. anche salarin.

salarola = s.f. – cassettina di legno per il sale (di solito appesa alla parete).

salas = s.m. – salasso; fig. spesa gravosa.

salasar = vr. – salassare; fig. spillar denaro.

salata = s.f. – lattuga; insalata.

salcice = s.f. pl. – salcicce, salsicce.

saldar = vr. – saldare metalli; pagare il conto.

salecia = s.f. – vimine (Salix vinrinalis).

saleciar = s.m. – salice piangente (Salix babilonica).

saleSà = s.m. – selciato, acciottolato.

saleSar = vr. – pavimentare a ciottoli.

salet = s.m. – corridoio, andito di ingresso; cfr. anche sala

Saleti = soprannome di famiglia a Sover.

salgar = s.m. – salice bianco (Salix alba).

salinada = s.f. – leggero e superficiale spargimento di sale o sabbia o neve; cfr. anche sbruginada e brovin.

salnitro = s.m. – salnitro, nitrato di potassio.

salt = s.m. – salto.

saltar = vr. – saltare.

saltar = s.m. – guardaboschi.

saltarel = s.m. – cavalletta (insetto).

saltor = s.m. – sarto; cfr. anche sarte e snaider.

Saltori = soprannome di famiglia a Sover.

saludar = vr. – salutare; te saludo ti saluto, detto in tono esclamativo sottolinea una affermazione o una delusione.

salut = s.m. – saluto.

salvadec = agg. – selvatico; rustico; solitario.

salvagiòn = s.f. – salvezza; a salvagion a salvamento.

salvanel = s.m. – gibigiana, raggio di luce riflesso da uno specchietto; vortice; ritrosa, ciuffo di capelli rivolti in direzione contraria agli altri e ribelli al pettine; asvelt come ’n salvanel molto svelto.

salvar = vr. – salvare; serbare; conservare.

salvo cbe = loc. cong. – eccetto che.

sambuc = s.m. – sambuco; cfr. anche sauc.

Same = s.m. – esame.

Saminar = vr. – esaminare; interrogare; scandagliare.

san = agg. – sano; salubre; valido; santo; san come ’n cop sanissimo.

sanc = s.m. – sangue.

sandali = s.m. pl. – sandali da contadino con suola di legno e fascetta di cuoio; zoccoli.

saneghì = agg. – intristito; cfr. anche seneghì.

Sanf = inter. – zaff!

sanghiòt = s.m. – singhiozzo, singulto.

sanghiotar = vr. – singhiozzare, piangere.

sangueta = s.f. – sanguisuga; fig. persona attaccaticcia, fastidiosa.

sanguigna = s.f. – consanguineità, comunanza di stirpe; discendenza.

sanguinel = s.m. – sanguinella (Cornus sanguinea).

sant = agg. – santo; buono, pio; dal sant il giorno onomastico; san Lorenzin il giorno dopo la ricorrenza di san lorenzo; santa Barberina il giorno dopo la ricorrenza di santa Barbara; santa Bibiana festa delle donne; sant’Antonin il giorno dopo la ricorrenza di Sant’Antonio abate.

santele = s.f. pl. – scintille.

santemarie = s.f. pl. – mughetti (Convallaria majalis); cfr. anche sciopete.

santigioani = s.m. pl. – gigli rossi o di S. Giovanni (Lilium bulbiferum).

santigole = s.f. pl. – erba cipollina (Allium schoe- noprasum).

santin = s.m. – immaginetta sacra.

santolina = s.f. – santonico (Artemisia maritima), santonina.

santuari = s.m. – santuario.

Santuari = cognome.

saòn = s.m. – sapone.

saoneta = s.f. – saponetta.

saor = s.m. – sapore.

saorir = vr. – saporire.

saosa = s.f. – fortuna; cfr. anche sausa.

sapient = agg. – sapiente; f. sapienta; fig. saccentone.

sarcio = s.m. – sarchio; dim. sarciot sarchiello.

sarcraut = s.m. – colubrina, Buon Enrico (Chenopodium bonus Henricus); cfr. anche comede.

sardela = s.f. – sardella; fig. persona molto magra.

sargent = s.m. – sergente.

sarir = vr. – sarchiare.

sarmandola = s.f. – salamandra; cfr. anche sermandola.

sarmenta = s.m. – sarmento; pl. m. sarmenti.

sarmentel = s.m. – fascio di sarmenti; piccolo sarmento.

sarte = s.m. e f. – sarto, sarta; cfr. anche snaider.

sartora = s.f. – sarta.

sas = s.m. – sasso; sas da caliar sasso di pietra dura, scura, levigata che il calzolaio usa per battere il cuoio.

sasada = s.f. – sassata.

sasar = vr. – lanciare sassate.

sasin = s.m. – assassino; scherz. canaglia; fig. sciupone, fracassone.

sasinar = vr. – assassinare; fig. rovinare, sciupare.

satera = s.f. – satira.

satin = s.m. – raso di cotone; cfr. anche setin.

sauc = s.m. – sambuco; cfr. anche sambuc e saugar.

Saudir = vr. – esaudire; cfr. anche eSaudir.

saugar = s.m. – sambuco; cfr. anche sambuc e sauc.

sausa = s.f. – fortuna; cfr. anche saosa.

saver = vr. – sapere; p.p. sapù; se savesao se sapeste (loc. che si presta ad equivoco con se s’aves ao se si avessero api, sott. si mangerebbe miele; che ’l sapa che io sappia o che egli sappia; se saves se sapessi; che sonte mi? che ne so io?; se sa è noto; saite ben de lì! che ne so io!; saite ben mi! che ne so io!; saver na pagina pù del libro detto di chi si atteggia a sapientone; sonte ben mi non so nulla.

sbabar = vr. – chiacchierare a vanvera; spettegolare.

sbacanar = vr. – far baccano, baldoria.

sbacilar = vr. – vacillare; farneticare, vaneggiare; cfr. anche bacilar.

sbadazar = vr. – sbadigliare.

sbaderla = s.f. – chiacchiera.

sbaderlar = vr. – chiacchierare a vanvera; spiattellare.

sbadilar = vr. – lavorare di badile, vangare, spalare.

sbagiana = s.f. – prugna fasulla.

sbagiola = agg. f. – discinta, trasandata.

sbaiar = vr. – abbaiare.

sbalanza = s.f. – altalena, gioco.

sbalanzadora = s.f. – altalena; a sbalanzadora balzelloni.

sbalanzar = vr. – dondolare, dondolarsi; ballonzolare.

sbalar = vr. – sballare, andare fuori fase; sbagliare per eccesso o per difetto.

sbalegiar = vr. – calpestare.

sbali = s.m. – sbaglio.

sbalinar = vr. – impallinare.

sbalonà = agg. – sballato; sbagliato.

sbalordì = agg. – sbalordito.

sbalosà= agg. – scombussolato; perseguitato dalla sfortuna.

sbalotar = vr. – sballottare.

sbalz = s.m. – balzo, salto; sbalzo; de sbalz di scatto.

sbancar = vr. – sbancare terreno.

sbandà = agg. – sbandato; persona sbandata; che ha perso il controllo della guida.

sbanzeghe = s.f. pl. – quattrini, soldi; cfr. anche svanzeghe.

sbaota = agg. f. – misera, grama.

sbara = s.f. – bara, cassa da morto.

sbaracar = vr. – gozzovigliare.

sbarada = s.f. – sparo.

sbarar = vr. – sparare; p.p. sbarà; sbarà fora da ’n canon velocissimo.

sbarazar = vr. – sbarazzare.

sbarbar = vr. – sbarbare, radere la barba; scialacquare; divorare.

sbarbetola = s.f. – barba; pelo; filamento; radice penzolante; pipita.

sbarbola = s.f. – barba; pelo.

sbardelà = agg. – temerario; sfrenato.

sbardelar = vr. – spiattellare; chiacchierare.

sbardele = s.f. pl. – orecchie; cfr. anche sbarzele.

sbardelon = s.m. – sbraitone.

sbarole = agg.- di abito o calze lasciati a bracaloni sulle caviglie.

sbarzele = s.f. pl. – orecchie; cfr. anche sbardele.

sbataiar = vr. – battagliare; disputare.

sbater = vr. – sbattere; p.p. sbatù; sbater giò l’oo frullare 1’uovo; sbatù sbattuto; intristito, sparuto.

sbatociar = vr. – sbatacchiare; rintoccare; p.p. sbatocià.

sbava = s.f. – bava, saliva; sbavatura.

sbecar = vr. – sbeccare; sboccare.

sbecolar = vr. – beccare; piluccare; sbeccare.

sbefardo = agg. – beffardo.

sbefeger = s.m. – beffeggiatore.

sbefegiar = vr. – beffeggiare; scimmiottare; imitare burlescamente qualcuno.

sbegotar = vr. – rimbeccarsi; bisticciare.

sberla = s.f. – schiaffo, sberla; fig. fetta abbondante.

sberlar = vr. – schiaffeggiare.

sberlon = s.m. – manrovescio; cfr. anche sberloton.

sberloton = s.m. – manrovescio; cfr. anche sberlon.

sbesolar = vr. – balbutire; cfr. anche entartaiar.

sbetega = s.f. – brandello di carne di scarso pregio; fig. donna pettegola e bisbetica.

sbevaciar = vr. – sbevazzare; gozzovigliare.

sbezolar = vr. – pilluccare; tirare avanti spaccando il centesimo.

sbianchegiador = s.m. – imbianchino; cfr. anche pitor.

sbianchegiar = vr. – imbiancare; tinteggiare.

sbiaSemar = vr. – biasimare.

sbiavo = agg. – sbiadito.

sbibiar = vr. – cianciare annoiando.

sbiec = agg. – sbieco.

sbighez = agg. – sghimbescio, storto, traverso.

sbigolada = s.f. – spaghettata.

sbir = s.m. – sbirro; birichino, vivace.

sbiSegar = vr. – lavoricchiare; se sbiSega si tira innanzi; cfr. anche biSegar.

sbiSerdolar = vr. – lavoricchiare; zigzagare, procedere a zig-zag.

sblagar = vr. – millantare; fare lo spaccone.

sleberna = s.f. – chiacchierona pettegola.

slebernar = vr. – chiacchierare a vanvera.

sbocacion = agg. – sboccato.

sbociar = vr. – sbocciare; bocciare, colpire una boccia da gioco con un’altra; sbociarse urtarsi, scontrarsi.

sboconada = s.f. – boccone, boccata; sorso; morso.

sbodegar = vr. – affaccendarsi; maneggiare; acconciare alla meno peggio; cfr. anche rozar.

sbofa = s.f. – sboffo nell’abito da donna; schiuma; bava.

sbogia = s.f. – bolgia, rigonfiamento.

sbogiar = vr. – rigonfiare, far pancia (detto di catasta, di muro, di abiti); p.p. sbogià sbocciato; fortunato.

sboia = s.f. – piccola frana di terra.

sbo1f = s.m. – mazza con bocca quadra da un solo lato.

sbolfrada = s.f. – sbuffo; spruzzo; vampata; solforata.

sbolfrar = vr. – solforare; cfr. anche solfrar.

sbo1fri = s.m. pl. – sbuffi nell’abito da donna.

sbolfros = agg. – spruzzato, polverizzato, nebulizzato; leggero, gassoso.

sbolgia = s.f. – bolgia, tasca; nela sbolgia tra camicia e petto; fig. seno fiorente della donna.

sbolognar = vr. – sbolognare, disfarsi di qualcosa o qualcuno.

sboo = s.m. – scarafaggio, blatta; cfr. anche sbovo.

sborar = vr. – sborrare; eiaculare.

sbordelon = agg. – chiassone, fracassone.

sborgna = s.f. – sbornia, ubriacata; cfr. anche bala, mina, piomba, sbronza, simia, stopa, strisa, ciuca, merla, pegora, pita, zorla, sgnerla, sina.

sborsar = vr. – sborsare.

sborsarol = s.m. – borsaiolo.

sbotegiar = vr. – rintoccare.

sbovo = s.m. – blatta; cfr. anche sboo.

sbragherar = vr. – concionare, parlare da saccente.

sbraitar = vr. – sbraitare, vociare.

sbramar = vr. – levare la panna.

sbranar = vr. – sbranare.

sbraSada = s.f. – sbraciata.

sbraSar = vr. – sbraciare, ravvivare la brace; sciogliere i covoni del fieno e spargerlo sul prato per asciugarlo.

sbrec = s.m. – strappo; lacerazione.

Sbrechete = soprannome di famiglia a Sover.

sbregabalon = s.m. – modo frettoloso ed impreciso; a sbregabalòn in modo sciupone e sprecone; in gran quantità.

sbregabudele = s.m. – digestivo composto di grappa calda, miele, radici varie.

sbregacul = s.m. – frutto della rosa canina; anche stropacul.

sbregamandati = s.m. – faccendiere frettoloso e incompetente; a sbregamandati in fretta, in malo modo; el tra giò a sbregamandati piove a rovesci.

sbregar = vr. – strappare, lacerare.

sbreghelar = vr. – belare; vociare, strepitare; cfr. anche breghelar.

sbrendola = s.f. – sbrendolo; brandello di carne; ritaglio di stoffa; straccio; cfr. anche sbrindola.

sbric = agg. e s.m. – mariuolo; temerario; vivace; luogo scosceso; borro.

sbrigar = vr. – sbrigare; eliminare, finire, uccidere.

sbrindola = s.f. – sbrendolo; brandello di carne; ritaglio di stoffa; straccio; cfr. anche sbrendola.

sbrindolar = vr. – sbrindellare; cadere a brandelli; sbrindolar giò ridursi a brandelli.

sbrinz = s.m. – vinello; cfr. anche aquarol e lebz.

sbrinzar = vr. – spruzzare; sprizzare; cfr. anche sbrizetar e sbrinzetar.

sbrinzent = agg. – vivace, brioso.

sbrinzet = s.m. – spruzzatore; schizzatoio; schizzetto.

sbrinzetar = vr. – spruzzare.

sbrioc = s.m. – dirupo; terreno in pendenza e accidentato; borro,

sbris = s.m. – scivolone; en sbris un briciolo.

sbrisada = s.f. – scivolata; fig. scappatella, caduta, errore.

sbrizet = s.m. – spruzzatore; spruzzo.

sbrizetar = vr. – spruzzare; sprizzare.

sbrizolà = agg. – brizzolato.

sbrocar = vr. – sfogare; manifestare; insorgere di eruzioni cutanee.

sbrocia = s.f. – guscio; cfr. anche sgrofola.

sbroco = s.m. – sfogo; eruzione cutanea.

sbrodegon = agg. – sbrodolone, sudicione.

sbrodola = s.f. – broda; bava; lordura.

sbrodolar = vr. – sbrodolare; biascicare, pronunciare male le parole.

sbroginada = s.f. – compagnia numerosa; na sbroginada de fioi una nidiata di figli.

sbronza = s.f. – sbornia; cfr. anche sborgna.

sbronzinar = vr. – suonare; declamare ad alta voce.

sbruginada = s.f. – strato sottile di nevischio o di brina; cfr. anche salinada e brovin.

sbruSacor = s.m. – bruciore di stomaco; cfr. anche bruSacor.

sbruSar = vr. – scottare; bruciacchiare.

sbruSor = s.m. – bruciore.

sbudelar = vr. – sbudellare.

sbugnar = vr. – ammaccare.

sbuleter = s.m. – gagà.

sbuSar = vr. – bucare, forare; p.p. sbuSà.

sbuSo = agg. – bucato; nar sbuSa andare a vuoto; man sbuSe mani bucate.

sbuSolà = agg. – bucherellato; sbuSolada crivellata, bucherellata.

sbutonar = vr. – spintonare.

scacagnà = agg. – scalcagnato; sgangherato; cfr. anche scalcagnà.

scacagnar = vr. – eseguire lavori sgangherati.

scadent = agg. – scadente.

scafa = s.f. – bazza; cengia.

scagn = s.m. – scanno rustico a tre o quattro gambe con schienale; scagn da monger scanno a una gamba per mungitura, senza schienale.

scagnaria = s.f. – gentaglia, canaglia.

scagnel = s.m. – scanno; panchetta poggiapiedi; inginocchiatoio a forma di panchetta; trespolo.

scagnela = s.f. – inginocchiatoio per una persona.

scaia = s.f. – scaglia; scheggia; fig. donna molto magra.

scaiar = vr. – piallare.

scaiarol = s.m. – pialla, pialletto, sponderuola, sponderuola a cornice; scaiarol a barca pialla con ceppo convesso per lavorare superfici concave (interno delle botti).

scaiarola = s.f. – pialla con varie lame fisse per affettare i cavoli cappucci nella preparazione dei crauti.

scainar = vr. – guaire; fig. tossire.

scala = s.f. – scala; da scala a canter di palo in frasca.

scala = s.m. – piano di carico del carro a forma di scala; erpice di ramaglie per lo spianamento del letame nei prati.

scalar = vr. – scalare, salire; detrarre; p.p. scalà.

scalcagnà = agg. – scalcagnato; cfr. anche scacagnà.

scalcifera = s.f. – pappa, minestra.

scaldalet = s.m. – scaldaletto, caldano a brace.

scaldana = s.f. – caldana al viso.

scaldar = vr. – scaldare; scaldar cola istigare, eccitare l’un contro l’altro ad arte.

scaldarizi = s.m. – arricciacapelli, calamistro.

scaldina = s.f. – scaldaletto, scaldino ad acqua; caldana al viso.

scalfaroti = s.m. pl. – scalferotti, calzerotti di lana per tenere caldi i piedi; cuccioli di lepre.

scalfodro = s.m. – giovinastro; discolo.

scalmanà = agg. – scalmanato.

scalon = s.m. – scala di legno a pioli inseriti in un solo staggio.

scaltro = agg. – scaltro, furbo.

scalvagagia = s.f. – averla, uccello carnivoro dei passeriformi.

scalz = s.m. – calcio del fucile; cassetto del canterano.

scalzar = vr. – scalciare, recalcitrare.

scambi = s.m. – scambio; en scambi in cambio, contraccambio.

scambiar = vr. – scambiare.

scampada = s.f. – scappata; capatina.

scampar = vr. – scappare, fuggire; scampar l’ocio adocchiare.

scampol = s.m. – scampolo; cfr. anche cavez.

scanà = agg. – scannato; affamato; senza un soldo.

scanar = vr. – scannare.

scandaiada = s.f. – scandagliata; occhiata scrutatrice.

scanda1 = s.m. – scandalo; cfr. anche scandol.

scandela = s.f. – erba brusca, setolone, coda di cavallo.

scandol = s.m. – scandalo; cfr, anche scandal.

scandola = s.f. – scandola, tavoletta di legno per la copertura dei tetti.

scandorlot = s.m. – barattolo di latta.

scanfurlada = s.f. – allegria sfrenata, baraonda; infrazione alle regole.

scanfurlo = s,m. – birichino e vivace; gaudente sfrenato.

scantinar = vr. – scantinare, stonare; tintinnare; scricchiolare.

scantonar = vr. – deviare, sbagliare.

scanzia = s.f. – scansia, scaffale; cameretta con scansia o scaffalatura ad uso ripostiglio.

scanziol = s.m. – ciascuno dei vani dello scaffale; piccolo locale uso ripostiglio e attrezzato con scansia.

scaoros = s.m. – codirosso; cfr. anche scoaros e consolat.

scapelada = s.f. – errore; sproposito; indelicatezza; cfr. anche capelada.

scapol = s.m. e agg. – scapolo, celibe; cfr. ariche gotal.

scaragna = s.f. – sverza, scheggia di legno.

scaramuci = s.m. – carta da gioco che spazza tutte le carte in tavola.

scaranzi = s.m. pl. – soldi.

scarar = vr. – scacciare, allontanare.

scarmenar = vr. – sparpagliare, spandere; cfr. anche somenar e sparpaiar.

scarnà = agg. – scarnato; detto della pelle arrossata per sfregamento, specie all’interno della coscia. scarnevalada = s.f. – carnevalata.

scarogna = s.f. – scalogna, sfortuna.

scarpa = s.f. – scarpa; scarpe dai ciodi scarpe chiodate (cfr. anche persue); scarpe dale broche scarpe munite di brocche, da montagna.

scarpi = agg. – calzato.

scarpa = agg. – a forma di pendio.

scarpel = s.m. – scalpello; pl. scarpei; fig. scarpei unghie troppo lunghe.

scarpete dela Madona = s.f. pl. – martellina silvestre (Polygala chamaebuxus, var. alpinus).

scarpinar = vr. – scarpinare, camminare a lungo e faticosamente.

scarpion = s.m. – scorpione.

scarpir = vr. – tribolare; da scarpir da faticare.

scarponi = s.m. pl. – scarponi, scarpe da montagna; scarponi da carpela scarponi adatti per ramponi da ghiaccio.

scars = agg. – scarso.

scarsela = s.f. – tasca (cfr. anche bolga, gaiofa, sbolgia, tolfa); no ’l se sbrega via le scarsele non si da pensiero.

scart = agg. e s.m. – scarto; rifiuto, marame.

scartabel = s.m. – scartabello; manifesto; targa.

scartagi = s.m. pl. – scardassi, pettini per scardassare la lama.

scartar = vr. – scartare, rifiutare; estrarre qualcosa da un involucro di carta; levare al filo della lana la parte priva di resistenza; assottigliare il ferro rovente battendolo; eliminare le carte da gioco che non interessano.

scartegiar = vr. – cardare.

scartin = s.m. – scartina, carta da gioco di valore scarso o nullo.

scartoc’ = s.m. – cartoccio; sacchetto di carta; fig. scarto, riformato alla leva.

scarubia = s.f. – attrezzo innestato a prua del carro, per trattenere il palo pressatoio del fieno. La scarubia è alta circa 150 cm., con la forma di una scala rastremata in basso donde, 1’immaginazione di uno scheletro umano rovesciato; al fig. malaticcio, debole.

scasar = vr. – scassare, rompere.

scat = s.m. – scatto, balzo.

scatarar = vr. – scatarrare, espettorare.

scatola = s.f. – scatola; muratura della casa in costruzione; roter le scatole dare noia; pl. scatole testicoli.

scatolin = agg. – scattante; vivace, tutto pepe.

scatolina = s.f. – piccola scatola.

scavador = s.m. – scavatore, addetto ai lavori di scavo.

scavalcar = vr. – scavalcare; sorpassare.

scavar = vr. – scavare.

scavez = s.m. – scavezzo; giovane porco.

scavezar = vr. – scapezzare, spezzare; attraversare una strada.

scavezon = nella loc. da scavezon a scavezzacollo, a sghimbescio; nar giò de scavezon scendere a rompicollo.

scazà = agg. – sdentato.

scefon = s.m. – ceffone.

scentenar = vr. – scuotere.

scepa = s.f. – schiappa.

scet = agg. – schietto, genuino, sincero.

scetient = agg. – straordinario, autentico.

schec = s.m. – spavento; paura; cfr. anche pipacul.

schechenar = vr. – tentennare.

schefia = s.f. – cuffia; berretto floscio, logoro; cfr. anche scufia.

schei = s.m. pl. – centesimi; soldi, danaro.

schelfa = s.f. – crosta; crosta lattea.

schena = s.f. – schiena; trar giò dala schena scaricarsi di pesi materiali o morali; schenadrita scansafatiche.

schenal = s.m. – schienale; spalliera.

schenetro = s.m. – scheletro; carcassa; telaio.

scherzar = vr. – scherzare.

schicherar = vr. – schiccherare, bere in continuazione; preparare bevande calde con frequenza.

schifo = s.m. – schifo, ribrezzo.

schiociar = vr. – chiocciare; fig. poltrire.

schiocir = vr. – chiocciare.

schiofola = s.f. – guscio della chiocciola; cfr. anche scrofola e sgrofola.

schiramela = s.f. – capriola, capitombolo.

schirat = s.m. – scoiattolo.

schiribiz = s.m. – ghiribizzo; fig. persona vivace, spericolata, stravagante.

schivar = vr. – schivare.

sciaberlar = vr. – sproloquiare, chiacchierare a vanvera.

sciaca = s.f. – botta, colpo.

sciafa = s.f. – schiaffo.

sciafon = s.m. – manrovescio; schiaffo morale.

scianta = s.f. – pezzettino, frammento.

sciantona = s.f. – donna arruffata, scapigliata.

sciao = voce di saluto – ciao; e sciao e basta, formula per chiudere un argomento in modo sbrigativo.

sciaosi = s.m. pl. – cavoli stenti nello sviluppo.

sciap = s.m. – schiera, gruppo; branco; sciame;

sciapin = s.m. – schiappa; scalpello per smussare sassi.

sciapotar = vr. – acciarpare.

sciapoton = s.m. – sbercia, persona assolutamente incapace.

sciarabotana = s.f. – cerbottana; fig. chiacchierone, vacuo.

sciarir = vr. – schiarire; sfoltire.

sciatada = s.f. – zampata; manata.

sciatonar = vr. – zampare; arraffare, ghermire; frugare con le mani.

sciaus = agg. – smunto, patito, sciupato.

sciava = s.f. – uva schiava o schiavona.

scifonar = vr. – frignare; fare smorfie.

scimar = vr. – cimare, spuntare, capitozzare.

sciocar = vr. – schioccare; battere; scioca el sol il sole dardeggia.

sciop = s.m. – schioppo, fucile; sc’iop dala lipa arcobalestro costruito dai ragazzi con le stecche di ombrello.

sciopar = vr. – scoppiare; esplodere; p.p. sciopà scoppiato, prostrato da eccessivo sforzo.

sciopetada = s.f. – fucilata; sciopetada de crauti crocchia di capelli o peli rigidi e scarsi.

sciopete = s.f. pl. – mughetti (Convallaria majaflis); genzianelle (Gentiana aeaulis).

sciopeti = s.m. pl. – strigoli (Silene inflata).

sclemeSa = agg. f. – malaticcia; tonta; deficiente.

sclemperno = agg. – malaticcio.

scoa = s.f. – scopa di saggina; cfr. anche spazadora; scopa, gioco a carte; scoa de ciasche ramazza di erica.

scoà= agg. – avvilito, umiliato, con la coda tra le gambe; cfr. anche scoilà.

scoala = s.f. – ventolana (Bromus arvensis).

scoanio = s.m. – ultimo nato della covata.

scoar = vr. – scopare; scacciare.

scoaros = s.m. – codirosso; cfr. anche scaoros e consolat; scoaros negro codirosso spazzacamino; cfr. anche oSel dei camini.

scoat = s.m. – scopino di ginestra raggiata o di erica arborea; codino; ciocca di capelli raccolti a mazzetto.

scoatar = vr. – scodinzolare; scoprire e cacciare la preda; inseguire.

scocolador = s.m. – bevitore fino all’ultimo

scocolar = vr. – sgocciolare; scolare, bere; cfr. anche scucolar.

scodega = s.f. – cotenna, cotica.

Scodeghi = soprannome di famiglia a Cembra.

scodir = vr. – riscuotere, incassare soldi; fig. ricevere botte.

scoerger = vr. – coprire; p.p. scoergiù.

scoghegir = vr. – cucinare con molto impegno.

scoilida = s.f. – avvilimento, umiliazione.

scoilà = agg. – avvilito, umiliato, con la coda tra le gambe; cfr. anche scoà.

sco1 = s.m. – scolo di liquidi o di umori; blenorragia.

scola = s.f. – scuola.

scolà = agg. – istruito.

scolà = agg. – scollato (detto di abito, soprattutto femminile).

scolar = vr. – scolare, colare di liquidi, sgocciolare.

scolar = s.m. – scolaro.

scolina = s.f. – scolina; cunetta stradale.

scolobiar = vr. – intorbidire; agitare un liquido; fig. ammattire; p.p. scolobià intorbidito, uovo non fecondato.

scolobie = s.f. pl. – acqua torbida della lavatura delle stoviglie.

scolpir = vr. – scolpire; p.p. scolpì.

scoltar = vr. – ascoltare.

scoltura = s.f. – scultura.

scomandarar = vr. – spadroneggiare.

scomanderes = s.m. – uomo prepotente e autoritario.

scombater = vr. – combattere; faticare molto.

scomenzar = vr. – incominciare; p.p. scomenzà; cfr. anche scomenziar.

scomenziar = vr. – cominciare; p.p. scomenzià; cfr. anche scomenzar.

scometer = vr. – scommettere; p.p. scometù.

scompagnà = agg. – scompagnato, spaiato.

sconder = vr. – nascondere.

scondileoro = s.m. – gioco a rimpiattino.

scondirol = s.m. – sotterfugio; far scondirol cucinare leccornie di nascosto.

scondirola = s.f. – sotterfugio; gherminella.

scondòn = nella loc. de scondòn di nascosto.

sconfion = s.m. – strattone, spintone.

sconfinar = vr. – strattonare.

sconfondù = agg. – confuso, smarrito.

sconquasà = agg. – sconquassato.

scontegiar = vr. – conteggiare, far di conto.

scontrar = vr. – incontrare; incrociare; scontrare; cozzare.

scontros = agg. – scontroso, poco socievole.

sconvolgiment = s.m. – sconvolgimento, turbamento fisico o morale.

scopela = s.f. – batosta, grave danno; scappellotto.

scopelada = s.f. – manrovescio; batosta, grave danno.

scopelon = s.m. – scapaccione.

scopin = s.m. – scappellotto; fascia di stoffa o di cuoio in sostituzione della tomaia; tomaia; parte posteriore interna della tomaia; cfr. anche tronchet.

scoregiar = vr. – scoreggiare.

scoria = s.f. – frusta.

scoriada = s.f. – frustata.

scoriandoli = s.m. pl. – coriandoli.

scorios = agg. – curioso; cfr. anche corios.

scorioSar = vr. – curiosare; cfr. anche corioSar.

scorlaperi = s.m. – insensato; persona volubile.

scorlar = vr. – scuotere; ciurlare, tentennare; smuovere, scrollare; scorlar en la testa ciurlare nel manico, mancare di senno; scorlar la litera fare l’amore a letto.

scorleta = agg. f. – sciocchina; cfr. anche scorlina.

scorlina = agg. f. – sciocchina; cfr. anche scorleta.

scor1on = s.m. – scrollata; sussulto da spavento; scossone.

scornada = s.f. – cornata; scorno, umiliazione.

scornar = vr. – scornarsi, cozzare con le corna.

scorsor = s.m. – messo comunale; cfr. anche meso e servo del comun.

scorta = s.f. – scorta, accompagnamento; provvista accantonata.

scortar = vr. – accorciare.

scortar = vr. – scortare, accompagnare.

scortarol = s.m. – scorciatoia; cfr. anche scortol.

scortelada = s.f. – coltellata.

scortol = s.m. – scorciatoia; cfr. anche scortarol.

scorza = s.f. – scorza, corteccia; buccia; pelle, nel signif. di vita fisica dell’uomo.

scorzar = vr. – scortecciare; scorticare; far perdere al gioco; p.p. scorzà.

scorzi = s.m. pl. – sciaveri, ritagli nella squadratura del legname.

scosa = s.f. – scossa, scuotimento; tremito; brivido; turbamento; scossa elettrica.

scoSer = vr. – bruciare, scottare; detto del calore prodotto da infiammazione.

scotada = agg. e s.f. – scottata; bruciatura.

scotadura = s.f. – scottatura.

scotar = s.f. – scottare; p.pres. scotent che scotta, rovente.

scoton = s.m. – aiutante del casaro addetto alla lavorazione del formaggio in malga.

scoton = s.m. – grave scottatura.

scozi = agg. – sudicio, sporco.

scracheSa = s.f. – persona o cosa sgangherata.

scracheSada = s.f. – acciarpatura; fig. coito.

scracheSar = vr. – acciarpare.

screanzà = agg. – screanzato, maleducato.

screpolar = vr. – screpolare; crepitare.

scrimia = s.f. – criterio, buon senso.

scrinzerni = s.m. pl. – soldi, denari.

scritori = s.m. – scrittoio, scrivania.

scrivant = s.m. – scrivano.

scriver = vr. – scrivere; p.p. scrit scritto; documento scritto.

scroa = s.f. – scrofa; fig. mondana.

scroc = s.m. – scrocco; scatto; a scroc a scrocco, a spese altrui.

scrocon = s.m. – scroccone.

scrofola = s.f. – scrofola; guscio della chiocciola; cfr. anche sgrofola.

scrofolà = agg. – scrofoloso.

scrofolada = s.f. – bastonatura energica.

scrofole = s.f. pl. – scrosci; fig. botte, percosse.

scrupol = s.m. – scrupolo.

scrupo1os = agg. – scrupoloso, diligente, coscienzioso.

scucolar = vr. – scolare, bere; sorbire l’uovo fresco; scroccare; sgocciolare; scucolar giò en bicerot tracannare un bicchiere di vino.

scudela = s.f. – scodella.

scufia = s.f. – cuffia; cfr. anche schefia.

scufon = s.m. – calzino, calzerotto; en scufon con i soli calzini ai piedi.

sculaciar = vr. – sculacciare; sculaciar le carte disporre in mazzo le carte da gioco.

sculatar = vr. – sculettare.

scultor = s.m. – scultore.

scur = s.m. – imposta della finestra.

scur = agg. e s.m. – scuro, oscuro.

scuri = s.m. pl. – scuri, serramenti, imposte; sberlar for i scuri spalancare le imposte.

scurir = vr. – scurire, diventar scuro; annottare.

scus = agg. – scusato, giustificato; dispensato, esonerato; son scus sono esonerato, sono dispensato. scuSa = s.f. – scusa, pretesto; giustificazione a discolpa.

sdalmedron = s.m. – ciabattone, che cammina male e rumorosamente; cfr. anche dalmedra.

sdedada = s.f. – ditata.

sdindonar = vr. – dondolare, oscillare, ondeggiare.

sdragola = s.f. – strascico; codazzo di gente o di ragazzi.

sdramadic = s.m. – ramo staccato dal tronco; bacchetta; cfr. anche sdrembel.

sdramadiciar = vr. – percuotere, bastonare.

sdramar = vr. – diramare, togliere i rami; fig. parlare pesantemente sul conto altrui; cfr. anche dramar.

sdramaz = s.m. – saccone di scartocci di granturco; cfr. anche paion e sfoiaz.

sdravac = s.m. – acquazzone; rigurgito; cfr. anche slavac.

sdravacar = vr. – coricare; sdraiare; piovere a dirotto; sdravacarse coricarsi in atteggiamento scomposto.

sdravela = agg. e s.m. – sciupone, disordinato; temerario; sdravelon accr. di sdravela.

sdregia = s.f. – striglia; brusca.

sdregiar = vr. – strigliare; fig. bastonare.

sdrembel = s.m. – ramo staccato dal tronco; bastone.

sdremblada = s.f. – bastonata.

sdrenar = vr. – picchiare forte.

sdrigiar = vr. – strigliare; fig. pettinare.

sé = s.f. – sete; parar la sé dissetare.

se = cong. – se; se l’e par quel loc. con valore rafforzativo della frase che la precede; semai semmai, caso mai, qualora; semai pasao, vegni a ne gatar qualora passaste di qui venite a trovarci; inteso scherz. se non passate mai di qui, venite a trovarci; se no altrimenti.

se = pron. – se.

seanca = cong. – benchè, sebbene; cfr. anche sianca.

sebi = s.m. – acciarino della ruota.

seboir = vr. – sobbollire.

sec = agg. – secco, magro, asciutto; arso; duro.

seca = s.f. – magra, secca, scarsita d’acqua; fig. la morte personificata.

secacoioni = s.m. – seccatore, scocciatore; cfr. anche secacorni.

secacorni = s.m. – seccatore, scocciatore; cfr. anche secacoioni.

secaia = s.f. – seccaia.

secar = vr. – seccare, essiccare; infastidire.

secascatole = s.m. – seccatore; scocciatore; cfr. anche secacoioni e secacorni.

secatrice = s.f. – cicatrice.

secia = s.f. – secchia di legno per abbeverare le bestie.

seciar = s.m. – acquaio di cucina.

secio = s.m. – secchia per l’acqua, per lo più di rame.

secodal = agg. – secco, molto magro.

secol = s.m. – secolo.

secondina = s.f. – placenta.

secont = agg. e s.m. – secondo.

secret = agg. e s.m. – segreto.

secretari = s.m. – segretario; cfr. anche segretari.

secum = s.m. – seccume.

secur = agg. – sicuro.

securar = vr. – assicurare; cfr. asecurar.

seda = s.f. – seta; setola; sede de cial setole di acciaio per calzolaio; sede de rugant setole della schiena del maiale.

sedar = vr. – sedare, calmare.

sedes = agg. – sedici.

sedola = s.f. – setola; cfr. anche seda; pelo cervino; nardo sottile (Nardus stricta); festuca (Festuca pratensis); capello di strega, cuscuta; gordio (Gordius aquaticus) verme filiforme che vive nell’acqua dolce.

sega = s.f. – sega; segheria; masturbazione virile; tirar la sega tirar per le lunghe.

segadori = s.m. pl. – falciatori; faville di fuliggine.

segadure = s.f. pl. – segatura.

segala = s.f. – segala; segala salvadega orzo selvatico (Hordeum murinum).

segantin = s.m. – segantino, operaio addetto alla segheria; cfr. anche segheta.

segar = vr. – segare; falciare.

segat = s.m. – segantino; cfr.’ anche segantin e segheta.

seghet = s.m. – seghetto.

segheta = s.m. – segantino; cfr. anche segantin e segat.

segheta = s.f. – sega da falegname intelaiata.

segil = s.m. – sigillo, timbro.

segn = s.m. – segno; meter la testa a segn metter giudizio; fil del segn filo del pensiero.

segnador = s.m. – segnapunti, incaricato di tenere il conto dei punti fatti durante il gioco; cfr. anche stileta.

segnar = vr. – segnare; annotare; indicare; ghe segnar la strada indicare la via giusta.

segon = s.m. – segone, grande sega da boscaiolo con lama libera tra due impugnature; grande sega intelaiata ad arco.

segosta = s.f. – catena da fuoco cui si aggancia il paiolo o la marmitta; molar giò la segosta metter qualcosa al fuoco per festeggiare una visita gradita, inaspettata. Prov.: i anei de la segosta en tute le ca’ i se foca.

segras = s.m. – crine vegetale per imbottire materassi e cuscini.

segretari = s.m. – segretario; cfr. anche secretari.

seguent = agg. – seguente, successivo; uniforme.

seguit = s.m. – seguito, continuazione.

segur = agg. – sicuro; cfr. anche secur.

segurar = vr. – assicurare; cfr. anche securar.

segurtà = s.f. – sicurtà, garanzia.

segutar = vr. – seguitare, continuare, insistere.

sei = agg. – sei.

sela = s.f. – sella da cavallo; sella da bicicletta; valico montano.

selar = s.m. – sellaio.

selar = vr. – sellare.

selem = s.m. – sedano; selem mat pimpinella, salvastrella.

selin = s.m. – scellino, moneta; sellino della bicicletta.

selva = s.f. – selva, bosco.

selvadec = agg. – selvatico; zotico; rustico; solitario; cfr. anche salvadec.

semenar = vr. – seminare; sciamare; cfr. anche somenar.

semole = s.f. – semola, crusca.

semosant = s.m. – semesanto, santonico.

sempatico = agg. – simpatico.

sempi = agg. – semplice; singolo; cfr. anche semplize.

sempiòn = agg. – semplicione.

sempiterni = s.m. pl. – fiori semprevivi dell’antennaria (Antennaria dioica).

semplize = agg. – semplice; cfr. anche sempi.

sempro = avv. – sempre.

sena = s.f. – scena; litigio, scenata.

sena = s.f. – senna (Cassia acutifolia).

senada = s.f. – scenata, litigio.

seneghì = agg. – intristito, sciupato; cfr. anche saneghì.

senestro = agg. – sinistro, sfavorevole, scomodo; s.m. – reumatismo, lombaggine.

Sensa = s.f. – festa dell’Ascensione di Gesù; cfr. anche Asensa e AsenSion.

sensar = s.m. – sensale, mediatore.

sensaria = s.f. – senseria.

senSibile = agg. – sensibile.

senSo = s.m. – senso, buon senso; impressione, sensazione sgradevole; el me fa senSo mi fa impressione.

senta = s.f. – sedile; qualsiasi posto su cui si possa sedere.

sental = s.m. – sedile.

sentar = vr. – sedere; sentarse giò sedersi; en senton sedere a letto o a terra tenendo le gambe orizzontalmente; sentete giò siediti.

sentar = s.m. – sedimento, fondaccio, feccia.

sentenza = s.f. – sentenza, assegnazione del castigo; per est. castigo.

sentiment = s.m. – sentimento; consapevolezza; giudizio, senno; sensibilita; senza sentiment detto di cibo senza sapore, o di persona senza criterio, o di lavoro eseguito senza cura.

sentir = vr. – sentire; udire; annusare; assaggiare; toccare; no me la sento non sono in grado.

Senzi = soprannome di famiglia a Cembra.

seo = s.m. – sego; strutto per condimento; grasso animale per fabbricare candele.

separar = vr. – separare; dividere i contendenti; cfr. anche destacar.

sepolcro = s.m. – sepolcro, tomba; l’e come ’n sepolcro e persona segreta e fidata.

sepolir = vr. – seppellire.

sepoltura = s.f. – sepoltura; funerale; cfr. anche obito.

sequestrar = vr. – sequestrare.

sera = s.f. – briglia che regola il deflusso dell’acqua del torrente; cateratta; cfr. anche usara.

sera = s.f. – sera; alsera iersera.

seradura = s.f. – serratura.

serament = s.m. – serramento; strozzatura; serament de fià soffocamento; asma.

serar = vr. – serrare, chiudere; rimarginare; serar en preSon mettere in prigione; a seraoci a occhi chiusi, con la massima fiducia; a colpo sicuro.

serc = s.m. – cerchio di ferro o di legno; cerchio della botte; ognuno dei cerchi della cucina economica; cfr. anche ridol.

sercion = s.m. – cerchione della ruota.

seren = agg. – sereno, sgombro di nubi; chiaro, limpido; acqua serena acqua limpida; tranquillo. serenarse = vr. – rasserenarsi; tranquillizzarsi; tornare limpido, schiarirsi di un liquido.

serio = agg. – serio; severo.

sermandola = s.f. – salamandra; cfr. anche sarmandola.

serp = s.m. – serpe, maschio della vipera.

serva = s.f. – domestica, donna di servizio.

servo = s.m. – servo tuttofare, servitore; servo del comun messo comunale; cfr. anche meso

sesantanove = agg. – sessantanove; fig. una posizione particolare nei giochi amorosi.

sesanti = s.m. pl. – tavole di legname dello spessore di cm. sei.

seser = s.m. – pallina da gioco in creta o vetro o sasso.

sesla = s.f. – falciola, falce messoria.

seslar = vr. – mietere.

seslarol = s.m. – varietà di mela che matura nel tempo della mietitura, mela lugliatica.

seslon = s.m. – rondone alpino (detto cosi per la forma della coda).

sest = s.m. – ordine, posizione, assetto; senno.

sest = agg. – sesto.

sesta = agg. – assestato, sistemato; assennato.

seta = agg. – assettato, attillato.

sete = agg. – sette; pl. seti; fig. strappo; setepasi specie di ballo.

setemana = s.f. – settimana; cfr. anche stimana.

setil = agg. – sottile.

setimin = agg. – settimino, nato tra il settimo e l’ottavo mese di gravidanza.

setin = s.m. – raso di cotone; cfr. anche satin.

Sevegnan = top. – Sevignano, fraz. di Segonzano.

sever = agg. – severo, serio.

Sezilia = top. -Sicilia; siziliani, ziziliani siciliani.

sezion = s.f. – intromissione, interferenza; discordia; meter sezion seminare zizzania.

sezionar = vr. – fomentare discordia.

sfacender = s.m. – faccendone.

sfachinar = vr. – sfacchinare.

sfacià = agg. – sfacciato.

sfadigar = vr. – faticare.

sfadigon = s.m. – uso alla fatica; laborioso.

sfadigos = agg. – faticoso.

sfagotolar = vr. – nascondere qualche cosa in un fagotto; preparare, inutilmente, piccoli involti.

sfals = agg. – falso; sfalsato.

sfalsar = vr. – sfalsare; tralignare; stonare; sfalsar la raza tralignare.

sfalset = s.m. – falsetto, canto in falsetto.

sfaltar = vr. – asfaltare.

sfantar = vr. – dileguare; sparire; dissipare; diradare; scomporre.

sfaSolar = vr. – sgusciare fagioli; uscire dal guscio, detto delle prugne che si spaccano prima della maturazione.

sfaSolò = s.m. – raduno serale di ragazzi e ragazze per sgusciare fagioli; cfr. anche filò.

sfegatà = agg. – sfegatato.

sfegurar = vr. – sfigurare, far cattiva figura; alterare l’aspetto.

sfenda = s.f. – fenditura, crepa, spaccatura.

sfender = vr. – fendere, spaccare.

sferluz = s.m. – otturatore del fucile; chiavistello.

sfeSa = s.f. – fessura; fenditura; incrinatura.

sfesel = s.m. – pezzo di legno da ardere staccato per fenditura dal pezzo più grosso; cfr. anche sleber.

sfiabolon = s.m. – fanfarone.

sfiadegar = vr. – sfiatare; ansare; cfr. anche sadegar.

sfiamada = s.f. – fiammata.

sfiancar = vr. – sfiorare leggermente i fianchi.

sfianconar = vr. – urtare con i fianchi.

sfiantuSem = s.m. – bagliore; lampo; fig. attimo.

sfiatarse = vr. – sfiatarsi gridando.

sficonar = vr. – sfruconare, frugare col tirabrace.

sfietar = vr. – affettare, tagliare a fette.

sfietarola = s.f. – affettatrice a mano.

sfilà = agg. – sfilato, uscito dall’infilato.

sfilampolar = vr. – sfilare, far uscire dall’infilato.

sfilza = s.f. – filza; serie.

sfionda = s.f. – fionda; cfr. anche sfronza.

sfioranzesi = s.m. pl. – luppolo; cfr. anche broscanzoli; vitalba (Clematis vitalba).

sfiorar = vr. – sfiorare, toccare leggermente di sfuggita; lambire.

sfirzona = s.f. – forchetta; anche sforzina.

sflagel = s.m. – flagello; fig. moltitudine, gran quantità.

sflec = s.m. – fetta; pezzo; cfr. anche flec.

sfleternada = s.f. – lavoro eseguito affrettatamente e alla carlona.

sflichenar = vr. – rammendare.

sflorie = s.f. pl. – spropositi verbali, sfarfalloni.

sflorion = s.m. – chiacchierone che incorre in grandi sfarfalloni.

sfodegar = vr. – frugare.

sfogar = vr. – sfogare.

sfogiar = vr. – sfoggiare.

sfris = s.m. – friso; sfregio, striscio; graffio; a sfris rasente.

sfriSar = vr. – scalfire; sfregiare; rasentare.

sfriSela = s.f. – saetta.

sfriSon = s.m. – striscio, graffio; uccello frosone.

sfrizon = s.m. – fitta acuta.

sfrontà = agg. – sfrontato, sfacciato.

sfronza = s.f. – fionda; cfr. anche sfionda.

sfronzon = s.m. – fannullone, vagabondo.

sfrotolar = vr. – biascicare, parlare in modo confuso.

sfroto1on = s.m. – frottolone; borbottone.

sfrugn = s.m. – acciarpamento, lavoro mal fatto; rimasuglio; intrico ingannevole.

sfrugnar = vr. – acciarpare, pasticciare; rovistare; pasticciare col cibo nel piatto.

sfrugnarot = s.m. – rimasuglio, avanzo di cibo.

sfruz = agg. e s.m. – piccolo e mingherlino, esile.

sgabanada = s.f. – coito.

sgabezada = s.f. – inciampata.

sgalar = vr. – sciogliere la calce viva nell’acqua; cfr. anche far for la calc’.

sgalembro = agg. – sghembo; dinoccolato.

sgaloze = s.f. pl. – zoccoli, calzature alte con suole di legno e tomaia intera; cfr. anche dalmedre. sgalozon = s.m. – zoccolone, detto di chi cammina in modo rozzo e rumoroso; cfr. anche sdalmedron. sgalton = s.m. – schiaffone; cfr. anche galta.

sgamberlada = s.f. – distorsione; stiramento dei muscoli alle gambe o dei legamenti delle articolazioni; sgambata.

sgamberlar = vr. – zoppicare.

sgamber1on = s.m. – spilungone.

sgambetar = vr. – sgambettare; correre; fare lo sgambetto.

sganasarse = vr. – sganasciarsi.

sgangagnada = agg. f. – sgangherata.

sgangherà = agg. – sgangherato.

sgaorgn = agg. – vuoto, svuotato, vano; bucato; incavato; cariato (di dente); cfr. anche sgaus.

sgarar = vr. – sgarrare, sbagliare, deviare; uscire dalla retta via.

sgaretoi = s.m. pl. – garretti; per est. gambe.

sgaretola = s.f. – gamba.

sgarzar = vr. – garzare; spampanare le viti; mangiare molto e di ogni cibo.

sgarzi = s.m. pl. – tralci della vite; pampini.

sgaus = agg. – vuoto, vano (detto di guscio, baccello, legno, dente cariato, ecc.).

sgausar = vr. – svuotare un frutto, una zucca, un tronco, un dente, ecc. lasciando intatto 1’aspetto esteriore.

sgazeron = s.m. – chiassone, chi fa gazzarra o baccano.

sgenda = s.f. – scaglia, scheggia; briciola; fig. rompicollo, birbone, furbo, dissoluto, simpatica canaglia.

sgeva = s.f. – scheggia, sverza conficcata nella pelle; cfr. anche scaragna.

sgheghenar = vr. – lavorare con molta lentezza; procedere a sghembo.

sgheghenon = s.m. – persona lenta, tarda; cfr. anche gheghenon.

sgherlar = vr. – azzoppare.

sgherlo = agg. – zoppo, sciancato.

sghiciar = vr. – schiacciare; premere; schizzare.

sghigognar = vr. – scricchiolare; traballare; strimpellare uno strumento musicale.

sghinc= s.m. – sguincio; de sghinc di striscio.

sghiron = s.m. – taccone, toppa; strappo.

sghit = s.m. – pollina, sterco degli uccelli.

sghita = s.f. – diarrea; cfr. anche direa e cagarela.

sgiandai = agg. – trasandato; vagabondo.

sgiandin = s.m. – scalpello robusto e corto per intaccare la pietra, utilizzato dallo scalpellino; cfr. anche sciapin.

sgiandon = s.m. – bighellone.

sgiavanel = s.m. – manganello, bastone; cfr. anche sgiavel.

sgiavel = s.m. – manganello, bastone; cfr. anche sgiavanel.

sgiavelada = s.f. – bastonata.

sgiave1on = nella loc. de sgiavelon in modo disordinato e precipitoso.

sgiaventar = vr. – scaraventare; sbalestrare.

sgionf = agg. – gonfio; vaca sgionfa vacca affetta da timpanite.

sgionfar = vr. – gonfiare; ingravidare; saziare; ingrassare.

sgionfabaloni = s.m. – fanfarone.

sgionfeta = s.f. – vescica; fig. signorinella con i primi segni della pubertà.

sgionfeti = s.m. – sboffi; fitte falde a ventaglio sulle spalle del vestito muliebre d’altre epoche.

sgionfon = s. e agg. m. – grassone; mangione; avido; fanfarone.

sgnacar = vr. – sgnaccare, schiaffare; p.p. sgnacà, femm. sgnacada; ben sgnacada! ben appioppata!; sgnacarla de balinazi giocare un brutto tiro, sorprendere con malizia qualcuno.

sgnachera = s.f. – botta, colpo; ammaccatura prodotta da una botta; cfr. anche sgnerla.

sgnafar = vr. – divorare, mangiare rumorosamente e con ingordigia; lappare; cfr. anche slafar e slapar.

sgnaolar = vr. – miagolare; frignare.

sgnapa = s.f. – grappa, acquavite.

sgnapada = s.f. – rinfacciamento; mortificazione.

sgnape = s.f. pl – stoviglie.

sgnapeter = s.m. – bevitore di grappa.

sgnec = agg. – molle; mogio (detto di giocatore che ha perso la partita senza segnare un sol punto); cfr. anche gnec.

sgneghelar = vr. – spaniare; pulire il naso con le dita.

sgnegheli = s.m. pl. – moccio che pende dal naso; cfr. anche smarghele.

sgnerla = s.f. – colpo, botta; sbornia; cfr. anche sgnachera.

sgnifotar = vr. – frignare.

sgninfa = s. e agg. f. – frignona, lagnosa; smorfiosa.

sgninfion = s.m. e agg. – frignone; smorfioso, schizzinoso; cfr. anche sgninfon.

sgninfon = s.m. e agg. – frignone; smorfioso, schizzinoso; cfr. anche sgninfion.

sgnocolar = agg. – relativo agli gnocchi; vendro sgnocolar ultimo venerdì di carnevale, giorno in cui per tradizione si fanno gli gnocchi.

sgnorc = s.m. – catarro.

sgnorcar = vr. – espettorare.

sgoatera = s.f. – sguattera.

sgobar = vr. – sgobbare, faticare.

sgociar = vr. – gocciolare.

sgociarola = s.f. – scolatoio; sacchetto con la parte inferiore rastremata e piccola apertura sul fondo usato per scolare la ricotta.

sgociolar = vr. – sgocciolare; piovigginare.

sgodela = agg. – detto di abito «alla gode».

sgol = s.m. – volo; volata; ghe far far en sgol lanciare una cosa o scacciare una persona; de sgol di volo, velocemente.

sgolar = vr. – volare; sgola en paradis coccinella (Coccinella septempunctata); anche margaritina. sgolarse = vr. – sgolarsi.

sgolbia = s.f. – sgorbia.

sgombetar = vr. – fare a gomitate.

sgomentir = vr. – sgomentare, turbare, agitare.

sgoneler = agg. e s.m. – donnaiolo.

sgorgar = vr. – sgorgare; disintasare.

sgrafignar = vr. – sgraffignare, arraffare, rubare.

sgramusar = vr. – far vita grama, tirando avanti stentatamente; per est. lesinare il centesimo.

sgranar = vr. – sgranare, sgusciare.

sgrandar = vr. – ingrandire; esagerare.

sgranfion = s.m. – raffio; arpione; cfr. sgrinfion.

sgravar = vr. – franare; rovinare a valle.

sgreben = s.m. – dirupo; terreno arido e di nessun valore agricolo; for dei sgrebeni fuori dai gangheri; cfr. anche sgretol.

sgreghenar = vr. – strimpellare.

sgregiada = s.f. – sgropponata; distorsione; stiramento dei muscoli o dei legamenti articolari.

sgregiar = vr. – dirozzare; affaticare.

sgrepolos = agg. – screpolato; ruvido.

sgretol = s.m. – dirupo; terreno arido e di nessun valore agricolo; cfr. anche sgreben.

sgriciolar = vr. – scricchiolare.

sgrif = s.m. – graffio, scalfitura; fig. firma, sgorbio.

sgrifar = vr. – graffiare, scalfire; arraffare.

sgrife = s.f. pl. – grinfie; unghie; spreg. mani.

sgrifon = s.m. – graffio; sgorbio; firma illeggibile.

sgriSarse = vr. – annuvolarsi; diventar grigio.

sgriSol = s.m. – brivido; scossa, tremito; el me fa da sgriSol mi fa rabbrividire.

sgriSolament = s.m. – tremore; rimescolio.

sgriSoloni = s.m. pl. – brividi da febbre, freddo, e da certi suoni fastidiosi.

sgriz = s.m. – ferita da taglio; spacco nella gonna o della manica in prossimità del polsino; sparato della camicia.

sgrizolar = vr. – scricchiolare; digrignare; stridere.

sgrizole = s.f. pl. – strigoli (Silene cucubalus) di cui si mangiano i teneri germogli.

sgrobia = agg. f. – ruvida.

sgrofola = s.f. – scrofola; guscio della noce, del1’uovo, della chiocciola; capsula della ghianda; pl. sgrofole scrofolosi.

sgropo1os = agg. – nodoso.

sgruzolar = vr. – stridere; digrignare; scricchiolare.

sguaita = s.f. – guaita, appostamento per osservazione; far la sguaita pedinare e spiare; cfr. anche guarda.

sgualivar = vr. – uguagliare; appianare, livellare.

sguanz = s.m. – scancio, muro in linea obliqua; cfr. anche svanzo.

sguatorla = s.f. – donna curiosa, pettegola e vagabonda; per est. donna di strada.

sguaz = s.m. – acquazzone.

sguazaort = s.m. – annaffiatoio

sguazar = vr. – annaffiare, irrorare; piovere a dirotto.

sguinc = s.m. – sguincio; scancio.

sguinciar = vr. – guardare in tralice; strizzare 1’occhio.

sgusa = s.f. – guscio , scorza.

si = avv. – si; cfr. ai e ae; si mo? nevvero? (richiesta di conferma); si mo no? no, vero? (richiesta di negazione); si po si, certo, certamente.

siabola = s.f. – sciabola.

sial = s.m. – scialle.

sialin = s.m. – scialletto coprispalle.

sianca = loc. cong. – anche se, benchè; cfr. anche seanca.

Siar = vr. – preparare; allestire; rassettare; se Siar prepararsi; Sià comod messo a proprio agio; Sià su preparato bene; ben vestito; addobbato; Siar giò preparare; preparare cibi e bevande.

siarpa = s.f. – sciarpa.

sichè donca = loc. cong. – sicchè, dunque, e allora.

sicome = cong. – siccome, giacchè.

sicurar = vr. – assicurare; cfr. anche segurar.

sicureze = s.f. pl. – valvole di sicurezza della corrente elettrica.

sidià = agg. – molestato; infestato; insidiato.

sidrà = agg. -. intorpidito dal freddo, assiderato; fiaccato.

sielta = s.f. – scelta.

sienza = s.f. – scienza; sienze de Pesine soprannome dei nativi di Piscine di Sover.

sienziat = s.m. – scienziato; fig. istruito; ingegnoso.

sifat = agg. – siffatto.

sifolot = s.m. – fischietto; cfr. anche zifolot.

sifon = s.m. – sifone.

significar = vr. – significare; esprimere; spiegare.

sil = s.f. – asse; perno; sala del carro.

sila = s.f. – canale d’acqua.

si1oni = s.m. pl. – piedoni.

simetria = s.f. – simmetria.

simia = s.f. – scimmia; fig. sbornia.

simil = agg. – simile.

similtono = s.f. – tipo di fisarmonica in cui tra apertura e chiusura del mantice si ha mezzo tono di differenza; cfr. anche zermonica.

simiotar = vr. – scimmiottare, beffeggiare; imitare qualcuno per scherno o per sollazzo; cfr. anche sbefegiar.

Simoni = top. – maso a Piscine.

Simonini = soprannome di famiglia a Sover.

sin = avv. – sino, fino.

sina = s.f. – rotaia; trave metallica.

sincer = agg. – sincero; genuino; schietto.

sinchè = cong. – sinchè, finchè.

Sinei = soprannome di famiglia a Sover.

singhioz = s.m. – singhiozzo.

singia = s.f. – cinghia.

siniquitate = s.m. – uomo miserabile; colore o odore sgradevole; disastro.

sinora = avv. – sinora, finora.

sinter = s.m. – sentiero.

sinterol = s.m. – sentierino.

sintila = s.f. – scintilla.

Sinzeri = soprannome di famiglia a Sover.

sioco = agg. – sciocco.

siolta = s.f. – muta di operai, squadra di turno.

siolto = agg. – sciolto, libero; posto in liberta; assolto.

sior = s.m. – signore; uomo ricco; dim. siorat.

Sioredio = s.m. – Signore Iddio. Prov.: el Sioredio no li sera tuti i sinteri.

siorine = s.f. pl. – signorine; genzianelle; chicchi di granoturco immaturo sbocciati sulla brace.

sir = s.m. – tumore; l’e mei che taSa se no me ven el sir e meglio che smetta di discutere per non farmi cattivo sangue.

siraca = s.f. – bestemmia.

siringada = s.f. – siringata; fig. inganno, truffa.

siroc = s.m. – scirocco.

sirop = s.m. – sciroppo.

siSampa = s.f. – donna di facili costumi.

sisola = s.f. – truciolo.

sisolina = s.f. – briciolina.

sista = s.f. – starnuto; cfr. anche starnut.

sistar = vr. – starnutire.

sistemar = vr. – sistemare, assestare.

sitela = s.f. – fossato; gora; canalone; scivolo lungo cui si fanno scorrere materiali o scendere a valle i tronchi d’albero; cfr. anche boal, parador, to.

sitela = s.f. – saetta.

sito = s.m. – sito, luogo.

siton = s.m. – piano inclinato.

Sitoni = soprannome di famiglia a Cembra.

situar = vr. – situare, collocare.

siziliani = agg. e s.m. pl. – siciliani; cfr. anche zizilini.

slabarai = agg. – insipido.

slafar = vr. – divorare, mangiare rumorosamente e con avidità; cfr. anche sgnafar e slapar.

slaferon = s.m. – divoratore, mangione; cfr. anche slapon.

slagerar = vr. – esagerare.

slagremar = vr. – lacrimare; cfr. anche slagrimar.

slagrimar = vr. – lacrimare; cfr. anche slagremar.

slaime = s.f. pl. – bave viscide.

slait = s.m. – rampa.

slaizer = agg. e s.m. – zingaro; bighellone, fannullone; scialacquone.

slaizere = s.f. pl. – frasche, fronde.

slambrot = s.m. – brodaglia, mistura; discorso confuso; dialetto incomprensibile; lavoro mal fatto. slambroton = s.m. – acciarpone.

slampegiar = vr. – lampeggiare.

slanc = s.m. – slancio, salto, scatto.

slancent = agg. – svelto; impulsivo; prodigo.

slanciar = vr. – lanciare con impeto.

slandron = s.m. – vagabondo; f. slandrona puttana vagabonda.

slanegà = agg. – sformato, alterato; detto di eccessivo gioco tra due superfici contigue in movimento, lasco; stiracchiato (di tessuto).

slanguideza = s.f. – languore.

slanguido = agg. – languido.

slanza = s.f. – biscia; colubro giallo e verde; fig. ragazza ben fatta.

slaos = s.m. – pioggerella intermittente.

slapacion = s.m. – scapaccione; cfr. anche slapazuc. .

slapar = vr. – divorare; mangiare rumorosamente con avidità; cfr. anche sgnafar e slafar.

slapazuc = s.m. – scapaccione; cfr. anche slapacion.

slapon = s.m. – divoratore, mangione; cfr. anche slaferon.

slargar = vr. – allargare; distendere; stendere, sciorinare; esagerare; slargaboace spaccone, fanfarone, millantatore; slargaloche spaccone presuntuoso.

slavac = s.m. – acquazzone; vomito; trar su en slavac’ vomitare abbondantemente; sbocco di sangue; pl. slavazi.

slavadenti = s.m. – schiaffo sulla bocca; fig. schiaffo morale.

slavarì = agg. – insipido; scolorito, sbiadito; pallido, languido.

slavazada = s.f. – lavata frettolosa e trascurata; acquazzone.

slavazi = s.m. pl. – pimpinella ed altre ombrellifere.

slavina = s.f. – smottamento, frana;. lavina, valanga.

slazega = s.f. – anello di ferro che agisce da freno nella slitta; fig. scherz. anello matrimoniale; cordicella.

slazerà = agg. – sciatto, straccione.

sleber = s.m. – pezzo di legno da ardere staccato per fenditura o spaccatura dal pezzo più grosso; cfr. anche sfesel.

slechinarie = s.f. pl. – leccornie.

sledai = s.m. – mucchio di immondizia.

slefi = s.m. pl. – labbra; sing. laoro labbro.

sleghera = agg. f. – trasandata, trascurata.

slegnar = vr. – legnare, bastonare.

slembar = vr. – slabbrare; slembar na costa staccare la carne dalla costola.

slenderna = agg. f. – scadente, detto di stoffa senza nervo.

slenguacion = s.m. – linguaccia.

slenguon = s.m. – linguaccia; chi fa smorfie mostrando la lingua.

slepa = s.f. – schiaffo; accr. slepon.

slifrocon = s.m. – poltrone, fannullone; cfr. anche lifrocon.

sligerir = vr. – alleggerire; digerire.

slinc = agg. – magro, allampanato; femm. slinca donna snella, longilinea.

slinz = s.m. – pezzettino, briciola.

slinza = s.f. – scintilla; lisca; scaglia; briciola.

slip = s.m. – schizzo, spruzzo.

slipar = vr. – schizzare il latte dai capezzoli.

slis = agg. – liscio.

slisar = vr. – lisciare; accarezzare; fig. corteggiare.

sliton = s.m. – grande slitta; spartineve di legno che viene trainato come una slitta.

slizegar = vr. – sdruciolare, scivolare.

slizegon = s.m. – sdrucciolone

slizolada = s.f. – scivolata; cfr. anche sbrisada.

slizolarse = vr. – slittare per diporto.

slizolata = s.f. – scivolo; slittino; cfr. anche careghet.

slodolar = vr. – adulare.

slofa = s.f. – loffa; vescia; fig. pettegolezzo.

slofona = s.f. – pettegolona.

slogar = vr. – slogare, lussare.

sloghena = s.m. – picchiatore, manesco.

sloghenar = vr. – bastonare.

slogiar = vr. – sloggiare; andarsene.

sloica = s.f. – filastrocca noiosa; chiacchierata.

slombelà = agg. – slombato; sfiancato (di persona affaticata); logorato (di cosa).

slonga del car = s.f. – freccia del carro (che consente di allungare il carro stesso).

slongar = vr. – allungare; porgere; slongar lì porgere.

slonghignon = s.m. – spilungone.

slontanar = vr. – allontanare.

slorenc = s.m. – mela piccola e aspra del melo selvatico; per est. frutto cresciuto stentatamente. slorengar = s.rn. – melo selvatico.

s1oser = s.m. – magnano, fabbro.

Sloseri = top. – Sloseri, fraz. del Comune di Sover.

S1oseri = soprannome di famiglia a Cembra e a Sover.

slosia = agg. f. – inaridita.

sloz = agg. – sporco, lordo.

slunar = vr. – curiosare; osservare.

sluSent = agg. – luccicante, brillante.

sluSer = vr. – luccicare, splendere.

sluSert = s.m. – ramarro.

sluSioi = s.m. pl. – valerianella.

sluSor = s.m. – chiarore, brillio, splendore; cfr. anche luSor.

smacà = agg. – ammaccato; battuto.

smacafam = s.m. – pasticcio rustico trentino fatto con farina, acqua, latte, sale, salsiccia a fette o a cioccioli e che presenta una crosta croccante. Molto sostanzioso e confezionato nel test (cfr.) gli ultimi giorni di carnevale. E’ detto cosi perchè smaca cioè batte la fame.

smacalut = s.m. – scampanacciata, chiassata a suon di campanacci e strumenti rudimentali fatta per ischerno dei vedovi che si rimaritano o del coniuge pentito che torna in famiglia o della coppia di sposi novelli sottrattisi allo scotto dovuto per il rogo del carnevale; cfr. anche carneval.

smacar = vr. – ammaccare; battere; bussare; sbattere; bastonare; il pulsare di una suppurazione. smaciar = vr. – smacchiare.

smacotà = agg. – ammaccato; pesto.

smadregiar = vr. – madreggiare, imitare la madre o la comare; somigliare alla madre.

smaitinade = s.f. pl. – mattinate, canti; fig. insulsaggini.

smalizià = agg. – smaliziato, scaltrito.

smaltacaroze = s.m. – spaccone; cfr. anche slargaboace, smerdabacheti.

smaltar = vr. – intonacare, rivestire di malta.

smaltir = vr. – smaltire, digerire; evadere, sbrigare.

smalz = s.m. – burro; strutto.

smalzar = vr. – condire con burro e formaggio fuso.

Smalzaroi = soprannome di famiglia a Piscine.

smamì = agg. – sbiadito; che ha perso la fragranza e la freschezza.

smanarotada = s.f. – colpo di accetta.

smanciarina = s.f. – spazzola per vestiti.

smanciolar = vr. – accarezzare, lisciare; spazzolare; palpeggiare.

smanegon = s.m. – esageratore.

smanetar = vr. – girare la manetta o la manovella; premere ripetutamente sulla maniglia.

smanfrin = agg. – lezioso, sdolcinato.

smaniar = vr. – smaniare.

smanios = agg. – smanioso, bramoso.

smanipolar = vr. – manipolare.

smanteSar = vr. – ansimare, soffiare come un mantice.

smarcir = vr. – marcire.

smargela = s.f. – moccio; cfr. anche sgnegheli.

smargelon = agg. – moccioso.

smarì = agg. – scolorito, sbiadito.

smarlec = s.m. – scaracchio.

smarlos = s.m. – lucchetto.

smartelar = vr. – martellare; cfr. anche martelar.

smateriar = vr. – giocherellare.

smaterion = s.m. – giocherellone.

smaucade = s.f. – schiocchezze, stupidaggini.

smaus = s.m. – gatto spelacchiato; fig. uomo povero.

smazocada = s.f. – botta, urto.

smazolar = vr. – schiaffeggiare.

smazoler = s.m. – schiaffeggiatore.

Smeca = soprannome di famiglia a Sover.

smelenfio = agg. – scontento.

smelif = agg. – smorfioso, schizzinoso.

smemorià = agg. – smemorato.

smenada = s.f. – solito ripetersi, la solita musica.

smenar = vr. – menarle per le lunghe.

smerciar = vr. – smerciare, vendere, spacciare.

smerdabacheti = s.m. – spaccone; cfr. anche slargaboace, slargaloche, smaltacaroze.

smerdar = vr. – smerdare, lordare.

smerdelon = s.m. e agg. – sudicione.

smignognole = s.f. pl. – moine.

smigolar = vr. – sbriciolare.

smilza = s.f. – milza.

sminc = agg. – smilzo.

smingherlin = agg. – mingherlino.

smirir = vr. – mirare, prendere la mira.

smoia = s.f. – ammollo; en smoia a bagno.

smoiar = vr. – ammollire; inzuppare.

smoleri = s.m. pl. – lastre di porfido poste in piedi nella pavimentazione di strade molto ripide. smoleSinar = vr. – ammorbidire, ammollire.

smolinar = vr. – sgretolare; sfarinare; sbriciolarsi dell’intonaco.

smonar = vr. – dire o fare stupidaggini.

smondolar = vr. – mondare, sbucciare; p.p. smondolà mondato, leggermente scorticato, spellato. smonzegar = vr. – smozzicare; smussare; sbreccare.

smorfia = s.f. – smorfia; cfr. anche cifa.

smorfios = agg. – smorfioso; schizzinoso; cfr. anche smelif.

smorn = s.m. – frittata ridotta in pezzetti a fine cottura.

smoroSada = s.f. – approccio amoroso.

smoroSin = s.m. – pomicione; f. smoroSina.

smors = s.m. – morso della briglia; morsa; catenaccio.

smorsa = s.f. – morsa; smorsa del coram morsetto del calzolaio per cuciture a mano.

smort = agg. – smorto.

smorzar = vr. – smorzare, spegnere.

smuSar = vr. – smussare; svergognare.

smuSera = s.f. – maschera per il viso; cfr. anche facera.

snaider = s.m. – sarto.

snaSa = s.f. – fiuto.

snaSar = vr. – annusare, fiutare.

snaSarin = s.m. – chi ha buon fiuto per gli odori; chi ha buona intuizione.

snaSere = s.f. – narici.

snazia = s.f. – razza; genia; pl. snazie cianfrusaglie in disordine.

snervar = vr. – snervare; indebolire.

snerzar = vr. – forzare sulle articolazioni delle giunture; sterzare; snerzarse lussarsi, procurarsi uno stiramento delle giunture, stirarsi le membra.

snetegin = s.m. – meticoloso nella pulizia; cfr. anche sneteSin.

SneteSin = s.m. – meticoloso nella pulizia; cfr. anche snetegin.

sninolarse = vr. – trastullarsi; gingillarsi.

snivada = s.f. – nidiata.

snodadura = s.f. – snodatura; articolazione, giuntura.

snol = s.m. – maniglia della porta.

snolar = vr. – premere più volte sulla maniglia della porta.

snot = s.m. – snodo; nocca; articolazione; pl. snodi.

snudar = vr. – spogliare, denudare; a se snudar a cambiarsi di biancheria.

snugolarse = vr. – annuvolarsi; cfr. anche sgriSarse.

so = agg. e pron. – suo; f. soa; pl. m. soi suoi; propri, loro; sovi di loro.

soalza = s.f. – leva di ferro per rimuovere pietre o tronchi.

soalzar = vr. – levare, sollevare.

soatar = vr. – scacciare; scaraventare.

sobalzar = vr. – sobbalzare.

sobater = vr. – sobbattere; ribadire il chiodo; p.p. sobatù.

sobatù = s.m. – sobbattitura.

soci = s.m. – socio, amico, compagno; sozi socio in malefatte.

sociazion = s.f. – associazione.

socomber = vr. – sottostare; assoggettarsi.

socorer = vr. – soccorrere, aiutare.

socoz = avv. – sottecchi; di soppiatto; nascostamente; cfr. anche sotcoz.

sodisfar = vr. – soddisfare; pagare un debito.

sodisfazion = s.f. – soddisfazione, gioia; compiacimento.

sodo = agg. – sodo, solido; fermo; posato; stabile.

soela = s.f. – scarpa; ciabatta; pianella.

Soer = top. – Sover, comune della Valle di Cembra a m. 836 s.m., posto sulla sinistra dell’Avisio e comprendente le frazioni di Sover, Montesover e Piscine.

soeri = s.m. pl. – soveri, nativi di Sover, soprannominati magnagnochi.

sofà = s.m. – sofà, canapè, divano.

sofegar = vr. – soffocare.

soferenza = s.f. – sofferenza.

sofi = s.m. – soffio, alito.

sofiar = vr. – soffiare.

sofiet = s.m. – soffietto; sofiet dal solfro solforatrice.

sofit = s.m. – soffitto.

sofita = s.f. – pavimento.

sofranei = s.m. pl. – zolfanelli; fiori del castagno; sofranei de ca’ fiammiferi da cucina; cfr. anche sofrinei.

sofrignar = vr. – frignare.

sofrinei = s.m. pl. – zolfanelli; cfr. anche sofranei.

sofrir = vr. – soffrire; sopportare; tollerare.

soga = s.f. – fune robusta.

sogada = s.f. – bastonata, bussa.

sogar = vr. – mandar via; portare, seppellire un morto; sogar giò calare dall’alto con la fune.

sogetar = vr. – assoggettare.

sogezion = s.f. – soggezione, rispetto misto ad imbarazzo e timore; cfr. anche sudizion.

sogn = s.m. – sogno; el sogn l’a spianà il sogno ha svelato.

soi = agg. e pron. – suoi, propri, loro.

sol = agg. – solo.

so1 = s.m. – sole; prov.: sol a spiazi, aqua a sguazi.

sola = s.f. – suola; fascia di legno duro applicata sotto gli scivoli della slitta da carico e sostituibile quando risulti logora; cfr. anche strozeg.

soladio = s.m. e agg. – solatio, soleggiato.

solagn = agg. – solitario (detto di luogo o di persona).

solar = s.m. – solaio; poggiolo di legno esposto al sole.

solc = s.m. – solco.

soldà = s.m. – soldato; cfr. anche melitar.

soldo = s.m. – soldo, moneta da cinque centesimi di lira; cfr. anche zinquin; denaro; capitale; come ’n soldo en costa di gran carriera.

solecitar = vr. – sollecitare.

soleo = agg. – leggero; soffice, sollevato.

soleta = s.f. – soletta, pedula della calza; soffitto; solaio in cemento.

Soleti = soprannome di famiglia a Montesover.

solevar = vr. – sollevare; alleviare.

solezismi = s.m. pl. – insinuazioni, calunnie; sospetti.

solfrar = vr. – solforare.

so1fro = s.m. – zolfo.

soliada = s.f. – insolazione; cfr. anche ensolada.

solidà = agg. – solidificato; consolidato; assestato, detto di terreno.

solient = agg. – molto solo, superl. di sol.

solit = agg. – solito.

soma = s.f. – somma, addizione; risultato dell’addizione.

soma = s.f. – soma; misura di peso di circa kg. 150 corrispondente ad un carico normale sulla groppa di un mulo.

somaro = s.m. – somaro, asino; fig. persona ignorante; cfr. anche aSen.

somas = s.m. – pavimentazione in acciottolato dell’aia rurale; per est. aia; fig. materasso troppo duro.

somenar = vr. – seminare; sparpagliare.

somenza = s.f. – semente.

somenzal = s.m. – semenzaio.

somenzine = s.f. pl. – sementi; fig. confettini di zucchero minuscoli e variopinti.

somiar = vr. – somigliare.

soministrar = vr. – somministrare; amministrare.

son = s.m. – sonno; suono.

sonada = s.f. – suonata; modo di farsi intendere alzando la voce o in maniera manesca; antifona; bastonatura; imbroglio; scorno.

sonador = s.m. – suonatore; e bona not sonadori e buonanotte suonatori, l’argomento è chiuso, la storia è finita.

sonadora = s.f. – fisarmonica; armonica a bocca.

sonaiol = s.m. – sonaglino per bambini.

sonambol = s.m. – sonnambulo.

sonament = s.m. – insieme di suoni per lo più ridondante.

sonar = vr. – suonare; picchiare di santa ragione; dire in modo aperto e deciso le proprie ragioni.

sonet = s.m. – sonetto; sonnellino.

Songi = soprannome di famiglia a Sover.

songia = s.f. – sugna; cotenna con un buono strato di grasso per ungere.

sonolenza = s.f. – sonnolenza.

sopa = s.f. – frittella (dolce di farina, latte, mele affettate e salvia cotto nell’olio).

soportar = vr. – sopportare; tollerare.

soprafar = vr. – strafare.

sopraloco = s.m. – sopralluogo.

sopravinz = s.m. – sovrappiù.

sopres = s.m. – ferro da stiro.

sopresar = vr. – stirare; stangare, bastonare.

sora = avv. – sopra; nar for sora passare sopra; nar par sora traboccare; sora poder nella loc. nar sora poder accasarsi (dello sposo) presso la famiglia della sposa.

soradeto = s.m. – soprannome; cfr. anche soranom.

soraman = s.m. – sopraffazione di una coltura bassa ad opera delle erbacce infestanti.

soranom = s.m. – soprannome; cfr. anche soradeto.

sorapensier = avv. – soprappensiero.

sorapont = s,m. – sopraffilo.

soravia = s.m. – soprappiù; avv. – alla superficie; a fior d’acqua.

sorbola = s.f. – gran quantità (di male, di peso, di fastidi).

sorc = s.m. – sorgo, saggina.

sordiSia = s.f. – sordità.

sorela = s.f. – sorella; sorela a metà sorellastra.

sores = s.m. – topo; pl. soreSi.

sorgiva = s.f. – sorgente, sorgiva; cfr. anche

sortiva.

sormontà= agg. – sormontato.

sorpreSa= s.f. – sorpresa.

sors = s.m. – sorso.

sort = agg. – sordo; sort patoc sordo completo.

sort = s.f. – sorte, sorteggio; destino; sorta, genere, qualità; assegnazione ai censiti nel Comune di piante in piedi per trarne legna da ardere.

sortida = s.f. – uscita; battuta spiritosa.

sortir = vr. – sortire, uscire; sorteggiare; scegliere.

sortiva = s.f. – sorgente d’acqua, sorgiva; cfr. anche sorgiva.

sospenSori = s.m. – sospensorio, sacchetto di tela per reggere lo scroto.

sospetos = agg. – sospettoso.

sospirar = vr. – sospirare; anelare.

sosta = s.f. – molla; costa dell’ombrello; fermata; tregua.

sostegn = s.m. – sostegno, supporto, aiuto.

sostenù = p.p. e agg. – sostenuto; contegnoso.

sot = avv. – sotto; n’ai par sot e par sora ne ho abbastanza o anche di troppo.

sota = avv. – sotto; darghe sota affrettare.

sotana = s.f. – sottana, sottoveste.

sotaqua = avv. – sott’acqua; sotto sotto, nascostamente.

sotcoz = avv. – sottecchi, di nascosto; cfr. anche socoz e soto ’l barbanzol.

soterfui = s.m. – sotterfugio.

sotgamba = avv. – sottogamba.

sotiliar = vr. – assottigliare.

soto = avv. – sotto; soto ’l barbanzol di sottecchi; cfr. anche sotcoz e socoz.

sotoesta = s.f. – sottoveste; cfr. anche sotovesta.

sotomes = agg. – sottomesso; remissivo; obbligato; soggiogato.

sotopè = s.m. – sottopiede.

sotoposto = agg. – sottoposto, subordinato.

sotopunto = s.m. – sottopunto.

sotoscrit = s.m. e agg. – sottoscritto.

sotovesta = s.f. – sottoveste; cfr. anche sotoesta.

sotra = s.f. – sottrazione (operazione aritmetica).

sotrar = vr. – sottrarre (eseguire l’operazione aritmetica); sotterrare.

sotsora = avv. – sottosopra.

sovegnir = vr. – sovvenire, venire in mente.

sovi = agg. e pron. – di loro; cfr. anche soi.

soz = s.m. – salsa; intingolo.

Soza = soprannome di famiglia a Sover.

sozi = s.m. – socio in malefatte.

sozin = s.m. – sottocoda per equini.

spac = s.m. – spago.

spacar = vr. – spaccare, fendere; spezzare; frantumare.

spaco = s.m. – spicco, risalto.

spada = s.f. – spada; pl. spade; spade pianta del giaggiolo.

spadola = s.f. – spatola.

spadoni = s.m. pl. – pere spadone.

spadregiar = vr. – padreggiare, somigliare al padre.

spag = s.m. – spago.

spagaz = s.m. – sgorbio, macchia; brutto dipinto; fig. errore; caricatura.

spaghet = s.m. – piccolo spago; spavento, paura.

spagnola = s.f. – spagnola, epidemia influenzale del 1918.

spagnoleta = s.f. – spagnoletta di filato; sigaretta confezionata a mano; serrame di finestra.

spala = s.f. – spalla.

spalancar = vr. – spalancare.

spalar = vr. – spalare.

spalarini = s.m. pl. – spallacci; bretelle; spalline; cfr. anche spalazi.

spalazi = s.m. pl. – spallacci; bretelle; cfr. anche spalarini, poSole, tirache.

spalciocar = vr. – sbrodolare; imbrattare; impiastricciare; cfr. anche spaltrocar.

spaleta = s.f. – spalletta; piedritto di sostegno ad arco a volta; parapetto; fig. persona spallata.

spalmar = vr. – spalmare.

spalpugnar = vr. – palpeggiare, palpare; gualcire.

spaltrocada = s.f. – acciarpatura.

spaltrocar = vr. – sbrodolare; imbrattare; impiastricciare; acciarpare; cfr. anche spalciocar. spaltrocaria = s.f. – acciarpatura; porcheria.

spana = s.f. – spanna.

spanà = agg. – spanato, difettoso nella filettatura.

spanciada = s.f. – scorpacciata; colpo alla pancia.

spander = vr. – spandere; spargere; diffondere.

spandirol = s.m. – bocchetta laterale nel canale di irrigazione.

spanticiar = vr. – spiaccicare; schiacciare.

sparagn = s.m. – risparmio.

sparagnar = vr. – risparmiare.

sparangola = s.f. – ringhiera; corrimano; cfr. anche sperangola.

sparaver = s.m. – sparviero per la malta; fig. spaccone.

spare = s.f. – sbarre del piano di carico del carro.

sparfondar = vr. – sprofondare.

sparir = vr. – sparire; scomparire; allontanarsi.

sparlacion = s.m. – boccaccia, chi parla in modo scurrile o fa maldicenza.

sparmezar = vr. – dimezzare.

sparniciar = vr. – sprecare; scialacquare.

sparpaiar = vr. – sparpagliare; cfr. anche scarmenar e somenar.

spars = agg. – sparso.

spars = s.m. – piatto piano per le vivande.

spartidora = s.f. – scriminatura dei capelli.

spartir = vr. – spartire.

sparvegnir = vr. – pervenire, spettare di diritto; no ghe sparvegn oppure n ghe sparven gnent non gli spetta nulla.

sparzi = s.m. pl. – asparagi; sparzi de mont asparagi silvestri (Aruncus silvester).

sparzina = s.f. – bella fanciulla di primo sboccio.

spas = s.m. – spasso, passeggio.

spaSem = s.m. – spasimo, dolore.

spaSimante = s.m. – spasimante, innamorato.

spaSimar = vr. – spasimare, soffrire; desiderare con ansia.

spatociar = vr. – pasticciare; imbrattare; rimestare; cfr. anche spatociar.

spauraz = s.m. – spauracchio.

spaurì = agg. – spaurito; spaventato.

spauros = agg. – pauroso per un nonnulla.

spavelada = s.f. – sfarfallone, sproposito.

spavent = s.m. – spavento.

spavent = agg. – spaventato, impaurito (femm. spaventa).

spazacamin = s.m. – spazzacamino.

spazadora = s.f. – granata, scopa di saggina; cfr. anche scoa.

spazar = vr. – spazzare, scopare; el se la spaza se la spassa; perde i capelli.

spazer = s.m. – cassetta della spazzatura.

spazera = s.f. – pattumiera.

spazet = s.m. – spazzolino; orlo a spazzola per proteggere il fondo della gonna dallo strofinio contro il suolo.

spazeta = s.f. – spazzola per le scarpe.

spazetar = vr. – spazzolare.

spazon = s.m. – dispersiorie confusa e disordinata; a spazon a zonzo, bighellonando senza meta. speatar = vr. – sgambettare.

spec = s.m. – coscia di maiale aromatizzata, affumicata e stagionata.

specificar = vr. – specificare.

specular = vr. – speculare, sfruttare.

spedir = vr. – spedire, inviare; p.p. spedì spedito; agg. spedì svelto, spedito.

spedita = s.f. – apertura anteriore dei pantaloni con bottoniera e patta; cfr. anche bragarol.

spegiarse = vr. – specchiarsi.

spegio = s.m. – specchio; pannello intelaiato; superficie levigata.

spelaia = s.f. – sbavatura della seta o del bozzolo.

spelar = vr. – spelare, togliere il pelo; spellare, asportare la pelle.

speleSina = s.f. – pellicina, pellicola; membrana.

spelt = s.m. – pezzo di legno irregolare staccato da un pezzo più grosso per spaccatura o fenditura. spelucar = vr. – spiluccare, ragranellare; carpire, scroccare, pitoccare.

spenar = vr. – spennare.

spender = vr. – spendere denaro.

spenger = vr. – spingere; premere.

spentonar = vr. – spingere; spintonare.

sperangola = s.f. – ringhiera; cfr. anche sparangola.

speranze = s.f. pl. – fiori della timela odorosa.

sperar = vr. – sperare, fidare.

sperel = s.m. – telaio per i vetri della finestra;

sperico1on = s.m. – persona spericolata.

sperimentar = vr. – sperimentare, provare.

spervaSo = agg. – persuaso, convinto.

spes = avv. e agg. – spesso, frequentemente; folto, denso, fitto.

speSa = s.f. – spesa; de speSa greva di notevole spesa.

speSar = vr. – spesare.

spesegar = vr. – affrettare; cfr. anche pesegar.

spesì = p.p. – spessito.

spesient = avv. e agg. – spessissimo, molto frequentemente; foltissimo, fittissimo.

spesina = s.f. – bosco fitto.

spetacol = s.m. – spettacolo; cosa straordinariamente bella; gran quantità; grandiosità.

spetar = vr. – aspettare, attendere; spetarsela aspettarsela, immaginarsela, temerla; speta! aspetta!, aspetta che ti concio per le feste; anche peta.

spetativa = s.f. – aspettativa, attesa.

spezial = s.m. – speziale, farmacista.

spezialment = avv. – specialmente.

speziaria = s.f. – spezieria; farmacia.

spezie = s.f. pl. – spezie, droghe aromatiche. .

speziente = s.m. – assistente contrario ossia sorvegliante ai lavori per conto del committente.

spianar = vr. – spianare; dilucidare, mettere in chiaro.

spiangin = s.m. – piagnone; cfr. anche piangimarenda.

spianginar = vr. – piagnucolare; lamentarsi senza ragione.

spiar = vr. – spiare; origliare; vedere; esplorare; presagire; no l’ai spia non l’ho visto; no ’l podo spiar non posso vederlo, non lo posso tollerare; spiar vargot de mal presagire un malanno.

spiatà = agg. – spiaccicato.

spiaz = s.m. – spiazzo; piazzola; cortile; chiazza; sol a spiazi cielo coperto con qualche schiarita.

Spiaz = top. Piazzo di Segonzano.

spiazarol = agg. – piazzaiolo.

spiazarolada = s.f. – monelleria.

spiazolar = vr. – chiazzare; sciogliersi della neve che lascia scoperti tratti di terreno.

spic = s.m. – spicchio; rosmarino.

spiciolir = vr. – rimpicciolire.

spiegar = vr. – spiegare, illustrare, render chiaro.

spiferar = vr. – spifferare; spiattellare; soffiare del vento tra le fessure.

spiga = s.f. – spiga.

spigar = vr. – spigare, allungarsi nella cima, detto di ortaggi troppo maturi.

spigheta = s.f. – spighetta, nastrino, trecciolina.

spignatar = vr. – spignattare, affacendarsi attorno ai fornelli.

spigol = s.m. – spigolo.

spigolar = vr. – spigolare; racimolare.

spila = s.f. – spilla; ago.

spilongon = s.m. – spilungone; cfr’. anche sgamberlon, slonghignon, spindolon, stangherlon.

spilorc = agg. – spilorcio, taccagno.

spilucar = vr. – spiluccare; cfr. anche spelucar.

spin = s.m. – spina, aculeo; scheggia; spino, pianta spinosa; spini aghi delle conifere.

spina = s.f. – spina, aculeo; rubinetto dell’acqua; zaffo della botte; zipolo; fig. tormento; star su le spine essere in ansia; spine raggi della ruota; cfr. anche ragi.

spinar = vr. – pungere con spine; spillare liquidi.

spinazi = s.m. pl. – spinaci.

spindolar = vr. – penzolare.

spindo1on = s.m. – spilungone; a spindolon penzoloni.

spinel = s.m. – cannella di legno per attingere acqua dalla fontana.

spinos = agg. – spinoso, munito di aculei.

spinzar = vr. – fracassare, frantumare.

spiociar = vr. – spidocchiare.

spiocios = agg. – pidocchioso; fig. avaro.

spion = s.m. – spione; curiosone; lanternin da spion piccola lanterna usata dai ladri.

spionar = vr. – spiare; curiosare; spifferare.

spioncel = s.m. – spioncino della porta; foro per il passaggio delle vivande dalla cucina al locale attiguo; finestrino apribile indipendentemente dall’imposta in cui è incorporato.

spioveSinar = vr. – piovigginare; cfr. anche pioveSinar.

spirada = s.f. – spiraglio; barlume; raggio di luce; boccata d’aria.

spirar = vr. – spirare; morire.

spirit = s.m. – spirito; alcool etilico o metilico; intelligenza vivace; fantasma.

spirità = agg. – spiritato, esagitato; sfrenato; vivace.

spiritos = agg. – spiritoso, arguto.

spirlingai = s.m. – spilungone; cfr. anche sgamberlon, spilungon, spindolon, slonghignon.

spironada = s.f. – forchettata.

spisotar = vr. – gocciolare; gocciolare orina.

spiuma = s.f. – schiuma; pellicina che si forma alla superficie del latte bollito o del brodo per affioramento della parte grassa; cfr. anche tela.

spiumar = vr. – schiumare.

spiz = s.m. – pizzo, merletto.

spiz = agg. – agguzzo, appuntito; fig. brillo, ubriaco.

spiza = s.f. – prurito; voglia sfrenata; spiza ale onge prurito alle unghie per la stizza, smania.

spizalapis = s.m. – temperamatite.

spizar = vr. – aguzzare, appuntire; aguzzare la vista.

spizarol = s.m. – cocca del fuso.

spizegar = vr. – prudere; pizzicare; stuzzicare.

spizoc = s.m. – pizzicotto.

spizocar = vr. – pizzicare; prendere a spizzico.

spizon = s.m. – colonna centrale della capriata.

splender = vr. – splendere, brillare.

splenzerne = s.f. pl. – brindelli, brandelli a penzoloni.

spleofa = agg. f. – lagnosa.

splindernar = vr. – traslocare.

spodarolada = s.f. – colpo di ronchetto; cfr. anche podarol.

spola = s.f. – spola; spoletta; attrezzo per tendere e fermare la fune intorno al carico; spola del telaio da tessitore; catena di persone ferme in fila per passarsi da una all’altra cose da spostare; cfr. anche pasaman e cadena; far la spola andare e tornare continuamente da un luogo all’altro; spola della navetta nella macchina da cucire; spola de dalamit spoletta esplosiva, spoletta di dinamite.

spolpar = vr. – spolpare.

spolverar = vr. – spolverare, togliere la polvere; cospargere di polvere.

spolverin = s.m. – spolverino, soprabito leggero.

spona = s.f. – sponda, bordo, lato; fianco del letto; na bona spona una buona sponda, un buon appoggio.

sponda = s.f. – sponda, parapetto.

spondarola = s.f. – sponderuola, pialletto.

sponga = s.f. – spugna.

sponger = vr. – pungere; stuzzicare.

spongiarol = s.m. – punteruolo.

spongiole = s.f. pl. – brusca, setolone; spugnole false; cfr. anche marugoli.

spongion = s.m. – puntura.

spongirol = s.m. – punteruolo; punteruolo a più aghi per bucare gli insaccati freschi; cfr. anche sforzin.

spont = s.m. – zipolo, tappo della botte.

spontar = vr. – spuntare, rompere la punta; accorciare leggermente.

spontel = s.m. – paletto, chiusura di legno della porta dall’interno.

sponticiar = vr. – rattoppare.

sponton = s.m. – spuntone; traversa; spranga.

sporc = agg. – sporco; s.m. lordo, peso tara compresa.

sporcaria = s.f. – porcheria.

sporec = s.m. – bronzina, cuscinetto; mozzo della ruota.

sporetarse = vr. – compiangersi.

sportola = s.f. – sporta, borsa.

sportoloni = s.m. pl. – occhioni; occhiali; cfr. anche tarochi.

spos = s.m. – sposo; pl. spoSi; f. spoSa; enferar la spoSa dotare la futura sposa degli ori tra cui l’anello nuziale.

spoSalizio = s.m. – sposalizio, cerimonia delle nozze.

spoSarse = vr. – sposarsi; spoSarse giò sposarsi; nar a se spoSar giò andare a nozze.

SpoSate = soprannome di famiglia a Sover.

spostà = agg. – spostato; squilibrato.

spotac = s.m. – minestra disgustosa.

spotaciar = vr. – sbrodolare; imbrattare; rimestare; cfr. anche spatociar.

spotec = agg. – genuino, autentico; identico; cfr. anche patoc e spudà.

sprechenar = vr. – parlare.

spresender = s.m. – abborraccione frettoloso.

spresolada = s.f. – abborracciatura.

spresolent = agg. – frettoloso.

spresoler = s.m. e agg. – frettoloso.

spreso1on = s.m. – acciabattone frettoloso.

sprigolar = vr. – spaventare; impazzire.

sprigolon = agg. – temerario.

spriz = s.m. – spruzzo; miscela di vino e acqua gassata; intonaco applicato a spruzzo.

sprizenar = vr. – spruzzare; irrorare.

spropoSit = s.m. – sproposito; grosso errore; grande quantità.

spudada = s.f. – sputo.

spudar = vr. – sputare; p.p. spudà sputato; fig. identico (cfr. anche spotec e patoc); p.p. f. spudada. spudarola = s.f. – sputacchiera.

spudoc = s.m. – saliva; sputacchio.

spuleSar = vr. – spulciare; indagare; ragranellare danaro.

spuma = s.f. – spuma, bibita analcolica gassata.

spuntar = vr. – spuntare, apparire, far capolino; cfr. anche ciutar.

spurgar = vr. – spurgare, ripulire; disintasare.

spurgo = s.m. – spurgo; far el spurgo sfittire il bosco mediante il taglio di piante giovani.

spuza = s.f. – puzza.

spuzar = vr. – puzzare.

spuzet = s.m. – gagà.

spuzolent = agg. – puzzolente.

squadra = s.f. – squadra, strumento; for de squadra in disordine; en squadra perpendicolare, in ordine; a squadra ad angolo retto; comitiva, gruppo di persone.

squalzacoa = s.m. – cutrettola.

squanio = s.m. – ultimo della nidiata; cfr. anche scoanio.

squartar = vr. – squartare.

squasar = vr. – squassare; sconquassare.

squasarse = vr. – scuotersi.

squaSi = avv. – quasi; cfr. anche quaSi.

squaterna = s.f. – farragine; quantità enorme.

squatornar = vr. – squinternare, scompigliare, scombussolare; cfr. anche squinternar.

squilibrà = s.m. – squilibrato mentale.

squinternar = vr. – squinterriare, scompigliare, scombussolare; cfr. anche squatornar.

sta = agg. f. – questa.

stabi = s.m. – solaio, sottotetto per il ricovero del fieno, del grano e di altri prodotti agricoli e dove si facevano pernottare i viandanti; cfr. anche ara e tegia.

stabilir = vr. – stabilire, fissare; accertare; decidere; intonacare; p.p. stabilì stabilito, ristabilito; intonacato; stabilirse stabilirsi in un luogo.

stabilità = s.f. – stabilità, saldezza.

stachet = nella loc. a stachet a stecchetto; cfr. anche a stachin.

stachin = nella loc. a stachin a stecchetto; cfr. anche a stachet.

stadera = s.f. – stadera.

stadic = agg. – stantio, detto di vivanda non ben conservata o di aria viziata di un locale chiuso. stadoman = avv. – stamane, stamattina.

stafa = s.f. – staffa, predellino, sostegno; rinforzo; gamba del calzino.

stafeta = s.f. – staffetta, persona che precede la comitiva; guida.

stagia = s.f. – regolo, riga, asta, staggio di legno impiegato dai muratori per controllo.

stagion = s.f. – stagione.

stagionar = vr. – stagionare.

stagn = agg. – saldo, sodo, forte; stagno, a perfetta tenuta d’acqua.

stagn = s.m. – stagno.

stagnar = vr. – stagnare; farla stagnar farla pagare, punire.

staiera = s.f. – caratteristico ballo tedesco; fig. cattivo umore; bater la staiera avere le lune.

staifo = agg. – robusto, forte, solido, tenace.

stala = s.f. – stalla.

staler = s.m. – stalliere.

stalon = s.m. – stalla grande della malga.

stalot = s.m. – porcile; travaglio da maniscalco per ferrare gli animali.

stalut = s.m. – porcile.

stamp = s.m. – stampo, arnese; impronta; stamp dal boter stampo di legno per foggiare i pani di burro; stampi da broche forme di ferro di varia misura per fabbricare a mano brocche per scarpe da montagna; stampi da mina barre per fori da mina.

stampar = vr. – stampare; imprimere.

stanga = s.f. – stanga; spranga; leva, palo di ferro; cfr. anche livera e pal de fer.

stangada = s.f. – stangata, colpo di stanga; danno improvviso; grave insuccesso.

stangherlon = s.m. – stangone, spilungone; cfr. anche spilongon e slonghignon.

stanghet = s.m. – paletto (per sprangare la porta dall’interno).

stangheta = s.f. – stanghetta; lineetta; raggio della ruota.

stangon = s.m. – stangone, persona alta e robusta.

stanot = avv. – stanotte.

stantarol = s.m. – girello per bambini; cfr. anche stentarol.

stanzele = s.f. pl. – scintilIe, faville; le faville che aderiscono al paiolo.

stanzia = s.f. – stanza, camera.

stanziol = s.m. – stanzino ad uso dispensa.

star = s.m. – staio, recipiente a doghe; mezzo staio, misura per cereali di circa kg. 16; en star de vent un nulla; aver la testa come ’n star essere stordito da rumori o da gravi pensieri.

stazon = s.m. – disordine permanente.

steca = s.f. – stecca; botta; nel gioco delle bocce e una bocciata di volo centrata; stecco.

stechenar = vr. – stecchire, uccidere sul colpo.

Stefen = n.pr. – Stefano.

Stefeni = soprannome di famiglia a Piscine.

stela = s.f. – sverza, scheggia di legno; corteccia o frammento di corteccia d’albero.

stela = s.f. – stella; pratolina, margheritina dei prati; fig. botta, colpo; cfr. anche sterla.

stempel = s.m. – timbro; sigillo; bollo.

stent = s.m. – stento, difficoltà; sforzo.

stentar = vr. – stentare.

stentarol = s.m. – girello per bambini; cfr. anche stantarol.

steora = s.f. – tassa, tributo.

steorale = s.f. – fiscale (riferito alle imposte).

sterile = agg. – sterile, inetto a riprodurre.

sterla = s.f. – botta, colpo; cfr. anche stela.

sterleca = s.f. – botta, colpo forte.

sterlina = s.f. – sterlina.

sterluc = agg. – strambo; balordo; cfr. anche starluc.

sterpa = agg. f. – infeconda, sterile.

sterzar = vr. – sterzare; cambiare direzione.

stibiar = vr. – trebbiare a mano.

stica = s.f. – stecca; ognuna delle fasce verticali nell’intreccio dei vimini della gerla; cuneo di legno o di ferro che viene conficcato nella estremità dei tronchi d’albero per manovrarli con l’aiuto del chiamper o dello zapin (cfr.); stica da mul bietta per trascinare tronchi trainati da muli.

sticar = vr. – steccare.

stigar = vr. – istigare.

stil = s.m. – stiletto.

stilada = s.f. – stilettata, fitta, dolore acuto.

stileta = s.m. – segnapunti, persona incaricata di segnare i punti riportati al gioco.

stima = s.f. – stima, valutazione; buona opinione, apprezzamento.

stimana = s.f. – settimana; cfr. anche setemana.

stinc = s.m. – stinco, osso della tibia.

stinc = agg. – stecchito; rigido; restar lì stinc rimanere morto stecchito; cavei stinchi capelli ispidi, rigidi.

stincar = vr. – stecchire; stincar lì uccidere sul colpo.

stiriana = s.f. – tipo di antico ballo tedesco; bater la stiriana avere le lune.

stironar = vr. – stiracchiare; se stirona si tira avanti.

stitico = agg. – stitico; fig. avaro.

stiz = s.m. – tizzo.

stizar = vr. – attizzare il fuoco; fig. istigare.

stizegador = s.m. – stuzzichino.

stizegar = vr. – stuzzicare; cfr. anche stuzegar.

stizon = s.m. – piccolo pezzo di legno da ardere o anche già acceso, tizzone (il pezzo più grosso dicesi sfesel, cfr.).

stizonar = vr. – attizzare; fig. aizzare, istigare.

sto = agg. – questo; sto chive questo qui; sto tant tutto questo; pl. sti; sti ani negli anni andati, un tempo, una volta. Una strofa, sul motivo de «Le lamentazioni» di Fiemme, recita: sti ani en val de Cembra / i la pasava magra / e par gnent no i ghe diSeva / la val dela pelagra.

stobia = s.f. – stoppia; semenà a stobia seminato a cereali.

stocada = s.f. – stoccata, colpo; battuta pungente.

stof = s.m. e agg. – afa; afoso.

stofegar = vr. – soffocare; affogare.

stotis = s.m. – stoccafisso; baccalà.

stol = s.m. – cunicolo, galleria di miniera.

stolz = agg. – sporco.

stolzener = s.m. – sporcaccione.

stombi = s.m. pl.- stoppie di granoturco; stecchi.

stombioni = s.m. pl. – scardaccioni, stoppioni (Cirsium arvense).

stomec = s.m. – stomaco; seno, petto; descargazion de stomec liberazione dello stomaco.

stomegar = vr. – stomacare, disgustare; fig. annoiare; la bela te me stomeghi la canzone o la sonata noiosa.

stomegaria = s.f. – cosa stomachevole, rivoltante, noiosissima.

stonà = agg. – stonato; non in stile; stonà come na campana molto stonato.

stond = s.m. – tiro al bersaglio col fucile; luogo riservato al tiro.

stondar = vr. – arrotondare; ruotare; fig. prendere in giro.

stonsizeri = s.m. pl. – tiratori al bersaglio col fucile.

stont = s.m.- tiro al bersaglio col fucile; luogo riservato al tiro.

stontonar = vr. – spintonare; scuotere; sconquassare; cfr. anche tontonar.

stopa = s.f. – stoppa; fig. sbornia.

stopin = s.m. – stoppino.

stopinar = vr. – stoppare, turare.

storciar = vr. – attorcigliare; storcere; p.p. storciù.

storcicol = s.m. – torcicollo; uccello torcicollo.

stordir = vr. – stordire.

storia = s.f. – storia; racconto; ciancia; intrigo.

stormenir = vr. – stordire; intormentire.

storn = agg. – frastornato, stordito; ubriaco.

storna = s.f. – capogiro; fig. sbornia.

stornel = agg. – stolto.

storniola = s.f. – capogiro.

storniSia = s.f. – capogiro; stordimento; svenimento; anche sveniment.

storno = agg. – frastornato, stordito; storno come na bena ubriaco fradicio.

stort = agg. – storto.

stortolada = s.f. – storcimento; distorsione; strappo muscolare.

stortolar = vr. – torcere; curvare; piegare.

stortolon = s.m. – storta, grave distorsione.

stoz = s.m. – pipa da fumo; caraffa; piccolo bigonciolo a doghe munito di manico e beccuccio per il travaso del mosto.

strac = agg. – stanco; fig. ubriaco.

strac’ = s.m. e agg. – straccio, cencio; logoro.

stracadenti = s.m. – impasto dolce molto duro.

stracar = vr. – stancare.

stracheza = s.f. – stanchezza.

strachin = stracchino, formaggio.

strachità = s.f. – grande spossatezza.

stracia = s.f. – straccio, cencio.

stracià = agg. – stracciato, lacero, logoro.

straciar = vr. – stracciare.

straciar = s.m. – stracciaolo; cfr. anche straciaro.

straciaria = s.f. – stracceria, ciarpame.

straciaro = s.m. – stracciaiolo; cfr. anche straciar.

stracolà for = agg. – esausto, sfinito.

stracul = s.m. – noce della coscia di vitello; culaccio.

stradarol = s.m. – tenaglia per fare la strada alla sega; cfr. anche fer da far strada.

stradela = s.f. – stradina, stradella.

stradino = s.m. – stradino.

stradon = s.m. – grande strada; strada provinciale; strada principale.

strafam = fame da lupo; cfr. anche lodria, lupia, luzia.

strafar = vr. – strafare; cfr. anche soprafar.

strafat = agg. – stravolto, turbato.

strafugo = s.m. – straforo; de strafugo di straforo, di nascosto; cfr. anche trafugo.

straghia = nella loc. a straghia a strascico.

straiga = s.f. – strascico, traino; attrezzo di legno a forma di scala per trascinare fastelli di rami; specie di slitta fatta coi rami di abete per trasportare fastelli.

stralunà = agg. – stralunato.

strambada = s.f. – stramberia.

strambec = agg. – strambo.

strambeghel = agg. – strambo.

strambez = s.m. – stramberia.

strambo = agg. – strambo.

strambot = agg. – un po’ strambo.

strameti = s.m. pl. – granoturco seminato tardi da falciarsi come foraggio.

strameza = s.f. – tramezzo, parete sottile di muro divisorio.

stramezà = agg. – intramezzato.

strami = s.m. pl. – strame; stoppie del grano saraceno.

strampia = s.f. – traccia, segno; cfr. anche stranfia.

straneo = s.m. e agg. – straniero; estraneo.

stranfia = s.f. – traccia, segno; cfr. anche strampia.

stranfion = s.m. – persona villana dal comportamento licenzioso, uso agli scherzi di mano.

strangol = s.m. – stretta; strozzatura; cappio.

strangolapreti = s.m. pl. – gnocchi verdi di farina, spinaci od altri ortaggi, uova, olio, burro, formaggio.

strangolar = vr. – strangolare; strozzare; strangolarse abbuffarsi; sgolarsi.

strangolin = s.m. – palanchino, leva di acciaio per spostare a mano dei massi.

strango1on = nella loc. a strangolon in fretta e furia (specie nel mangiare) a rischio di soffocare. strangosar = vr. – bramare, desiderare ardentemente.

stranià = agg. – straniato, allontanato; nostalgico; intimidito, confuso, stranito.

stranios = agg. – nostalgico.

strano = agg. – strano.

straondar = vr. – lanciare; cfr. anche dar na onda.

straordenari = agg. e s.m. – straordinario; lavoro eseguito oltre l’orario consueto.

strapac = s.m. – strapazzo; sfacchinata; vestì da strapac abito da lavoro.

strapaciar = vr. – strapazzare, maltrattare; sciupare; affaticare.

straparlar = vr. – straparlare; vaneggiare, farneticare.

strapasin = s.m. – chiavistello; catenaccio; cfr. anche stropasin.

strapiantar = vr. – trapiantare.

strapiombo = s.m. – strapiombo; precipizio, burrone.

straSida = agg. f. – riarsa, patita (detto di specie vegetale).

strasinar = vr. – trascinare, strascinare.

straSir = vr. – stentare; rinsecchire; inaridire.

stramisier = s.m. – trafficone; procaccia, vettore.

stravagant = agg. – stravagante.

stravaliar = vr. – delirare, vaneggiare, farneticare.

stravaSar = vr. – travasare; spandere.

straveder = vr. – stravedere.

stravegole = s.f. pl. – traveggole, offuscamento temporaneo della vista a causa di malessere; abbaglio, visione deformata.

stravencer = vr. – stravincere.

straventi = s.m. pl. – folate di vento, turbini.

stravert = agg. – strambo; temerario, spericolato.

stravolt = agg. e s.m. – stravolto, turbato; rovesciato con violenza; stravolti alberi travolti dalla furia degli elementi.

stregaoz = s.m. – straccio, cencio; legaccio logoro; cfr. anche strigauz.

stremenzì = agg. – striminzito, gracile, misero.

stremir = vr. – spaventare.

strengada = s.f. – sgridata; bastonata.

strenger = vr. – stringere; restringere.

strenghe = s.f. pl. – stringhe, lacci da scarpe.

strent = agg. e s.m. stretto; strettoia; vegnir ale strente alle strette, concludere.

strentor = s.m. – morsa di legno da falegname.

stria = s.f. – strega; donnaccia; furga, scaltra, ammaliatrice; el naria anca nel cul dele strie detto di persona intraprendente, sfrontata.

striamenti = s.m. pl. – stregonerie, fatture, malie, incantesimi.

striir = vr. – stregare, ammaliare.

stric = s.m. – spillo da balia o di sicurezza.

strigar = vr. – sbrigare; cfr. anche destrigar.

strigauz = s.m. – straccio, cencio; brandello; legaccio logoro; cfr. anche stregaoz.

strighiar = vr. – strigliare; cfr. anche strigiar.

strigia = s.f. – striglia.

strigiar = vr. – strigliare; cfr. anche strighiar.

strinzera = s.f. – cinghia, legaccio; te meto mi strinzera ti tengo io a freno (cfr. anche tegnir en stropa tenere a freno)..

striSa = s.f. – striscia, stria, linea, riga; striscia; fig. sbornia.

striSar = vr. – striare; scalfire; sfregiare; strisciare; sfiorare, rasentare.

striSon = s.m. – grande striscio, graffio; grossa riga.

strivelada = s.f. – torsione; torcimento che fa perdere l’equilibrio della persona.

stroc = s.m. – striscio, orma tracciata camminando nell’erba; pl. strogi; cfr. anche droc.

strolec = s.m. – astrologo; indovino; stregone.

strolega = s.f. – strega; donna furba.

strombetir = vr. – strombettare.

stronz = s.m. – stronzo.

strop = s.m. – tappo, turacciolo; chiusura.

stropa = s.f. – vermena, ramo flessibile di lantana o di salice; legaccio; tegnir en stropa tenere a freno; far giò strope cogliere vimini (fig. confessarsi).

stropacul = s.m. – frutto della rosa canina; cfr. anche sbregacul.

stropaia = s.f. – siepe di recinzione; stecconato, steccato.

stropar = vr. – tappare, turare.

stropar = s.m. – salice, vimine (Salix viminalis).

stropasin = s.m. – chiavistello; catenaccio; cfr. anche strapasin.

stropi = agg. – storpio; pl. stropi.

stroza = s.f. – treggia; rozzo slittone da carico usato su strade mulattiere, erbose o sassose, in forte pendio.

strozar = vr. – strozzare; faticare.

strozat = s.m. – piccolo traino, strascico; pista tracciata dalle orme dei piedi; fig. sentierino; sentiero su dirupi; slittino ad un posto.

strozata = s.f. – slittino; cfr. anche careghet.

strozec = s.m. – striscio della slitta; pl. strozii; strozii suole degli scivoli della slitta da carico, costituite da fasce di legno duro applicate sotto gli scivoli e sostituibili al loro esaurimento; cfr. anche sola.

strozega = s.f. – strascico; traino; corteo, fila.

strozegar = vr. – strascinare; strozegarse a ca’ trascinarsi a casa.

struc = agg. – stretto; fisso; premuto; tegnir struc tenere saldamente; fig. esere avaro; eser struchi essere pigiati, stare stretti.

strucar = vr. – stringere, premere, spremere, un limone; strucar giò en bicerot trangugiare un bicchiere di vino; p.p. strucà.

strucada = stretta, stringimento.

strudel = s.m. – dolce casalingo, torta arrotolata farcita di frutta..

struf = s.m. – strappo, balz, spunto, scatto.

strugiol = agg. – raggrinzito.

strugiolar = vr. – stropicciare, strofinare; sgualcire; scompigliare un vestito.

strusiar = vr. – faticare fino a logorarsi, patire di stenti.

strut = s.m. – sugna cotta, strutto; cfr. anche seo.

struz = agg. – mingherlino; cfr. anche sfruz.

stua = s.f. – camera da letto e soggiorno rivestita di legno e riscaldata da una stufa rivestita di fornelle di cotto (ole, cfr.) con un letto ad una piazza e mezza o un lettone.

stual = s.m. – stivale;el tira su i stuai tira le cuoia.

stuc = s.m. – stucco, malta; restar de stuc rimanere di stucco.

stucar = vr. – stuccare, turare con lo stucco.

studiar = vr. – studiare; esamiare; ponderare.

stuf = agg. – stufo, annoiato; stuf agro e stomegà stufo e arcistufo.

stufos = agg. – noioso, fastidioso.

stupidarie = s.f. pl. – stupidaggini, scempiaggini.

stupidel = agg. – stupidello.

stuzegar = vr. – stuzzicare; cfr. anche stizegar.

stuzen = s.m. – schioppo.

su = prep. e avv. – su, sopra; su alt disopra; dir su recitare, sparlare; tor su raccogliere; su giò all’incirca; su sora disopra; su sota su, sotto la parte alta, sotto il soffitto.

subia = s.f. – lesina; fig. persona magra, allampanata; subia da forar lesina per forare il cuoio; subia dala canela lesina da calzolaio con scannellatura.

subir = vr. – subire.

subit = avv. – subito.

sudar = vr. – sudare; faticare.

sudizion = s.f. – soggezione.

sudor = s.m. – sudore.

sudorini = s.m. pl. – sudore freddo per emozione o malessere.

sugaman = s.m.- asciugamano.

sugante = agg. e s.f. – assorbente; carta assorbente.

sugar = vr. – asciugare.

sugerir = vr. – suggerire.

sugo = s.m. – sugo, intingolo; succo; gusto; sentimento; sugo de gorizia liquirizia in confetti (cfr. anche liquirizia e merda de gat).

Sunta = n.pr. – Assunta.

supa = s.f. – zuppa, minestra; fig. tedio, noia; supa de caval minestra di brodo, fette di pane fritto nell’olio cosparse di vino; cfr. anche pan e vin.

supera = s.f. – zuppiera; cfr. anche supiera.

superar = vr. – superare.

superbia = s.f. – superbia.

superficial = agg. – superficiale.

superfluo = agg. – superfluo.

superstizion = s.f. – superstizione.

supiera = s.f. – zuppiera; cfr. anche supera.

suplement = s.m. – supplemento.

suplicar = vr. – supplicare, pregare, chiedere umilmente; inoltrare una supplica scritta.

suplir = vr. – subire.

suponer = vr. – sottoporre.

suponer = vr. – supporre.

suposto = s.m. – arroganza, boria, alterigia, sussiego.

suposto = agg. – arrogante.

sur = s.m. – sughero; turacciolo.

susidi = s.m. – sussidio, contributo.

suSin = s.m. – susina, prugna.

suspet = s.m. – sospetto.

suster = s.m. – calzolaio.

Sustine = soprannome di famiglia a Sover.

susur = s.m. – sussurro; rumore; baccano.

susuron = s.m. – chiassone.

sut = agg. – asciutto.

suta = s.f. – siccità; sete.

suta = agg. f. – asciutta; vaca suta vacca priva di latte.

suzeder = vr.- succedere, accadere; p.p. suzedù.

svagar = vr. – svagare, divertire; distrarre.

Svaldi = cognome.

svaligiar = vr. – svaligiare, rubare; dare fondo alle provviste.

svampolarse = vr. – svagarsi, divertirsi, darsi alla bella vita.

svanì = agg. – svanito, che ha la memoria indebolita; svaporato; svampito.

svaniment = s.m. – svenimento; cfr. anche stornisia.

svanzaroti = s.m. pl. – avanzi di cibo; cfr. anche sfrugni e vanzaroti.

svanzeghe = s.f. pl. – svanziche; denari, soldi. La svanzica, o lira austriaca di 20 Kreuzer o venti carantani, era pari alla lira italiana di 20 soldi o 100 centesimi.

svanzo = sm. – scancio, muro in linea obliqua; cfr. anche sguanz.

svaporar = vr. – svaporare, evaporare.

svaSolar = vr. – sprecare; scialacquare; svaSolarse spassarsela allegramente scialando.

svaSolon = s.m. – scialone, sprecone.

svedeSi = s.m. – fiammiferi di sicurezza.

svegiarin = s.m. – svegliarino; orologio, sveglia.

svegnir = vr. – svenire.

svelar = vr. – svelare, palesare.

svenar = vr. – svenare.

sventà = agg. – sventato, sbadato.

sventar = vr. – soffiare, spirare, far vento.

sventola = s.f. – sventola; fig. colpo, schiaffone; rece a sventola orecchie a sventola.

sventolar = vr. – sventolare.

sventrar = vr. – sventrare.

sventura = s.f. – sventura.

svergelada = s.f. – colpo di verga.

svergelent = agg. – flessibile, pieghevole; brioso.

svergelenta = agg. f. – briosa; detto di voce acuta, penetrante.

sverginar = vr. – sverginare; fig. incignare; cfr. anche enprimar.

svergognar = vr. – svergognare.

svergol = agg. – svergolato.

svergolar = vr. – svergolare.

sverzar = vr. – sverzare, scheggiare.

sverzelin = s.m. – verzellino, canarino selvatico.

SveSeri = top. – Sveseri, fraz. del Comune di Sover.

svezinar = vr. – avvicinare.

svignarsela = vr. – svignarsela.

svilupar = vr. – sviluppare, far progredire; progredire nella crescita; raggiungere lo sviluppo fisico; cfr. anche farse fora.

svivachiar = vr. – vivacchiare.

svoidar = vr. – svuotare; spargere; rovesciare, versare.

svolta = s.f. – svolta, curva; cfr. anche volta.

svoltada = s.f. – svolta, curva; cfr. anche svolta e volta.

svoltar = vr. – svoltare, fare una curva; cambiar direzione.

svoltolar = vr. – svoltolare; capovolgere; rivoltare; rotolare.

svoltolon = s.m. – ruzzolone; frugone; persona che soffre d’insonnia; a svoltolon rovesciato, rovinato.

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print