Z

zacada = s.f. – scorpacciata; morso.

zacar = vr. – masticare; rosicchiare; mordere; p.p. zacà; zacà dale tarme roso dalle tarme; zacarse la lingua mordersi la lingua, pentirsi di aver parlato.

zacarina = s.f. – saccarina.

zacarol = s.m. – biascicone; piscialletto.

zac e tac = inter. – zacchete; lì per lì; e avv. subito.

zacole = s.f. pl. – zeccole; zacchere, briciole, inezie; miscuglio di ortaggi; misto di confettini minuti. zacon = s.m. – morso; mangione; biascicone; el zaca le parole, biascica, farfuglia.

zafer = s.m. – trapano a mano.

zafèr = s.m. – autista.

zaibel = s.m. – varietà di uva nera, piccola e aspra; il vino prodotto con la stessa.

zaiga = s.m. – stuzzichino, molestatore.

zaigar = vr. – molestare, stuzzicare; questionare; cfr. anche zibecar.

zailo = s.m. – piccolo appezzamento di terra; dim. zailot.

zalanchi = s.m. – piedi grandi o malfatti.

zaloco = agg. – tonto, grullo; rozzo.

zalocon = s.m. – chi cammina in modo sgraziato; dinoccolato.

zambel = s.m. – diga, sbarramento; guaio, grattacapo; inciampo.

zampegola = s.f. – crostaceo di acqua dolce.

zampetola = s.f. – straccio; piccola pezza; sbrendolo; scarpa logora.

zana = s.f. – dente; tacca fatta coi denti; tacca nel tronco d’albero.

Zancanella = cognome.

zangaron = agg. – inetto, incapace.

zangola = s.f. – zangola, attrezzo in legno a forma di cassetta usata per fare il burro in casa (altro arnese per fare il burro in casa e la pigna a doghe).

zanifli = s.m. pl. – denti irregolari.

Zanol = cognome.

zanon = agg. e s.m. – zannuto, che ha brutti denti; grosso dente.

zanzala = s.f. – zanzara; cfr. anche zinzala.

zapa = s.f. – zappa.

zapador = s.m. – zappatore. Prov.: comare menudola, compare peciol vei che la zapadora dal camp l’ei fora.

zapar = vr. – zappare.

zapativa = agg. – lavorata a zappa.

Zapi = soprannome di famiglia a Cembra.

zapin = s.m. – zappino, attrezzo di ferro appuntito e adunco con lungo manico di legno che serve per manovrare tronchi d’albero con l’aiuto anche della stica e del chiamper (cfr.).

zapon = s.m. – marra per rimescolare la malta.

zarpir = vr. – raspare con le unghie.

zater = s.m. – zatteriere.

zatera = s.f. – zattera.

zaverei = s.m. confusione.

Zeber = soprannome di famiglia a Piscine.

zebigo = s.m. – uva zibibbo.

zeca = s.f. – secca; noo de zeca nuovo di zecca; cfr. anche noo de trinca.

zechin = s.m. – zecchino, moneta.

zeder = vr. – ceder; venir meno; calare; acconsentire.

zeghel = s.m. – schiacciata di farina, di scarso sapore.

zeghenar = vr. – punzecchiare, provocare; seminare zizzania; cfr. anche zibecar, zinzegar, zizegar.

zel = s.f. – mallo della noce; imenoforo del fungo comprendente lamelle, tubuli, aculei, spore.

zelt = s.m. – telo da tenda; telo impermeabile; telo da fieno.

zeltplot = s.m. – letto da tenda.

Zini = soprannome di famiglia a Sover.

zentena = s.f. – centina; cfr. anche centena.

zentenar = s.m. – centinaio; centenario.

zento = agg. – cento.

zentoscalzi = s.m. pl. – centopelli; trippe.

zenzagnon = s.m. – stuzzichino, molestatore.

zep = s.m. – trappola per sorci costituita da una tavoletta di legno su cui è fissata una molla metallica.

Zep = n.pr. – Giuseppe.

zep = agg. – zeppo, pieno.

zermonica = s.f. – fisarmonica che per ciascuno dei vari tipi viene chiamata armonica, concertina, cioca, cromatica, muSica, orghen, reta, similtone, sonadora.

zero = s.m. – zero.

zerto = agg. e avv. – certo.

zeruc = avv. – indietro; di ritorno.

zerucar = vr. – indietreggiare.

zevil = agg. – civile, distinto, cortese, delieato; parlar zevil parlare in bella lingua.

zevilin = agg. – gentile; schizzinoso.

zezania = s.f. – zizzania; fig. seminatore di discordia; cfr. anche zizania.

Zeziliani = soprannome di famiglia a Sover.

zia = s.f. – zia.

zibaldon = s.m. – fanullone.

zibèc = s.m. – cavicchio, pezzetto di legno cilindrico; fuscello.

zibecar = vr. – stuzzicare, punzecchiare; cfr. anche zeghenar, zinzegar, zizegar.

zic = s.m. – graffio; piccolo taglio; piccolo strappo.

zichenin = agg. – pochino.

zicol = s.m. – minuzzolo, pizzico, briciolo; ritaglio

zicolar = vr. – tagliuzzare, sminuzzare; smuovere il terreno col sarchiello.

zicole = s.f. pl. – minuzzoli, ritagli, frammenti di carta o legno o stoffa.

zicoria = s.f. – cicoria; surrogato del caffè; fig. testa; cfr. anche zucoria.

zidios = agg. – accidioso; fastidioso.

zifol = s.m. – fischio.

zifolar = vr. – zufolare, fischiare; fig. orinare.

zifolot = s.m. – fischietto; ragazzino esile; cfr. anche zifot.

zifot = s.m. – ragazzino esile; cfr. anche zifolot.

zigaineri = s.m. pl. – zingari; cfr. anche cingheni.

zighera = s.f. – sigaro; formella a cono di ricotta cosparsa di pepe ed affumicata.

zigheret = s.m. – sigaretta.

zig-zag = s.m. – zig-zag.

zimberlo = agg. – alllegro, euforico.

ziment = s.m. – cemento.

zimentar = vr. – cimentare, provocare, stuzzicare; mettere alla porta.

zimoza = s.f. – cimosa.

zimpiar = vr. – acciarpare, lavorare in modo impreciso; pizzicare; sfregiare, sciupare.

zimpion = s.m. – ciabattone; attrezzo da lavoro scassato.

zinchete flinc = inter. – Voce onomatopeica indicativa di uno strappo o di un lampo.

zinighel = s.m. – maiale; cfr. anche zino; pl. zinegheli.

zinga = s.f. – affilatura perfetta.

zingo = s.m. – zinco.

zinia = s.f. – zinnia.

zino = s.m. – maiale; cfr. anche zineghel.

zinquanta = agg. – cinquanta.

zinquanti = s.m. pl. – tavole di legname dello spessore di 5 crn.

zinquantin = s.m. – cinquantino, moneta.

zinque = agg. – cinque.

zinquin = s.m. – moneta da cinque centesimi.

Zinto = n.pr. – Giacinto.

zinzala = s.f. – zanzara; cfr. anche zanzala.

zinzegar = vr. – punzecchiare, stuzzicare; scalfire.

zinzola = s.f. – altalena; donna vagabonda.

zio = S.m. – zio.

zipec = s.m. – taglietto con le forbici.

zircondol = s.m. – circolo, cerchio.

ZireSi = soprannome di famiglia a Sover.

zireSo = s.m. – ciliegio; cfr. anche ciareSar.

zerimbecol = agg. – birichino.

ziri ziri = s.m. – codibugnolo, cutrettola; cfr. anche baticoa.

zirm = s.m. – cirmolo, pino cembro (Pinus cembra).

zirondol = s.m. – circolo, cerchio.

zismi = s.m. pl. – fisime, ubbie; dubbi.

zispa = s.m. – stuzzichino, molestatore; agg. – accidioso.

zispar = vr. – infastidire.

zità = s.f. – città.

zitadin = s.m. – cittadino.

zitela = s.f. – zitella; cfr. anche ameda.

zitera = s.f. – cetra orizzontale da tavolo.

zito = agg. – zitto; cheto; fermo.

zivec = s.m. – cavicchio, pezzetto di legno cilindrico; fuscello; cfr. anche zibec e zuec; pl. zivechi. zizania = s.f. – zizzania; cfr. anche zezania.

zizegar = vr. – stuzzicare, punzecchiare; scalfire; cfr. anche zaigar, zeghenar, zinzegar, zibecar. ziziliani = s.m. pl. – siciliani; cfr. anche siziliani.

zoava = agg. – zuava, alla maniera degli zuavi.

Zobedi = soprannome di famiglia a Sover.

zocada = s.f. – testata, botta, urto.

zochenar = vr. – parlare in dialetto tedesco.

zocol = s.m. – zoccolo, basamento; zoccolo, calzatura di legno da contadino; zocol da stala zoccoli da stalla cosi ampi da potervi infilare comodamente i piedi calzati da scarponi; cfr. anche cosp.

zodega = s.f. – straccio.

zoderle = s.f. pl. – abiti logori.

zoderlon = s.m. – straccione.

zofort = avv. – subito.

zola = s.f. – gancio metallico per allacciare gli abiti.

zolin = s.m. – piccolo gancio metallico per allacciare gli abiti.

zomberla = s.f. – botticella per il trasporto in montagna di acqua o vino.

zon = s.m. – birillo; fig. melenso.

zopa = s.f. – toppa di zolla erbosa, piota.

zoparole = s.f. – zoppe erbose, piote.

zopegar = vr. – zoppicare.

zopela = s.f. – ciabatta, pianella.

zopelar = vr. – ciabattare, camminare con le ciabatte.

zopelon = s.m. – ciabattone, che cammina strascicando le ciabatte.

zopetar = vr. – ciabattare; scalpicciare; scalpitare.

zopina = s.f. – afta epizootica.

zopinar = vr. – zoppicare; scarpinare.

zoraica = agg. f. – trasandata.

zoria = s.f. – maggiolino; fig. sbornia.

zorlada = s.f. – sbornia.

Zorz = n.pr. – Giorgio (dim. Giorgele, Zorzin, Zorzeta.) Prov.: se ’l tona ’nanzi san Zorz ancor quaranta dì de invern aven.

Zorzatei = soprannome di famiglia a Sover.

Zorzati = soprannome di famiglia a Sover.

Zorzi = soprannome di famiglia a Sover.

zuca = s.f. – zucca; fig. testa.

zucamara = s.f. – dulcamara (Solanum dulcamara).

zucher = s.m. – zucchero.

zucon = s.m. – zuccone, testone, ottuso di mente.

zucoria = s.f. – cicoria, radicchio; surrogato di caffè in polvere ricavata alle radici della cicoria; cfr. anche zicoria.

zuec = s.m. – cavicchio, pezzetto di legno cilindrico; fuscello; cfr. anche zibec e zivec.

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print