(I) luce

Era lì, mi osservava
assente
come un volo di farfalla
uno sguardo impietoso
e poi morire
volevo soltanto morire
mentre scendeva dietro la duna
baciando un’acacia
annegata di miele

Giuliano

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Commenti (2)

  1. diaolin (Autore Post)

    Da Facebook

    Saverio Gelardi

    Anche se le parole descrivono dei movimenti dettati dal verbo scendere e dal volo di farfalle, l’atmosfera è immobile, il tempo sospeso, si sente una magia come un brivido nella schiena. Anche se nasce il desiderio di morire, si sente un respiro di vita di fronte a quel miracolo di luce che va a sparire.
    Troppo spesso l’uomo è indifferente di fronte alla natura, mentre siamo noi ad essere a lei indifferenti. Questa consapevolezza significa sensibilita’ che ti appartiene in maniera evidente.

    Rispondi
    1. diaolin (Autore Post)

      Molte grazie, scusa per il ritardo del commento ma lo ho visto solo oggi, dopo ben 3 anni
      Scusami ancora

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *