la strìsa…

      2909.mp3

sentadi su ‘n de i tròni
col cul ben mes al calt
i gà fat su na strìsa
al dèbit cole gènt

Ma chiche à levà ‘l bèch
i l’à cetà par sèmpro
col modo tut de ancöi
che i gà a cavar i ciòdi.

Remenghi a darghe òdia
lì pronti a far na cros
spetàn sol che i ne vis’cïa
spalando a sqoerger  fòsse

I n’à robà ‘l nòss viver
credendo che ‘l fus sò
alor ‘mpienìn le piaze
scoltando ‘l s’ciòp cantor

Giuliano

la striscia…

seduti sopra i troni | col culo appoggiato al caldo | hanno tirato una striscia | sul debito con la gente | e quello che si lamenta |  l’hanno zittito per sempre |come fanno al giorno d’oggi | per togliere i chiodi (pagare i debiti) | Raminghi ad ascoltarli | sempre pronti a fare una croce | aspettiamo una frustata | spalando a coprire tombe | ci hanno rubato la vita | credendo fosse loro | allora riempiamo le piazze | ascoltando il canto del fucile

Oggi inizia una nuova guerra… oggi è il 2 agosto 2011 e hanno deciso che da oggi si muore. Aggiungo inoltre che l’ultima riga è quello che ho scritto: ascoltando il canto del fucile (Se dico Siria è più chiaro? Se parlo di rivolte zittite con il fucile nel silenzio dirompente della nostra civiltà, riesco a farmi comprendere meglio?). 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “la strìsa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available