en bào…

I à dit de siàrne dèstri a st’aventura
la vita l’à ciapà na piega storta
come che ‘n bào l’avess fat zimitèri
de qoél destin che aveven metù ‘nsèma
travài de i nòssi dì, renèla róta

De prim l’èra giornade, setemàne
e po’ la ragia corta a fat la tonda
disèndo che le trèi le è come aéri
e i mesi à corèst mèsteghi da sói
lassandome chi biót come pan séch
a veder i òci pàssi de na sióra
sentada su ‘n scagnèl, sföiàr sgrizöle

en brut malan l’è sta a serarne ént
nà via carezze, basi e tràpole de cör
ne s’è ‘mpestà la ment de dubi e colpe
fasèndo tàola néta a le passión
e ‘l n’à vestìdi su come che sen

en bào i à dit, dalbòn
el rónca ‘l sentiment

Giuliano

un mostro…

ci hanno detto di rilassarci per quest’avventura | la vita ha preso d’improvviso una piega storta | quasi che un mostro abbia fatto un cimitero | di quel destino che ci eravamo costruiti | col lavoro di ogni giorno, battola rotta | all’inizio erano giorni, poi settimane | e la lancetta corta ha fatto il giro | dicendo che anche oggi le tre sono uguali ieri | e i mesi sono passati, mesti, da soli | abbandonandomi qui asciutto come pane secco | ad osservare gli occhi tristi di una signora | seduta su uno sgabello a pulire stridoli(silene) | è stato un brutto malanno  che ci ha rinchiusi in casa | andate via carezze, baci e giochi di cuore | si è infettata la mente di dubbi e colpe | liberato l’orizzonte dalle passioni | e un sarto ci ha vestiti come siamo | un mostro, hanno detto, davvero | ci scava il sentimento

Musica: Basiani – Suliko https://www.youtube.com/watch?v=FPjf8E6tk78

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

trappola per topi…

La mia strada si palesa
Sotto i passi sollevati
Dal selciato di parole
Date al vento come pula
Lascia tracce sopra l’acqua
Distillato d’una lacrima d’amore
Gocciolata su una brace, sigaretta
Resta il fumo che si spande
E confonde menti pure
Scorre un cappio, stringe piano
C’è una pietra sul cammino
La colpisco con un calcio
Rompe un vetro e cambia il senso
Il futuro a quadri d’oro

Giuliano

Quello che mi succede è frutto del mio fare e non del mio dire che rimane rumore nel vento. Non resta traccia delle mie parole, sono impronte su una goccia d’acqua, distillata da una lacrima di cuore, caduta su una brace di sigaretta e diventata fumo che evapora confondendo i pensieri più puri. La vita mi porta allo stesso punto, inesorabile. Ciò che faccio non dà sempre risultati positivi, magari fa male a qualcuno. E il mio futuro è la prigione d’oro che mi sono costruito.

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

Pàirisc…

Su le corde de ‘n spartito a sète passi
se sbalanza quatro àrfi de zibòga
tràti lì da ‘n sonador co i òci grévi
par contàrne le sò nòt da rotolàna

Doi par man e trei ennanzi, ‘n pè par aria
l’è ‘l respiro de ‘n pensér che sgola alt
pàr na cònta de putàti a scòndiléoro
che ‘mbastisse a modo sò ‘n amor furèst

Bate ‘l bòt le scarpe, ‘n tèra, orlòi bosiadri
anca ‘l tèmp, compagn torégn, el spèta ‘n cìn
e a qoél un che ‘l sghigognàva sul portón
ghe se ‘mpónta lì na nota come ‘n cìch

Tut se ferma ‘n na siráca e l’uss se sèra
parla sol la luminària del Comun
e i amori de’ n putàt scondù ‘n te ‘n vòlt
i è ‘l color de la pitura dei so’ ensògni

tràti lì sui salesàdi  a tegnir calt

Giuliano

Pàirisc…

sulle corde di una partitura Sette Passi |  ondeggiano quattro respiri di una fisa | messi lì da un suonatore, gli occhi bassi | ci racconta le sue notti, pipistrello |  due per lato e tre in avanti, un piede al vento | e il respiro di un pensiero vola alto |  sembra un racconto di ragazzi a nascondino | a imbastire a modo loro amori stranieri | tengono il passo le scarpe a terra, orologi bugiardi | e anche il tempo, arido amico, attende il colpo | e a quel tipo che strimpella sul portone | gli si impunta fisso un tasto, quasi un grido | tutto cede a una bestemmia e l’uscio sbatte | parla solo la luminaria del Comune | e gli amori di un ragazzo ben nascosto nell’avvolto | sono il tiepido colore del dipinto dei suoi sogni | abbandonati sul selciato a riscaldarli

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

embesuìdi…

par ‘n altro mondo ogni doman
canti de osèi che sfieta l’aria crùa
nùgole sgionfe preciss che da putàt
e ‘l ciél azùr che ‘l me sconfióna ént
rumor de àuti bàter d’ale de pavèle
ma i mè penséri i sgola a bòtaciuch
enmaginando, nét, qoànche ‘l orlòi
darà de vòlta ‘n cessacùl, torégn
le gènt, lontàne, pegore spavènte
con tut el tèmp perdù ‘n menuti
che i ghe pàr bézi a balón
le speta luce verda a nar de onda
a meterse de nöo a ‘mpienìr buse
e tut sto tàser fiss de ‘l mondo entorn
se perderà ‘n te ‘n crèp senza redentio
lassando che la storia no la còntia
e i s’ciavi i restass cióti come aéri

Giuliano

ipnotizzati…

sembra diversa ogni mattina | canti di uccelli tagliano l’aria dura | nuvole gonfie come quand’ero bambino | e un cielo azzurro che si fa posto dentro al cuore | rumore di automobili come batter d’ali di farfalle | ma i miei pensieri volano a casaccio | immaginando, chiaramente, quando l’orologio | tornerà sui propri passi, arido |  la gente, lontana, come timide pecore | con tutto il tempo perso in minuti | che sembrava fiumi di denaro | attendono il verde di un semaforo per andare veloci | a rimettersi a riempire buche | e questo silenzio intenso del mondo intorno | finirà in un tonfo senza scampo | lasciando che la storia sia solo fumo | e gli schiavi  castrati come ieri

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

canzon…

sgaùseme ‘l cör
da i fiori de brugnàghera
i embastisse co i so’ spini
la domàn de tut le nòt
enrapolàde a na fianèla
destendùda al ciàr de luna
a scoltar cèt el cant rebùf
de na sgnaolàda de gatàre
‘mbesuìde de pasion
par na petìzza che se scònde
ént ‘n de ‘n vòlt, solàgna

sgaùseme ‘l cör
che ‘l me ‘ndorbiss el sentimént
e ‘l fà sgociàr làgreme rosse
se sporca ‘l nàr denanzi de mi
e le ciapèle le fa róta ‘n la spinàra
resta bolìfe a ‘mpituràr sassi
smondolàdi da i penséri

sgaùseme ‘l cör
resterà posto anca par ti

Giuliano

canzone…

sgombrami il cuore | dai fiori di cardo | che imbastiscono  con le loro spine | le aurore dopo tutte le notti | avvinghiate a una flanella | distesa al chiaro di luna | mentre ascolto in silenzio il canto arrabbiato | del miagolìo di alcuni gatti | ipnotizzati di passione | per una tracotante che si nasconde | in un avvolto, sola | sgombrami il cuore | che mi acceca il sentimento | e lascia scorrere rosse lacrime | si sporca l’incedere davanti ai passi | e le mie orme dipanano il groviglio di spine | rimangono piccole braci rosse, testimoni sulle pietre | arrotondate dai miei sogni | vuotami il cuore | rimarrà posto anche per te

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

la facéra…

na volta, me recòrdo, èra putàt
a Nadàl tute le gènt se la rideva
contente e ‘mbarlumade da la festa
da prim èra passà la Santa Lùzia
co ‘l àsen cargà su, giöghi e zirèle
e i ne ‘ncantava su con qoéla slòica
che no se se pandés se la vedeven

vegnìva ‘l bambinél co i mandorlati
e ‘l cest de la Redodesa,  carbon
ancöi che ‘l saven bèn sia tut na bala
riden ancor de pù e  trinchenan bolìfe
par endorbirne font el sentiment
e  farghe bèla facia anca a i nemizi

par s’ciòp doi restelére tute bianche
facére còntra noi e ‘n mondo tórtc

na volta, me recòrdo, èra putàt
e ‘l Carneval ‘nsomiàva a libertà
de èser chiche no èra ‘n menut sol
e ancöi el resta a dirme chiche son
e a farme da facéra  ‘l muss che ài
denànzi a ‘n spègio tond che è sol bosìe
se ‘l vardo de travèrs
col cör malà de ént

Giuliano

una volta, mi ricordo, ero bambino | e a Natale tutta la gente sorrideva | contenta ed abbagliata dalla festa | per prima era venuta Santa Lucia | su un asino caricato di giochi e dolci | ma ci incantavano con una vecchia storia | di non rivelare che la conoscevamo | veniva il bambinello coi torroni | e il cesto della Befana, col carbone | e oggi che sappiamo sia tutta una balla | ridiamo ancora di più e beviamo spumante | per accecarci fondo il sentimento | e fare un gran sorriso anche al nemico | per fucile due rastrelliere belle bianche | maschere contro di noi e il mondo tronfio | una volta, mi ricordo, ero bambino | e il Carnevale sembrava libertà | di essere qualcun altro per un minuto | e oggi mi rivela solo chi sono | e uso come maschera la mia faccia | davanti a uno specchio tondo e un pò bugiardo | se lo osservo di traverso | col cuore malato, dentro

 

La musica è di Karole King, You’ve Got a Friend e la foto è dei matòci di Valfloriana

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

De là da ‘l fòss…

e zérca e zérca e  sfódega  la mént
m’ài rendù cònt del tó ‘n tra mi e mè ca’
è tut restà al de là, via oltra ‘l  sgrèben
roncà da ‘n rìo de ciacere e penséri
de ‘nsògni tórboi, desidèri
negre gocie ‘n ponta a ‘n làpis
en pònt solàgn sul fòss ‘n de la mè testa
el me ‘mbriàga mizz, co ‘l cant che ‘l par sirene,
de far stropaie còntra ‘l mè sbrindolar balèch
pogià su le mè gambe entortolàde a la passión
sta strìa che la me ‘ncànta a ór de sbriòchi

de là da ‘l fòss ài la cardènza de i recòrdi
co i cassettini e ‘l sò caröl che ‘l nìna nòt
la mè zibòga a bramàr man e braciacòi
e i òci töi che i me ‘mbarlùma nébie cète
dai dai da ‘n pèz che su na ponta de matita
se tèn empè qoél baticör che ‘ntòna ‘l tèmp
pan pian de sot se rosega le ròste
e se slontàna anca i mè passi ‘n contra al vènt

de là da ‘l fòss resta ‘n sólch che è sol ciapèle
e ‘l rèst lè chìve, passà qua ‘l ultim menùt
l’à traversà qoél lapìs, sbusà fiss el migól
scampà ligér su ‘n fòli de scondon
prima che sparìss tut, smolinà via
magnà da ‘n spizzalàpisi

Giuliano

al di là del fosso…

e cerca e cerca e poi rovista nella mente | mi sono reso conto del baratro tra me e la mia casa | tutto è rimasto al di là del dirupo | scavato da un rivo di chiacchiere e pensieri | di sogni torbidi, desideri | gocce nere in punta a un lapis | unico ponte sopra il fosso dentro la mia testa | mi ubriaca, fradicio, col suo canto che pare sirena |  di mettere un limite al mio gironzolare sbrindellato | appoggiato alle mie gambe avvinghiate alla passione | questa strega che mi attrae a tutti i margini  dei precipizi | di là del fosso ho la madia dei ricordi | coi suoi piccoli cassetti  ed il tarlo che accompagna le notti | la mia fisarmonica che brama, muta, mani e abbracci | e gli occhi tuoi che mi illuminano da nebbie chete | è ormai da un pezzo che su una punta di matita | si regge il ritmo del mio cuore che accorda il tempo | pian piano, sotto, si sgretolano le rive | e si allontanano i miei passi incontro al vento | di là del fosso rimane un solco fatto di orme | il resto è qui, è passato l’ultimo attimo | ha attraversato il lapis | gli ha bucato il midollo | fuggito leggero su un foglio,  in segreto | prima che tutto svanisca, macinato | divorato da un temperamatite

Musica: Claire de lune, Debussy

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

Clòmeri de ‘nsògni…

se sporca de péste la néo primaröla
zédroni ‘mbriàghi no i tonda domàn
ciapèle de òmeni, gréve, sul tómol
le usma ‘n sintér de speranze angoràde
e se sfonda le scarpe da tènis sbusàde
istess de bachéti ‘mpiantadi ‘n na pózza
a tènderghe a osèi dré a bagnarse ‘l sò bèch
se sqoérge la sera de linzöi, ‘mbotonàdi,
slusènta de stéle, sarmàndola nòt
cognosso le vózi furèste ‘n te ‘l cör
le tròghena smanie de néte fianèle
e odori de pasti che slanega lengue
sugàde da prèssa de aver paradiss
se cucia le rame su le schene engobìde
l’è vis’cie, caréze, par àseni e mùi
vegnudi da ‘n do che creden sia tut bel
ma chive l’è nòss, par niènt no se à nient
Hotel sota ‘l pònt, menù su la carta
cartoni i piumini

i töl dré i sò ‘nsògni
i li pògia sul banco
valgun vargot crompa
valgun tira gió

Giuliano

venditori ambulanti di sogni

si sporca di tracce la prima neve | e i galli cedroni non danzano più | orme profonde di uomini sul colle | disegnano un sentiero di delicate speranze  | e affondano scarpe da tennis bucate | come fossero rametti piantati in una pozza | per prendere uccelli intenti a dissetarsi | si copre la sera di un lenzuolo, silenzioso, | lucente di stelle, salamandra la notte | conosco le voci forestiere nel cuore | trasportano smanie di flanelle pulite | e odori di cibo a irretire le lingue | asciugate dalla fretta di essere in paradiso | si piegano le fronde sulle schiene incurvate | sono staffilate, carezze, per asini e muli | arrivati da dove crediamo tutto sia bello | ma qui è tutto nostro, con niente non si ha niente | Hotel sotto il ponte, menù su una carta oleata | di carta i piumini | si portano i sogni | li esibiscono sul banco | qualcuno compra qualcosa | qualcuno contratta

Musica di sottofondo: Celtic Music – Fairy Forest

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

stràch…

l’è dì che me ronca de ent al me mì
stimàne che trògheno smanie revèrse
menùti slongadi stirona le ràgie
se pògia le ciaole sui rami de ‘nsògni
balèchi de sò, senza pali a ‘mpontarli
no gàto na spòna a polsàr le me storie
le gira ‘ntrombade de ent a le fìzze
de na plècia, cervèl, perduda ‘n la nòt
‘mbastìsso parole a contar che son vìo
le brèghelo a un che me varda da ‘n spègio
tacà a la portina de ‘n armàr carolà
el varda, ‘l me scolta po’ come spengiù
‘l se gira da l’altra e ‘l saluda machegn
se leva le spale istess che fuss niènt

me resta la nòt ensèma a le strìe
le bala e le ride e mi stìzzo ‘l fõch

Giuliano

stanco…

sono giorni che scavano dentro al mio io |  settimane che trascino le smanie più cupe | minut allungati deformano lancette | cornacchie appostate sui rami dei sogni | straniti da soli, senza niente a sorreggerli | non trovo più appoggi per placare le mie ansie | che girano ubriache dentro alle pieghe | di una massa, il cervello, disperso nella notte | abbozzo parole per dire “son vivo” | le urlo feroci a uno che mi osserva da dietro uno specchio | appeso a un’antina di un armadio tarlato | mi guarda, mi ascolta e poi come rapito | si gira di scatto e saluta impetuoso | ed alza le spalle, superbo | rimangono notti assieme alle streghe | ballano, ridono ed io attizzo il fuoco

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

Nema

Grazie a Joe Barba per avermi invitato…

L’Europa è prima di tutto una grande narrazione.
Ha un pubblico sterminato: più o meno, l’intero pianeta.
Per molti, però, il finale è già stato scritto.

Alessandro Baricco ha chiesto agli studenti della Scuola Holden di raccontare il proprio punto di vista della vicenda, di portare avanti la storia con un colpo di scena, una svolta di trama, un innesco per una nuova narrazione.

Io ho preso un fiammifero, un annaffiatoio, un lampione e ho iniziato a girare.

Grazie a Diaolin Giuliano Natali e Alessia Sti Berti per la professionalità dimostrata, all’amico Corrado Measso e alla struttura Exformat Comunicazione s.r.l. per la disponibilità, a Sara Parisi per il lavoro di scenografia. Un cortometraggio che parla di capitalismo, di fede, di luce. Accendiamo tutti assieme il nostro fiammifero e torniamo, sottovoce, a parlare di Europa.

NEMA!

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

Caccia al tesoro

una caccia al tesoro che è dentro di noi

 

Controllate questa pagina, ogni tanto, troverete le indicazioni per raggiungere gli oggetti
sparsi in tutta la valle…

Metterò una mappa con le coordinate per trovare i vari oggetti che compongono il percorso.
Mano a mano che mi sarà comunicato toglierò gli oggetti dalla  mappa

In ogni caso se voi vorrete cercare i piccoli “tesori” li troverete nei paesi della valle,
raccoglieteli e leggeteli poi avvertitemi di quello che avete trovato.

In Ottobre ci sarà una serata per le premiazioni e per la discussione

C’è tempo fino agli inizi di ottobre.

Estote parati!

I Paesi coinvolti sono questi:

  1. Albiano
  2. Lases
  3. Lona
  4. Segonzano
  5. Valcava
  6. Gresta
  7. Sevignano
  8. Quaras
  9. Sover
  10. Piscine
  11. Montesover
  12. Casatta di Valfloriana
  13. Carbonare
  14. Capriana
  15. Grauno
  16. Grumes
  17. Valda
  18. Faver
  19. Cembra
  20. Lisignago
  21. Valle di Giovo (nei paesi)
  22. Mosana

Ogni tanto qualcosa lo troverete anche nei locali pubblici.

In tutto sono 85 tesori da recuperare…

Non serve che li troviate tutti ma cercateli e resterete stupiti…

La mappa è qui sotto.
Tutti i punti verdi sono già stati trovati.
Rimangono solo i punti blu.
Non tutto è sulla mappa, potreste trovare oggetti anche in altri posti. Cercateli nei bar, nei negozi, dove andate abitualmente.
Li riconoscerete subito.

Visualizza a schermo intero

Telefono mio per Whatsapp

3519491950

Buon lavoro.
Diaolin

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

San Bocal… parodia di San Martino di Carducci

la calc agl’irti muri
sbrinzetando sale
mentre sota le scale
urla e sbianchegia ‘l Toni

ma per le vie del borgo
tra ‘l gorgogliar del Piti
va ‘l aspro odor dei peti
l’anime ad asfisiàr

sale su ‘l irto selciato
‘l Pantoia bestemàndo
e sta ‘l Guldon fis-ciando
su ‘l uss a reghelàr

tra i verdastri arbusti
sbrinzi da boiar
magra consolazion del Pio
che sta a menàr

liberamente riscritta da… BEEP BEEP BEEP

sono persone importanti e posso rivelare il loro nome solo

dopo abbondante bicchierata al bar e senza telecamere

Non è mia, io l’ho solo recuperata

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

sbalià…

gai vardà ent a la roètena del cör
en mèzz al slanegàr de i campirlòti
che i entàcola i penséri mèi, de ràsa
gh’èra sol mi, co le mè smanie e le mè nòt
arcobaleni che sfendéva ‘l ciel tut grìss
canti de ciaole gio da i cròzi sora ‘l rìo
e ‘l mondo ‘ntorn pareva ‘l fuss sbalià
tut qoant, come na gràva che la trà
ài sfodegà ‘n de le me storie, fèrle strache
fintant che ‘l sol l’à fat na fìzza su ‘n te ‘l ciel
la spenge èla e se no ‘l va la rosega
en del sò nàrghe crùa encòntra a ‘l dì
sbalià no ai gatà niènt ‘n de ‘l pèt smanioss
envezi gh’èra strade pestolade tute a gesti
denànzi e anca dedré, enviade via da ‘n mat
senza la cóa a tegnìr la róta ‘n tra i bochéri
e ogni pass sarà qoél giust o no ‘l sarà
rèsta de ent ligér el sòfi al fior de ‘n grènghen
soménza ‘l spande ‘n l’aria, lassandome chi sol

Giuliano

sbagliato…

ho dato un occhio alla rovina dentro al cuore |  in mezzo all’erosione del suo incedere | ed attanaglia i miei pensieri, attaccaticci | c’ero solo io, con le mie smanie e le mie notti | arcobaleni che spezzavano il cielo grigio | feste di cornacchie dalle rocce sopra il fiume | sbagliato mi appariva il mondo intorno | tutto, come una ripa che lentamente frana verso valle | ho frugato dentro alle mie storie, stampelle stanche | fino a che il sole ha aperto un varco su nel cielo | lei spinge, lei, e se si ferma scava | nel suo crudo cammino  contro il giorno | sbagliato non ho poi trovato nulla dentro al petto | invece ho visto strade calpestate quasi a caso | in avanti e pure indietro, riaperte da un pazzo | senza coda per mantenere la rotta tra le scelte | ed ogni passo sarà giusto o non sarà | rimane dentro me, leggero, il soffio su un soffione di tarassaco | che sparge al vento i figli, lasciandomi qui solo

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

Eh, ma i negri…

Eh, ma i negri,
i negri potevano non farsi prendere dagli schiavisti!
Eh, ma i pellerossa,
i pellerossa erano abituati a una realtà dove non c’era la civiltà.
Eh, ma i terroni
i terroni non hanno voglia di fare niente
Eh, ma i politici a Roma
a Roma fanno quello che vogliono
Eh, ma in Provincia
in Provincia è tutto un magna magna
Eh, ma in Comune
in Comune fanno gli interessi del Sindaco e degli assessori
Eh, ma i volontari
i volontari hanno sicuramente un tornaconto
Eh, ma il vicino
il vicino di casa ha ricevuto la porzione di legna migliore
Eh, ma le leggi
le leggi devono essere più pesanti
Eh, ma mi…
Mi che?

Mi?
Mi, niènt

Diaolin

Ode al fascista in noi

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

destin…

bianca la cròda sora i qoèrti morèi
la flanèla de bàta de ciél, emprendù,
la caréza le anténe sfregolàde de ràzza
en te ‘n strùff, ultim sbròch, de ‘n invèrn malmostóss
la sbianchégia la val a far còntra a ‘n sol vìo
che ‘l la vede e  ‘n te ‘n sofi ‘l la deléva e po’ l ride

el silènzi ‘l compàgna quatro zìfoi de nùgol
che traversa, coriósi, tut la val come arnài
i töl dré ‘l bèl e ‘l brut prima bianch e po’ negro
ma i è bàbe par pöchi, chi ‘l li spèta ‘l lo sa
i te cònta i mistéri, come fum de lambìchi
e le gènt le sparìsse dré da ghirli e da sbìbie

sgocia l’ultima làgrema vöida
da la rógia salada del cör
e la ‘mprènde le nòt desperàde
de i strangossi de ‘n dì a ciel avèrt
tuta vérda la val la par nasser de nöo
l’èi na slàzega ‘ntorn, come cào par en bò

Giuliano

destino…

candida cade sopra i tetti scuri | la flanella di bambagia di cielo, rappreso, | accarezza le antenne massaggiate dalla fuliggine | in uno sprazzo, ultimo sfogo | di un inverno scorbutico | imbianca la valle in spregio al sole vivo | che la vede e in un soffio la sublima e poi ride | il silenzio accompagna quattro fischi di nuvole | che attraversano la valle, curiose, come falchi | si trasportano il bello ed il bruto prima bianco e poi nero | ma sono chiacchiere per pochi e chi le aspetta lo sa | ti raccontano storie come il fumo degli alambicchi | e le persone spariscono dietro turbini e voci | gocciola l’ultima lacrima vuota | dal rigagnolo salato del cuore | e impregnano le notti angosciate | del desiderio di giorni migliori | tutta verde la valle pare nascere nuova | ma è un laccio al mio vivere, come corda da giogo

Musica di Clint Mansell: Summer Overture da Requiem for a dream

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

Poetry Sound Library

Da qualche tempo partecipo a questo progetto come ambasciatore,
chi sia interessato a partecipare può contattarmi o contattare Giovanna Iorio

 

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

crepuscolo…

cade grigio questo giorno di marzo
di amaranto una carezza di cielo
dipinge il sapore impellente di azzurri confini
disegni di assenti muraglie negli occhi
e gli sguardi furtivi si addestrano
contro lame di sole taglienti, assassine
a inasprire il futuro cercato
per chi io non sono

rimango da solo sul canto del fiume
osservo la notte che avanza
incurante di un sogno
urgente
al bivio tra il dire ed il fare
di me, sempre in lotta
tra pensieri appannati da specchi sinceri
e diafane lastre a difendere il vento

rimangono voci a temprare la notte
ululati di cani in ginocchio a una luna

Giuliano

engual nòt…

cròda grìsa sta giornada de marz | de color de luganeghe màte na slissàda de ciel | la ‘mpitùra ‘l saor spressolon de tèrmeni azùri | sgrifoni de muraie sfantade ‘n te i òci | calumade canàie le se usa | contra lame de sol de ‘n maestro moléta, sassìne | a rassar su n futuro cercà | par chiche no son | e resto lì sol sora ‘l cant de la riàl | me vardo la nòt svesinàrse pan pian | l’à ‘n féstidi de ‘n sogno | angorà | a la cros en trà il dir e ‘n trà ‘l far  | de mi, sèmpro ‘n paissa | ‘n tra penseri smamìdi da spegi sinzéri | e sföi trasparenti a paràrghela al vent | resta sol vozi a ‘ndrizàr via la nòt | orazion de doi càgni  ‘n ghinocion a na luna

Musica: Valse triste [Vecsey, Franz von] – Arthur Grumiaux, violinist

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

quaresimale…

l’è ‘l föch che ‘mpitùra na sera de invern
a davèrger le porte de dì de mesèrie,
i à dit che bisòn far polìto, dalbòn
de sora gh’è un che ne tènde
e ‘l varda che tut se ‘ndrizàss vèrs na crós
andadóra de gènt con el nàss massa alt
par nascòrgerse ‘n tèmp de qoéi ciòdi
‘mpiantadi ‘n la carne de védro de òmeni
pèrsi
svöidadi da ‘l ànema par na ciòpa de pan
strozegàdi da ruspe sota alberi sgionfi de sànch
naranzàri che ùmega odor de colori furèsti
col saór fòrt de gnào a ‘nmulàr le snasére
zévile

na facéra la basta a tegnìrne lì al calt
l’è orazion en ghinòcio denanzi a ‘n borèl zicolà
pogià fiss su le schene de chiche no à temp
de vardar se la nòt l’èi precisa del dì

pan pianin po’ se ‘ngrassa ‘n pegorìn da rostìr
e cossì rùa na storia che fenìss ‘n na magnada
qoéi che ‘n à i è contènti e qoéi altri no i gh’è

Giuliano

quaresimale…

è un grande fuoco che dipinge una sera d’inverno | ad aprire le porte di giorni di afflizione | ci hanno detto che bisogna far bene, davvero | c’è qualcuno che osserva dall’alto | e controlla che tutto ci porti nella direzione di una croce |  in un canale di gente con il naso troppo alto | per accorgersi in tempo di quei chiodi | piantati nella carne di vetro di uomini | sconfitti | con l’anima vuota per un tozzo di pane | trascinati da ruspe sotto alberi gonfi di sangue | aranceti che fumigano odore di colori stranieri | con l’intenso sapore di muffa a irritare le narici | garbate | una maschera basta a cullarci in un caldo tepore | sono preghiere in ginocchio davanti ad un tronco intagliato | appoggiato ben bene alle schiene di chi non ha tempo | di accorgersi se la notte sia identica al giorno | piano piano si alleva un agnello da forno | e si compie una storia che finisce su un desco | chi ne ha è sorridente e chi è senza non c’è

 

Musica: Hauser & Lana Trotovsek – J. S. Bach – Erbarme Dich, Mein Gott (St. Matthew Passion)

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

bòstrico…

e dopo trèi nòt, catìo come ‘n tass
à fat tonde ‘l ghirlo, cuciando gio ‘l bosch
no gh’è stà redèntio, i è tuti ‘n ghinòcio
chi ‘ntréch, chi scavézz, l’è plàghe par tèra
e i còssi a Nadàl i s’à fat su ‘n disnàr
de scòrze smorbiàde da pianti del ciel
e adèss, par dispèt o fòrsi a reson
i se sgionfa la pancia, rugànti moderni

che ‘l sia ‘l siore Dio che ‘l vede lontàn
a darne ‘n spinton con magnari furèsti?
Magari ‘n padèla, de malga ‘l botér
o ‘n mèz a ‘n amblèt con na sgéva de mel
i è gròssi e bèi lònghi e i se làga broàr
no sèrve pù s’ciòpi e nepùra cortèi
te basta moiéte ‘mpontade sul nass
e se i te par brodeghi, endentete ‘n sass

Giuliano

manna

e dopo tre notti, arrabbiato come un tasso | si è scatenato il vento, piegando giù il bosco| nessuna pietà, sono tutti in ginocchio |  chi intero, chi spezzato, sono distese abbattute | e i vermi a Natale hanno fatto un gran pranzo | di cortecce ammorbidite da pianti di cielo | e adesso nascosti per dispetto o a ragione | si gonfiano la pancia, maiali moderni | che sia stato Dio che vede lontano | a darci una spinta verso cibi stranieri? | Saltati in padella con del burro di malga | o dentro una crepe col profumo di miele | sono lunghi e tripponi, si lasciano friggere senza dire mai niente | non servono più né fucili né coltelli | ti basta una molletta appuntata sul naso | e se fanno schifo addentati un sasso

Non è che sia un messaggio subliminale?

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

promissión…

La scólta, la nòt,
la remór de i maròchi
su ‘l camp da le bòce
de àqoa che rónca, sinzéra
giò ‘n font a la val
la arléva na fiéta de luna
che, tèndra, sparìss
dré a coltrìne de nùgole, mìzze
pogiàda sui còrli scondudi
‘ n la testa de chi che no dròme
pogià con na récia a ‘n sperèl
a qoél ultim rampìn
empiantà su la chìpa,
de ‘nsògni furèsti
resentàdi da góce de sànch
de putàti negàdi ‘n te orèi de parole
promissión da caìa

Giuliano

promesse…

ascolta, la notte, | il rintocco dei sassi | sul campo di bocce | di acqua che scava, sincera | in fondo alla valle | alleva uno spicchio di luna | che, dolce, sparisce | dietro sipari di nuvole, turgide | appoggiata ai rulli nascosti | nel cranio di chi ormai non dorme | con l’orecchio appoggiato al telaio del vetro | a  quell’ultimo gancio | piantato alla china | di sogni stranieri | risciacquati da gocce di sangue | di bimbi affogati  in imbuti di parole | promesse di avari

Musica: Arvo Pärt Spiegel im Spiegel

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

en mondo machègn…

el tonda de torn a ‘n tamìss de bolìfe già morte
che slìmega nòt pituràde de ‘nsògni, matérie,
spizegòti de lum a embroiarme ‘l sintér tut rebòtoi
festìdi al me pass sparmezà con el vènt parmalóss

mi lasso che ‘l faga da corlo al mè möver remengo
co ‘n òrghen che ‘ngropa i mè dedi ‘n canzon
me ‘l tègno lì sot sqoasi a farlo ‘n pöch dir
l’è ‘n giugatol da roter co i calcagni de i pèi

se sente ‘n de i sgrìsoi sbolfrade de °àqoa
sbalegia la sera campane che scorla de sò
tut qoànt par che ‘l còntia na storia de nòt mai ruàde
perdùda ‘n de ‘n làpis che scòrza ‘n linzöl

me par che sia tut li de föra che ‘l spèta
ma ‘l gato ‘n de ‘l spègio ‘n de i òci morèi
no i tase, qoei doi, i me zàiga i recòrdi
se crèpa la ponta, la spìzzo e la spìnzo
vorìa veder lùstro ma dent gài sol scur

Giuliano

un mondo insipido…

si avviluppa a un setaccio di scintille ormai spente | che evocano noti dipinte di sogni, giochiamo | pizzicotti di luci a imbrogliare il sentiero di sassi | fastidio al mio passo condiviso col vento scontroso | io lascio che il mondo diventi un supporto al cammino ramingo | con una fisa che annoda le dita in canzoni | me lo tengo li sotto quasi a prenderlo in giro | è un giocattolo, vittima inerme dei calcagni feroci | si sentono nei brividi vampate di acqua | contrastano il crepuscolo campane abbandonate | e tutto d’intorno racconta una storia di notti infinite | perduta nel solco di un lapis che strappa un lenzuolo | mi sembra che tutto, lì fuori, mi attenda | ma lo trovo annegato nello specchio dei miei occhi neri | non tacciono, i due, affondano nelle cicatrici del tempo | si spezza la punta, la rifaccio e la distruggo | io vorrei vedere giorno ma di dentro ho solo notte

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

qoèrta negra…

tuta négra la nòt, la ‘mbombìsse la sera
l’èi calìva, garnìzz su farina de stéle
empiantàde ‘n le fìzze de nùgole pégre
la me pètena i grópi de giöghi putàti
che i se strénge, ‘n ridùde da mat, i mè ‘nsògni

sènto ‘l cör  che ‘l mesùra i menùti pan pian
su la val el silènzio ‘nsordìsse paròle
‘ngremenìde da ‘n sgianz de ‘n autèl dré la curva
le me cònta de mi che no scólto matérie
le è batòci da òbito su l’erta del tó

slùse tébie le lum de scondón da na luna
le à respèt de scontrarme ‘n le fràone ‘nghiaciàde
mi me strùco a sta nòt  de paturnie entrombàde
da na vóze che béghela trìsta e pò niènt
l’è i penséri balèchi che i entòna matina

i è na qoèrta che ‘ntortola ‘n viver malà
senza pirole dolcie a stormenir la me strada
tuti négri, no i zéde, i è ‘l sofèr de i me dì

Giuliano

coperta nera…

tutta nera la notte, lei ricopre la sera | è foschia, è fuliggine su farina di stelle | intarsiate nelle grinze di nuvole stanche | lei mi pettina i nodi di giochi fanciulli | che si stringono in pazze risate i miei sogni | sento il cuore che lento misura i minuti | sulla valle il silenzio zittisce parole | congelate da un lampo di un’auto nel bosco | raccontano di me che non sto più a nessun gioco | son campane da morto sull’erta della china  |  luccicano tiepide lumi di nascosto a una luna | sembra temano un incontro con me tra i vicoli gelidi | io mi stringo alla notte di paturnie ubriacate |  da una voce che bubbola amara e poi niente | son pensieri contorti che intonano il giorno | sono una coperta che si avvolge ad un vivere grigio | senza pillole dolci a stordire il cammino | tutti neri, non rinunciano, sono l’autista dei miei giorni

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

uomini di carta…

Incontro uomini di carta
disegnati con un flash di inchiostro grigio
tra ombre di parole aggrappate a fogli tenui
che scivolano sulle dita consumate da pensieri
trincee contro il sentire che, accanito, erige muri
e lento incedo indietro sui miei passi appesantiti
cercando vie d’uscita dal deserto di una pista per le bocce
dove il gioco rompe il senso del comprendere
e dentro resta il fumo di candele quasi spente
sentore di ricordi forestieri, colore di canzoni
né sentite né cantate, smorzate dal brusio
di chi non ha più voce e abbraccia il vento
ritorna in rotativa un giorno vecchio
nascosto tra le righe di un racconto silenzioso
lasciato lì per me che leggo, cieco

Giuliano

Òmeni de carta…

scòntro òmeni de carta | disegnadi con en sgiànz de ‘ngiòstro grìs | ‘n mèz a ombrìe de ciacere, ‘mpicàde a sfòli fini, | che le slizega ‘n tra i dedi consumadi da penséri | cavezàre còntra idee che, dré adadré, ‘mbastisse muri |  e pégro, ‘n cessacùl, sui passi grévi | en cerca de scamparghe a qoél desèrt, camp da le bòce | endo che ‘l giöch el rote i sentimenti | de ént gh’è sol el fum de doi cigòtoi senza fiàma | odor de gnào furèst i me recòrdi, colori de cantade | mai sentùde e nianca dìte, smorzade da qoél boier | de chi che no à pu voze, tacà lìve a braciacòl de ‘l vènt revèrs | pò torna su na machina da stampa ‘n dì, dai dai già vist  | scondù lì  ‘n tra le righe de na slòica silenziosa | lassada lì par mi che légio, òrbo

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

la sgùssia…

gh’è na sgùssia ne na nóss sul pel de l’aqoa
la ga ént, bèn fissa al pìzz, na formigòta
l’èi stremìda da la sbòffa de la roggia
la va dré a qoél nar encòntra a ‘l precipizi
sqoasi ‘l fùss l’unica onda al sò domàn
che ‘l la rùdola sui sassi smondolàdi
a stondarghe i bèchi spìzzi come ‘n sésser

tut de ‘n tràt se spiana ‘l pàss en mèz na möia
e la noss la se ‘ncantona dré a na curva
detersivi, lessìvoni e carte onte
“no saràlo miga qoesto ‘l mè destìn?
no pöl èser che ‘l me ciel fussa mondizie”
da lontàn se sènte ‘n tòn che se arvesìna
l’è na nugola de palta a sqoèrger tut

è restà, rota,  na noss via su la ròsta
e doi ciàtele ancor tacàde al sò cör fiss
tut se cèta, negùn varda,ì n’à en festìdi

ghe n’è ‘n mùcio ancor vive
tute negre

Giuliano

il guscio

corre il guscio di una noce sopra l’acqua | porta appresso, sul gheriglio, una formica | è sconvolta dalla schiuma della roggia | ma va dietro a quel turbine verso il precipizio | quasi fosse l’unico aiuto al suo domani | che la rotola sui sassi mondati | per arrotondarla come una biglia | improvviso tutto si ferma in una pozza | e la noce si incastra dentro un’ansa | detersivi, lisciva e carta sporca | “non sarò mica questo il mio destino?” | “non è giusto che il mio cielo sia immondizia” | da lontano cupo un tuono si avvicina | è una nuvola di fango che copre tutto | è rimasta, spezzata, una noce sulla briglia | e due zampine ancora attaccate al gheriglio | tutto si calma, nessuno vede, indifferenza | ce ne sono ancora tante | tutte nere

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

El tòni…

anca ancöi se sente ‘n l’aria,
‘n qoél profumo de castègne
brustolàde su le bràse de ginéoro,
qoéla vóze che te cònta del Nadal
pien de ordégni che ‘mbarlùma
‘nsìn el cör che pòlsa al scur
l’è na slòica che i ne vende
al mercà de le gènt pèrse
che ga ‘l vìzi maledeto
de arivàr sèmpro pu prest
sqoasi ‘n ròcol par i osèi
che i va dré a la coa pu lònga
e risade e tanti auguri
i è ‘l farlèt de chiche magna
le speranze e i ‘nsògni nudi
sparpaiadi da le gènt
par soménza a ‘n viver nöo
po’ se sèra ‘l uss de ca’
cavà ‘l tòni de belezza
chiche è ént resta de ént
chiche è för no l’è negun
resta ciàcere e bosìe

par valgùn l’è ancor pu frét

Giuliano

la tuta da imbianchino…

anche oggi si sente nell’aria,| in quel profumo di castagne | abbrustolite sulle braci di ginepro, | quella voce che racconta del Natale | pieno di cose che abbagliano | persino il cuore nascosto al buio | è una storia che ci vendono | al mercato delle anime perse | che ha preso il brutto vizio | di aprire sempre prima | quasi fosse un roccolo per uccelli | che inseguono lo stormo grande | e risate e auguri cari | sono lo strame di chi si ciba | di speranze e sogni nudi | sparpagliati dalla gente | come sementi di vita nuova | poi si chiude l’uscio di casa | tolta la tuta di imbianchino | chi è entrato resta dentro | e chi è fuori non esiste | solo chiacchiere e fandonie | per qualcuno è ancora più freddo

La canzone in sottofondo è del maestro Bepi De Marzi cantata dai suoi Crodaioli: Piccola canta di Natale

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

el presèpi…

Co la bèna de na ruspa a farghe qoèrt
su la chìpa de ‘n rivòcc che è na par sóra
gh’è na tenda de remenghi ‘ngremenidi
tràti lì, come mondizie de scondon

Uno negro, i làori sgionfi e i òci fondi
éla rìzza, ‘l sguardo bas perdù ‘n la nòt
en putàt che ‘l giùga e ‘l ride con en sóres
‘l lo ziménta con en spàch ligà a la cóa

vèn lì un con en capèl da la viséra
e ‘l envìa ‘l motor del cànchen, tuto fùm
tut de ‘n tràt sparìsse tende e bambinèl
‘l à netà bèn bèn la ròsta dal pericol de brentana

l’è tut bèl, regolà via come ‘n de stùa
da lontan vèn canti e lùm de vin brulè
spalà via ‘l festìdi spórch parte la festa
mandorlati e panettoni a profusion

resta lì ‘n tapé balèch
come cros da sqoèrger via

Giuliano

il presepe…

con la benna di una ruspa come tetto | sulla ripa di un rigagnolo straripato | c’è una tenda di senzatetto infreddoliti | abbandonati come immondizia, di nascosto | uno negro, le labbra gonfie e gli occhi intensi | ricciolina, lei, lo sguardo perso nella notte | un bambino gioca e ride con un topo | lo perseguita con un filo attaccato alla coda | arriva uno con il cappello con la visiera | ed avvia il motore del mezzo, è tutto fumo | d’improvviso scompare tenda e bambinello | ripulita bene la riva dal pericolo di piena | è tutto bello, come in su salotto al caldo | da lontano vengono canti e luminarie dal sapore di vino caldo | ripulito il fastidio sporco parte la festa | mandorlati e panettoni in quantità | resta lì un tappeto storto | come croce da coprire

Musica: Johann Sebastian Bach – Magnificat in D major, BWV 243 – Nikolaus Harnoncourt

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

odor de nòt…

è crodà gió na stéla ‘n tra le fizze de la nòt
lassando che na strìsa ‘mbarlumàssa ‘nca la luna
l’à traversà ‘l tapé slusènt tut de bolìfe a scarmenon
la sesla, spègio giàlt, a ramaissàr le sere massa lònghe
entant che pan pianin se carga cète le soste de ‘l cervèl
perdù dent a i penséri pogiàdi su le spàle come cràiz
gh’è odor de nòt ‘nde i föghi de paròle de la gènt
i giàsega e i me ‘mpìza preciss de le vis’ciade de le ortighe
cressùde ‘n le tibàne ent da Ischiazza, lassada lì a morìr muta e soliènta

la spénge négra e scura slissandome, ninöl,
la pèl de pàbie sùte, càrpen sèch
de torn se sfrèda ‘l fum de lambicade
sgociàndo ‘l ultim cìn de sànch de bràsche
par stormenìr i ensògni de ‘n putàt
che ‘l vede ancora ciàr e no ‘l ne bada

l’èi nada adèss, la siora e vence ‘l scùr machégn
sperànte ‘n de na cìfa de sol vìo a saludàr el dì

Giuliano

odore di notte…

è caduta una stella tra le pieghe della notte | lasciando che una striscia abbagliasse anche la luna | ha solcato il tappeto lucente di scintille alla rinfusa | il falcetto, specchio giallo, a rimestare le sere troppo lunghe | mentre pian piano si caricano dolcemente le molle del cervello | perso dentro ai pensiero appoggiati sulle spalle come portantine | c’è odore di notte nelle fiamme di parole della gente  | fumigano e mi aizzano come sferzate di ortiche | cresciute nelle rovine di Ischiaccia, abbandonata lì in silenzio e sola | spinge nera e scura, accarezzandomi, delicatamente | la pelle asciutta, carpino secco | in giro raffredda il fumo di alambicchi | gocciolando l’ultimo umore di sangue di vite | per frastornare i sogni di un ragazzo | che vede ancora azzurro e non ci considera | ora se ne è andata, la signora e vince il nero tristo | speriamo in una smorfia di sole vivo che risvegli il giorno nuovo

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

el làpis…

el sgrìfa con na crós
i ensòni mèi, strangóssi,
su qoél pefèl tut bóli
de promissión sgaùse
co ‘l sò saór de gnào
che ‘ndrìzza idee sgherlàde
da facce istesse al cul
ligàde a sènte dèstre

el dròpa ‘l segn, sbaglià
diséva ‘l me maestro,
qoél segn par scancelàr
vanzà par far content
chiche vorìa futuro
ongiù de ‘n pöch de niènt

Giuliano

la matita…

lei graffia con una croce | i sogni miei, profondi | su quella scheda a bolli | piena di promesse vane | col loro fetore di chiuso | che raddrizza idee azzoppate | da facce come il culo | legate a scranni comodi | lei usa il segno sbagliato | come insegnava il mio maestro | quel segno che serve a cancellare | risparmiato per far contento | chi vorrebbe un futuro | unto da un po’ di niente

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

al voto…

se ‘mpìza la val de colori de aotùn
pitùre sui sgrèbeni ónti dal ciel
che ‘l giàsega cèt doi careze de istà
entant che rembómba spavènti de ics

valguni ‘l calùma desgrazie e tregende
i ne àngora nòt che le sqoergerà ‘l sol
‘l Lavìs el capìna roncando ‘n silenzio
e pitóri entrombadi i fa i àseni al scur

l’è s-gianzi de boschi e parole de gènt
pogiàde su ‘n tó che ‘l pìca sinzéro
ne resta na cros da ‘mprimàr sora ‘n fòli
na cràiz de speranze, desidèri de viver

lontan na campana la bàte da òbit
la mìza la sera de ‘l cant de la nòt

Giuliano

al voto…

si accende la valle di colori d’autunno | dipinti sugli arsi dirupi unti dal cielo | che fumiga dolce due carezze d’estate | e intanto rimbombano terremoti di ics | qualcuno intravede disgrazie e tregenda | e ci augura notti che spengano il sole | l’Avisio cammina e borbotta in silenzio | e imbianchini ubriachi, vigliaccate nel buio | sono sprazzi di boschi e parole di gente | appoggiate a una china che pende sincera | ci resta una croce da imprimere su un foglio | portantina di speranze e desideri di vita | lontano una campana ci parla di morte | infradicia la sera del canto della notte

 

Con la speranza di essere migliori di quanto diamo!

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons