a Walter Bonatti

      2948.mp3

l’ho scritta molto tempo fa…

montagne…

montagne rösa pàlido
a ‘mpituràrme ‘l cör
e cime ‘nfioramàde
da ‘n bèl slusór de néo

salade rógie ai oci
pensar giornade vöide
ma ‘n sbrèc’ davèrge ‘l ciel
dal sol caréza tébia

l’èi gialda néta, tèndra
gh’è ‘n fior lilà che ciùta
e ciašche séche ‘ntorn
giàga par ‘n oselét

pò ‘l cròz che ‘l cròda ‘mpè
sfondà ‘n de ‘l lac’ de arzènt
coi pèi toncadi ‘n font
al fresc’ dal sol che stìza

‘na truta la me varda
come che fuša ‘n ors
dré ‘n saš a scòndiléoro
‘ndé ‘n slinc’ pù ‘mprèša sguèlta

el bróa de ‘n viver dolc’
quel formigàr che sbrìgola
tut qoànt che tase cèt
cošìn a ‘n sogno vér

qoél vert e azùr slusènt
pašion, brèghel de vita
laša ‘n sfrizon che slànega
cavic’ ‘nfrizà ‘ndel pèt

rèsta ‘mbusà par ultim
quel fior našù spavènt
lagrima al sòn che arìva
soliènt sul sgrèben, ért

Giuliano

Credo che esistano persone che riescono a cogliere il sapore del colore dei fiori… uno era sicuramente Walter Bonatti

Montagne

Montagne rosa pallido | a dipingere il mio cuore | e cime rifiorite |  dal luccichìo di neve | salate roggie agli occhi | pensare a giornate vuote |  ma uno strappo apre il cielo | carezza morbida di sole |  è gialla, pulita, delicata | c’è un fiore lillà che fa capolino | e frasche secche intorno | giaciglio per un uccellino |  poi la roccia che cade ritta | affondando nel lago d’argento | con i piedi immersi in fondo | al fresco dal sole che arde | una trota mi osserva | come fossi un orso | dietro un sasso a nascondino | in un salto rapido, svelta | bolle di un vivere dolce | quel formicaio che brulica | tutto quanto tace calmo | cuscino ad un sogno vero | quel verde ed azzurro luccicanti | passione, urlo di vita | lasciano come fitta che deturpa |  paletto infilzato nel petto | resta nascosto per ultimo | quel fiore nato timidamente | lacrima al sonno che arriva | solingo sul dirupo, erto

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

1 commento su “a Walter Bonatti

  1. Brao, el Walter el se lo merita! Elo fòrsi l’aveva capì la diferènza tra l’èssere ‘l deventar! Elo l’aveva capì che ‘n mèz gh’è en mar. En Oceano de ‘nsògni bianchi come ‘l làt! En mar de aqua ciara ‘ndo che i òmeni, demò quei come elo i se pòl spegiar!
    Ruo cossìta: “Na cros solagna, che co’ ‘l sò slusor la ne recorda el vòs Amor par la montagna…”
    Ciao Diablo e… varda de te risanar emprèssa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available