Linzöi negri…

Linzöi negri le facére al di de ancöi
E se smorza l’ultim struf de la speranza
No gh’è ónge piturade e làori rossi
Fòrsi slèfi sgionfi sol de slavadenti
Lònghe barbe le pitura òmeni tórci
Su le ale de rioplani scampa i siori
Resta lì, dedré na tònega da mòrt
Qoei sorisi ormai scondudi da l’ombrìa
I è ‘l ricordo de me mama o tò sorèla
I sgaùsa i mè penséri e i ronca font
E noi chive a ciaceràr de’ nsògni roti
Seran l’uss che ‘l vènt no’ l sforzia gió i sperèi

Giuliano

Lenzuola nere…

Lenzuola nere le maschere al giorno d’oggi | E si spegne l’ultimo tentativo della speranza | Nessun’unghia colorata o labbra rosse |  Forse guance gonfie solo di schiaffi |  Lunghe barba disegnano il viso di uomini grevi | Sulle ali di aereoplano fuggono i ricchi |  Resta lì, abbandonata, una tunica da morto | E quei sorrisi spenti dietro un’ombra nera | sono il meme di mia madre o tua sorella | Svuotano i miei pensieri e scavano fondi | E noi qui a chiacchierare di sogni infranti | Chiudiamo la porta che il vento non faccia ancor più danni

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons