serenada…

      3706.mp3

e pò,
le nòt le te ‘mbarlùma
e restes lì,
cigaia stràca,
a rassàr canzon d’amor
co le stéle che le cròda
a strìse lònghe
sot na luna ‘mparmalosa
e doi sperèi
seradi empò
con la sonada che se perde
‘ntrà le sfésse
de la nòt
e vèn matina

Giuliano

schiarita…

e poi | le notti ti abbagliano | e tu rimani li, cicala stanca, | a sfregare canzoni d’amore | con le stelle che cadono | a strisce lunghe | sotto una luna permalosa | e due finestre | chiuse nonostante tutto | con la suonata che si perde | tra le fenditure | della notte | e vien mattina

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “serenada…

  1. Da Facebook:

    Lina Morselli

    E’ vero, le notti abbagliano, il buio ha in sè un mondo parallelo fatto apposta per sostenere quello della luce. L’importante è tenersi lontano dalla cecità. Grazie.

    Anna Schettini

    grazie infinite per questa serenata
    la notte che ha i suoi suoni le sue luci, le sue canzoni..quelle di una cicala che dura il suo tempo “a sfregare canzoni d’amore” perchè venga giorno..senza poi sentirsi stanchi..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available