el to…

      4112.mp3

adadré và anca qoei siori
co i sò soldi e le slargàde
i se à resentà le ciàte
con el sanch de pöre gènt
ma negùn dura par sèmpro
e ‘l bochér l’è sèmpro avèrt
cròda gio brave persone
che le rèsta ‘n de i tò ‘nsòni
ma se sfonda anca i balènghi
senza lassar chive gnènt
ne recòrdi e nianca spìzze
sol fèstidi,
giust en moment

Diaolin

lo scivolo

uno dietro all’altro vanno anche i signori | con i loro soldi e le prepotenze | si sono lavati le zampe | con il sangue della povera gente | ma nessuno vive per sempre | ed il varco è sempre aperto | cadono dentro persone buone | che si fermano nei tuoi sogni | ma ci affondano anche i bastardi | senza lasciare qui niente | né ricordi e neppure desideri | solo fastidio, | appena per un attimo

Buon viaggio signora di ferro, il mondo da oggi sarà un poco migliore

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available