raìss…

      5952.mp3
      5952.mp3

le mè raìss l’è ‘n sgol putàt en vers le stéle
‘n lònga le strade che le core ‘n mèzz al niènt
entrà i césoni de spinàre enrapolàde
postà come na föia su le àle del vènt torc
col ghirlo che ‘l stirona le me storie a babilòn

le mè raìss l’è gènt encolorìde a modo sò
col föc ‘n te l’ànema e ‘l cör a scarmenon
gio ‘n la remor del rìo che tòna font
su ‘n mèz al ciel lì arènt a ‘n cròz soliènt
con tut sta storia straca a mò de coa
par en vestì da plào che è ormai ruà

le mè raìss l’è ‘l pass che ‘l me tampìna
su erte, piane, tovi e salesàdi
tegnendo ‘l tèmp coi pèi senza susùri
lassando che ‘l ricordo ‘l sporchia ‘l vènt
sgociando ‘n pöc de mi su ‘n sass stondà

le mè raìss l’è ‘l vènt che passa e va

Giuliano

radici…

le mie radici sono un volo bambino verso le stelle | vicino a strade che corrono in mezzo al nulla | dentro a cespugli di spine aggrovigliati | appoggiato come foglia sul vento umido | col turbine che porta le mie storie sulle spalle |  le mie radici sono la gente colorata a modo suo | col fuoco nell’anima ed il cuore sparpagliato | dentro al frastuono del fiume che tuona profondo | in mezzo al cielo vicino ad una roccia sola | con tutta questa stanca storia come coda | di un vestito per la festa ormai liso | le mie radici sono il passo che mi segue | su erte, pianori, forre e selciati | tenendo il tempo con i piedi senza rumore | lasciando che il ricordo sporchi il vento | gocciolando un po’ di me su un sasso tondo | le mie radici sono il vento che passa e se ne va

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

8 commenti su “raìss…

  1. Bella la poesia e, come il solito, bella la recitazione. Mi sembra, in sintonia forse con la stagione, che trasudi ancora un po’ di malinconia pur in un bell’inno alla tua valle, inno che ricorre spesso nei tuoi versi.

    Ma toglimi una curiosità: dove è finita la poesia che un paio di giorni fa ho letto sul mio smartphon? Bellissima poesia dove parlavi del nido della cincia e di quello delle castagne? Non me la sarò mica sognata…

  2. Quale miglior inizio di un nuovo ottobre con una bella poesia. E da sempre anche per me è il mese della nostalgia, della lontananza che si allontana, a volte del rimpianto. Ma la melanconia ha un sapore dolce, senza tristezza e aspetto quello che verrà. Le tue radici paragonate al vento che passa è un verso che rimane scolpito e il vento non cancellerà mai

  3. “le mè raìss l’è ‘l vènt che passa e va” Questa è vera poesia! Ci regali un’ennesima preziosissima chicca, con questi versi! E con questo tuo pensiero, mio carissimo Amico, mi sento in totale sintonia. L’unica differenza è che il mio di vento mi ha sempre riportato verso il Nord: forse perché lì si trovano le mie vere radici?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available