la notte..

      5979.mp3
      5979.mp3

la notte disegna parole sui vetri nebbiosi
dipinti da patine grigie di grevi respiri
rintocchi di caldi pensieri abbracciati ai miei sogni
il vento trasporta le luci di un borgo aggrappato alla china
colore di soli ingabbiati palesano stelle appese a dei pali,
prigioni di niente
il dito si muove nervoso sul vetro
a vergare una strada che presto si eclissa
lasciando una lacrima tenue intagliare la notte
cadendo in silenzio
rompendo l’attesa
e dentro si specchiano gli occhi di brace
pensiero di te che mi scavi nel cuore

Giuliano

la nòt…

la nòt la disegna parole sui védri ‘mpanàdi
grìsa pitura de pàbie de àrfi pesanti
tantalàni de tébi penséri a braciacòl dei mè ‘nsògni
el vènt el splìnderna lùm de ‘n paés che ‘l sgrìfa la chipa
color de soi engabiàdi i ‘mpìza le stéle tacàde su pali
preson de ‘n bel niènt
el de el se möve revèrs sora ‘l védro
el davèrge na strada che pian la se sfanta
lassando na làgrema dolcia scavarse la nòt
crodando lì cèta
la scaveza ‘l spetàr
e dentro se spègia qoei òci de bràse
pensér sol de ti che me ronches el cör

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “la notte..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available