la clào de ‘l Paradiss

      6009.mp3
      6009.mp3

mi son segùr che ‘n tra i mè mazzi
a scarmenon ‘n de la me storia
ài dent sconduda, piciolìna,
la ciào del Paradiss
e me nascòrgio che l’èi lìve
a strangossàrme de dropàrla
qoanche nàsse dent de mi
la sgàia berechina de na voze
che la me diss pan pian se son segùr
se qoesta l’è la strada, qoéla giusta
e ogni qoal tràt che ‘mbóco qoéla anda ‘n vers al ciel
la me ‘mbarlùma
e qoél moment me par che la fuss viva
sbrigolànt gio ‘n le scarsèle
e la caréza ‘n tòch de cör
tegnèndol struch a ‘n snöl che spèta la mè man
girar, la gira,
sèmpro giusta,
ma cògno óngerla polìto
che no la fés màssa susùr
sqoasi ghe fuss porte de seda
metude lì ‘n trà mi e ‘n fornèl
che scalda tébi la pasión

Giuliano

la chiave del paradiso

sono certo che tra i miei mazzi | alla rinfusa nella mia storia | c’è, nascosta in mezzo | la chiave del Paradiso | e me ne accorgo che sia lì | ad implorarmi di usarla | quando nasce dentro me | il desiderio birichino di una voce | che mi domanda delicata se sono sicuro | che questa sia la strada, quella giusta | ed ogni volta che imbocco quella direzione verso al cielo | mi abbaglia | ed in quel momento mi sembra viva | irrequieta nelle tasche | poi accarezza un po’ di cuore | tenendolo stretto a una maniglia che attende la mia mano | per girare, gira, | sempre giusta | ma devo ungerla con cura | che non faccia troppo baccano | quasi le porte fossero di seta | messe lì tra di me ed una stufa | che scalda tiepidamente la passione

P.S.: il titolo è in noneso e non chiedetemi perché

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “la clào de ‘l Paradiss

  1. Delicatissima e molto bella.
    Però la traduzione non rende quanto l’originale. Certe parole come susur o sbrigolant, non sono facili da rileggere in italiano, almeno per quell’immagine che mi creano in testa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available