dalbòn…

      6255.mp3

le è strambe le feste de ancöi
‘n do che slùsega stéle dal dì
se ràmpega còseni, su i pontesèi,
‘ncoloridi de ross come ‘l sànch
scondù bèn ‘n trà le fìzze del tèmp
che no ‘l làga se pàndia mesèrie
dalbòn

se ‘mpienìsse le gnàpe de canti
sgrìsoloni par schene usade lì al tébi
tut lumàte che sgola e luméte, bolìfe
le ‘mbarluma òci passi con s’giànzi de niènt
qoatro bàrbi poreti, tantalàni che scorla
scarpe rote lì al frét, maledìss chiche core
dalbòn

po’ se ‘mpiza le lum embombìde de bèl
se se scònde dré a védri de céndro
tut rembomba le nòt, de campane ‘mbriàghe
chi sta al calt, chi sta al frét,
chi par qoèrt gà ‘n carton
chi lo mete ‘n te ‘l föch e te encanta la sera
dalbòn

chi depù, chi demén
e chi niènt
come aéri

dalbòn

Giuliano

davvero…

sono strambe le feste di oggi | dove luccicano stelle di giorno | si arrampicano cosi sui poggioli | colorati di rosso come sangue | nascosto per bene tra le pieghe del tempo | che non lascia filtrare problemi | davvero | si riempiono bocche di canti | sono brividi per schiene abituate al tepore di casa | lucciole che volano e stelline, faville | abbagliano occhi stanchi con lampi di niente | quattro vecchi da soli, campanelli tintinnano | scarpe rotte all’addiaccio, maledetto chi corre | davvero | poi si accendono lumi rigonfie di bello | ben nascosti dai vetri di cenere, grigi | e rimbombano notti di campane ubriache | chi sta al caldo, chi al freddo | chi ha per tetto un cartone | chi lo mette nel fuoco a incantare la sera | chi di più, chi di meno | e chi niente | come ieri | davvero

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

10 commenti su “dalbòn…

  1. chi depù, chi demén / e chi niènt / come aéri

    “Più cambia e più è la stessa cosa”, come dicono in Francia, ma potrebbe essere tutto molto diverso. Potrebbe …

    Superlativa questa tua nuova poesia, mio caro Amico, così piena di immagini note, eppure nuove e freschissime, vivide!

    1. Brividi per schiene abituate al tiepido delle case. Mi ricorda

      Voi che vivete sicuri
      Nelle vostre tiepide case

      E’ veramente strano il mondo di oggi, e strane le sue feste.

      Grazie Diaolin. Dalbòn.

  2. davvero… tutto sembra, tutto cambia…e niente è, tutto resta uguale… sei grande, Diaolin. vorrei conoscere la tua lingua per poterne gustare il canto nelle tue poesie. sempre grazie…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available