cocombrìa…

      6316.mp3

spessìne de avézzi ‘ngiomàde de bata
e sintéri perdùdi o sgaùsi ‘n tra mèz
ghe ùsma i mè passi balèchi, pesanti
stanzéle le föie ‘n de i brèghei sinzéri
se avèrge la nòt entrà i ràmi de ‘l nìo
che ‘l strénge pu fìss rosegando ‘l cervèl
vis’ciàde de spìni de acàzi scondùdi
carézze i ninöi de i còleri slìssi
la mént la se ‘ntòrtola ‘n de ‘l scur pù al revèrs
pò passa na slàima de ‘n sgiànz, primavera
se scorta le nòt e me pòlsa anca ‘l cör

Giuliano

ombre…

bosco fitto di abeti soffocato dalla bambagia | e sentieri nascosti e spianate lì in mezzo | calpestati dai miei passi incerti, pesanti | crepitano foglie nell’ultimo grido sincero | si spalanca la notte tra i rami del nido | che stringe asfissiante, demolisce il mio senso | sferzate di spine le acacie nascoste | carezze dai batuffoli di delicati noccioli | la mente si avvinghia all’oscurità dell’ombra | poi passa una viscida bava di sole, primavera | si accorciano le notti e si calma anche il cuore

(Cocombrìa è un termine che non esiste, l’ho usato per descrivere l’ipocondria mista all’ombra, cocondrìa e ombrìa)

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “cocombrìa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available