Spaventapasseri…

      6355.mp3

postà lìve al sol che stìzza
‘n mèz al càno e ‘l formentàcc
el se slìzola sul sófi
tramontàna e vènt revèrs
col capèl e i bràci avèrti
el se làga tör par giro
da osèi négri ‘n tonda furbi
che i ghe rìde a ‘n s’ciàp de stràce
e i sdindòna su le pàie
come ào su ‘n fior madùr

no ‘l se pànde le paturnie
che ‘mpieniss qoél cör de pèzza
embombì de sol o àqoa
dessiguàl dré al bel o ‘l brut

i lo sbècola e ‘l patìsse
co le man tacade a ‘n pal
negùn scolta le sò storie
sbandonàde al susùr tébi
de qoél réfol scalzacàgn
se dezìpa ‘l nass tùt ross
smondolà da ‘n sol catìo
e par crèma da scotàde
sol el sghìt de ‘n mèrlo negro
tuti i passa e tuti i va

resta ‘n stràcc par guardia al camp
nut e pass, desmentegà

Giuliano

spaventapasseri…

proprio in fronte al sole caldo | in mezzo a canapa e frumento | si abbandona al soffio tiepido | tramontana o vento caldo | col cappello, a braccia aperte, | e si lascia canzonare | da torvi uccelli in girotondo |  che sorridono a un po’ di stracci | e si dondolano sulle paglie  | come api su un fiore maturo | non palesa i propri crucci | che riempiono quel cuore di pezza | impregnato di sole o acqua | come dopo il bello o il brutto | lo piluccano e lui soffre | con le mani inchiodate al palo | nessuno ascolta le sue storie | abbandonate al sussurro tiepido | di quel refolo insistente | gli si monda il naso rosso | spellato da un sole cattivo | e come crema per scottate | solo sterco di un merlo nero | tutti passano, tutti vanno | resta uno straccio a guardia del campo | nudo e appassito, dimenticato

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “Spaventapasseri…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available