rèchia de amor…

      6390.mp3

su na costa de luna s’è sentà na cigàia ‘mbriàga
co ‘l strument encordà, ‘ngremenìda dal frét
e a la lùm maliziosa che travèrsa la sera
la ghe sòna na rèchia che ‘mbastìsse le stéle
baticör de qoél scur emprendù fiss de aotùn

e le gira pan piàn, ‘nmusonìde le cròda,
po’ le arfia lì ferme su sta cazza da i busi
che tratèn sol i ensògni de chi ùmega nòt
disegnando sintéri tra na zìma e ‘n avézz
postà lì come ùcia a repezàr desidèri

ma le note le sfonda le pasion pu sinzére
emprendendole ent ‘n de le fìzze pù négre
pituràde de amor par valgun che no sènte
dré dal mont ‘n te’l sò cùcio a dromìr

tut de ‘n trat la scantìna, na corda
fis’cia ‘l cant da na voze che ronca
ma doman el traversa la val

Giuliano

preghiera d’amore…

su una costa di luna si è seduta una cicala ubriaca | con lo strumento incordato, rattrappita dal freddo pungente | alla luce maliziosa che attraversa la sera, lei intona una prece che imbastisce le stelle | batticuore nel’oscurità intrisa d’autunno | e girano lente, vezzose alcune, cadono | poi respirano a tempo su questo mestolo forato | che trattiene solo i sogni di chi imbroglia le notti | disegnando percorsi tra una cima e un abete | messo lì come ago a rammendare desideri | ma le note sprofondano nelle passioni più sincere | rapprese dentro alle pieghe più nere | dipinte d’amore per qualcuno che non sente | dietro al monte nel morbido letto a dormire | improvvisa scantina una corda | fischia il canto da una stridula voce | ma domani valicherà la vallata

No, non è un requiem, è solo un volo

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

6 commenti su “rèchia de amor…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available