rèchiem par en redàtol

      6404.mp3

soléva, na föia, la cuna en redàtol
fermà lì par sèmpro su ‘l or de la sera
na qoérta de góce de àoni spavènti
crodàda par sora le piume slusènte
la ‘mpaissa anca ‘l òcio pu asvèlt
e tut par goalìo come néo sora l’aqoa
ma nianca ‘n susùr che travèrsia le ciasche
che ‘l cantia na rèchia come ultim pensér
lontan tut en sbrìgol de föie crepàde
e cant de marsoni a ‘mbuzàr el silenzio
pan pian la se pògia, fossor senza pala
mi slòngo ‘l me pass su ‘l sintér de i mè dì
el piciol l’è mòrt, l’è ‘n sprizz par la bolp

Giuliano

requiem per uno scricciolo

leggera, una foglia, si culla uno scricciolo | fermato per sempre in un crepuscolo breve | una coperta di lacrime di timidi ontani | caduta avvolgendo le piume lucenti | alletta anche l’occhio più attento |  e sembra tutto liscio come neve sull’acqua | neppure un sussurro che smuova le fronde | che gli canti un saluto per l’ultimo viaggio | lontano un rumore di foglie spezzate | e il canto dei pesci a intasare il silenzio | pian piano si appoggia il fossore tacendo |  io allungo il mio passo sul sentiero dei giorni | il piccolo è morto,  uno sprizz per la volpe

 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

image_pdfimage_print

2 commenti su “rèchiem par en redàtol

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 characters available